Per rispondere alle discussioni e partecipare al forum ACCEDI oppure ISCRIVITI !

« precedente | successivo »
Pagine: [1] 2   Vai Giù
0 Utenti e 1 Visitatore stanno guardando questo topic.
Autore Topic:

Percezione di se stessi e sindrome da spogliatoio

(Letto 3109 volte)

Percezione di se stessi e sindrome da spogliatoio

« del: 15 Marzo 2010, 16:02:10 »

Guardando un programma sugli obesi che trasmettono su Sky ho notato quanto l'autostima possa influenzare la percezione di se stessi nei confronti del mondo.
Nel programma, alla protagonista cicciona veniva chiesto di inserirsi in una fila di persone disposte progressivamente da una taglia "piccola" a una più grande.
Puntualmente il soggetto sbaglia posto credendosi più grasso di quello che è effettivamente.
E' come se il cervello elaborasse un aspetto diverso da ciò che siamo.

Mi chiedevo se si possa fare il paragone con la sindrome da spogliatoio, o con persone che credono di averlo piccolo quando magari in realtà non è così.
E' possibile che la convinzione di averlo piccolo determini nel cervello una proiezione diversa?

Xask

Loggato


Xask..brings a mask, rifles the cask, in the sun he basks and need no to ask..

xask

  • Scriba
  • *
  • Mi piace = 3
  • Offline Offline
  • Posts: 83

Re: Percezione di se stessi e sindrome da spogliatoio

« Risposta #1 del: 15 Marzo 2010, 16:29:58 »

la grassezza è, se vogliamo, un po' soggettiva.

un pene di 16 cm è invece un pene di 16 cm. Quindi basta un righello per mettere fine a proiezioni disallineate con la realtà.

Loggato

james.mar

  • SI-Bannati
  • Vate del calamaio
  • *
  • Mi piace = 209
  • Offline Offline
  • Posts: 3550

Re: Percezione di se stessi e sindrome da spogliatoio

« Risposta #2 del: 15 Marzo 2010, 16:44:03 »

Citato da: james.mar il 15 Marzo 2010, 16:29:58

la grassezza è, se vogliamo, un po' soggettiva.

un pene di 16 cm è invece un pene di 16 cm. Quindi basta un righello per mettere fine a proiezioni disallineate con la realtà.

Anche una 52 è una 52, non sono convinto..

Loggato


Xask..brings a mask, rifles the cask, in the sun he basks and need no to ask..

xask

  • Scriba
  • *
  • Mi piace = 3
  • Offline Offline
  • Posts: 83

Re: Percezione di se stessi e sindrome da spogliatoio

« Risposta #3 del: 15 Marzo 2010, 16:44:26 »

Citato da: xask il 15 Marzo 2010, 16:02:10

Guardando un programma sugli obesi che trasmettono su Sky ho notato quanto l'autostima possa influenzare la percezione di se stessi nei confronti del mondo.
Nel programma, alla protagonista cicciona veniva chiesto di inserirsi in una fila di persone disposte progressivamente da una taglia "piccola" a una più grande.
Puntualmente il soggetto sbaglia posto credendosi più grasso di quello che è effettivamente.
E' come se il cervello elaborasse un aspetto diverso da ciò che siamo.

Mi chiedevo se si possa fare il paragone con la sindrome da spogliatoio, o con persone che credono di averlo piccolo quando magari in realtà non è così.
E' possibile che la convinzione di averlo piccolo determini nel cervello una proiezione diversa?

Xask

Per me questo concetto è l'ABC, la base di ogni considerazione psicologica. Se ti interessa approfondirlo dal punto di vista filosofico, cerca "costruttivismo".

LA REALTA' NON ESISTE

Loggato


Whenever you find yourself on the side of the majority, it is time to pause and reflect. - M. Twain
__________________

http://pieroit.org/blog
__________________

100% Maschio Alphonso

Acqua

  • SI-Bannati
  • Vate del calamaio
  • *
  • Mi piace = -353
  • Offline Offline
  • Posts: 2831
  • P-ano

Re: Percezione di se stessi e sindrome da spogliatoio

« Risposta #4 del: 15 Marzo 2010, 16:46:20 »

Citato da: xask il 15 Marzo 2010, 16:44:03

Anche una 52 è una 52, non sono convinto..

la 52 di un palestrato di 1.90 è diversa dalla 52 di uno di 1.68.
E da qui partono tutte le altre sfumature di grigio che rendono la percezione non semplicissima.

Loggato

james.mar

  • SI-Bannati
  • Vate del calamaio
  • *
  • Mi piace = 209
  • Offline Offline
  • Posts: 3550

Re: Percezione di se stessi e sindrome da spogliatoio

« Risposta #5 del: 15 Marzo 2010, 16:47:25 »

Citato da: Acqua il 15 Marzo 2010, 16:44:26

Per me questo concetto è l'ABC, la base di ogni considerazione psicologica. Se ti interessa approfondirlo dal punto di vista filosofico, cerca "costruttivismo".

LA REALTA' NON ESISTE

OK grazie, approfondirò...

Loggato


Xask..brings a mask, rifles the cask, in the sun he basks and need no to ask..

xask

  • Scriba
  • *
  • Mi piace = 3
  • Offline Offline
  • Posts: 83

Re: Percezione di se stessi e sindrome da spogliatoio

« Risposta #6 del: 15 Marzo 2010, 17:48:40 »

Citato da: Acqua il 15 Marzo 2010, 16:44:26

Per me questo concetto è l'ABC, la base di ogni considerazione psicologica. Se ti interessa approfondirlo dal punto di vista filosofico, cerca "costruttivismo".

LA REALTA' NON ESISTE

Non solo è l'ABC, ma è il punto cruciale per la qualita' della vita.
Chi viene incastrato nella ragnatela dei labirinti mentali del dubbio e dell'insicurezza (senso di inadeguamento), è SPACCIATO.
Io ci esco e ci entro spesso nel vortice...risolvere questo punto è l'inizio di un nuovo cammino, che potrebbe quindi anche mai iniziare perche' ostacolato dalla propria negativa percezione che anche se non è costante ma solo periodica, comunque preclude lo sviluppo delle proprie potenzialita'.
La realta' non esiste....abbastanza d'accordo, ma solo nel momento in cui le proprie energie psichiche riescono a proiettare di se' solo le qualita', eliminando (occultando) i difetti, i quali potrebbero anche essere oggettivamente presenti ( avera la pancia è avere la pancia, c'è poco da fare....il punto è: gli altri basano la loro percezione di me sulla pancia? In caso negativo, l'aspetto "negativo" è stato neutralizzato o a volte "positivizzato").
Per quanto riguarda l'aspetto filosofico ritengo che razionalizzare e inquadrare bene il discorso non sia sufficiente. Questo è come la fatidica frase usata a sproposito da molti : "Capire da dove vengono i disagi serve ad eliminarli".
Ma anche no. Io posso capire tutto e non risolvere una mazza. Oppure non capire e risolvere. E' una questione piu' pratica secondo me. Ci vogliono degli esercizi consigliati da gente con le palle, perche' questo piu' che un lavoro è un'impresa quando si hanno piu' di 20 anni. Bisogna ricostruire tutto un assetto mentale sfavorevole. Non è roba da ridere.
Tralaltro dividerei il discorso in 2 parti molto separate:
Uno che pesa 110 kg e alto 1,80 puo' sentirsi giustamente inadeguato. Il problema pero' è risolvibile tramite volonta' (eccetto casi gravi).
Quindi non deve spaccare le palle agli altri con i suoi problemi.
Uno che è alto 1,50....il problema è piu' difficile da risolvere. Qui occorre una riprogrammazione della propria percezione, perche' rimarra' sempre 1,50. L'unica cosa che puo' fare è sentire che l'1,50 non conta.
La seconda cosa che deve fare a quel punto è esternare che il suo 1,50 non conta.
Non è semplice....

Loggato


La poesia prudente
e gli uomini
prudenti
durano
solo lo stretto
necessario
per morire
tranquilli


Charles Bukowski

sofficemaremoto

  • CSI-2-Iced
  • Consigliere
  • *
  • Mi piace = 24
  • Offline Offline
  • Posts: 439

Re: Percezione di se stessi e sindrome da spogliatoio

« Risposta #7 del: 16 Marzo 2010, 11:22:44 »

Citato da: sofficemaremoto il 15 Marzo 2010, 17:48:40

La realta' non esiste....abbastanza d'accordo, ma solo nel momento in cui le proprie energie psichiche riescono a proiettare di se' solo le qualita', eliminando (occultando) i difetti,... ...Non è semplice....

+ Thumbs Up
Verissimo ance il discorso delle categorie, e del fatto che c'è chi non dovrebbe lamentarsi.
Però, e mi sembra di averlo gia scritto.
Tempo addietro, prendevo un caffè nel bar di un noto centro commerciale di Roma.
Ad un certo punto, vedo un ragazzo realmente basso, perfettamente proporzionato e curato, ma bassissimo: sull'ordine del metro e 50.
Instintivamente ho provato un senso di solidarietà nei suoi confronti, pensando al fatto che per lui, probabilmente doveva essere molto più difficile rimorchiare rispetto a tanti altri, molto più dotati e meno fieri.
Finchè, non ho visto una strafiga in miniatura che andava ad abbracciarselo: era la sua donna.
E li mi sono detto: questo è uno con le palle, che invece di abbattersi, ha cercato ed ha trovato.
ognuno ha i suoi problemi: chi i capelli, chi la trippa, chi l'uccello chi l'altezza chi assolutamente un caxxo.
Ma tutti, hanno in comune l'esigenza di avere un problema per giustificare io fatto di non riuscire ad avere quello che vogliono.
E sono veramente pochi quelli che sfuggono a questa regola che vale in tutti i settori della vita.
Bisogna combattere senza mai arrendersi.

T

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10003

Re: Percezione di se stessi e sindrome da spogliatoio

« Risposta #8 del: 16 Marzo 2010, 12:31:47 »

Citato da: TermYnator il 16 Marzo 2010, 11:22:44

ognuno ha i suoi problemi: chi i capelli, chi la trippa, chi l'uccello chi l'altezza chi assolutamente un caxxo.
Ma tutti, hanno in comune l'esigenza di avere un problema per giustificare io fatto di non riuscire ad avere quello che vogliono.
E sono veramente pochi quelli che sfuggono a questa regola che vale in tutti i settori della vita.
Bisogna combattere senza mai arrendersi.

T

Regola assolutamente deleteria, eppure hai ragione. A sfuggire ad essa, posso affermare con orgoglio, siamo proprio noi qua dentro .  Smile

Loggato


"Il tuo è un gioco molto politico" - Athos
"Non hai letto il MM? Allora devi essere espulso dal gioco !" - Neo1987
"L' assaporatore ufficiale dell' AdM - TermYnator
"Non è il massimo?E che ti frega, se ti attizza vacci uguale! Piuttosto che niente, meglio piuttosto" - Athos
"Quando fai l' espressione giusta, sei quasi fico" - TermYnator
"Ty delaesh bisnes" - HB insegnante di russo
"Meglio una russa bona, che un' italiana cessa"  - TermYnator
"Sergente Hartman della patata" - Azimut, già Expeausition

Shark72

  • CSI-6
  • Vate del calamaio
  • *
  • Mi piace = 296
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 3879
  • Fino alla Fine

Re: Percezione di se stessi e sindrome da spogliatoio

« Risposta #9 del: 16 Marzo 2010, 19:10:17 »

Citato da: TermYnator il 16 Marzo 2010, 11:22:44

Ma tutti, hanno in comune l'esigenza di avere un problema per giustificare il fatto di non riuscire ad avere quello che vogliono.
E sono veramente pochi quelli che sfuggono a questa regola che vale in tutti i settori della vita.
Bisogna combattere senza mai arrendersi.

T

Termy, è una considerazione piuttosto forte quella di avere l'esigenza di avere un problema per giustificare cio' che non si riesce a ottenere...
Ci riflettero' sopra...
 Wink

Ma in poche parole tu sostieni che il 99% dei problemi che le persone ritengono di avere sono del tutto superabili perche' oggettivamente superabili (nei propri confronti e nella trasposizione della propria immagine verso gli altri intendo) con un certo tipo di lavoro psicologico (oltre che pratico) ?

Loggato


La poesia prudente
e gli uomini
prudenti
durano
solo lo stretto
necessario
per morire
tranquilli


Charles Bukowski

sofficemaremoto

  • CSI-2-Iced
  • Consigliere
  • *
  • Mi piace = 24
  • Offline Offline
  • Posts: 439

Re: Percezione di se stessi e sindrome da spogliatoio

« Risposta #10 del: 16 Marzo 2010, 19:29:07 »

Citato da: sofficemaremoto il 16 Marzo 2010, 19:10:17

Ma in poche parole tu sostieni che il 99% dei problemi che le persone ritengono di avere sono del tutto superabili perche' oggettivamente superabili (nei propri confronti e nella trasposizione della propria immagine verso gli altri intendo) con un certo tipo di lavoro psicologico (oltre che pratico) ?

Praticamente sostiene questo. Un pò come dire che il 99% delle persone grasse lo sono perchè mangiano troppo, male e non fanno sport, sono davvero pochi quelli che hanno serie disfunzioni metaboliche. Smile

Loggato


"Il tuo è un gioco molto politico" - Athos
"Non hai letto il MM? Allora devi essere espulso dal gioco !" - Neo1987
"L' assaporatore ufficiale dell' AdM - TermYnator
"Non è il massimo?E che ti frega, se ti attizza vacci uguale! Piuttosto che niente, meglio piuttosto" - Athos
"Quando fai l' espressione giusta, sei quasi fico" - TermYnator
"Ty delaesh bisnes" - HB insegnante di russo
"Meglio una russa bona, che un' italiana cessa"  - TermYnator
"Sergente Hartman della patata" - Azimut, già Expeausition

Shark72

  • CSI-6
  • Vate del calamaio
  • *
  • Mi piace = 296
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 3879
  • Fino alla Fine

Re: Percezione di se stessi e sindrome da spogliatoio

« Risposta #11 del: 16 Marzo 2010, 19:32:26 »

Citato da: Shark72 il 16 Marzo 2010, 19:29:07

Praticamente sostiene questo. Un pò come dire che il 99% delle persone grasse lo sono perchè mangiano troppo, male e non fanno sport, sono davvero pochi quelli che hanno serie disfunzioni metaboliche. Smile

No, questa è la prima parte del discorso...la mia domanda (e credo anche la constatazione di Termynator) si riferisce specificamente a cose non modificabili oggettivamente con la volonta', dove per non modificabile oggettivamente intendo una forma immutabile dal punto di vista fisico.

Loggato


La poesia prudente
e gli uomini
prudenti
durano
solo lo stretto
necessario
per morire
tranquilli


Charles Bukowski

sofficemaremoto

  • CSI-2-Iced
  • Consigliere
  • *
  • Mi piace = 24
  • Offline Offline
  • Posts: 439

Re: Percezione di se stessi e sindrome da spogliatoio

« Risposta #12 del: 17 Marzo 2010, 00:29:17 »

Mi sa che data la piega filosofica dell'argomento, il post sarebbe da spostare...

Loggato


Xask..brings a mask, rifles the cask, in the sun he basks and need no to ask..

xask

  • Scriba
  • *
  • Mi piace = 3
  • Offline Offline
  • Posts: 83

Re: Percezione di se stessi e sindrome da spogliatoio

« Risposta #13 del: 17 Marzo 2010, 01:04:21 »

Citato da: xask il 17 Marzo 2010, 00:29:17

Mi sa che data la piega filosofica dell'argomento, il post sarebbe da spostare...

Non credo sia un discorso filosofico d'elite, è molto realistico e di massa invece.

Loggato


La poesia prudente
e gli uomini
prudenti
durano
solo lo stretto
necessario
per morire
tranquilli


Charles Bukowski

sofficemaremoto

  • CSI-2-Iced
  • Consigliere
  • *
  • Mi piace = 24
  • Offline Offline
  • Posts: 439

Re: Percezione di se stessi e sindrome da spogliatoio

« Risposta #14 del: 17 Marzo 2010, 01:07:31 »

Citato da: sofficemaremoto il 17 Marzo 2010, 01:04:21

Non credo sia un discorso filosofico d'elite, è molto realistico e di massa invece.

Vero, ma non da sezione "Sesso" a sto punto..

Loggato


Xask..brings a mask, rifles the cask, in the sun he basks and need no to ask..

xask

  • Scriba
  • *
  • Mi piace = 3
  • Offline Offline
  • Posts: 83
Pagine: [1] 2   Vai Su
« precedente | successivo »
Salta a: