Per rispondere alle discussioni e partecipare al forum ACCEDI oppure ISCRIVITI !

« precedente | successivo »
Pagine: [1]   Vai Giù
0 Utenti e 1 Visitatore stanno guardando questo topic.
Autore Topic:

Piccola ricerca sull' osservazione

(Letto 1007 volte)

Piccola ricerca sull' osservazione

« del: 13 Luglio 2008, 13:31:55 »

Premessa, i pigri la saltassero.
Come scrivo ad ogni mio post sono nuovo del game per questo condivido i processi che affronto, per ricevere il vostro aiuto, capire dove saglio e nella vana speranza che le ricerche e le mie riflessioni aggiungano qualcosa.
Il post nasce dalla lettura del termypensiero e se qualche folle niubbo come me, per caso,è capitato prima qui mi mandasse a cacare e lo cerchi.
Riporto la teoria frutto della ricerca più fedelmente possibile, inserisco le mie considerazioni tra parentesi quadre per non viziarla, a mio parere rischia di complicare il gioco, ma forse è solo questione di automatismi da acquisire, inoltre mi ripeterò alcuni concetti che per molti sono scontati.
Sul testo per lorintamento da cui è presa, quella che per me è osservazione viene chiamata diagnosi ed è una competenza trasversale.

Le competenze trasversali.

Diagnosticare.
                   "analizzare,capire rappresentare la situazione, se stessi (le risorse che possono essere utilizzate o incrementate all'
                    occorrenza) come condizione idispensabile "per la progettazione e l' esecuzione di una prestazione efficace"(abilità
                    cognitive)
Relazionare.
                 "mettersi in relazione adeguata con l' ambiente" (abilità interpersonali o sociali:insieme di abilità emozionali, cognitive e stili di
                  comportamento, ma anche abilità comunicative)
Affrontare.
                "predisporsi ad affrontare l' ambiente e il compito, sia mentalmente che a livello affettivo e motorio", costruire e implementare
                 le strategie d' azione, finalizzate al raggiungimento degli scopi personali".

Diagnosticare è una competenza importante per gestire comportamenti coerenti agli obiettivi da raggiungere.Nella diagnosi utilizziamo congiuntamente: conoscenze, esperienze, atteggiamenti, attività.
La diagnosi è un' abilita di processo. Si sviluppa attraverso una sequenza articolata di azioni tra loro diverse, in successione o interconesse. Altre abilità, edfinite di prodotto, sono invece visibili dal risultato.

Cosa succede quando si fa una diagnosi e le azioni che pone in essere.

-Riconosce e ricava informazioni: Osservando [ faccio molta attenzione al particolare senza però diminuire quela relativa all' insieme. 
                                             "ogni nozione ha la sua origine dalla sensazione"leonardo, mentre la percezione è il filtro soggettivo
                                             attraverso cui gli eventi sono visti dagli individui in un contesto e costituisce la base della conoscenza
                                             del mondo fisico e di ogni attività cognitiva.]
-Utilizza le informazioni: [ l' ho intesa in maniera molto personale, in questa fase cerco di comprendere "la mia essenza inconscia", non 
                                 sempre riesco a tradurla in dialogo interno o concetti, ma viene fuori un' idea edlla persona che osservo]
-Effettua valutazioni: di varia natura [secondo me è la parte più pericolosa, si rischia di compromettere tutto, l ho inteso come il primo
                                                   meta-stadio(ho già detto che sono ignorante e di maltrattarmi se sbaglio,please) "la nostra
                                                   rappresentazione del mondo determina in larga misura l' esperienza del mondo che avremo, il modo
                                                   in cui lo percepiamo, le scelte che ci sembreranno disponibili vivendoci dentro"Bandler,Grinder1981.
                                                   L' esperienza percettiva, può differire dalla realtà oggettiva, cioè dalla realtà fisica, ciascuno di noi
                                                   crea una mappa o un modello, che viene usata per originare il nostro comportamento ed io
                                                   preferisco raffrontarmi con il primo stadio percettivo senza la cornice edi valori. . . io vengo da una
                                                   piccola realtà rischierei di "staccarmi" troppo e dialogare con i miei complessi ansichè creare "la
                                                   sensazione di conoscere quella persona da molto tempo, ma far finta che lei si è dimenticata chi
                                                   siamo."Termynator.]
-Reperisce: informazioni da fonti esterne [ ad esempio, osserva gli amici]
-controlla e corregge eventuali errori:concernenti le nuove informazioni ottenute, utilizzando la propria esperienza o [se sta imparando;)]
                                                  l' aiuto di altri.
- Confronta i propri punti di vista con altri:[nè che deve fà nà conferenza]
-Monitora la situazione
- Pianifica

Si tratta di azioni possibili, non sempre tutte le situazioni comportano necessariamente una simile articolazione.[ho notato che facevo  già tutto quello che c è scritto qui, ma nè ero inconsapevole. . . mi è stato utile il punto 3 per cui la consapevolezza delle fasi mi aiutera a controllare meglio quel passaggio]

Diagnosticare se stessi, una persona che diagnostica se stessa pone in essere una serie di azioni:
-Bilancio realistico delle sue qualità e caratteristiche personali.
-Inventario delle sue capacità(cosa sa fare)
-definisce le sue aspettative.
-Relaziona con altri per costruire un percorso utile a realizzare le proprie aspettative.

Termynator spero di non aver fatto cosa sgradita citandoti, cosa che probabilmente avrei dovuto fare anche parlando di curiosità nel precente post, "la motivazione", non lo faccio per presunzione cerco solo di imparare.
un saluto a tutti SmileCheesySmile

« Ultima modifica: 13 Luglio 2008, 13:39:45 da calmapiatta »

Loggato

calmapiatta

  • Osservatore
  • *
  • Mi piace = 1
  • Offline Offline
  • Posts: 5

Re: Piccola ricerca sull' osservazione

« Risposta #1 del: 13 Luglio 2008, 23:04:21 »

Osservazione=diagnosi: corretto.

Una delle (mille) cose che non ho avuto il tempo di dire al TermYraduno, è che il TermYnator's method, è in realtà
l'eviscerazione in variabili di un gioco molto "Natural".
La complessità delle tavole riguardanti le fasi del Territorio Virtuale, testimonia che, nonostante sia possibile
prevedere una logica ripetibile degli eventi, questi non si possano affrontare con un modello lineare (tipo M3),
mantenendo la rappresentazione realistica.
Un gioco reale, che non presenti tappe obbligate per manterere capisaldi che consentano la linearità, è
forzatamente un gioco che prevede per ogni possibile bivio comportamentale, una soluzione a priori.
La presenza di diverse diramazioni, complica la rappresentazione grafica, che rimane comunque possibile,
ed attuabile.
Questo schema di gioco, non si basa quindi sul forzare una reazione, e sul prepararzi alla risposta (per creare un
caposaldo da cui ripartire in modo lineare), ma sul mantenere lineare il gioco prevenendo le mosse della preda,
e inducendola ad agire come vogliamo.
Il TM (TermYnator's Method) è quindi un gioco d'anticipo.
Siamo vincenti perchè anticipando le mosse dell'avversario, riusciamo a pilotarne il cammino.
Giocare d'anticipo equivale a carpire informazioni prima che l'avversario possa far la stessa cosa.
Ecco perchè l'osservazione/diagnosi, diventa fondamentale.

Non condivido la pericolosità del formulare ipotesi comportamentali  in base all'esperienza percettiva
dell'osservazione, e ti spiego perchè.
Questa prassi, dovrai farla comunque durante l'interazione, a meno che tu non risponda ad un comportamento
sfogliando mnemonicamente una ipotetica tabella che per ogni comportamento fornisce una risposta, secondo
il principio dell'uso di routines.
Prima o poi, la tua persona si troverà di fronte a quella della donna.
E se non reggi il gioco, dovrai abbandonarlo dopo aver investito in esso.
Il secondo punto riguarda l'ansia da approccio: la visualizzazione mentale del rapporto di coppia, riduce questo problema.
Il terzo punto, forse quello più occulto, è lo spronarti il prima possibile a secernere ossitocina, cosa che gli uomini
fanno al cospetto di donne con le quali hanno relazioni stabili, e che IMHO è uno dei segnali "chimici" più
potenti per far sentire alla donna che sei il suo Montone.

Nesun problema nell'avermi citato, anzi, mi fa piacere che tu abbia fatto questo parallelo fra un termyne
TermYnatoriano, ed un termine scientifico!

TermYnator

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10009
Pagine: [1]   Vai Su
« precedente | successivo »
Salta a: