Vengo subito al dunque, schematicamente.

C'è questa dolce fanciulla, con la quale complice la vicinanza lavorativa entro in confidenza dopo un po'. Lei è molto bella, molto chiusa, diciamo elitaria, difficilmente da confidenza.
Probabilmente creo un minimo di rapport e vedo che lei sembra non essere indifferente, ma essendo lei in un momento molto negativo della sua vita decido di andare cauto.
Alla fine mi propongo per un day1 dicendo che ci tengo (non resisto, ogni volta che mi capita l'occasione devo andare di diretto).
Lei rifiuta adducendo futili motivazioni.
Non ci vediamo per parecchio, poi dopo un anno la chiamo e constatato il suo netto gradimento riprovo a chiedere di vederci in maniera informale, per chiacchierare: altro rifiuto.
Poi capita che le cose tornino come prima lavorativamente ed eccoci ad oggi.

Tutte le volte io ho decodificato di non esserle indifferente in qualche modo, possibile che abbia sempre sbagliato? sono io che non la voglio capire? scommetto che eventuale terza richiesta andrebbe nel vuoto... cosa sbaglio, se sbaglio?