Per rispondere alle discussioni e partecipare al forum ACCEDI oppure ISCRIVITI !

« precedente | successivo »
Pagine: [1]   Vai Giù
0 Utenti e 1 Visitatore stanno guardando questo topic.
Autore Topic:

L'inizio di un amore

(Letto 1387 volte)

L'inizio di un amore

« del: 01 Marzo 2012, 17:51:26 »

Caro Termy, chiedo un tuo parere su una situazione che mi sta coinvolgendo in questo periodo.
Perdona il disturbo, ma davvero non conosco un'altra persona che riuscirebbe a capire fino in fondo cosa intendo.

La faccio breve: ho conosciuto e sto frequentando da pochi giorni una ragazza che mi ha fatto letteralmente perdere la brocca, portandomi a rivedere sotto un'altra luce anche i miei precedenti rapporti amorosi, dei quali mi trovo a mettere in dubbio di aver effettivamente amato. Sono già stato innamorato, infatti, ma con una diversa intesità, non avevo mai provato tale totalità e non credevo sinceramente mi sarebbe mai successo. Lei mi corrisponde appieno, inutile dire che sto vivendo un periodo magico e stupefacente.
Con mia soddisfazione sto riuscendo, pur con grande impegno, a mantenere il giusto controllo dei nervi, a non lasciarmi andare a tutti quegli atteggiamenti sbagliati che ammazzerebbero la seduzione sul nascere e che ben descrivi nei tuoi post: gelosia, ossessività, ansia.

Mi trovo, tuttavia, a dover gestire un'emozione nuova: ho paura di perderla. Per quanto lei al momento non mi dia per nulla motivo di temere, voglio però impostare da subito una relazione "sana" affinché poi proceda sui giusti binari. Sono convinto infatti che l'impostazione della relazione e del rapporto si dia all'inizio, fase in cui bisogna perciò stare particolarmente attenti.
La mia tendenza naturale mi ha portato a "giocare pesante", ovvero a dare il mio massimo, da subito, sia per quanto riguarda le componenti maschili della mia personalità (segnali di protezione, dominanza "positiva" verso terze persone, sesso fatto in maniera anche un po' rude), sia per quelle femminili (empatia, coccole a non finire, segnali di rassicurazione temporali, abolizione dei classici atteggiamenti da maschio coglione).
Lei ha risposto ottimamente, mi ha lasciato pressoché subito "entrare" dentro di lei, togliendo quelle barriere psicologiche che si mettono per paura, mi ha dato fiducia e si è sciolta in pochissimo tempo. In questo momento pende dalle mia labbra e la sento coinvolta quanto me, ma sono passati pochi giorni e pertanto non posso certo cantare vittoria, so bene che basta un niente perché tutto svanisca.

Per arrivare al dunque, ciò che mi sta facendo profondamente riflettere è questo: qual è la corretta interpretazione del mio comportamento?

A. Sto facendo la cosa migliore, sto dando il massimo e poi si vedrà.
B. Sto sparando subito tutte le mie cartucce, invece dovrei essere più furbo e strategico, darle subito pochino e poi sempre di più, farmi un po' desiderare, fare un po' il figo, allontanare e avvicinare, giocare insomma.

Io mi sento di fare quello che sto facendo, di essere "pulito" e totale, però negli ultimi periodi mi sono tolto moltissime soddisfazioni con le ragazze facendo "B": insomma, non capisco se dando tutto subito sono un figo o un coglione.

A favore della tesi "A" gioca questa tua frase "Se quindi volete veramente sedurre una donna, non abbiate timore di darle sicurezza, di farla sentire unica, di farla sentire come nessun uomo l'ha mai fatta sentire", a favore della "B" però gioca il principio - sempre tuo - del "nutrire senza saziare".

Grazie.
Sono al settimo cielo e, pertanto, non ho nei confronti di questa situazione e il giusto distacco per rispondermi da solo, voglio affrontare la situazione nel modo migliore possibile, per poi non avere rimpianti dopo.

Loggato

Edward Bloom

  • Consigliere
  • *
  • Mi piace = 160
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 34
  • Posts: 410

Re: L'inizio di un amore

« Risposta #1 del: 01 Marzo 2012, 18:23:23 »

Citato da: Edward Bloom il 01 Marzo 2012, 17:51:26

Caro Termy, chiedo un tuo parere su una situazione che mi sta coinvolgendo in questo periodo.
Perdona il disturbo, ma davvero non conosco un'altra persona che riuscirebbe a capire fino in fondo cosa intendo.

Nessun disturbo: ho invitato chiunque abbia un problema che può in qualche modo essere alleviato con un mio parere, a postare direttamente in questa sezione. Sarà per me un piacere rispondere. Nel tuo caso, visto lo spessore dei contenuti che posti, oltre al piacere c'è l'onore di ricevere un quesito Wink

Citazione

Per arrivare al dunque, ciò che mi sta facendo profondamente riflettere è questo: qual è la corretta interpretazione del mio comportamento?

A. Sto facendo la cosa migliore, sto dando il massimo e poi si vedrà.
B. Sto sparando subito tutte le mie cartucce, invece dovrei essere più furbo e strategico, darle subito pochino e poi sempre di più, farmi un po' desiderare, fare un po' il figo, allontanare e avvicinare, giocare insomma.

Io mi sento di fare quello che sto facendo, di essere "pulito" e totale, però negli ultimi periodi mi sono tolto moltissime soddisfazioni con le ragazze facendo "B": insomma, non capisco se dando tutto subito sono un figo o un coglione.

IMHO bisogna fare un distinguo importante fra la fase di seduzione, è la fase di coppia conclamata.
Nel momento della seduzione, è bene stupire. E per farlo, è bene creare un TV che sia il più possibile comprensibile e completo. Ciò, equivale a mostrare la propria persona nei dettagli.
I fase di coppia invece, i dettagli sulla persona passano in secondo piano a favore del modo con cui la persona applica i dettagli che in qualche modo ha fatto in modo di evidenziare.
Il comportamento è quindi diverso, ma del tutto naturale.
Mentre nella fase di seduzione l'interesse principale è l'esperienza di conoscersi, nella fase di coppia è vivere assieme nuove esperienze.  E' quindi normale il gettare molta carne al fuoco finchè non si manifesta il reciproco innamoramento. Una volta entrati in questo stato fantastico, occorre vivere con l'amata nuove esperienze. All'eccezionalità del momento della conoscenza, va quindi sostituita l'eccezionalità del vivere il presente in due. In pratica, questo significa proporre cose da fare, ed essere aperti alle proposte del partner.
Le tue abilità, emergeranno dal quotidiano, ed il tuo TV, diventerà un Terrotorio Reale, dal quale la tua donna non vorrà mai uscire: perchè ci si trova bene, e perchè vive meglio.

Quello che non va mai fatto, è l'elencare capacità: è una cosa che può funzionare marginalmente in fase di seduzione, ma protratta in fase di coppia è devastante. Le tue capacità dovranno emergere dal quotidiano, senza creare situazioni ad hoc per farti dire "bravo". Questo è il modo naturale con il quale una persona sicura di se interagisce con il mondo.

La paura di perderla è perfettamente naturale: l'interazione è giovane, e dai un valore enorme alla persona.
Ma devi entrare nell'ottica di idee che quello che hai mostrato, è Edward, non un altro. Quindi, le sei gia piaciuto, e non devi dimostrare altro. Quindi vivi questa storia, crea esperienze comuni, e godetevi il quotidiano abbellito dal non essere più soli.
Se ci sono problemi, non lasciare sottintesi: è inutile star li a giocare quando ci sono di mezzo sentimenti.
Spiega le tue ragioni (potresti anche cambiare punto di vista), e trovate soluzioni comuni.
Se qualcosa non è chiaro, approfondisco.
Spero di esserti stato utile Wink

« Ultima modifica: 01 Marzo 2012, 18:27:30 da TermYnator »

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10005

Re: L'inizio di un amore

« Risposta #2 del: 02 Marzo 2012, 12:45:54 »

Grazie Termy, ho riflettututo con attenzione sulle tue parole.
Continuerò a dare il 100% e a non fare giochetti, cercando di mostrarmi per quello che sono senza maschere, senza trucchi che altro non sono se non corazze, anche se non è semplice, ci vuole coraggio a mostrarsi "a nudo", ma del resto se mi sono fatto il culo per tutti questi anni su me stesso è proprio per avere la forza di giocarmi al meglio questo tipo di sfide.
Approfitto della tua disponibilità per scriverti gli aggiornamenti nei prossimi giorni e chiederti qualche altra dritta. Spero prima o poi di poter in qualche modo sdebitarmi per tutto quello che, indirettamente con i tuoi scritti ma anche direttamente quando ho avuto bisogno, hai fatto per la mia vita: non so come sarei finito altrimenti.

Loggato

Edward Bloom

  • Consigliere
  • *
  • Mi piace = 160
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 34
  • Posts: 410

Re: L'inizio di un amore

« Risposta #3 del: 02 Marzo 2012, 12:55:17 »

Citato da: Edward Bloom il 02 Marzo 2012, 12:45:54

Grazie Termy, ho riflettututo con attenzione sulle tue parole.
Continuerò a dare il 100% e a non fare giochetti, cercando di mostrarmi per quello che sono senza maschere, senza trucchi che altro non sono se non corazze, anche se non è semplice, ci vuole coraggio a mostrarsi "a nudo", ma del resto se mi sono fatto il culo per tutti questi anni su me stesso è proprio per avere la forza di giocarmi al meglio questo tipo di sfide.

Meglio nudi, che con le mutande di un altro...  Laughing

Citazione

Approfitto della tua disponibilità per scriverti gli aggiornamenti nei prossimi giorni e chiederti qualche altra dritta.

Ci conto Wink

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10005

Re: L'inizio di un amore

« Risposta #4 del: 10 Aprile 2012, 16:24:11 »

Eccomi qui, 40 giorni dopo, sempre rincoglionito come ogni innamorato che si rispetti!  Grin Grin
A parte gli scherzi, continuo a vivere un sogno e a benedire ogni singolo post di qualità letto su questo forum. Sicuramente ora sono più lucido e questo mi consente di godermi meglio la storia, anche se ovviamente non si può mai abbassare la guardia.
Detto questo, caro Termy, vorrei farti una domanda su un aspetto un po' particolare della seduzione, sul quale credo non si mai stato scritto nulla in passato da nessuno: la creazione/gestione del circolo sociale durante una relazione stabile.

Ora, alcune cose sono evidenti: alle abitudine del singolo si affiancano, se non sostituiscono, nuove routine di coppia. È come se, a mio avviso, nascesse un nuovo soggetto, che è la coppia, il quale a sua volta cerca nuove amicizie e i propri equilibri. Non a a caso Alberoni definisce l'innamoramento come "stato nascente di un movimento collettivo a due": la coppia è quindi un movimento collettivo, un "soggetto" vero e proprio.

Mi sembra altrettanto evidente che certe amicize debbano necessariamente essere, quantomeno, ridimensionate, perché non più funzionali, come ad esempio la compagnia di amici soli uomini con cui si andava a rimorchiare. Anche l'accettazione della coppia è diversa rispetto a quella del single: per quanto uno si sforzi di non far pesare agli altri la propria condizione di appagamento sessuale e sentimentale, facendo finta di nulla o quasi e non tempestando la propria bacheca di facebook di cuoricini o canzoni sdolcinate, molti rapporti cambiano, perché muta il modo di flirtare con le ragazze, si riducono gli interessi e gli obiettivi in comune con i ragazzi, e spesso gli amici (non quelli veri-veri, ma si sa che quelli veri-veri sono pochi) nutrono una - comprensibile - punta di segreta invidia.

In sintesi, osservando il mondo esterno, mi sembra di poter affermare che il corso naturale delle cose porti nel tempo la coppia a circondarsi di poche coppiette, affini per gusti e caratteristiche, e a tagliare fuori più o meno tutto il resto. Questo però conduce, inesorabilmente, ad una forte chiusura verso il mondo, ed infatti il 98% delle coppie adulte sono composte da zombie, da soggetti che a furia di porre limiti al proprio rapporto per pigrizia, insicurezza e gelosia si trovano a vivere rinchiusi in un metro quadrato.

Mi chiedo, e ti chiedo: qual è la soluzione, ovvero il modo migliore di affrontare questa cosa? Alcune coppie risolvono vivendo in sostanza da single, mantengono ampi spazi di autonomia, vedendosi magari una volta a settimana, ma a me questo non piace, è contrario alla mia idea di coppia, con la mia ragazza voglio fare tutto insieme, seppur nei limiti della ragionevolezza (è ovvio che ci starà sempre l'aperitivo con gli amici o la cena coi colleghi, anche se, potendo, vorrei portarla con me anche in tali occasioni). Voglio, insomma, poter condividere momenti, obiettivi, situazioni, voglio costruire una visione duale del mondo e della vita, voglio tentare di sperimentare l'amore nella forma che personamente ritengo più elevata e completa, mentre una storia part-time mi servirebbe a poco, allora preferirei tornare single e dedicarmi a trombare in giro.

Tutta questa premessa per una semplice domanda: cosa ne pensi?
Grazie, ancora una volta.

Loggato

Edward Bloom

  • Consigliere
  • *
  • Mi piace = 160
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 34
  • Posts: 410

Re: L'inizio di un amore

« Risposta #5 del: 10 Aprile 2012, 16:44:16 »

Domanda difficile, perchè molto legata alla natura caratteriale dei membri della coppia.
In generale, una persona equilibrata possiede dei circoli sociali multipli. Tra questi, c'è quasi sempre il branco goliardico, talvolta costituito dalla sola spalla.
Il branco goliardico generalmente tenta di risucchiarti al suo interno. Non esplicitamente, ma con inviti e prese per il culo se non esci con loro. Questo atteggiamento, prima o poi crea tensione con la tua donna. Il branco infatti, tende ad escludere la tua compagna, dal momento che il tuo comportamento di coppia la rende un branco concorrente.
Dal momento però che il branco goliardico dovrebbe essere una condizione transitoria nella formazione del maschio, va da se che tale branco vada messo da parte: è incompatibile con la figura di maschio realizzato nella coppia.
Si può frequentare grossi circoli sociali se se ne conoscono, e perdersi in essi in modo più o meno superficiale. E' anche vero però, che è estremamente difficile trovare coppie con cui passare del tempo in gruppo: se è gia difficile trovare una persona con cui legare da single, per soddisfare la coppia bisogna trovare una coppia che leghi allo stesso modo con i due partners in cerca di aperture.

La soluzione che ho adottato io, è quella di trasformare un po' l'arte del rimorchio, trasferendola sulla coppia. In sintesi, ti organizzi in modo da fare cose divertenti, e quando vedi una coppia che ti sembra carina la apri. Se hai visto bene, le due coppie cominciano a fare cose in comune, e si creano amicizie parallele: uomo/uomo donna /donna, che eliminano quei momenti un po' "pesanti" nei quali si sente la necessità di far qualcosa per non annoiarsi. Il seguito è abbastanza evidente: le due coppie si scambiano interessi, fanno cose nuove o rifanno cose vecchie con un nuovo spirito, e c'è un nuovo momento di rivoluzione all'interno delle singole coppie.
Quindi, in sostanza, si tratta di riprendere in mano il TM. Che a differenza di sistemi che non possono essere usati in ambito uomo uomo (fai un neg ad un uomo, e vedi come finisce), può essere usato per socializzare. Va da se, che sebbene chi "rimorchia" sarai tu (o lei, una volta che comincia ad apprezzare questo modo di socializzare), i raccontini oggetto di TV non saranno più quelli che riguardano te, ma la coppia. La coppia diventa quindi a tutti gli effetti un soggetto rimorchiante, ma asessuato.
Per questo tipo di "rimorchio" valgono le stesse regole comportamentali che descrivo nel TM per l'interazione uomo donna. Persino i momenti sono identici. Manca ovviamente la chiusura.... Laughing

« Ultima modifica: 10 Aprile 2012, 16:49:13 da TermYnator »

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10005

Re: L'inizio di un amore

« Risposta #6 del: 10 Aprile 2012, 17:07:11 »

Citato da: TermYnator il 10 Aprile 2012, 16:44:16

Dal momento però che il branco goliardico dovrebbe essere una condizione transitoria nella formazione del maschio, va da se che tale branco vada messo da parte: è incompatibile con la figura di maschio realizzato nella coppia.

Sono d'accordo, me ne sono liberato da tempo, con sporadiche eccezioni.

Citato da: TermYnator il 10 Aprile 2012, 16:44:16

se è gia difficile trovare una persona con cui legare da single, per soddisfare la coppia bisogna trovare una coppia che leghi allo stesso modo con i due partners in cerca di aperture.

Esatto, è un incastro di quattro ingranaggi anziché due.

Citato da: TermYnator il 10 Aprile 2012, 16:44:16

La soluzione che ho adottato io, è quella di trasformare un po' l'arte del rimorchio, trasferendola sulla coppia. In sintesi, ti organizzi in modo da fare cose divertenti, e quando vedi una coppia che ti sembra carina la apri. Se hai visto bene, le due coppie cominciano a fare cose in comune, e si creano amicizie parallele: uomo/uomo donna /donna, che eliminano quei momenti un po' "pesanti" nei quali si sente la necessità di far qualcosa per non annoiarsi. Il seguito è abbastanza evidente: le due coppie si scambiano interessi, fanno cose nuove o rifanno cose vecchie con un nuovo spirito, e c'è un nuovo momento di rivoluzione all'interno delle singole coppie.
Quindi, in sostanza, si tratta di riprendere in mano il TM. Che a differenza di sistemi che non possono essere usati in ambito uomo uomo (fai un neg ad un uomo, e vedi come finisce), può essere usato per socializzare. Va da se, che sebbene chi "rimorchia" sarai tu (o lei, una volta che comincia ad apprezzare questo modo di socializzare), i raccontini oggetto di TV non saranno più quelli che riguardano te, ma la coppia. La coppia diventa quindi a tutti gli effetti un soggetto rimorchiante, ma asessuato.
Per questo tipo di "rimorchio" valgono le stesse regole comportamentali che descrivo nel TM per l'interazione uomo donna. Persino i momenti sono identici. Manca ovviamente la chiusura.... Laughing

Così facendo socializzi, mantieni viva l'attrazione, crei sempre nuove "avventure", conduci tu il gioco, fai provare anche a lei l'emozione di aprire sconosciuti, dai continuamente prova concreta di valore, sfavorisci il desiderio di entrambi di tradire, non hai bisogno di coppiette stabili a cui legarti, usi la coppia non come punto di arrivo ma punto di partenza, come strumento di scoperta del mondo, e non come inizio di un inesorabile declino.
Mi hai appena aperto un mondo.
Sei un genio, dico sul serio.

Loggato

Edward Bloom

  • Consigliere
  • *
  • Mi piace = 160
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 34
  • Posts: 410

Re: L'inizio di un amore

« Risposta #7 del: 10 Aprile 2012, 18:50:36 »

Citato da: Edward Bloom il 10 Aprile 2012, 17:07:11

Sei un genio, dico sul serio.

Grazie.  Wink

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10005
Pagine: [1]   Vai Su
« precedente | successivo »
Salta a: