Per rispondere alle discussioni e partecipare al forum ACCEDI oppure ISCRIVITI !

« precedente | successivo »
Pagine: [1]   Vai Giù
0 Utenti e 1 Visitatore stanno guardando questo topic.
Autore Topic:

Perchè?

(Letto 825 volte)

Perchè?

« del: 14 Dicembre 2011, 21:16:31 »

Premetto che mi sono letto il Termypensiero e ci ho riflettuto abbastanza prima di usare un mio post per chiedere quello che sto per chiedere, una consulenza.
La chiedo per la ragione che sono un uomo e ne ho bisogno.

Il dunque è semplice: credo di essere bloccato, forse emotivamente, e non so perchè.

Prima di darvi uno schema minimo del mio comportamento e del mio atteggiamento mentale, è necessaria una breve descrizione di me. Sono sempre stato un sognatore, un emotivo nel senso sostanziale del termine, cioè uno drogato dalle proprie emozioni, positive o negative che siano. Fisicamente sono sbocciato di brutto dopo la pubertà, prima le femine mi ignoravano o mi trafiggevano crudelmente il petto con i loro rifiuti.
Posso smentire tranquillamente l'assioma freudiano del trauma inconscio che poi ti condiziona per tutta la vita perchè, pronti via, a soli 15 anni una stupenda ragazza del nordeuropa, maggiorenne, si innamora di me e perdo la verginità. Questo avrebbe dovuto spostare il mio interesse di piccolo uomo iniziato al sesso nei confronti delle femine, invece la barra era sempre rivolta alla letteratura, alla politica, alla controcultura insomma al mio ego intellettuale, vero e proprio essere nel mio essere.
E lì sono cresciuto di brutto a 16 anni leggevo Kardec, a 17 Lovecraft e Poe, a 18 Mallarmé e Sartre. Il risultato è la  personalità da dandy tormentato che oggi ultratrentenne ho acquisito, pregna di spirito critico e di vivacità e fantasia, pronta in ogni momento a debordare e a trasmettere scosse improvvise, nel bene e nel male.

Molti che mi conoscono lo chiamano "carisma".

Sto bene da solo, ma non disdegno la compagnia degli altri, ho avuto la sfortuna però di incontrare sempre le persone sbagliate che hanno cercato di affossarmi, peraltro senza riuscirci mai.

E vengo al punto.

Le stramaledette femine.

Non riesco a ottenere quelle che voglio. Badate bene, non è che non riesco a ottenere delle femine, è che la mia dimensione personale, applicata alle femine, non da i risultati che io vorrei.

In particolare riesco:

1- A creare attrazione
2 - A rendermi conto di quale femina è attratta

E qui casca l'asino, cioè io. Sono un totale disastro dopo il punto 2, è quasi assurdo che non riesca quasi mai a concludere con la femina che avevo puntato.
E la cosa assurda è che non ci riesco anche quando la femina che avevo puntato aveva interesse: certo per mia fortuna non è una regola generale, ma inizia ad esserci una certa regolarità.

Vi racconto questa storia, capitatami la scorsa estate, perchè è quella più significativa della media delle mie esperienze. Lei maggiorenne mi manda inequivoci segnali di interesse verbale e non verbale. Io allora inizio a farci un pensierino e provo a darle una chance chiedendole di fare due chiacchiere qualche volta da soli ma lei cambia totalmente atteggiamento come se le avessi detto: cara, voglio spararti in testa domani. Ci vediamo alle 14:00 in punto? La cosa strana è il suo drastico cambiamento, da superattratta a nun te vedo manco co l'occhiali.

In genere dopo il punto secondo mi blocco e divento molto malinconico, come se sapessi che il mio scopo non è di rendere felice la femina ma di farla a pezzi e mangiarla. Inizio a comportarmi stranamente con lei, cercando di ignorarla. Lei lo nota e soffre.
Però so per esperienza che se faccio il primo passo lei potrebbe fuggire.
Discorso diverso per le numerose femine che mi fanno capire il loro interesse e non mi piacciono: invece di sfruttarle le lascio al loro destino.

Ecco, perchè? da dove verrà questo blocco? siate anche duri nei giudizi ma giusti, utili.
Grazie.

Loggato

Reality or Not

  • Partecipante
  • *
  • Mi piace = 1
  • Offline Offline
  • Posts: 20

Re: Perchè?

« Risposta #1 del: 14 Dicembre 2011, 21:44:52 »

Citato da: Reality or Not il 14 Dicembre 2011, 21:16:31

Premetto che mi sono letto il Termypensiero e ci ho riflettuto abbastanza prima di usare un mio post per chiedere quello che sto per chiedere, una consulenza.

Gli elementi che fornisci sono molto scarsi. Sostanzialmente, affermi di non saper rispondere coerentemente al momento in cui una femina si mostra recettiva. Ciò decreta la fine dell'interazione, ed una sorta di senso di colpa che dovresti esporre con più dettagli:
In genere dopo il punto secondo mi blocco e divento molto malinconico, come se sapessi che il mio scopo non è di rendere felice la femina ma di farla a pezzi e mangiarla.
Puoi spiegare meglio questa frase?
Puoi individuare una fascia d'età nella quale questa sensazione si manifesta con regolarità?
Quando capisci che una donna è recettiva, scarti l'ipotesi di una storia perchè non sei stato tu a sceglierla, o perchè semplicemente constati che le donne che si mostrano recettive senza che tu abbia fatto nulla per sedurle, generalmente non ti piacciono?

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10005

Re: Perchè?

« Risposta #2 del: 14 Dicembre 2011, 22:08:09 »

Citato da: TermYnator

In genere dopo il punto secondo mi blocco e divento molto malinconico, come se sapessi che il mio scopo non è di rendere felice la femina ma di farla a pezzi e mangiarla.
Puoi spiegare meglio questa frase?

Ecco, questo è quello che accade nella mia testina: la femina, quella che io decido che mi attrae, mi fa capire di essere rimasta impressionata, interessata in qualche modo.
A questo punto vado nel panico, cioè mi sento come se fossi diventato improvvisamente cieco e muto. Le mie risorse e capacità personali, che ci sono, sono inaccessibili.
Inizio a comportarmi "al contrario": invece di fare quello che vorrei ovvero dirle che anche io ho annusato per bene il suo odore di femina e direttamente prenderla e sbatterla nel primo angolo buio che trovo inizio ad ignorarla apposta, fare finta di non vederla apposta, evitarla apposta, metterla a disagio.
L'altro ieri mi è successo di fare una domanda stupida ad una femina interessante e, credo, interessata e lei c'è rimasta di stucco perchè il mio tono era diventato improvvisamente inquisitorio, cioè era come chiedere che ore sono ma con il tono di suo padre mentre la sgridava.

Citato da: TermYnator il 14 Dicembre 2011, 21:44:52

Puoi individuare una fascia d'età nella quale questa sensazione si manifesta con regolarità?

Se intendi fascia di età delle femine direi più o meno tutte.

Citato da: TermYnator il 14 Dicembre 2011, 21:44:52

Quando capisci che una donna è recettiva, scarti l'ipotesi di una storia perchè non sei stato tu a sceglierla, o perchè semplicemente constati che le donne che si mostrano recettive senza che tu abbia fatto nulla per sedurle, generalmente non ti piacciono?

Domanda estremamente interessante. Direi la prima, nel senso che la donna che mi dimostra un interesse troppo esplicito da subito mi perde parecchio valore e faccio fatica a darle retta.
E quando decido di farlo, mi viene quella sensazione che ho spiegato sopra.

Approfitto della tua competenza di lunga militanza per chiederti direttamente un altro paio di cose, tra loro slegate:

a - Avendo io l'istinto una volta creato interesse e capito che la femina è interessata a dirle subito e direttamente che la voglio e che mi piace e avendolo fatto pochissime volte, questo istinto mi porterebbe a prendere soltanto pali su pali o migliorerebbe la mia situazione?

b - Tu dici giustamente, e io concordo, che il soggetto insicuro è bisognoso (gli americani usano questo termine orrendo needy) e quindi chi ostenta dimostra la sua insicurezza.
Ma se uno invece si piace, e parecchio, e mettiamo si veste esprimendo tutto se stesso in modo da sfoggiare indirettamente se stesso, le femine non penseranno lo stesso che è insicuro?

« Ultima modifica: 14 Dicembre 2011, 22:11:02 da Reality or Not »

Loggato

Reality or Not

  • Partecipante
  • *
  • Mi piace = 1
  • Offline Offline
  • Posts: 20

Re: Perchè?

« Risposta #3 del: 14 Dicembre 2011, 23:06:13 »

Citato da: Reality or Not il 14 Dicembre 2011, 22:08:09

Ecco, questo è quello che accade nella mia testina: la femina, quella che io decido che mi attrae, mi fa capire di essere rimasta impressionata, interessata in qualche modo.
A questo punto vado nel panico, cioè mi sento come se fossi diventato improvvisamente cieco e muto. Le mie risorse e capacità personali, che ci sono, sono inaccessibili.
Inizio a comportarmi "al contrario": invece di fare quello che vorrei ovvero dirle che anche io ho annusato per bene il suo odore di femina e direttamente prenderla e sbatterla nel primo angolo buio che trovo inizio ad ignorarla apposta, fare finta di non vederla apposta, evitarla apposta, metterla a disagio.

Hai un PM. Poi vedi tu se rispondere in pubblico. Ricorda che se non hai almeno 6 post, non puoi rispondere direttamente ad un PM.

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10005
Pagine: [1]   Vai Su
« precedente | successivo »
Salta a: