Per rispondere alle discussioni e partecipare al forum ACCEDI oppure ISCRIVITI !

« precedente | successivo »
Pagine: [1]   Vai Giù
0 Utenti e 1 Visitatore stanno guardando questo topic.
Autore Topic:

oneitis radicata dall'infanzia

(Letto 877 volte)

oneitis radicata dall'infanzia

« del: 11 Ottobre 2013, 16:32:53 »

Salve a tutti, vi racconterò la mia storia per chi avrà voglia di aiutarmi da una situazione che ritengo disperata perché non so più che carta giocarmi.

Sono un ragazzo di 24 anni in oneitis con una "amica" di famiglia da quando avevamo 10 anni, l'ho sempre ritenuta (e la ritengo tutt'ora) la ragazza perfetta per me, sia al livello caratteriale sia dal punto di vista fisico, per farvi capire quanto ho il cervello devastato questa cotta infantile ha pregiudicato i miei gusti attuali femminili: mi piacciono tutte le ragazze che hanno un fisico simile al suo.

All'età di 15 anni stufo di quel rapporto di sola amicizia decisi di provarci esplicitamente (anche a causa di presunti segnali che mi mandava) confessandole i miei sentimenti ricevendo la scontata risposta "ti vedo solo come un amico, non so più come dovrò comportarmi con te" facendomi addirittura sentire in colpa, ma a me non interessava nulla del rifiuto, sapevo di averci provato, sapevo anche sarei stato respinto e che non mi sarei creato eventuali rimpianti.

Dal quel momento si creò il gelo per ben 2 anni in cui evitavo di vederla sentirla etc perchè mi faceva stare male, nel frattempo ferito dal rifiuto e consapevole che parte del rifiuto derivava dal mio aspetto fisico (ero un ciccione sfigato di 110 kili Cheesy impacciato romanticone e sdolcinato), cominciai a migliorare me stesso facendo dieta e piscina arrivando a perdere 15kg convinto che prima o poi lei mi avesse notato e che sarei riuscito a raggiungere il mio obiettivo: quello di stare con lei.

Successivamente si riallacciò "il rapporto di amicizia", lei si era fidanzata, decisi quindi di lasciar perdere di tornare alla carica perché avrei perso solo altro tempo, cominciai a guardare altrove e mi fidanzai, relazione che durò ben 2 anni, alla fine troncata da me perché ritenuta un vicolo cieco.

Dopo un anno si lasciò anche lei, uscita da una storia di 3 anni in cui lui le ha fatto le corna con la migliore amica di lei, e fu qui che la nostra amicizia divenne molto profonda come mai: lei distrutta, io dispiaciuto (le voglio un bene dell'anima) la aiutai volentieri a superare questa fase, parlavamo tutto il giorno, telefonate, messaggi, andò avanti per mesi, mi diceva frasi "magari fossero tutti come te i ragazzi", "tu sai come farmi stare bene, quando farmi ridere, quando contraddirmi", "ti adoro", in poche parole, ero spacciato, stavo ricadendo nella buca più profonda di sempre.

Decisi di continuare l'opera di miglioramento di me stesso spinto anche dall'idea di dover rientrare presto in gioco (sono rimasto single fino ad oggi, ho avuto giusto qualche storiella intima Cheesy ma null di serio) nel momento in cui lei si fosse ristabilita (non volevo mica approfittare della sua debolezza).

Ricevendo apprezzamenti da lei dopo la mia trasformazione fisica (arrivato a 85kg x 1:84) mi decisi: sono un ragazzo caratterialmente amato da lei, se le piaccio anche fisicamente il gioco è fatto! ora devo solo creare attrazione, le chiesi quindi di uscire "da soli" per fare un giro, ma rifiutò con una scusa, glielo richiesi dopo due settimane ma nulla: evitava di proposito di fare una uscita da sola con me. C'è da premettere che non ci vediamo spesso perché lei va in uni fuori città e quelle poche volte che viene e ci vediamo c'è di mezzo anche mia sorella (sua amica).

Lei mi sgama, o almeno mi fa capire che lei sa che io in realtà dietro stavo tramando qualcosa, mi fa la ramanzina che non vuole che io provi attrazione fisica verso di lei, che noi siamo solo amici e che vuole che restiamo tali.

Arriviamo ad "oggi" o almeno gli ultimi mesi e la parte più interessante:
Continuano i discorsi piccanti, mi manda le sue foto nei camerini per farsi consigliare, e sono cose che mi mandano nel pallone sempre di più perché mi fa piacere sentirla, sapere che mi pensa.
Ultimamente mi sto frequentando con un altra ragazza, sia come passatempo sia come tentativo dal farla ingelosire e spezzare il forte potere che lei ha su di me, raccontandole allora della mia ultima frequentazione è arrivata a tirarmi una battutina scherzosa del tipo " io lo so che tu mi amerai sempre, ma è anche giusto che ti sfoghi sessualmente con altre ragazze ", cioè siamo come due fidanzati ma non devo desiderare di scoparmela nè si fa scopare!

Non mi da modo di essere fisicamente presente nella sua vita e di attuare le tecniche di seduzione, mi tiene sempre distante (ci sentiamo sempre al cell, sms, o ci vediamo di persona sempre con mia sorella attaccata al piede), non mi presenta le sue amiche, non mi invita nella sua comitiva.

Ad oggi, sono 5 giorni che non mi faccio sentire e ci soffro troppo, credo di amarla, ho investito troppe troppe energie da piccolo fino ad oggi per migliorare me stesso, anche se è vero che questi miglioramenti sono serviti e serviranno a prescindere da lei, ma io sono una persona determinata e la testa mi va sempre li, odio essere rifiutato, odio perdere!

Chiedo consigli sul modo di agire...  grazie di cuore a chi ha letto tutto e cercherà di aiutarmi

« Ultima modifica: 11 Ottobre 2013, 16:48:34 da El_Condor »

Loggato

El_Condor

  • Osservatore
  • *
  • Mi piace = 0
  • Offline Offline
  • Posts: 3

Re: oneitis radicata dall'infanzia

« Risposta #1 del: 11 Ottobre 2013, 20:12:11 »

Citato da: El_Condor il 11 Ottobre 2013, 16:32:53

" io lo so che tu mi amerai sempre, ma è anche giusto che ti sfoghi sessualmente con altre ragazze ",

Quanto basta per farmi urlare il nome della più nota scoperta di Schliemann ...

Ma a parte ciò, la colpa non è sua ma tua che gli dai questo potere.  Ti pare normale che uno che scrive "Odio essere rifiutato, odio perdere..." vada a battere in naso proprio dove sa che sarà rifiutato?
Il tuo è ormai diventato possesso: stai li con la fissa di questa che ti rifiuta e non pensi ad altro chw al modo per farti accettare...
Non creerai attrazione in questa persona (l'attrazione, a dispetto di quanto potrà dirti qualche morto di seghe, non si crea nelle donne) ma la farai solo sentire autorizzata a trattarti come le pare. Tanto te digerisci tutto!
Odio parlare così alle persone, ma questa da un dito si è presa un braccio.

Basta pensare a lei: devi pensare a te. Vuoi veramente che questa si mangi le mani e capisca l'errore che ha fatto? Falle scoprire che sei attraente.
E' c'è un solo modo per farlo: scoparti almeno 10 donne meglio di lei.
Otterrai due risultati: alla seconda che trombi meglio di lei, scoprirai che anche lei ha dei difetti.
Alla decima, sarà lei a cercare te e tu a rifiutarla perchè hai scoperto di poter avere di meglio.

Riprenditi!

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Online Online
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10005

Re: oneitis radicata dall'infanzia

« Risposta #2 del: 11 Ottobre 2013, 20:16:57 »

Citato da: TermYnator il 11 Ottobre 2013, 20:12:11

Quanto basta per farmi urlare il nome della più nota scoperta di Schliemann ...

Concordo... anche se son dovuto andare su guichipidia per trovarlo  Laughing

Loggato

Alessio84

  • Scribacchino
  • *
  • Mi piace = 3
  • Offline Offline
  • Posts: 53

Re: oneitis radicata dall'infanzia

« Risposta #3 del: 11 Ottobre 2013, 20:23:22 »

Grazie per aver risposto!

Non ho capito questa frase:

Citato da: TermYnator il 11 Ottobre 2013, 20:12:11

Quanto basta per farmi urlare il nome della più nota scoperta di Schliemann ...

Citato da: TermYnator il 11 Ottobre 2013, 20:12:11

E' c'è un solo modo per farlo: scoparti almeno 10 donne meglio di lei.
Otterrai due risultati: alla seconda che trombi meglio di lei, scoprirai che anche lei ha dei difetti.
Alla decima, sarà lei a cercare te e tu a rifiutarla perchè hai scoperto di poter avere di meglio.

Con l'attuale ragazza con cui sto uscendo (lei lo sa) potrei benissimamente scoparmela, o potrei benissimamente dirle che ci vado a letto (ovviamente intavolando la cosa nel discorso giusto), faccio bene? può servire a qualcosa? o me ne sbatto e non le dico nulla?

Loggato

El_Condor

  • Osservatore
  • *
  • Mi piace = 0
  • Offline Offline
  • Posts: 3

Re: oneitis radicata dall'infanzia

« Risposta #4 del: 11 Ottobre 2013, 20:32:06 »

Citato da: El_Condor il 11 Ottobre 2013, 20:23:22

Con l'attuale ragazza con cui sto uscendo (lei lo sa) potrei benissimamente scoparmela, o potrei benissimamente dirle che ci vado a letto (ovviamente intavolando la cosa nel discorso giusto), faccio bene? può servire a qualcosa? o me ne sbatto e non le dico nulla?

Forse non hai afferrato bene: metti sempre al centro dell'attenzione lei... prova a pensare solo a te stesso, almeno in questo caso. Non dirle niente, non cercarla, non rispondere alle sue chiamate, ai suoi sms. Fregatene di lei, dimenticala. Forse tra qualche settimana, mese, anno, sarà lei a essere in one-itis con te, ma tu probabilmente, se avrai lavorato bene, a quel punto potresti rifiutarla perché hai trovato di meglio.
Buona fortuna

Loggato

Alessio84

  • Scribacchino
  • *
  • Mi piace = 3
  • Offline Offline
  • Posts: 53

Re: oneitis radicata dall'infanzia

« Risposta #5 del: 11 Ottobre 2013, 20:36:17 »

Citato da: Alessio84 il 11 Ottobre 2013, 20:32:06

Forse non hai afferrato bene: metti sempre al centro dell'attenzione lei... prova a pensare solo a te stesso, almeno in questo caso. Non dirle niente, non cercarla, non rispondere alle sue chiamate, ai suoi sms. Fregatene di lei, dimenticala. Forse tra qualche settimana, mese, anno, sarà lei a essere in one-itis con te, ma tu probabilmente, se avrai lavorato bene, a quel punto potresti rifiutarla perché hai trovato di meglio.
Buona fortuna

Grazie per aver risposto, ci penserò su  Wink , accetto anche altri consigli...

Loggato

El_Condor

  • Osservatore
  • *
  • Mi piace = 0
  • Offline Offline
  • Posts: 3

Re: oneitis radicata dall'infanzia

« Risposta #6 del: 11 Ottobre 2013, 23:40:54 »

Citato da: El_Condor il 11 Ottobre 2013, 20:23:22

Non ho capito questa frase:
Con l'attuale ragazza con cui sto uscendo (lei lo sa) potrei benissimamente scoparmela, o potrei benissimamente dirle che ci vado a letto (ovviamente intavolando la cosa nel discorso giusto), faccio bene? può servire a qualcosa? o me ne sbatto e non le dico nulla?

Amico mio, non devi dirlo: devi farlo!
Non serve tanto per far appassionare la tua one itis, quanto per risvegliare in te l'orgoglio e la voglia di vivere libero.

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Online Online
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10005
Pagine: [1]   Vai Su
« precedente | successivo »
Salta a: