Per rispondere alle discussioni e partecipare al forum ACCEDI oppure ISCRIVITI !

« precedente | successivo »
Pagine: [1]   Vai Giù
0 Utenti e 1 Visitatore stanno guardando questo topic.
Autore Topic:

Il Matrix continua - Il mistero dell'HIV

(Letto 2097 volte)

Il Matrix continua - Il mistero dell'HIV

« del: 09 Ottobre 2008, 07:07:50 »

Sono anni che sento dire che l'HIV è un'altra di quelle quelle megabufale inventate per controllarci e fare soldi. So che ci sono pure libri, ricerche di scienziati. Ma non ho mai approfondito la cosa. In ogni caso non si sa mai, il profilattico nelle penetrazioni lo uso sempre  Evil
Comunque questo articolo riassume in maniera semplice e comprensibile quello che sarebbe il grande inganno. Chi vuole può fare ricerche poi per conto suo
http://www.disinformazione.it/nobel_medicina.htm

Loggato

SAKU39

  • Suggeritore
  • *
  • Mi piace = 7
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Residenza: VERSILIA!!!!
  • Posts: 203

Re: Il Matrix continua - Il mistero dell'HIV

« Risposta #1 del: 09 Ottobre 2008, 10:21:38 »

Letto tutto e fatto pure qualche ricerca.
Sul HIV si sá(?) che é un virus ad altissima variabilitá e questo rende difficile trovare un vaccino.

Le posizioni degli scettici sono interessanti perché due di loro sono premi nobel ma anche le loro argomentazioni possono essere smentite...

Se vogliamo dirla tutta queste polemiche vanno di pari passo con quelle sulla ricerca contro il cancro, situazioni in cui laboratori privati e pubblici spendono moltissimi soldi & risorse testando che, al di lá della loro efficacia, arricchiranno le case farmaceutiche. (a proposito andatevi a rileggere la polemica di Big pharma vs Mandela riguardo i diritti sull´uso dei farmaci anti aids nei paesi poveri).

Pensa al fatto che ogni anno si parla di epidemie che dovrebbero sterminare la razza umana e invece scompaiono in un nulla di fatto, dopo avere provocato panico ed isteria (mucca pazza, antrace, sars, aviaria solo negli ultimi 5-7 anni).
Attenzione non sto dicendo che queste malattie non esistano, solo che vengono presentate in maniera tale da creare un allarmismo eccessivo, per cui é naturale pensare "cui prodest"?

Sull´Aids fattori aggiuntivi che lo hanno reso famoso sono stata la sua trasmissione per via sessuale ed il fatto che all´inizio abbia colpito soprattutto gli omosessuali, da qui tutte le defizioni di "peste del secolo che colpisce i costumi corrotti". Insomma un gran baccano ma pochi fatti e pure confusi...

Citazione

In ogni caso non si sa mai, il profilattico nelle penetrazioni lo uso sempre

Questo é puro vangelo. oltre l´hiv esistono tante altre malattie a trasmissione sessuali che, se pure non letali, sono sicuramente sgradevoli.
Si spera che pure in Italia tutti questi caspio di pudori sul pubblicizzare l´uso del preservativo spariscano...
Qui in germania le pubblicitá sono ovunque e molto chiare, ed il buon Acqua potrá confermarvelo  Wink

Loggato


life is too short to be afraid

JBGrenouille

  • CSI-6
  • Grafomane
  • *
  • Mi piace = 93
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 38
  • Residenza: La Perfida Albione
  • Posts: 1209

Re: Il Matrix continua - Il mistero dell'HIV

« Risposta #2 del: 09 Ottobre 2008, 12:02:00 »

Ho visto recentemente un filmato estremamente interessante, che sosteneva una teoria razionalmente accettabile.

Abstract.
Quando si vuole costruire un vaccino, si prendono dei virus, si allevano in una coltura a base di materie
organiche (plasma, cellule etc di origine animale), si bombardano di radiazioni per togliere vitalità
al virus, poi si filtra il tutto e lo si inietta nel paziente.
Il paziente sviluppa anticorpi al virus, e quando viene in contatto con il virus vivo, è in grado di
ucciderlo. Ci possono essere dei problemi nel devitalizzare il virus: non tutti reagiscono alle radiazioni
allo stesso modo, quindi il tasso d'esposizione di pende dal virus.

Il fatto.
Quando venne messo a punto il vaccino dell'antivaiolosa, furono usate delle colture a base di rene
di macaco e babbuino. Specie che contengono pochi virus trasmissibili all'uomo.
Ma una ditta farmaceutica, sperimentò le colture anche sugli scimpanzè, che invece sono molto
affini all'uomo. L'AIDS, ad esempio, ce lo hanno pure loro.
In Congo, furono prodotti vaccini antivaiolosa a partire dai reni una quarantina di scimpanzè,
e ci furono fatti milioni di vaccini. La maggior parte di questi, furono usati in Africa, e successivamente
in Nord America (i due focolai nei quali si è inizialmente manifestato l'AIDS).
In pratica, il retrovirus dell'AIDS, sarebbe sopravvissuto al bombardamento, e sarebbe stato inoculato vivo
in un certo numero di pazienti, per un errore.
Questo spiegherebbe lo strano alone di mistero che circonda questo virus: non è un errore della natura, ma
un errore umano. E motiverebbe anche le strane vicessitudini del vaccino antivaiolosa.

Riguardo ad una delle frasi del testo che cita Saku, c'è da fare una osservazione:

Il test sull'aids, non rivela il virus, ma gli anticorpi a questo.
Se il soggetto non riconosce il virus, non produce anticorpi, e risulta negativo al test, anche se è in
aids conclamato. Indicativo della sindrome è però il contenuto di linfociti T, che sono il bersaglio
del virus: esso infatti ne impedisce la replicazione (è un retrovirus, non un virus).

TermYnator

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10004

Re: Il Matrix continua - Il mistero dell'HIV

« Risposta #3 del: 09 Ottobre 2008, 12:28:18 »

Citato da: TermYnator il 09 Ottobre 2008, 12:02:00

Ma una ditta farmaceutica, sperimentò le colture anche sugli scimpanzè, che invece sono molto
affini all'uomo. L'AIDS, ad esempio, ce lo hanno pure loro.
In Congo, furono prodotti vaccini antivaiolosa a partire dai reni una quarantina di scimpanzè,
e ci furono fatti milioni di vaccini. La maggior parte di questi, furono usati in Africa, e successivamente
in Nord America (i due focolai nei quali si è inizialmente manifestato l'AIDS).
In pratica, il retrovirus dell'AIDS, sarebbe sopravvissuto al bombardamento, e sarebbe stato inoculato vivo
in un certo numero di pazienti, per un errore.
Questo spiegherebbe lo strano alone di mistero che circonda questo virus: non è un errore della natura, ma
un errore umano. E motiverebbe anche le strane vicessitudini del vaccino antivaiolosa.

Avevo letto una storia del genere riguardo l´origine del focolaio di Aids, é una delle ipotesi.
Peró non appoggia né smentisce la diatriba se l´HIV sia il virus responsabile dell´Aids oppure no.

Citazione

Il test sull'aids, non rivela il virus, ma gli anticorpi a questo.
Se il soggetto non riconosce il virus, non produce anticorpi, e risulta negativo al test, anche se è in
aids conclamato. Indicativo della sindrome è però il contenuto di linfociti T, che sono il bersaglio
del virus: esso infatti ne impedisce la replicazione (è un retrovirus, non un virus).

Ma in questo caso il soggetto non sarebbe un "portatore sano", che non subisce gli effetti del virus ma é comunque in grado di passarlo ad altri?

Termy per caso ti ricordi come si chiama il filmato?

Grazie

« Ultima modifica: 09 Ottobre 2008, 12:36:44 da JBGrenouille »

Loggato


life is too short to be afraid

JBGrenouille

  • CSI-6
  • Grafomane
  • *
  • Mi piace = 93
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 38
  • Residenza: La Perfida Albione
  • Posts: 1209

Re: Il Matrix continua - Il mistero dell'HIV

« Risposta #4 del: 09 Ottobre 2008, 12:32:22 »

Citato da: JBGrenouille il 09 Ottobre 2008, 10:21:38

Si spera che pure in Italia tutti questi caspio di pudori sul pubblicizzare l´uso del preservativo spariscano...
Qui in germania le pubblicitá sono ovunque e molto chiare, ed il buon Acqua potrá confermarvelo  Wink

Confermo e sottoscrivo, certe pubblicità fanno troppo ridere.
Però mi dileguo dal 3d perchè sono entrato in modalità paranoica Shocked

Loggato


Whenever you find yourself on the side of the majority, it is time to pause and reflect. - M. Twain
__________________

http://pieroit.org/blog
__________________

100% Maschio Alphonso

Acqua

  • SI-Bannati
  • Vate del calamaio
  • *
  • Mi piace = -353
  • Offline Offline
  • Posts: 2831
  • P-ano

Re: Il Matrix continua - Il mistero dell'HIV

« Risposta #5 del: 09 Ottobre 2008, 12:44:23 »

Citato da: JBGrenouille il 09 Ottobre 2008, 12:28:18

Avevo letto una storia del genere riguardo l´origine del focolaio di Aids, é una delle ipotesi.
Peró non appoggia né smentisce la diatriba se l´HIV sia il virus responsabile dell´Aids oppure no.
Ma in questo caso il soggetto non sarebbe un "portatore sano", che non subisce gli effetti del virus ma é comunque in grado di passarlo ad altri?

Termy per caso ti ricordi come si chiama il filmato?

Grazie

[DivX-ita] Le origini dell'aids - Sconvolgente.

Un portatore sano è un portatore del virus che non manifesta i sintomi della malattia.
Teoricamente, anche un sieropositivo è un portatore sano.
Ci possono essere invece malati non sieropositivi.
Sono due cose diverse.

TermYnator

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10004

Re: Il Matrix continua - Il mistero dell'HIV

« Risposta #6 del: 09 Ottobre 2008, 13:15:20 »

Citato da: TermYnator il 09 Ottobre 2008, 12:44:23

Un portatore sano è un portatore del virus che non manifesta i sintomi della malattia.
Teoricamente, anche un sieropositivo è un portatore sano.
Ci possono essere invece malati non sieropositivi.
Sono due cose diverse.

TermYnator

Capito cosa vuoi dire...
Tu comunque cosa pensi dell´articolo citato da Sak?

Loggato


life is too short to be afraid

JBGrenouille

  • CSI-6
  • Grafomane
  • *
  • Mi piace = 93
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 38
  • Residenza: La Perfida Albione
  • Posts: 1209

Re: Il Matrix continua - Il mistero dell'HIV

« Risposta #7 del: 09 Ottobre 2008, 14:39:07 »

Citato da: JBGrenouille il 09 Ottobre 2008, 13:15:20

Capito cosa vuoi dire...
Tu comunque cosa pensi dell´articolo citato da Sak?

Che è un po' preno di quel complottismo antimultinazionale americana che tende a ricondurre
tutti i mali del mondo agli yankees.
Insomma, penso vada preso con le molle.

TermYnator

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10004

Re: Il Matrix continua - Il mistero dell'HIV

« Risposta #8 del: 09 Ottobre 2008, 18:16:30 »

Citato da: TermYnator il 09 Ottobre 2008, 12:02:00

Il fatto.
Quando venne messo a punto il vaccino dell'antivaiolosa, furono usate delle colture a base di rene
di macaco e babbuino. Specie che contengono pochi virus trasmissibili all'uomo.
Ma una ditta farmaceutica, sperimentò le colture anche sugli scimpanzè, che invece sono molto
affini all'uomo. L'AIDS, ad esempio, ce lo hanno pure loro.
In Congo, furono prodotti vaccini antivaiolosa a partire dai reni una quarantina di scimpanzè,
e ci furono fatti milioni di vaccini. La maggior parte di questi, furono usati in Africa, e successivamente
in Nord America (i due focolai nei quali si è inizialmente manifestato l'AIDS).
In pratica, il retrovirus dell'AIDS, sarebbe sopravvissuto al bombardamento, e sarebbe stato inoculato vivo
in un certo numero di pazienti, per un errore.
Questo spiegherebbe lo strano alone di mistero che circonda questo virus: non è un errore della natura, ma
un errore umano. E motiverebbe anche le strane vicessitudini del vaccino antivaiolosa.

TermYnator

Avevo visto anch'io un documentario del genere anni fa.
Ma anche li non nascondevano qualche dubbio riguardo l'origine della malattia.

Ho fatto una ricerca ed ho trovato questo articolo:

La prima comparsa del virus dell’Hiv nell’uomo, dovuta al salto di specie dalle scimmie in Africa, precede di gran lunga il 1930, la data finora la più accreditata dai virologi.

Uno studio dell’Università dell’Arizona a Tucson pubblicato su Nature colloca l’origine del virus tra la fine del XIX e del XX secolo: più esattamente tra il 1884 e il 1924. Un periodo che coincide con i primi insediamenti coloniali nell’Africa subsahariana. I ricercatori hanno analizzato uno dei primi campioni mai trovato del virus, nel 1959 nella Repubblica Democratica del Congo, ex Zaire, e lo hanno confrontato con un altro risalente a un anno dopo rinvenuto sempre a Kinshasa l’antica Leopodville belga. Confrontando il genoma dei campioni con quelli di altri ceppi di Hiv-1 conosciuti del gruppo M, i virologi hanno ricostruito l’albero genealogico di questa forma stimando che il ‘virus zero’ (il primo della serie) risalga al quarantennio 1884-1924.

Resta confermato all’origine del salto di specie l’ipotesi che qualche essere umano si sia cibato di carne di una scimmia infetta. Il primo caso riconosciuto di Aids, la malattia causata dall’Hiv, è invece del 1981. La scoperta secondo il professore Paul Clark dell’universita di Edinburgo è importante perche conferma che tutti i casi dei Hiv-1 del gruppo M, il ceppo responsabile degli attuali 19 casi su 20 di infezioni, abbiano avuto origine a Leopoldville.

Fonte: repubblica.it

Loggato


selezione all'ingresso nei posti
per garantire che, siano proprio tutti escrementi.

Lew Griffin

  • SI-Reliable User
  • Consigliere
  • *
  • Mi piace = 27
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 324

Re: Il Matrix continua - Il mistero dell'HIV

« Risposta #9 del: 09 Ottobre 2008, 18:17:46 »

Citato da: SAKU39 il 09 Ottobre 2008, 07:07:50

Sono anni che sento dire che l'HIV è un'altra di quelle quelle megabufale inventate per controllarci e fare soldi. So che ci sono pure libri, ricerche di scienziati. Ma non ho mai approfondito la cosa. In ogni caso non si sa mai, il profilattico nelle penetrazioni lo uso sempre  Evil
Comunque questo articolo riassume in maniera semplice e comprensibile quello che sarebbe il grande inganno. Chi vuole può fare ricerche poi per conto suo
http://www.disinformazione.it/nobel_medicina.htm

Sentito pure io da tempo. E conosco bene anche quel sito... sono stato un appassionato di pseudo-storia, contro-cultura e storia della cospirazione.
E' giusto che si sappiano certe cose, ma come dico sempre, non c'è niente di certo. L'unica cosa certa è che la verità ufficiale, fa acqua da tutte le parti. E non solo per quanto riguarda l'HIV. Wink

Loggato


"Sunbeam: il porco per antonomasia." -TermYnator
"Mai sottovalutare la stupidità femminile." -ex ragazza

SunBeam

  • SI-Creators
  • Vate del calamaio
  • *
  • Mi piace = 329
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Residenza: Monte di Venere
  • Posts: 4866
  • WWW

Re: Il Matrix continua - Il mistero dell'HIV

« Risposta #10 del: 10 Ottobre 2008, 10:52:47 »

letture da "novella 2000"

Loggato

Dylan

  • Utente serio
  • Grafomane
  • *
  • Mi piace = 115
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 33
  • Posts: 1104
  • Un seduttore in GH e cravatta
Pagine: [1]   Vai Su
« precedente | successivo »
Salta a: