Per rispondere alle discussioni e partecipare al forum ACCEDI oppure ISCRIVITI !

« precedente | successivo »
Pagine: [1] 2   Vai Giù
0 Utenti e 1 Visitatore stanno guardando questo topic.
Autore Topic:

TermYeditoriale: come scegliere un buon club?

(Letto 9874 volte)

TermYeditoriale: come scegliere un buon club?

« del: 07 Dicembre 2011, 19:31:37 »

Il marpione errante ha spesso il problema di trovare un buon club dove esercitare la propria arte.

Il locale
Il primo dettaglio da valutare di un club è la circolazione.
Un buon club, dovrebbe avere dei percorsi nei quali la gente si sposta, senza dover attraversare la pista, e senza dover ripercorrere il tragitto avanti ed indietro. Il concetto di discoteca formata da un cerchio con la pista al centro, rende bene l'idea di base. Il circolo è importante per favorire ripetuti contatti oculari prima dell'apertura. Altra cosa importante, è un'area fumatori che abbia una acustica che favorisca il dialogo: se non si apre in pista ballando, rimangono solo le zone d'ombra attorno ai bar (se ce ne sono) e l'area fumatori. Va da se, che se c'è un casino infernale, sia estremamente difficoltoso farsi capire.

La pista
La pista (o le piste) dovrebbero essere grandi, e consentire a moltissime persone di muoversi agevolmente. Piste con una delle dimensioni inferiore a 6 metri, sono assolutamente impraticabili. Purtroppo, non è raro trovare salette adibite a pista di queste dimensioni.I camminamenti ed i flussi umani, dovrebbero idealmente avvenire fuori dalla pista.

La musica
La musica in una disco è fondamentale. Così come è fondamentale l'occhio alla pista di chi mette musica. Un DJ che piazza dischi senza occhio per la pista, spezza continuamente il ritmo, e non si crea la necessaria euforia. Le persone che amano ballare ed entrano in uno stato positivo con la musica, in questo caso vanno e vengono dalla pista, rendendo impossibile l'osservazione e l'approccio ponderato. La pista diventa preda di esagitati che vogliono divertirsi per forza, saltano e spintonano: il clima ideale per farsi girare le scatole.
Il ballo è un ottimo modo di esprimere il proprio body language: ma a patto di potersi muovere, ed avere il campo per essere visti. Se andate in una pista dove si balla a gomito, tutto ciò è vanificato. Tanto vale non ballare affatto.

L'ingresso.
Un club degno di questo nome, fa selezione all'ingresso. La selezione è ottica, nel senso che il buttadentro screma i tamarri e non gli consente l'accesso. Discoteche con file interminabili di uomini, indicano una scarsa selezione: i maschietti sanno di poter entrare (non sono mai stati rimbalzati), ed alla fine entrano, rendendo il rapporto maschi femine improponibile. Talvolta la selezione avviene in base al prezzo d'inggresso: ma non necessariamente una disco costosa è garanzia di ambiente di livello (vedi capitolo
"la clientela"). Tuttavia, va da se che una disco a 10 euro sia alla portata di chiunque. Meglio quindi una da venti...

La nomea
Le disco, per accaparrarsi la clientela usano tre sistemi: la pubblicità radiofonica (il volantinaggio è diventato desueto), gli eventi FB, i PR. I PR sono generalmente i maggiori responsabili di una buona disco. Nel periodo in cui gestivo una piccola disco, spesso venivo a contatto con PR che potevano decretare il successo o il fallimento di una disco, portandosi dietro gruppi di forte impatto. Va da se, che se il pool di PR è estremamente selettivo, la clientela sarà di livello. Pr che mirano a riempire, invece, decretano una disco di basso profilo. Una disco che riempie tutte le sere, inoltre, non ha bisogno di pubblicità. Se una disco che trovate strapiena ancora batte sulle radio, avete un indizio di inefficienza. al 90% è una disco in fase di declino, che cerca di riempire in tutti i modi. In questo tipo di situazione, trovare percentuali di donne inferiori al 10 % non è infrequente. Va da se, che in questi casi è meglio starsene a casa...

La clientela
La clientela di una disco varia con il ciclo vitale del locale. In media, se un locale non effettua cambiamenti nello staff/arredamento annualmente, o non produce eventi di rilievo, la vita di un locale non supera i 2/3 anni. Passato questo periodo, il locale decade a livello di clientela.
La vita di un locale di successo, può essere sinteticamente suddivisa in step:
1) Inaugurazione e primo periodo.
I PR portano persone di spicco, la proporzione dei maschi è di poco superiore a quella delle donne, c'è bella gente, e l'età oscilla fra i 22 ed i 30 per i maschi, ed i 20/25 per le donne. Il locale non è mai strapieno, nonostante all'esterno si noti una fila mostruosa.

2) Maturazione
A seguito dell'aumento dei maschi, si alza il tasso di tentativi di rimorchio. Questo genera nelle donne di valore una certa reticenza nell'andare nel locale in oggetto, mentre attrae le donne di basso profilo. In genere, non c'è politica che tenga per mantenere il livello alto: le donne di alto profilo cominciano a cambiare locale, e vengono sostituite da donne e uomini di profilo basso: è iniziata la fase di declino.
Talvolta i gestori tendono a selezionare in base alla conoscenza. Ma anche questa politica prima o poi fallisce: i circoli sociali non si rinnovano, ed alla fine le persone sono sempre le stesse. Ciò, decreta la fuoriuscita dei migliori, ed inevitabilmente il flusso a seguire di tutti gli altri.

3) Declino
Una volta abbassatosi il livello medio, la percentuale di maschi richiamati dalla nomea della disco sale vertiginosamente. I gestori ricominciano a battere con pubblicità nel timore di ritrovarsi il locale vuoto, e tendono a riempire con quello che arriva. Rapporti che possono toccare e superare i 20 maschi/femina non siano una anomalia in questi contesti. Va da se, che le donne in grado di divertirsi in un contesto così pressante, siano di bassissimo profilo: sparisce la fascia 22/27, lasciando il posto a ragazzine, milf e donne piuttosto brutte.
I maschi, peggiorano di pari passo: tutto il tamarraio che altrove viene rimbalzato, si concentra nel locale che gli da accesso. Conseguentemente, aumentano gli ubriachi, le spinte in pista, la calca e le risse. Il posto è ormai morto, diventando uno strapponarium: una visita allo zoo diventa più istruttiva.

Non ho mai frequentato locali dove si balla il latino, ma quel poco che ho visto, mi spinge a sconsigliarli. A meno che non vogliate andarci perchè amate ballare il latino, o non siate amanti dei milfarium/tardonarium...

Esistono altre tipologie di locale, spesso considerate "in", che di fatto non lo sono affatto. Questi locali, possono essere anche a breve distanza con locali per giovani, senza minimamente entrarvi in concorrenza. La caratteristica di questi luoghi è la presenza di ragazze molto giovani, e di uomini molto grandi con poca dignità e molti cavalli parcheggiati di fronte al locale. Il prezzo d'ingresso è generalmente dissuasivo per i maschi giovani, ed è spesso nullo per le donne. In questi casi, oltre al milfarium/tardonarium, spesso si trova anche il prostitutarium. Da evitarsi come la peste...

« Ultima modifica: 08 Dicembre 2011, 04:16:35 da TermYnator »

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10005

Re: TermYeditoriale: come scegliere un buon club?

« Risposta #1 del: 07 Dicembre 2011, 21:32:26 »

Questo forum ha una marcia in più proprio per post come questo.

Ora sto uscendo e mi riservo di commentarlo con più attenzione, e nelle disco ci ho bazzicato da cliente per 15 anni con scarsissimi risultati seduttivi in proporzione ai denari frofusi..

il vero problema è che secondo me la fase inaugurazione declino.. si ripete per la maggior parte dei locali quasi stagionalmente, bisogna essere molto ben informati per non prendere pacchi clamorosi.

Loggato


Donna de quarant'anni buttela a fiume co' tutti li panni. (proverbio romano)

maxcavezzi

  • Grafomane
  • *
  • Mi piace = 49
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 39
  • Residenza: genova
  • Posts: 1118

Re: TermYeditoriale: come scegliere un buon club?

« Risposta #2 del: 07 Dicembre 2011, 21:37:49 »

Un'analisi impeccabile, ascesa e declino di un locale segue esattamente questa linea.
Più volte ho contestato tantissimi dj concentrati sulla tecnica piuttosto che sul "sentire" il pubblico, questa è una delle rare volte che trovo qualcuno d'accordo con me. Thumbs Up

Mettiamo che stiamo in un locale non congeniale per il rimorchio, vuoi per assecondare amicizie o per errori di valutazione... Come limitare i danni?

Loggato

Hancock

  • SI-Reliable User
  • Consigliere
  • *
  • Mi piace = 48
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 445

Re: TermYeditoriale: come scegliere un buon club?

« Risposta #3 del: 08 Dicembre 2011, 00:31:25 »

Citato da: Hancock il 07 Dicembre 2011, 21:37:49

Un'analisi impeccabile, ascesa e declino di un locale segue esattamente questa linea.
Più volte ho contestato tantissimi dj concentrati sulla tecnica piuttosto che sul "sentire" il pubblico, questa è una delle rare volte che trovo qualcuno d'accordo con me. Thumbs Up

Quando avevo la discotechina, passavo una marea di tempo a sentire DJ. A me piace ballare, e se un dj non mi smuove, IMHO non sa lavorare. Ma non è facile trovarne uno che trasmetta feeling: come dici tu, la maggior parte si concentra su tecnicismi freddi che non pagano in termini di atmosfera, e quindi di riuscita della serata. Ma spesso, sembra che i gestori stessi non lo capiscano...

Citazione

Mettiamo che stiamo in un locale non congeniale per il rimorchio, vuoi per assecondare amicizie o per errori di valutazione... Come limitare i danni?

Eh, è dura...
Capi quello che c'è, e con estrema discrezione (soprattutto sfruttando gli amoggaggi a tuo vantaggio), ti poni come diverso dalla massa, e provi a chiudere in scioltezza ed eleganza.

« Ultima modifica: 08 Dicembre 2011, 00:55:25 da TermYnator »

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10005

Re: TermYeditoriale: come scegliere un buon club?

« Risposta #4 del: 08 Dicembre 2011, 00:36:18 »

Citato da: maxcavezzi il 07 Dicembre 2011, 21:32:26

Questo forum ha una marcia in più proprio per post come questo.

Ora sto uscendo e mi riservo di commentarlo con più attenzione, e nelle disco ci ho bazzicato da cliente per 15 anni con scarsissimi risultati seduttivi in proporzione ai denari frofusi..

il vero problema è che secondo me la fase inaugurazione declino.. si ripete per la maggior parte dei locali quasi stagionalmente, bisogna essere molto ben informati per non prendere pacchi clamorosi.

Non è facile star dietro a questo mondo. La cosa migliore, e fare quello che dico sempre ai miei quando entriamo in una disco nuova che sembra figa: conoscere subito un PR, e mantenere buone relazioni per avere info fresche.

« Ultima modifica: 08 Dicembre 2011, 00:45:30 da TermYnator »

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10005

Re: TermYeditoriale: come scegliere un buon club?

« Risposta #5 del: 08 Dicembre 2011, 12:14:53 »

Hai ragione Termy nel dire ci sono club migliori di altri: esistono discoteche bellissime, ma esistono anche buchi 2x2 con rapporto di maschi femmine 20 a 1 in cui l'attenzione è focalizzata sull'unico gruppo di fie presente(spesso neanche bellissime).

Bel post, utile e pratico! Ti meriti un +1  Thumbs Up

Loggato


- Per richieste di moderazione clicca QUI -

Cuore messicano

Emix

  • SI-Moderator
  • Grafomane
  • *
  • Mi piace = 96
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Residenza: Toscana (25 anni)
  • Posts: 1237

Re: TermYeditoriale: come scegliere un buon club?

« Risposta #6 del: 08 Dicembre 2011, 16:57:29 »

... mi ero scordato del Best of!

Loggato


- Per richieste di moderazione clicca QUI -

Cuore messicano

Emix

  • SI-Moderator
  • Grafomane
  • *
  • Mi piace = 96
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Residenza: Toscana (25 anni)
  • Posts: 1237

Re: TermYeditoriale: come scegliere un buon club?

« Risposta #7 del: 09 Dicembre 2011, 02:44:53 »

Faccio qualche considerazione basandomi sulle mie esperienze con le discoteche di Milano e dintorni

Citato da: TermYnator il 07 Dicembre 2011, 19:31:37

L'ingresso.
Un club degno di questo nome, fa selezione all'ingresso.

I locali che fanno selezione li evito più della peste: la selezione è basata unicamente sul modo di vestire, i buttafuori hanno ordini precisi di guardare che l'abbigliamento di una persona sia consono alla politica del locale, poco importa se uno ha la faccia da ex-carcerato, basta un abito elegante ed entra ovunque (salvo che non sia palesemente ubriaco), al massimo lo buttano fuori dopo.
Faccio un esempio citando una storica disco milanese, il "Borgo del tempo perso" che anni fa applicava una selezione rigidissima pretendento scarpe belle, camicia, giacca. La prima volta che ci andai, dopo aver rimediato abiti da funerale per poter entrare, ebbi la fortuna di uscire relativamente presto, per le 2 circa, perchè mezzora dopo al suo interno due balordi (ben vestiti) si accoltellarono.
Altro esempio il Mediterranee, dalle parti di Como, ci andai un paio di anni fa e all'ingresso fecero storie perchè eravamo senza camicia. Riuscimmo comunque ad entrare e una volta dentro ci trovammo davanti una fauna degna da safari africano: papponi, prostitute, vecchi sfigati ed altri esseri non ben classificati.
Il Gioia69 a Milano è un'altra disco che ogni tanto alza la cresta e fa qualche selezione, per poi consentire l'ingresso anche a gente poco raccomandabile.

Negli ultimi anni comunque le disco di Milano e dintorni hanno abbassato notevolmente la selezione adeguandosi tra l'altro alle mode giovanili che non prevedono abiti da rag. Fantozzi.

Aggiungo che se entriamo in una disco selettiva al suo interno troviamo sicuramente donne di alto valore ma, a mio avviso, ultraselettive e che molto probabilmente si concedono solo al Brad Pitt di turno che le stupisce con effetti speciali.
Personalmente preferisco un centro sociale di comunisti cannaioli.

Citato da: TermYnator il 07 Dicembre 2011, 19:31:37

Non ho mai frequentato locali dove si balla il latino, ma quel poco che ho visto, mi spinge a sconsigliarli. A meno che non vogliate andarci perchè amate ballare il latino, o non siate amanti dei milfarium/tardonarium...

A Milano negli ultimi anni il latino si è diffuso tantissimo, tanto da attirare non solo milf o tardone ma un pubblico molto più ampio. E' facile trovare quindi anche ragazze che vanno dai 20 anni ai 30 e di bell'aspetto.

Aspetti positivi di un locale latino:
- il rapporto tra il numero di donne e di uomini presenti è all'incirca 1:1
- l'apertura è quasi immediata, basta invitare una donna a ballare
- molte persone che girano sono abituè ed è quindi facile ribeccare le stesse ragazze
- l'ambiente è molto tranquillo, molto difficilmente accadono risse

Aspetti negativi:
- è difficile isolare una donna, sono talmente abituate ad accettare gli inviti a ballare che anche se stanno parlando con te e qualcuno le invita loro accettano e ti salutano.
- è fondamentale per un uomo saper ballare almeno i passi base

Per riassumere, nei locali latini, se non ho mai visto una rissa non ho mai visto neanche un rimorchio. Aggiungo però che i corsi di latino americano favoriscono da sempre la conoscenza di nuove persone e non è raro che nascano storie o avventure tra compagni di corso.

« Ultima modifica: 09 Dicembre 2011, 02:49:59 da AlterEgo »

Loggato




.\ /.
-----

AlterEgo

  • CSI-6
  • Oracolo della biro
  • *
  • Mi piace = 144
  • Offline Offline
  • Posts: 1374

Re: TermYeditoriale: come scegliere un buon club?

« Risposta #8 del: 10 Dicembre 2011, 15:59:21 »

Citato da: AlterEgo il 09 Dicembre 2011, 02:44:53

Faccio qualche considerazione basandomi sulle mie esperienze con le discoteche di Milano e dintorni

I locali che fanno selezione li evito più della peste: la selezione è basata unicamente sul modo di vestire, i buttafuori hanno ordini precisi di guardare che l'abbigliamento di una persona sia consono alla politica del locale, poco importa se uno ha la faccia da ex-carcerato, basta un abito elegante ed entra ovunque (salvo che non sia palesemente ubriaco), al massimo lo buttano fuori dopo.

Alter, c'è selezione e selezione. L'abbigliamento è spesso una scusa per non far entrare gente che ha una faccia (o un atteggiamento) che non piacciono.

Citazione

Per riassumere, nei locali latini, se non ho mai visto una rissa non ho mai visto neanche un rimorchio.

Quindi...  Rolling Eyes

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10005

Re: TermYeditoriale: come scegliere un buon club?

« Risposta #9 del: 10 Dicembre 2011, 18:51:47 »

Citato da: TermYnator il 10 Dicembre 2011, 15:59:21

Alter, c'è selezione e selezione. L'abbigliamento è spesso una scusa per non far entrare gente che ha una faccia (o un atteggiamento) che non piacciono.

se la selezione è basata sull'atteggiamento apprezzo anche che la facciano Smile ma per quello che ho visto difficilmente si basa su questo...

Citato da: TermYnator il 10 Dicembre 2011, 15:59:21

Quindi...  Rolling Eyes

pippe  Grin o si cambia posto  Afro

Loggato




.\ /.
-----

AlterEgo

  • CSI-6
  • Oracolo della biro
  • *
  • Mi piace = 144
  • Offline Offline
  • Posts: 1374

Re: TermYeditoriale: come scegliere un buon club?

« Risposta #10 del: 12 Dicembre 2011, 09:52:47 »

La selezione all' ingresso se lascia fuori personaggi con scarpe da ginnastica e piumini arancioni riversibili che sembrano quelli degli operai dei lavori stradali ben venga, questo in tema discoteca classica, se si parla di centri sociali e locali dei circuiti alternativi.. tutti dentro, compresa compilation di cani pulciosi a presso.

La disco al sabato sera non ho mai creduto che sia il terreno ideale per il rimorchio, anzi non lo è affatto..
ma IMHO si tratta di una specie prova di riparazione se abbiamo fallito nel day game e/o nel social game settimanale, ed invece di passare una tranquilla serata sotto le lenzuola con la HB di turno ci troviamo ad un bivio: chiudere la sera in tristezza con il tocco magico di Federica, la mano amica, o ce la andiamo a giocare alla pari alle 3 di mattina con truzzi e/o esaltati di ogni specie, con conseguenti costi aggiuntivi sul nostro bilancio mensile.

Loggato


Donna de quarant'anni buttela a fiume co' tutti li panni. (proverbio romano)

maxcavezzi

  • Grafomane
  • *
  • Mi piace = 49
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 39
  • Residenza: genova
  • Posts: 1118

Re: TermYeditoriale: come scegliere un buon club?

« Risposta #11 del: 12 Dicembre 2011, 10:55:31 »

Citato da: maxcavezzi il 12 Dicembre 2011, 09:52:47

La disco al sabato sera non ho mai creduto che sia il terreno ideale per il rimorchio, anzi non lo è affatto..
ma IMHO si tratta di una specie prova di riparazione se abbiamo fallito nel day game e/o nel social game settimanale, ed invece di passare una tranquilla serata sotto le lenzuola con la HB di turno ci troviamo ad un bivio: chiudere la sera in tristezza con il tocco magico di Federica, la mano amica, o ce la andiamo a giocare alla pari alle 3 di mattina con truzzi e/o esaltati di ogni specie, con conseguenti costi aggiuntivi sul nostro bilancio mensile.

Per certi versi condivido, però non penso nemmeno si possa liquidare il rimorchio in club in questo modo, perchè come ho detto altre volte, c'è gente che in quei contesti ci sa davvero fare, e ha ottenuto risultati significativi.

Sul social game, ha anch'esso una serie di difficoltà , ma non è questa la sede per affrontare l' argomento.

Per il resto, trovo il post di TermY un vademecum sicuramente utile per la scelta del club, in particolare per un aspetto : meglio spendere 25 € per un club degno di tal nome, e andarci due volte al mese in meno, che spenderne 10, ma buttarli nel cesso.  Smile

« Ultima modifica: 12 Dicembre 2011, 10:57:11 da Shark72 »

Loggato


"Il tuo è un gioco molto politico" - Athos
"Non hai letto il MM? Allora devi essere espulso dal gioco !" - Neo1987
"L' assaporatore ufficiale dell' AdM - TermYnator
"Non è il massimo?E che ti frega, se ti attizza vacci uguale! Piuttosto che niente, meglio piuttosto" - Athos
"Quando fai l' espressione giusta, sei quasi fico" - TermYnator
"Ty delaesh bisnes" - HB insegnante di russo
"Meglio una russa bona, che un' italiana cessa"  - TermYnator
"Sergente Hartman della patata" - Azimut, già Expeausition

Shark72

  • CSI-6
  • Vate del calamaio
  • *
  • Mi piace = 296
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 3880
  • Fino alla Fine

Re: TermYeditoriale: come scegliere un buon club?

« Risposta #12 del: 12 Dicembre 2011, 11:42:14 »

Citato da: maxcavezzi il 12 Dicembre 2011, 09:52:47

La selezione all' ingresso se lascia fuori personaggi con scarpe da ginnastica e piumini arancioni riversibili che sembrano quelli degli operai dei lavori stradali ben venga, questo in tema discoteca classica, se si parla di centri sociali e locali dei circuiti alternativi.. tutti dentro, compresa compilation di cani pulciosi a presso.

Non serve lasciare fuori gente vestita da arlecchino per far entrare elegantoni che poi si accoltellano: sono capaci tutti di togliersi gli indumenti da tamarro e indossare il frac. Se mi devo divertire preferisco i posti dove entrano anche i cani pulciosi, almeno sono sicuro di entrare anch'io; per il rimorchio è un altro discorso e non è escluso che avvenga anche in un centro sociale.

Citato da: maxcavezzi il 12 Dicembre 2011, 09:52:47

La disco al sabato sera non ho mai creduto che sia il terreno ideale per il rimorchio, anzi non lo è affatto..

Citato da: Shark72 il 12 Dicembre 2011, 10:55:31

non penso nemmeno si possa liquidare il rimorchio in club in questo modo, perchè come ho detto altre volte, c'è gente che in quei contesti ci sa davvero fare, e ha ottenuto risultati significativi.

Su questo avete ragione entrambi, da una parte la disco può essere una miniera d'oro di figa, dall'altra devi saperci fare, devi essere divertente e capace di far divertire la tipa con cui ci provi, e questo alemnto per quanto mi riguarda è alquanto difficile. Personalmente preferisco posti più tranquilli e "a bassa energia".

Citato da: Shark72 il 12 Dicembre 2011, 10:55:31

Per il resto, trovo il post di TermY un vademecum sicuramente utile per la scelta del club, in particolare per un aspetto : meglio spendere 25 € per un club degno di tal nome, e andarci due volte al mese in meno, che spenderne 10, ma buttarli nel cesso.  Smile

Concordo  Smile

Loggato




.\ /.
-----

AlterEgo

  • CSI-6
  • Oracolo della biro
  • *
  • Mi piace = 144
  • Offline Offline
  • Posts: 1374

Re: TermYeditoriale: come scegliere un buon club?

« Risposta #13 del: 12 Dicembre 2011, 11:46:20 »

A TUTTI I FROCI MILANESI

Qualcuno ha per caso visto a Milano e zona una disco che rispecchi i criteri citati?

Io personalmente ne avrò vista una ma funziona solo d'estate, ci siamo stati la scorsa settimana e l'invernale non vale la pena.

« Ultima modifica: 12 Dicembre 2011, 11:48:15 da blackhat »

Loggato


III TermYraduno: io c'ero!

La seduzione è l'arte che ci porta a conoscere realmente chi siamo.-TermY

Un Vero Uomo ha come Maestro ed Idolo solo se stesso.-TermY

L'armonia con se stessi, è il premio per aver fatto di se un'opera d'arte.-TermY

Il fare di te stesso un'opera d'arte, il conoscerti rispecchiandoti in una donna, il trovare in lei una complice, il diventare il suo punto di riferimento e l'uomo nelle cui braccia lei si abbandonerà-Me medesimo

blackhat

  • SI-Reliable User
  • Suggeritore
  • *
  • Mi piace = 48
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 39
  • Residenza: provincia milanese
  • Posts: 259

Re: TermYeditoriale: come scegliere un buon club?

« Risposta #14 del: 12 Dicembre 2011, 14:09:30 »

la verità è che secondo me discoteche con le carte in regola per essere un buon club non ce ne sono molte, almeno in Italia, in effetti quando avevo tanta voglia di clubbing
mi buttavo in tanti ma brevi break away su città europee degne di questo nome, li' si che trovavi ottimi locali, costi accessibili, rapporti uomo/donna accettabili

Loggato


Donna de quarant'anni buttela a fiume co' tutti li panni. (proverbio romano)

maxcavezzi

  • Grafomane
  • *
  • Mi piace = 49
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 39
  • Residenza: genova
  • Posts: 1118
Pagine: [1] 2   Vai Su
« precedente | successivo »
Salta a: