Per rispondere alle discussioni e partecipare al forum ACCEDI oppure ISCRIVITI !

« precedente | successivo »
Pagine: [1]   Vai Giù
0 Utenti e 1 Visitatore stanno guardando questo topic.
Autore Topic:

Del gallismo

(Letto 1324 volte)

Del gallismo

« del: 20 Settembre 2010, 00:33:01 »

Del gallismo o del l''obbligo di dimostrarsi forti nelle faccende amorose

Mi ricollego all'ultimo intervento di exp, che citava Vitaliano Brancati, ricopiando con le mie manine un pezzo che ritengo interessante dello stesso sul fenomeno del Gallismo:

"Nei paesi del sud il viso maschile è improntato a una  fierezza particolare, nella quale par di vedere un qualcosa di vermiglio. Cagione di questa fierezza non è l'esser stati buoni, veritieri, generosi, onesti, mansueti, giusti o misericordiosi, ma il sentirsi o immaginarsi bravi nelle faccende amorose"

I piaceri del gallismo consistenti nel credersi forniti di una veemenza superiore al normale, arrossano le orecchie degli uomini del sud [...] E' inutile dire che i piaceri del gallismo non consistono tanto nell'usare questa forza gagliarda, quanto nel credere di possederla e nel confondere a tal punto le carte dei ricordi, spesso poveri e meschini, da combinare a se stessi uno strano passato pieno di successi con le donne

I piaceri del gallismo comportano una particolare dignità ed uno strano senso dell'onore. Un padre si metterà le mani nei capelli se verrà a sapere che al figlio non piacciono le donne. La dignità maschile della famiglia verrà colpita al cuore, tremeranno nelle tombe e sulle pareti di casa i ritratti gallici di tutti gli antenati, se l'ultimo rampollo avrà dichiarato che non si sente bravo nelle faccende amorose. Perdio..Come..E' mai possibile? dirà il padre. Ma se io ai miei tempi...e anche ora del resto...E qui ne inventerà di tutti i colori"

I romanzi di Brancati esplicitano in forma narrativa, quindi più potente, quello che qui dice in termini razionali; il bell'antonio, volto in film da Bolognini, è il massimo esempio di questo fenomeno: una società basata sulla donna, o meglio, basata sul "discorrere in continuazione della donna"; questo porta una particolare pressione sulle spalle maschili, soverchiate dalla necessità di riuscire; con qualunque femmina, purchè si riesca; il dovere piuttosto del piacere di stare colle femmine, perchè non indirizzato direttamente a loro, ma a chi ci guarda; una società del pettegolezzo, in cui le chiacchere contano più dei fatti, e che gli altri ci sappiano trombatori più del fatto che noi si trombi.

Si capisce che il pericolo supremo nascosto dietro tutto ciò è l'impotenza: supremo spettro del mondo maschile, affrontato forse per la prima volta, giocando finalmente a carte scoperto, nel Bell'Antonio

<a href="http://www.youtube.com/v/KvWVSmlr-kQ&amp;ap=%2526fmt%3D18&amp;rel=0" target="_blank">http://www.youtube.com/v/KvWVSmlr-kQ&amp;ap=%2526fmt%3D18&amp;rel=0</a>

Loggato

Naddolo

  • CSI-6
  • Oracolo della biro
  • *
  • Mi piace = 280
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 117
  • Posts: 2057

Re: Del gallismo

« Risposta #1 del: 20 Settembre 2010, 01:35:07 »

Già lo sai come la penso in merito e non mi dilungherò.

Vorrei solo sottolineare come questa mentalità si fondi su una totale assenza di solidarietà maschile: nonostante i tipici proclami misogini e l'esaltazione di una certa maschilità, alla donna viene attribuito un valore fondamentale (" io sono quante donne ho") e gli altri maschi diventano tutti "nemici" da abbattere.

Inutile dire che tutto questo, ai fini della seduzione, è controproducente: si fornisce alle donne un grandissimo potere di cui poter disporre e su cui poter legittimare tutti quegli atteggiamenti ambigui, scostanti, aggressivi che spesso ci si trova a fronteggiare.
Se il mondo maschile cominciasse a prendere consapevolezza di sè e a non sbavare dietro alla prima patata che passa (magari per "far numero"), credo, ne guadagneremmo tutti noi.

Loggato

Expeausition

  • Visitatore

Re: Del gallismo

« Risposta #2 del: 20 Settembre 2010, 01:50:20 »

Del tutto vero; si è assegnato, e si continua ad assegnare alla donna un valore troppo elevato; questo fa si che, anche a livello lessicale, sia lei a "darla", giammai l'uomo; è foriero del fenomeno dello zerbinismo, della necessità sociale per un uomo di avere qualche femmina, chicchessia purchè sia!

Tale sopraelevamento, è così complice delle disgrazie maschili, e della difficoltà che i maschi trovano nel rimorchiare

Il "non importa che sia bella o brutta, purchè porti la gonnella" ci complica la vita; se la gente la smettesse di sbavare dietro ogni femmina che respiri, i giochi forse si riequilibrerebbero un po'

Penso anche che prima le cose fossero ancora peggio, e qualche timido passo in avanti è stato fatto; certo non è ancora sufficiente

Non vorrei ora diventare marxista, ma credo che agli uomini manchi una coscienza di classe fondata sul genere sessuale di appartenza; che viceversa le donne hanno. E' arrivata l'ora che si prenda coscienza di ciò, e delle conseguenze nefaste di questo, che vanno anche al di là del mero rimorchio; la cosa viene in qualche luogo riconosciuta (non ancora nel modo che io ritengo giusto, ma qualche sforzo c'è); ma per ora rimane confinata nel ghetto virtuale di internet.

Loggato

Naddolo

  • CSI-6
  • Oracolo della biro
  • *
  • Mi piace = 280
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 117
  • Posts: 2057

Re: Del gallismo

« Risposta #3 del: 21 Settembre 2010, 10:04:18 »

Citato da: Expeausition il 20 Settembre 2010, 01:35:07

Già lo sai come la penso in merito e non mi dilungherò.

Vorrei solo sottolineare come questa mentalità si fondi su una totale assenza di solidarietà maschile: nonostante i tipici proclami misogini e l'esaltazione di una certa maschilità, alla donna viene attribuito un valore fondamentale (" io sono quante donne ho") e gli altri maschi diventano tutti "nemici" da abbattere.

Inutile dire che tutto questo, ai fini della seduzione, è controproducente: si fornisce alle donne un grandissimo potere di cui poter disporre e su cui poter legittimare tutti quegli atteggiamenti ambigui, scostanti, aggressivi che spesso ci si trova a fronteggiare.
Se il mondo maschile cominciasse a prendere consapevolezza di sè e a non sbavare dietro alla prima patata che passa (magari per "far numero"), credo, ne guadagneremmo tutti noi.

parole d'oro Thumbs Up
questo, unito all'indottrinamento moral/cattolico e all'uso spropositato (anche solo pensato) della parola "porcella" a fine giudicante, sono i 3 elementi che uccidono la seduzione da noi  Thumbs Down

Ma se ben ci pensate, funzionano egregiamente in un'ottica di controllo del sistema casa-famiglia-fedelta'-valore/onore personale.

Loggato


"ti avverto: stasera non ho intenzione di fare niente"
fclose ;-)
-
"Le conferme di effe sono come la panna sulle tette, sempre graditissima" - sfigatto

-eFFe-

  • SI-Reliable User
  • Oracolo della biro
  • *
  • Mi piace = 164
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 2232

Re: Del gallismo

« Risposta #4 del: 27 Settembre 2010, 12:22:12 »

no vabe', i soliti idioti sono stramitici!!!  Grin Laughing

Loggato


"ti avverto: stasera non ho intenzione di fare niente"
fclose ;-)
-
"Le conferme di effe sono come la panna sulle tette, sempre graditissima" - sfigatto

-eFFe-

  • SI-Reliable User
  • Oracolo della biro
  • *
  • Mi piace = 164
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 2232

Re: Del gallismo

« Risposta #5 del: 27 Settembre 2010, 12:38:49 »

LOL 5 minuti di puro nulla!
 
Laughing

Loggato

Naddolo

  • CSI-6
  • Oracolo della biro
  • *
  • Mi piace = 280
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 117
  • Posts: 2057
Pagine: [1]   Vai Su
« precedente | successivo »
Salta a: