Per rispondere alle discussioni e partecipare al forum ACCEDI oppure ISCRIVITI !

« precedente | successivo »
Pagine: [1] 2   Vai Giù
0 Utenti e 1 Visitatore stanno guardando questo topic.
Autore Topic:

Storia lunga che si ripete

(Letto 1973 volte)

Storia lunga che si ripete

« del: 24 Aprile 2011, 17:53:35 »

Spero di postare il mio topic nella Sezione corretta. Se così non fosse me ne scuso in anticipo con gli admin. Inizio.Penso che a 36 anni e passa la vita dovrebbe essere indirizzata verso un qualcosa...verso una meta. Non so a voi ma a me questo non accade da tempo. Vivo in un'eterna confusione, in uno stato di vivo e basta, ma perchè possiate comprendere è neccessario che prima di tutto vi racconti la mia vita. Diciamo che il mio grosso trauma, che l'ispirazione per mandare tutti a quel paese l'ho avuta nel 2001,all'avvento del nuovo millennio la vita che poteva sorridermi mi ha invece voltato le spalle.
Dietro c'è una ragazza, suppongo che i più esperti di voi lo abbiano intuito. Ma se andiamo a vedere dietro c'è un vissuto di rinuncie, di doveri e di pochi contatti sociali.
Da bambino mi piaceva giocare da solo, con gli altri mi annoiavo, non volevo condividere i loro giochi perchè ritenevo migliori le mie avventure con la fantasia. Ero molto recettivo invece a scuola, mi ricordo che in certe materie divoravo il sussidiario, andando avanti per i fatti miei. Alle scuole medie, sopratutto in prima ho proseguito con ottimi risultati, ma avevo sempre questa vena triste, scrivevo poesie tristi e leggevo tantissimo.
Non mi piaceva uscire più di tanto, c'è da dire inoltre che dato il lavoro che faceva mio padre non ho passato delle estati al mare come i miei cugini o amici..lui non aveva tempo e di certo i soldi di un'operaio non bastavano per delle vacanze fuori...e in quegli anni i miei non mi lasciavano di certo uscire solo.
Il secondo e terzo anno delle medie avevo incominciato un pochino a tralasciare gli studi, ma comunque mantenevo un certo senso del dovere che mi sono ritrovato a vita, avevo tra l'altro iniziato a percepire l'attrazione per l'altro sesso. Non era uno stimolo sessuale, no..ma qualcosa che mi attraeva la sentivo...poi intervennero i miei che se pure inconsciamente attuarono una forte e decisa azione di repressione. Vi fu un episodio che tutt'ora ricordo: si trattava di una ragazza che avevo conosciuto, e insieme alla quale ero stato visto vicino alla parrocchia della frazione in cui vivo. Bhè per farla corta arriva voce ai miei,,,e per di più ci avevano visti seduti affianco e lei era con una minigonna...anni 80..immaginate che minigonna poteva avere..penso che fosse molto più "casta" di certe sue coetanee di oggi.
Non ci furono nè urla nè botte..i miei non hanno mai agito così..ma bastava poco per farmi sentire addosso le colpe, le critiche degli altri e far uscire il senso del dovere, della chiusura poi in un mondo di fantasia e di libri. Per quanto riguarda gli anni delle superiori ero così introverso..una classe di soli maschi tranne 4^ e 5^ dove furono inserite tre ragazze. In quegli anni non ho mai percepito il sesso, non ho mai guardato veramente una ragazza, non mi sono mai masturbato, cosa che tra l'altro non faccio tutt'ora.
Questo è un punto su cui dopo tornerò. Finite le superiori appare, come per tantissime persone della mia generazione e non lo smacco di aver studiato e sacrificato tempo e sudore..per cosa? per nulla infine. Diciamo che tra l'altro scelsi un diploma tecnico (perito chimico industriale) perchè con altri titoli di studio non si cava un ragno dal buco mi sa..ma anche con questo non ottenni chissà cosa. Decisi allora di provare con le forze armate, carabinieri, guardia di finanza,polizia esercito.
Mi arruolai nell'Esercito e così iniziai quello che fu il mio lavoro per 12 anni, periodo passato il quale decisi che per me era troppo,i livelli di stress, di ansia e la mia patologia avevano raggiunto un valore elevato.
Avevo scoperto che l'ansia era dovuta comunque alla depressione e alla distimia..patologia dalle quali sono in cura dal 2002. In questi anni da militare per certi versi sono cresciuto per altri ho potuto vedere le mie debolezze e limitazioni..passai i primi tre anni in Sardegna,,,ma casa la vedevo poco..sopratutto perchè il volontario è come un militare di leva..ti fanno fare di tutto..vita dura poco tempo libero..passai allora sergente di complemento e iniziai un pò a respirare. Grazie al mio capo ufficio, che partendo dal presupposto del diploma e intuendo le mie capacità proffessionali di serietà e di senso del dovere, mi fu possibile imparare l'uso del pc, nozioni di contabilità e tante altre cose che mi sono poi ritrovato.
Dopo finiti i tre anni di ferma dovetti congedarmi. Ripartii avendo vinto il concorso come volontatio in spe.
Arrivai a Livorno Brigata Folgore. Bhè ero un pesce fuor d'acqua..avevo vergogna dei miei colleghi sardi perchè vedevo che sapevano far gruppo tra loro ma non legavano con i "continentali" Cheesy non me ne vogliate....io cercavo altro..non mi bastava questo. Uscivo pochissimo...ma mi piacevano le discoteche e iniziai tra l'altro la frequentazione delle prostitute. Non chiamavo tanto a casa volevo apparire duro..vivevo il tutto come fosse l'ennesima punizione per chissà quale misfatto..o più semplicemente pensavo si trattava di sfiga.
Passai così circa tre anni in Toscana...ma non ebbi modo di visitarla..e all'infuori dei miei colleghi non connobbi nessuno. Iniziai però a frequentare le discoteche dove magari dopo qualche bicchiere di più diventavo più loquace e questo mi serviva per sperimentarmi.
Ritornai in Sardegna ma con l'avvento delle missioni e l'aumentare del mio male interno decisi di andarmene e porre fine ad un lavoro che infine non mi gratificava. Nel 1997 durante l'anno sabbatico di congedo avevo conosciuto l' unica ragazza che mi sia piaciuta, l'unica che a tutt'ora mi abbia colpito.

« Ultima modifica: 24 Aprile 2011, 18:10:24 da cancer73 »

Loggato

cancer73

  • Osservatore
  • *
  • Mi piace = 0
  • Offline Offline
  • Posts: 8

Re: Storia lunga che si ripete

« Risposta #1 del: 24 Aprile 2011, 19:49:19 »

Una storia davvero complicata...
Come hai trovato il forum? Cosa ti ha spinto a scrivere?
Complimenti per la lucidità, più la propria vita è complicata, più si è ciechi nel riconoscere i propri problemi.

Loggato

Saccottino

  • Scribacchino
  • *
  • Mi piace = 6
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 25
  • Residenza: Bologna
  • Posts: 82

Re: Storia lunga che si ripete

« Risposta #2 del: 25 Aprile 2011, 10:48:45 »

Citato da: Saccottino il 24 Aprile 2011, 19:49:19

Una storia davvero complicata...
Come hai trovato il forum? Cosa ti ha spinto a scrivere?
Complimenti per la lucidità, più la propria vita è complicata, più si è ciechi nel riconoscere i propri problemi.

Ti ringrazio prima di tutto per aver letto la mia storia (part one) e ti rispondo con sincerità: a breve proseguirò nel raccontare la seconda parte della mia esperienza, ma in attesa che raccolga tutto il materiale in testa, ti anticipo che sto frequentando una palestra dove ho visto una ragazza che mi piace.
Non ho attrazione sessuale ma mi piace il suo fisico, il viso e ..un pò tutto!! Ecco le ho regalato dei fiori per la festa della donna..e non avendo avuto dei riscontri girovagavo per i forum utilizzando comre motore di ricerca le frasi "metodi di seduzione" o "segnali che lanciano le donne" e similari. Così arrivo fino a qui..e devo dire che dall'impaginazione al resto mi è parso subito un sito serio. Per la seconda domanda mi ha spinto a scrivere la voglia di condividere la mia esperienza con gli altri, parlare della depressione, del non avere amici..di fare sesso solo a pagamento..ma questa è un'altro capitolo della mia vita che avrò il piacere di condividere con voi..se vorrete!! Wink Wink

Loggato

cancer73

  • Osservatore
  • *
  • Mi piace = 0
  • Offline Offline
  • Posts: 8

Re: Storia lunga che si ripete

« Risposta #3 del: 25 Aprile 2011, 11:36:21 »

Citato da: cancer73 il 25 Aprile 2011, 10:48:45

ma questa è un'altro capitolo della mia vita che avrò il piacere di condividere con voi..se vorrete!! Wink Wink

La tua storia l'ho letta ma non ti ho risposto perché ho avuto la sensazione che avessi ancora qualcosa da dire per completarla. Quindi una volta che avrai parlato dei tuoi obiettivi/aspettative ti dirò volentieri la mia...
Intanto, buona Pasquetta Wink

Loggato


Lo stupido è uno sciocco che non parla, e in questo è più sopportabile dello sciocco che parla.

G. Casanova

Liam

  • Consigliere
  • *
  • Mi piace = 49
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Residenza: Nella Città Dolente
  • Posts: 495

Re: Storia lunga che si ripete parte seconda

« Risposta #4 del: 30 Aprile 2011, 11:23:43 »

Bhè è difficile sintetizzare e scrivere di un qualcosa di personale. Allo stato attuale sono in cura pschiatrica-pscologica e spero di venirne fuori al più presto.La vita è piena di alti e bassi..ma da tempo non vedo un pò di fortuna..di spensieratezza..o perchè no il passare dei bei momenti..
Poi di recente ho subito un grosso lutto..mia madre ha avuto un'aneorisma cerebrale,che le ha compromesso le funzioni primarie di vita..contemporaneamente si è riacutizzato un tumore recidivo.Nel 2008 ci ha lasciato.Non so cosa scrivere per non apparire troppo drastico, sò che c'è gente che vive drammi peggiori del mio.
Spero di ricevere dei consigli...e fatemi le domande che ritenete opportune...ciao a tutti!! Knuppel

Loggato

cancer73

  • Osservatore
  • *
  • Mi piace = 0
  • Offline Offline
  • Posts: 8

Re: Storia lunga che si ripete parte seconda

« Risposta #5 del: 30 Aprile 2011, 11:57:02 »

Citato da: cancer73 il 30 Aprile 2011, 11:23:43

...e fatemi le domande che ritenete opportune...ciao a tutti!! Knuppel

OK, domanda secca allora: cosa vorresti ora?
Hai in progetto di intraprendere un percorso di miglioramento personale? Vuoi migliorare il tuo modo di rapportarti con le persone? Trovare una donna? Trombare tutto quello che ti passa davanti?
Insomma, se ci dici quali sono i tuoi obiettivi penso che saremo tutti lieti di aiutarti. Wink

Per quanto riguarda riguarda il tuo trascorso di vita beh...quello che è stato è stato...e non ci si può più fare niente. Avere obiettivi chiari per il futuro però, aiuta a non vivere nel passato.  Wink

Loggato


Lo stupido è uno sciocco che non parla, e in questo è più sopportabile dello sciocco che parla.

G. Casanova

Liam

  • Consigliere
  • *
  • Mi piace = 49
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Residenza: Nella Città Dolente
  • Posts: 495

Re: Storia lunga che si ripete

« Risposta #6 del: 30 Aprile 2011, 16:31:42 »

Grazie Liam per avermi spronato con le tue domande. Allora parto in ordine: vorrei innanzitutto sentirmi di nuovo bene, ovvero raggiungere un buon livello di autostima e di serenità tale da farmi rapportare con gli altri in maniera positiva. Per quanto attiene un percorso di miglioramento personale in parte lo sto già attuando: la terapia sia farmacologica che di ascolto, la palestra (questo è il secondo anno che sono iscritto, pratico la chick boxing ma non scambio) e di recente esco per i locali anche se sempre da solo.Suonavo la chitarra elettrica e stavo prendendo lezioni dal 2004 ma di recente mi sono un pò arreso..sono molto scarso ma mi piace.
Vorrei migliorare il mio modo di rapportarmi, infatti il fatto di avere dei contatti solo nel posto di lavoro è un pò poco, e anche lì ho dovuto faticare parecchio. Vi dico solo che avevo le paranoie più assurde quando andavo in mensa. Per quanto riguarda la donna..si la vorrei trovare..sento il bisogno di un qualcosa di stabile e di affettivo...sinora non ho mai avuto la ragazza..per il sesso dato che non mi masturbo ho sempre ricorso alle prostitute. Non mi piacerebbe invece trombare ciò che mi passa davanti per un motivo principale: non rientra nel mio carattere, sono una persona che si affeziona, nel senso per le poche esperienze senza pagare che ho avuto, mi sono sempre "fissato", affezionato..al momento dell'allontanamento poi non accettavo la sconfitta e giù a chiamare insistentemente al telefono.
Per il passato ti dico che ora non ci penso più..ho fatto dal 2002 al 2005 che praticamente non uscivo mai di casa..ho iniziato a riuscire nel 2005 quando ho ripreso a lavorare. Se avete notato ho faticato non poco a scrivere il resto della mia vita perchè è pesante solo ripensarci. Ma ora anche con i vostri consigli e leggendo ciò che già è stato detto spero di risollevarmi. Per ora vi saluto! Wink

Loggato

cancer73

  • Osservatore
  • *
  • Mi piace = 0
  • Offline Offline
  • Posts: 8

Re: Storia lunga che si ripete

« Risposta #7 del: 30 Aprile 2011, 16:42:58 »

Citato da: cancer73 il 30 Aprile 2011, 16:31:42

per il sesso dato che non mi masturbo ho sempre ricorso alle prostitute.

Shocked  questa è davvero bizzarra...e perchè mai non ti masturbi?

Loggato

Naddolo

  • CSI-6
  • Oracolo della biro
  • *
  • Mi piace = 280
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 117
  • Posts: 2057

Re: Storia lunga che si ripete

« Risposta #8 del: 30 Aprile 2011, 18:31:52 »

Citato da: Nad il 30 Aprile 2011, 16:42:58

Shocked  questa è davvero bizzarra...e perchè mai non ti masturbi?

Penso sia dovuto ad una scarsa accettazione di me stesso, del mio corpo ecc. Inoltre non ne ho mai sentito la neccessità..suppongo sia un blocco interiore del mio io...una ferrea disciplina  che mi impedisce di farlo.

Loggato

cancer73

  • Osservatore
  • *
  • Mi piace = 0
  • Offline Offline
  • Posts: 8

Re: Storia lunga che si ripete

« Risposta #9 del: 02 Maggio 2011, 20:57:46 »

Citato da: cancer73 il 30 Aprile 2011, 16:31:42

Suonavo la chitarra elettrica e stavo prendendo lezioni dal 2004 ma di recente mi sono un pò arreso..sono molto scarso ma mi piace.

Il mio consiglio è di non smettere. Chi suona non è mai solo, e finché non si devono fare dei concerti davanti a molta gente è inutile vivere la chitarra con ansia. Io suono da quattro anni; a un certo punto mi accorsi che non mi godevo più quello che suonavo e di conseguenza avevo perso il "feeling" con lo strumento, che è puntualmente ritornato quando ho ricominciato a dare la priorità alle sensazioni che mi dava la musica e alla  soddisfazione di ricreare le mie melodie preferite o di creare canzoni e assoli.
E inoltre suonare è segno di creatività e sensibilità, quindi può sempre essere utile in caso di rimorchio!

Citato da: cancer73 il 30 Aprile 2011, 16:31:42

Se avete notato ho faticato non poco a scrivere il resto della mia vita perchè è pesante solo ripensarci. Ma ora anche con i vostri consigli e leggendo ciò che già è stato detto spero di risollevarmi. Per ora vi saluto! Wink

E' normale che sia difficile, IMO se si scava bene si riescono a risolvere molti problemi; non avere paura di guardare il passato e non incolparti di nulla!

Loggato

Saccottino

  • Scribacchino
  • *
  • Mi piace = 6
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 25
  • Residenza: Bologna
  • Posts: 82

Re: Storia lunga che si ripete

« Risposta #10 del: 03 Maggio 2011, 11:15:58 »

Ciao cancer,
grazie per aver raccontato la tua storia, o almeno una parte.
Vorrei farti una domanda.
In tutto il tuo racconto mi sei sembrato una persona che vive ed ha vissuto molto nella sua solitudine.
Eppure nonostante ciò, in alcuni punti mi è sembrato che tu la contestassi, che volessi uscirne.
Ciò immagino significhi che non l'hai mai accettata, che non sei riuscito a capirla e quindi a goderne.
Hai mai pensato che i tuoi problemi con l'esterno in realtà siano solamente un riflesso di un problema più grande tra te e la tua serenità da solo ?
Molte persone non stanno bene con loro stesse ma la maggior parte aggira il problema contornandosi di gente, di gruppi, facendo parte di società, di partiti, qualunque cosa che li faccia sentire "parte di qualcosa".
Questo fa si che possano posticipare continuamente il confronto con la loro realtà.
La tua realtà invece è molto chiara, non l'hai mai celata, l'hai sempre affrontata ma direi più subita, almeno così mi è parso dalle tue parole.

Loggato


...ovviamente IMHO


=> Se ti sei sentito infastidito da questa mia risposta,
se pensi che io sia presuntuoso,
saccente o più semplicemente un rompicoglioni...
invece di guaire sterili offese da BETA,
mandami un PM e dai un senso alla tua protesta !!!
 Ci conto !!! Smile <=

Maschio Alpha

  • Grafomane
  • *
  • Mi piace = 114
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 36
  • Posts: 917

Re: Storia lunga che si ripete

« Risposta #11 del: 05 Maggio 2011, 09:19:12 »

Citato da: Maschio Alpha il 03 Maggio 2011, 11:15:58

Vorrei farti una domanda.
In tutto il tuo racconto mi sei sembrato una persona che vive ed ha vissuto molto nella sua solitudine.
Eppure nonostante ciò, in alcuni punti mi è sembrato che tu la contestassi, che volessi uscirne.
Ciò immagino significhi che non l'hai mai accettata, che non sei riuscito a capirla e quindi a goderne.
Hai mai pensato che i tuoi problemi con l'esterno in realtà siano solamente un riflesso di un problema più grande tra te e la tua serenità da solo ?
La tua realtà invece è molto chiara, non l'hai mai celata, l'hai sempre affrontata ma direi più subita, almeno così mi è parso dalle tue parole.

Ciao Maschio..e grazie per aver letto la mia storia personale. Per quanto attiene le tue domande provo a rispondere sperando di aver capito cosa tu volessi chiedermi.
Diciamo che non amo i contatti sociali..forse perchè dai confronti rimango sconfitto, forse perchè sono molto riservato o introverso..non saprei con esatezza.
Di recente non sento neanche il bisogno dell'affetto di una donna..per il semplice fatto che non riesco a trovarne una che mi piaccia ma anche perchè non mi reputo io un granchè sotto tutti i punti di vista.
Dove dici che non riesco a godere della mia solitudine un pò mi stupisci..ovvero si può stare bene da soli senza apparire sfigati e tristi? nel mio caso specifico è 37 anni che stò solo..pochi amici..niente ragazze intese come fidanzate o storielle (solo due senza pagare..tutto il resto a pagamento).
Crogiolarsi non serve lo so..ormai è dal 2002 che faccio terapia sia di ascolto sia farmacologica...forse devo partire dal fatto che il primo che si deve accettare sono io.

Loggato

cancer73

  • Osservatore
  • *
  • Mi piace = 0
  • Offline Offline
  • Posts: 8

Re: Storia lunga che si ripete

« Risposta #12 del: 05 Maggio 2011, 13:04:21 »

Citato da: cancer73 il 05 Maggio 2011, 09:19:12

si può stare bene da soli senza apparire sfigati e tristi?

Leggi bene ciò che hai scritto.
Quando sei solo, l'unica persona a cui puoi "apparire" qualcosa, sei tu.
Questo per me è il punto focale di ciò che non riesci a comprendere.
Tu puoi decidere di creare un immagine di te stupenda, allegra, spensierata, seduttiva e tante altre cose che vorresti essere.
Puoi decidere di creare un immagine di te stesso che sia appunto sfigata e triste, depressa, che subisce la vita.
Oppure, puoi fare una terza cosa.
Accettare semplicemente la realtà. Che non è quella che hai creato tu nella tua mente.
La realtà non è che sei bello o brutto, non sei giusto o sbagliato, non sei migliore o peggiore di chiunque altro.

Guardati attorno.
Ti accorgerai che ci sono persone che si trascinano come derelitti, orrendi, brutti, tristi, depressi, incapaci.
Alcuni di loro si affidano ad "esperti", leggono, si documentano, imparano a recitare una parte e magicamente a distanza di mesi o anni, scoprirai che ora sono belli, seduttivi, fieri di se, allegri, simpatici.

Pensi che esista una pozione o una qualche pratica magica che li abbia resi più belli ? più simpatici ? più allegri ?

Prima avevano una maschera, ora ne hanno un altra. Con entrambe si può convivere per il resto della propria vita.
Ora, forse sei qui perché la tua non ti piace più o forse non ti è mai piaciuta e speri che qualcuno possa insegnarti come costruirne una che preferisci, che ti permetta di ottenere ciò che vuoi.

Ti chiedo solo di porti una domanda e di rispondere a te stesso.

Che forma e colore dovrebbe avere la tua maschera per renderti felice ed appagato, ogni singolo istante della tua vita e per il resto dei tuoi giorni ?

In bocca al lupo.

Loggato


...ovviamente IMHO


=> Se ti sei sentito infastidito da questa mia risposta,
se pensi che io sia presuntuoso,
saccente o più semplicemente un rompicoglioni...
invece di guaire sterili offese da BETA,
mandami un PM e dai un senso alla tua protesta !!!
 Ci conto !!! Smile <=

Maschio Alpha

  • Grafomane
  • *
  • Mi piace = 114
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 36
  • Posts: 917

Re: Storia lunga che si ripete

« Risposta #13 del: 05 Maggio 2011, 13:20:35 »

Citato da: Maschio Alpha il 05 Maggio 2011, 13:04:21

Ti accorgerai che ci sono persone che si trascinano come derelitti, orrendi, brutti, tristi, depressi, incapaci.
Alcuni di loro si affidano ad "esperti", leggono, si documentano, imparano a recitare una parte e magicamente a distanza di mesi o anni, scoprirai che ora sono belli, seduttivi, fieri di se, allegri, simpatici.

Pensi che esista una pozione o una qualche pratica magica che li abbia resi più belli ? più simpatici ? più allegri ?

Prima avevano una maschera, ora ne hanno un altra. Con entrambe si può convivere per il resto della propria vita.

Come a dire che siamo nati per soffrire, e qualsiasi cosa si faccia si rimane nella cacca.

NO

Non è così. Se una persona è più bella, è più simpatica ed è più allegra, è perchè ha scoperto di piacersi.
Una persona che si piace, si relaziona con se stessa al di la della corazza esterna che tu chiami maschera.
Chi si piace, ha imparato a trarre giovamento dal se, indipendentemente dal feedback esterno, dl quale può fruire, pur non ritenendolo indispensabile.
Una persona siffatta, quindi una persona che sta bene anche da sola, perchè con se stessa riesce a dialogare ed a godere del mondo.

Chi invece si nasconde dietro ad una maschera, ha bisogno degli altri per star bene. Perchè l'unica gioia è il godere del feedback che fornisce la maschera. La freddezza ed il distacco (spesso definiti impenetrabilità) delle persone mascherate, deriva proprio da questo: chi si relaziona con una persona mascherata, si relaziona ad un algoritmo rigido, privo di vita e di creatività.

E comunque, pur ad un livello basso, ha cento volte più possibilità di scoprire il benessere una persona che si maschera, che una persona che nasconde la propria incapacità di ottenere un buon rapporto con se stesso dietro al disfattismo cosmico.Il disfattismo è la resa. E la resa è l'anticamera della vecchiaia.

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10009

Re: Storia lunga che si ripete

« Risposta #14 del: 05 Maggio 2011, 14:40:02 »

Citazione

Come a dire che siamo nati per soffrire

Certo, siamo nati per soffrire. Siamo nati per gioire. Siamo nati per tante altre cose.

Citazione

qualsiasi cosa si faccia si rimane nella cacca.

Qualsiasi cosa tu "faccia" produrrà una serie di eventi legati tra loro che determineranno alcuni tuoi momenti di felicità e alcuni tuoi momenti di tristezza.
Ma questo ce l'hai già ora. Non credo tu sia sempre felice e non credo nemmeno tu sia sempre triste.

Citazione

una persona che sta bene anche da sola, perchè con se stessa riesce a dialogare ed a godere del mondo.

Concordo. Non ne conosco molte che potrebbero appartenere a questa categoria. La maggior parte recita bene anche quest'ultima parte.

Citazione

E comunque, pur ad un livello basso, ha cento volte più possibilità di scoprire il benessere una persona che si maschera, che una persona che nasconde la propria incapacità di ottenere un buon rapporto con se stesso dietro al disfattismo cosmico.Il disfattismo è la resa. E la resa è l'anticamera della vecchiaia.

Concordo. Ed hai meno probabilità di essere divorato da un Leone sazio che da uno affamato.
Il punto è che nessuno ti costringe a dover scegliere in quale gabbia entrare.
Tu accomuni la parola resa da "Arrendersi", alla parola disfattismo, da "Disfatta".

Molti uomini sono persi per donne che non corrispondono lo stesso amore. Ciò non si può cambiare.
Così la soluzione rimane arrendersi. Non lottare. Accettare.
Qualsiasi cosa tu possa fare nella vita, non puoi fare altro che arrenderti ed accettare ogni evento che la vita ti propone, che sia gioioso o triste.
Puoi provare a lottare contro lutti, catastrofi, rovine, disastri. Il tuo risorgere può nascere solo dall'accettazione che non hai potere di cambiare gli eventi passati. Non hai potere di prevedere e proiettare eventi futuri. Puoi solo vivere il tuo presente. Ed il tuo presente a volte è gioioso ed a volte è triste.

Chiunque venda una verità diversa da questa, chiunque affermi di poter cambiare il passato o di mostrare il futuro, chiunque non affermi che esiste solo il presente... è semplicemente un pazzo.

Loggato


...ovviamente IMHO


=> Se ti sei sentito infastidito da questa mia risposta,
se pensi che io sia presuntuoso,
saccente o più semplicemente un rompicoglioni...
invece di guaire sterili offese da BETA,
mandami un PM e dai un senso alla tua protesta !!!
 Ci conto !!! Smile <=

Maschio Alpha

  • Grafomane
  • *
  • Mi piace = 114
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 36
  • Posts: 917
Pagine: [1] 2   Vai Su
« precedente | successivo »
Salta a: