Per rispondere alle discussioni e partecipare al forum ACCEDI oppure ISCRIVITI !

« precedente | successivo »
Pagine: [1]   Vai Giù
0 Utenti e 1 Visitatore stanno guardando questo topic.
Autore Topic:

Della mentalità feminile

(Letto 1367 volte)

Della mentalità feminile

« del: 20 Aprile 2015, 13:44:52 »

Anni fa, quando ancora gli americani parlavano di "switch" per pilotare le donne e le feministe blateravano di eguaglianza su tutti i fronti, sostenevo che le donne ragionano in modo diverso dagli uomini per essersi adattate a svolgere compiti diversi da quelli dell'uomo. Questo adattamento ha differenziato anche la forma mentis di base. Oltre al banale "le donne sono più emotive degli uomini", ho sempre contestato il concetto secondo il quale le donne provano attrazione come gli uomini, si eccitano come gli uomini etc etc.
Oggi, con la solita aberrazione assolutistica che contraddistingue gran parte della community, si legge un po' qua ed un po' la che:"le donne ragionano per emozioni". Facciamo un po' di chiarezza.

La sensibilità
Nei miei corsi, dopo aver esposto i profili attidudinali di uomini e donne, parlo molto delle differenze che esistono fra i due sessi riguardo alla sensibilità.
La sensibilità, molto più accentuata nelle donne, fa si che una persona si faccia un quadro del proprio interlocutore in base a microsegnali che vengono percepiti a livello inconscio, e trasmessi alla parte razionale sotto forma di emozione o sensazione.
Le donne, per il compito che devono svolgere nei confronti della prole, sono evolutivamente più portate a percepire tramite la loro sensibilità. Tanto sta, che è stato dimostrato che esse si rendono conto se un uomo le piace o meno in 3 decimi di secondo. Questo processo percettivo, non ha nulla a che fare con il ragionamento, che è un'attività cerebrale molto più evoluta, e che presuppone una base d'esperienza.

I famosi microsegnali: mito o realtà?
Ma cosa esamina la sensibilità delle donne? E soprattutto, cosa sono questi microsegnali che gli uomini non riescono a generalmente a percepire come le donne? Parliamone.
E' noto più o meno a tutti l'esperimento che fu fatto negli anni '60 (James Vicary)  circa la percezione inconscia di immagini subliminali. Tale esperimento seguì di qualche anno un testo storico sull'argomento dei messaggi subliminali pubblicato da Vance Packard ("I persuasori occulti" - 1957) In sintesi, un filmato è un insieme di immagini fisse, che viene proiettato ad una determinata velocità (24 fotogrammi al secondo). Per un insieme di effetti legati sia alla fisiologia dell'occhio (persistenza delle immagini sulla retina), sia alla modalità con cui il cervello ricostruisce le immagini, queste sequenze di fotografie vengono viste come un movimento fluido.
Bene, nell'esperimento in questione, in determinate sequenze veniva sostituito un fotogramma con l'immagine di una nota bevanda. Nessuno riusciva ad individuare il fotogramma o ad accorgersi della sua presenza, ma la voglia di quella bevanda aumentava esponenzialmente negli osservatori.
Questa osservazione, decreta un piccolo corollario: se facciamo un qualcosa di estremamente breve, non lo percepiamo razionalmente, ma lo percepiamo a livello inconscio.
Eckman, dimostrò che tutti noi parlando, produciamo espressioni rapidissime in funzione dello stato d'animo reale: le microespressioni. Quindi, se parlassimo del nostro odiato capoufficio per tesserne le lodi, ma produciamo microespressioni di disgusto, l'inconscio dell'osservatore le percepirà a seconda della sua sensibilità.
Pur non potendo dimostrare che odiamo il capoufficio, "qualcosa" gli dirà che mentiamo.
Se a questo tallone di achille aggiungiamo le dilatazioni incontrollabili della pupilla, gli odori (ormai esiste una casistica sperimentale vasta), ed il body language, abbiamo una serie di segnali tale, da farci tranquillamente pensare che una persona sensibile possa tranquillamente radiografarci con margine d'errore bassissimo.
E senza ricorrere a misteriose quanto improbabili teorie...

Ragionare e percepire
Con la premessa fatta, diventa evidente che l'assunto "le donne ragionano per emozioni" sia una colossale bufala: le donne ragionano esattamente come gli uomini, ma partono da una base d'esperienza diversa.
Noi, tendiamo ad inquadrare ed interpretare i comportamenti e le persone fidandoci molto della nostra memoria, ovvero di esperienze pregresse documentabili.
Loro, ragionano su una serie di "esperienze" che provengono da percezioni innate.
Da qui, il detto popolare "le donne mettono giudizio prima degli uomini".
Va da se, che queste percezioni innate condizionino il ragionamento feminile in modo potente, ma non meno potente di quanto facciamo noi con la memoria.

Le pippe mentali delle donne
Spesso si sentono gli uomini parlare di "pippe mentali delle donne" alludendo alla loro indecisione in determinati frangenti. In realtà, se le donne dubitano, è perchè nasce un conflitto razionale fra quanto dedotto dalla loro esperienza e quanto percepito grazie alla sensibilità. Quella emotiva le dice Vai/Indietreggia, mentre quella razionale, ovvero basata sull'esperienza della memoria e sulle convinzioni apprese, dice il contrario.
Avendo gli uomini una parte percettiva molto inferiore, dovrebbero farsi molte meno pippe mentali.
In realtà, non è così. Il motivo è legato al fatto che la memoria di esperienze, è estremamente relativa, e può essere smantellata vedendo altri che riescono dove noi non riusciamo.
Di fatto, gli uomini si fanno pippe mentali perchè hanno una base di esperienza che spesso presenta contraddizioni al suo stesso interno. Sono quindi molto più confusi delle donne.

"Questo è ragionare da maschio: le donne ragionano per emozioni"
Dopo la lettura di questo lungo post, questa frase assume una valenza ridicola, e totalmente scissa dalla realtà.
Le donne ragionano come gli uomini, ma partono da capisaldi di ragionamento diversi. Sono sicuramente meno lineari di noi, per via del loro sistema di rappresentazione della realtà, che è fotografico piuttosto che vettoriale (leggasi il TermYpensiero "la donna").
Per comunicare bene con le donne, ed evitare che si facciano pippe mentali, occorre aggirare il loro sistema percettivo, ovvero controllare prossemica, mimica e paraverbale in modo perfetto.
Se vi dicono che basta quindi una tecnica per far si che si fidino di voi, o per risolvere i vostri problemi con le donne, mettetevi l'anima in pace: il vostro interlocutore, pur potendo (inconsapevolmente) riuscire nell'intento, non può aiutarvi in alcun modo, perchè non conosce la vera natura del problema.
Piuttosto, mettetevi per ore davanti ad uno specchio, e riprendetevi rivedendo i filmati al rallentatore.

« Ultima modifica: 20 Aprile 2015, 13:48:57 da TermYnator »

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10003

Re: Della mentalità feminile

« Risposta #1 del: 29 Novembre 2016, 05:38:27 »

Bè, è un topic che non va letto, ma studiato e riletto.

Citazione

Piuttosto, mettetevi per ore davanti ad uno specchio, e riprendetevi rivedendo i filmati al rallentatore.

Io posso anche farlo, ma non avevi detto che allo specchio correggi inconsciamente l'eventuale immagine negativa ed è più facile, contrariamente al video esterno?
Credi che sia meglio lavorare prima sullo stato d'animo o su entrambe le cose combinate?

Loggato

Enri

  • CSI-3
  • Grafomane
  • *
  • Mi piace = 9
  • Offline Offline
  • Posts: 866

Re: Della mentalità feminile

« Risposta #2 del: 29 Novembre 2016, 17:32:50 »

Citato da: Enri il 29 Novembre 2016, 05:38:27

Bè, è un topic che non va letto, ma studiato e riletto.Io posso anche farlo, ma non avevi detto che allo specchio correggi inconsciamente l'eventuale immagine negativa ed è più facile, contrariamente al video esterno?
Credi che sia meglio lavorare prima sullo stato d'animo o su entrambe le cose combinate?

OT: qui si parla di mentalità feminile.
 Heart

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10003

Re: Della mentalità feminile

« Risposta #3 del: 01 Dicembre 2016, 12:59:34 »

Molto interessante grazie.

Quindi, per riassumere:

- le donne han sviluppato evolutivamente, per comprendere le necessita' della prole, una maggiore sensibilita'.

- questa sensibilita' fa si che colgano, molto piu' di noi maschi, i microsegnali inconsci che lanciamo.

- questo fa si che possano valutare l'incoerenza di una persona confrontando microsegnali ricevuto & memoria e prendere quindi decisioni apparentemente contraddittorie.

Giusto Smile ?

Loggato


life is too short to be afraid

JBGrenouille

  • CSI-6
  • Grafomane
  • *
  • Mi piace = 93
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 38
  • Residenza: La Perfida Albione
  • Posts: 1209

Re: Della mentalità feminile

« Risposta #4 del: 01 Dicembre 2016, 15:27:43 »

Citato da: JBGrenouille il 01 Dicembre 2016, 12:59:34

Quindi, per riassumere:
...
- questo fa si che possano valutare l'incoerenza di una persona confrontando microsegnali ricevuto & memoria e prendere quindi decisioni apparentemente contraddittorie.

Giusto Smile ?

I primi due punti si,. questo è impreciso
L'incoerenza viene rilevata fra microsegnale e messaggio trasmesso. La sensazione dedotta è però incoerente con la memoria.
L'incoerenza del maschio individua quindi una discrepanza fra quello che il maschio esprime istintivamente e quello che racconta. In genere a questo stato di cose la donna risponde con uno shit test se interessata/incuriosita. Ma potrebbe non farlo, perchè sulla base dell'esperienza (vissuta/acquisita) vorrebbe ignorare la sua percezione negativa.

Esempio.
Uomo fidanzato che vuole nascondere la cosa sperando così di essere più appetibile.
- Quando lei chiede "sei fidanzato", lui risponde "No", ma produce microsegnale di tensione.
La sensibilità della donna percepisce il segnale, ma non lo interpreta razionalmente: semplicemente sente diffidenza e tende a riproporre l'argomento dopo con altri test.

- Le amiche di lei però, avevano garantito che lui è single.

- C'è quindi un conflitto nella donna: non sa se fidarsi delle sue percezioni o fidarsi di quello che "dicono tutti" (la memoria).

Può scattare quindi un comportamento apparentemente contraddittorio: si lascia baciare, pomiciare etc etc, ma al momento di farsi penetrare si ferma.

 Heart

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10003

Re: Della mentalità feminile

« Risposta #5 del: 01 Dicembre 2016, 17:51:42 »

E'vero... Infatti io non cerco mai tanto di sembrare quanto di essere interiormente nel modo che vorrei...
Forse siamo sulla strada giusta... Exclamation

Loggato

Enri

  • CSI-3
  • Grafomane
  • *
  • Mi piace = 9
  • Offline Offline
  • Posts: 866

Re: Della mentalità feminile

« Risposta #6 del: 03 Gennaio 2018, 15:13:23 »

Citato da: TermYnator il 20 Aprile 2015, 13:44:52

La sensibilità
Nei miei corsi, dopo aver esposto i profili attidudinali di uomini e donne, parlo molto delle differenze che esistono fra i due sessi riguardo alla sensibilità.
La sensibilità, molto più accentuata nelle donne, fa si che una persona si faccia un quadro del proprio interlocutore in base a microsegnali che vengono percepiti a livello inconscio, e trasmessi alla parte razionale sotto forma di emozione o sensazione.
Le donne, per il compito che devono svolgere nei confronti della prole, sono evolutivamente più portate a percepire tramite la loro sensibilità. Tanto sta, che è stato dimostrato che esse si rendono conto se un uomo le piace o meno in 3 decimi di secondo.Questo processo percettivo, non ha nulla a che fare con il ragionamento, che è un'attività cerebrale molto più evoluta, e che presuppone una base d'esperienza.
 

questo significa che quando approcciamo una sconosciuta lei già inconsciamente sa, se verrebbe con noi a letto o no ? quindi a che serve studiare seduzione o creare un TV? devo solo imparare a gestire i miei microsegnali ?

Loggato

sona

  • Cacasenno
  • *
  • Mi piace = 0
  • Offline Offline
  • Posts: 27

Re: Della mentalità feminile

« Risposta #7 del: 03 Gennaio 2018, 19:49:57 »

Citato da: sona il 03 Gennaio 2018, 15:13:23

questo significa che quando approcciamo una sconosciuta lei già inconsciamente sa, se verrebbe con noi a letto o no?
[...]

No, non lo sa.
Non ancora...
.

Citazione

[...]
quindi a che serve studiare seduzione o creare un TV? devo solo imparare a gestire i miei microsegnali ?

Imparare a gestire i microsegnali è soltanto una parte dello studio (e dell'applicazione pratica) da affrontare.
Saperlo fare è condizione necessaria, ma da sola non sufficiente, per creare e portare avanti un TV fatto bene.

Loggato


Trahit sua quemque voluptas (Virgilio)

Voltarecchie

  • CSI-6
  • Suggeritore
  • *
  • Mi piace = 15
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Residenza: Medio Adriatico
  • Posts: 223

Re: Della mentalità feminile

« Risposta #8 del: 03 Gennaio 2018, 23:49:04 »

Citato da: sona il 03 Gennaio 2018, 15:13:23

questo significa che quando approcciamo una sconosciuta lei già inconsciamente sa, se verrebbe con noi a letto o no ?

In alcuni casi lo sa. In altri può desiderare conoscerti meglio, pur non vedendo direttamente la finalità scopereccia. In altri ancora, potrebbe pensare che sei l'ultima persona al mondo con cui farebbe sesso.
La cosa divertente è che questa visione iniziale influisce pesantemente su chi non ha cultura di donne, mentre per chi di donne qualcosa capisce è abbastanza irrilevante.

Citazione

devo solo imparare a gestire i miei microsegnali ?

Parte dell'apprendimento è legata proprio a questo. Il problema è che questo tipo di apprendimento è legato sia a comportamenti che gestiamo coscientemente, sia a comportamenti automatizzati che spesso chi seduce non si rende neanche conto di fare. I microsegnali inoltre, non sono del tutto gestibili: la gestione migliora se la nostra mente inquadra la situazione che affrontiamo in un contesto "risolvibile" in base a parametri che fanno parte di insegnamenti ancestrali e recenti.  Il problema è che gli insegnamenti "ancestrali" sono fortemente legati al vissuto. E questo è un po' il gatto che si morde la coda:
se il tuo vissuto è positivo, avrai microsegnali positivi. Se è negativo... Trasmetti che sei un segaiuolo a 50 metri di distanza...  Exclamation  Laughing

 Heart

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10003

Re: Della mentalità feminile

« Risposta #9 del: 04 Gennaio 2018, 00:01:23 »

Citato da: TermYnator il 03 Gennaio 2018, 23:49:04

In alcuni casi lo sa. In altri può desiderare conoscerti meglio, pur non vedendo direttamente la finalità scopereccia. In altri ancora, potrebbe pensare che sei l'ultima persona al mondo con cui farebbe sesso.
La cosa divertente è che questa visione iniziale influisce pesantemente su chi non ha cultura di donne, mentre per chi di donne qualcosa capisce è abbastanza irrilevante.Parte dell'apprendimento è legata proprio a questo. Il problema è che questo tipo di apprendimento è legato sia a comportamenti che gestiamo coscientemente, sia a comportamenti automatizzati che spesso chi seduce non si rende neanche conto di fare. I microsegnali inoltre, non sono del tutto gestibili: la gestione migliora se la nostra mente inquadra la situazione che affrontiamo in un contesto "risolvibile" in base a parametri che fanno parte di insegnamenti ancestrali e recenti.  Il problema è che gli insegnamenti "ancestrali" sono fortemente legati al vissuto. E questo è un po' il gatto che si morde la coda:
se il tuo vissuto è positivo, avrai microsegnali positivi. Se è negativo... Trasmetti che sei un segaiuolo a 50 metri di distanza...  Exclamation  Laughing

 <3q

quindi deduco che se non le piaccio in quei 3 decimi di secondo, ma creo un TV e sono pravo con l’uso della verve dialettica posso rimorchiare nonostante non sia piaciuto di primo acchito?!

Loggato

sona

  • Cacasenno
  • *
  • Mi piace = 0
  • Offline Offline
  • Posts: 27

Re: Della mentalità feminile

« Risposta #10 del: 04 Gennaio 2018, 00:41:32 »

Citato da: sona il 04 Gennaio 2018, 00:01:23

quindi deduco che se non le piaccio in quei 3 decimi di secondo, ma creo un TV e sono pravo con l’uso della verve dialettica posso rimorchiare nonostante non sia piaciuto di primo acchito?!

Imparare a sedurre serve proprio ad evitare di essere giudicati in base ad una impressione imperfetta e frettolosa, magari in base a parametri nei quali si può essere deficitari in partenza (vedi estetica o età).
Ci sono ovviamente condizioni che rendono un rimorchio impossibile, ma questo mi sembra ovvio.

 Heart

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10003

Re: Della mentalità feminile

« Risposta #11 del: 04 Gennaio 2018, 01:40:02 »

Mi è capitato in qualche rimorchio Natural passato di sentire la frase...
"non ti avevo proprio notato". Probabilmente legata alla poca rilevanza ed impressione che potevo fare a quei tempi, ed alla mia tendenza a "confondermi nel mucchio"

Loggato


Ecco, io vi mando come pecore in mezzo ai lupi..

Leone

  • Aspirante Istruttore ADM/CSI
  • CSI-6
  • Suggeritore
  • *
  • Mi piace = 86
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 265

Re: Della mentalità feminile

« Risposta #12 del: 04 Gennaio 2018, 15:09:04 »

Citato da: TermYnator il 04 Gennaio 2018, 00:41:32

Imparare a sedurre serve proprio ad evitare di essere giudicati in base ad una impressione imperfetta e frettolosa, magari in base a parametri nei quali si può essere deficitari in partenza (vedi estetica o età).
Ci sono ovviamente condizioni che rendono un rimorchio impossibile, ma questo mi sembra ovvio.

 Heart

scusami se te lo chiedo ma la mia curiosità è alle stelle...ho letto che una tua ex ragazza ti ha tradito con un altro...è ciò mi ha fatto riflettere molto perché significa che anche se sedotta una ragazza può tradire, quindi esiste un rimedio per evitare ciò oppure se la mia ragazza venisse approcciata da un seduttore mi devo rassegnare e cambiare donna ?

Loggato

sona

  • Cacasenno
  • *
  • Mi piace = 0
  • Offline Offline
  • Posts: 27

Re: Della mentalità feminile

« Risposta #13 del: 04 Gennaio 2018, 22:27:56 »

Citato da: sona il 04 Gennaio 2018, 15:09:04

scusami se te lo chiedo ma la mia curiosità è alle stelle...ho letto che una tua ex ragazza ti ha tradito con un altro...è ciò mi ha fatto riflettere molto perché significa che anche se sedotta una ragazza può tradire, quindi esiste un rimedio per evitare ciò oppure se la mia ragazza venisse approcciata da un seduttore mi devo rassegnare e cambiare donna ?

Ma che c'entra?  Significa solo che quella ragazza viveva un po' alla giornata. Se si vuole la fedeltà basta evitare persone poco serie (E quella non era troppo: se vai a leggerti la storia scoprirai che la rimorchiai solo perchè la mia spalla (che ci usciva) mi disse "levamela di torno".) .

 Heart

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10003
Pagine: [1]   Vai Su
« precedente | successivo »
Salta a: