Per rispondere alle discussioni e partecipare al forum ACCEDI oppure ISCRIVITI !

« precedente | successivo »
Pagine: [1] 2   Vai Giù
0 Utenti e 1 Visitatore stanno guardando questo topic.
Autore Topic:

Il grande mistero che risiede negli oscuri meandri dell'attrazione

(Letto 1478 volte)

Il grande mistero che risiede negli oscuri meandri dell'attrazione

« del: 17 Novembre 2010, 16:11:04 »

Buongiorno a tutti.
Ho una domanda di relativamente facile risposta ma che in realtà è il tassello a cui non sono ancora riuscito a dare la collocazione.
Sto cercando di dare una sequenza logica alle mie azioni, se prima di conoscere questo mondo il mio agito era completamente dettato dal caso, ora mi ritrovo ad avere una discreta cognizione di causa di ciò che faccio.
L'unico passaggio che non sono ancora riuscito a metabolizzare risiede appunto in questa sezione del forum, ovvero come creare attrazione in una ragazza.
Sono molto bravo a fare comfort, e infatti mi ritrovo ad avere allo stato attuale più amicizie femminili che maschili, ma a quanto pare la mia debolezza risiede nel non riuscire a farmi vedere come partner sessuale.
Ho letto il TM ovviamente, oltre al MM, quindi sono a conoscenza di ciò che queste tecniche esplicano, ma sono comunque bloccato, non riesco a trovare la chiave di volta della situazione.
Ho trovato l'idea del TV decisamente valida, ma sarà la mia attuale scarsa abilità nel riuscire ad indurlo e la mia assoluta incapacità a mantenerlo, ma al momento mi trovo di fronte ad un vicolo cieco.
Possibili consigli o soluzioni? Solo questione di tempo?
Effettivamente non sono mai stato un grande animale sociale, e certe dinamiche ho iniziato a comprenderle solo da poco, ma d'altra parte odio ripararmi dietro un dito e preferisco sentirmi dire che devo muovermi.

Loggato

Xaemar

  • Scribacchino
  • *
  • Mi piace = 1
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 61

Re: Il grande mistero che risiede negli oscuri meandri dell'attrazione

« Risposta #1 del: 17 Novembre 2010, 16:16:36 »

Citato da: Xaemar il 17 Novembre 2010, 16:11:04

Buongiorno a tutti.
Ho una domanda di relativamente facile risposta ma che in realtà è il tassello a cui non sono ancora riuscito a dare la collocazione.

Il momento in cui comincerai a "creare attrazione" sarà quello nel quale smetterai di pensare che occorra "creare attrazione".
Più tenti di "creare attrazione", più risulterai falso, costruito ed innaturale.
L'unica cosa che devi fare, è mostrare te stesso: l'attrazione verrà da se.

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Online Online
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10004

Re: Il grande mistero che risiede negli oscuri meandri dell'attrazione

« Risposta #2 del: 17 Novembre 2010, 17:56:45 »

Citato da: TermYnator il 17 Novembre 2010, 16:16:36

Il momento in cui comincerai a "creare attrazione" sarà quello nel quale smetterai di pensare che occorra "creare attrazione".
Più tenti di "creare attrazione", più risulterai falso, costruito ed innaturale.
L'unica cosa che devi fare, è mostrare te stesso: l'attrazione verrà da se.

Però se il mezzo è il 'mostrare me stesso', e magari il mio 'me stesso' non risulta seducente, non posso uscire da questo circolo vizioso.
Mi spiego meglio: poniamo che io sia di fondo una persona timida e riservata, non scafata che tende a non esporsi. L'assumere questa tipologia di atteggiamenti non vedo come possa essere propedeutico al risultato che sto cercando di ottenere.

Loggato

Xaemar

  • Scribacchino
  • *
  • Mi piace = 1
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 61

Re: Il grande mistero che risiede negli oscuri meandri dell'attrazione

« Risposta #3 del: 17 Novembre 2010, 19:21:56 »

Citato da: Xaemar il 17 Novembre 2010, 17:56:45

Però se il mezzo è il 'mostrare me stesso', e magari il mio 'me stesso' non risulta seducente, non posso uscire da questo circolo vizioso.
Mi spiego meglio: poniamo che io sia di fondo una persona timida e riservata, non scafata che tende a non esporsi. L'assumere questa tipologia di atteggiamenti non vedo come possa essere propedeutico al risultato che sto cercando di ottenere.

Ma infatti più che preoccuparti di "creare attrazione", devi migliorare te stesso:
questo te stesso migliorato creerà attrazione.
E' semplice, e non c'è circolo vizioso.
Il circolo vizioso si instaura nella persona "timida riservata e non scafata", quando gli imponi quei comportamenti che secondo la letteratura comune "generano attraction".
Perchè la persona che descrivi, non riesce ad attuarli, e cade nel ridicolo.
Prova invece a migliorare te stesso, la tua capacità espositiva, il tuo look, il tuo modo di raccontarti e presentarti, e noterai che tutte le tue qualità sociali migliorano.
Conseguentemente, migliora il tuo impatto sulle donne, e comincerai a notare comportamenti diversi in loro.

E come ho sempre detto a chi cerca la pillola magica, prima si lavora, poi si va sul campo.

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Online Online
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10004

Re: Il grande mistero che risiede negli oscuri meandri dell'attrazione

« Risposta #4 del: 17 Novembre 2010, 19:41:39 »

Citato da: Kleos il 17 Novembre 2010, 18:50:25

Magari non c'entra, ma... come stai messo a look?  Smile

Presumo abbastanza bene, mi capita di vedere occhiate di sfuggita da parte di ragazze che frequentano i luoghi che frequento io stesso (per esempio la biblioteca della mia uni).
Sono sull'alternativo ricercato, evito di scadere nel ridicolo ma al contempo so essere abbastanza distinguibile dalla massa.

Loggato

Xaemar

  • Scribacchino
  • *
  • Mi piace = 1
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 61

Re: Il grande mistero che risiede negli oscuri meandri dell'attrazione

« Risposta #5 del: 17 Novembre 2010, 19:49:07 »

Citato da: TermYnator il 17 Novembre 2010, 19:21:56

Ma infatti più che preoccuparti di "creare attrazione", devi migliorare te stesso:
questo te stesso migliorato creerà attrazione.
E' semplice, e non c'è circolo vizioso.
Il circolo vizioso si instaura nella persona "timida riservata e non scafata", quando gli imponi quei comportamenti che secondo la letteratura comune "generano attraction".
Perchè la persona che descrivi, non riesce ad attuarli, e cade nel ridicolo.
Prova invece a migliorare te stesso, la tua capacità espositiva, il tuo look, il tuo modo di raccontarti e presentarti, e noterai che tutte le tue qualità sociali migliorano.
Conseguentemente, migliora il tuo impatto sulle donne, e comincerai a notare comportamenti diversi in loro.

E come ho sempre detto a chi cerca la pillola magica, prima si lavora, poi si va sul campo.

Mi sembra un ottimo punto di vista, forse il più efficace per evitare di crollare durante l'interazione e risultare credibile.
Ma riguardo la parte in grassetto com'è possibile perpetuare questi obbiettivi?

Loggato

Xaemar

  • Scribacchino
  • *
  • Mi piace = 1
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 61

Re: Il grande mistero che risiede negli oscuri meandri dell'attrazione

« Risposta #6 del: 17 Novembre 2010, 20:02:49 »

Citato da: Xaemar il 17 Novembre 2010, 19:49:07

Mi sembra un ottimo punto di vista, forse il più efficace per evitare di crollare durante l'interazione e risultare credibile.
Ma riguardo la parte in grassetto com'è possibile perpetuare questi obbiettivi?

Sono quasi due anni che tento di dare una veste potabile a tutte le cose che ci sono da fare, per inserirle in un unico libro. Figurati se riesco a rispondere con un misero post.
Puoi però rileggere il TermYpensiero, leggi anche i miei restanti post ( ci sono molte risposte alla tua domanda, e parecchi approfondimenti nella mia sezione), e comincia ad applicare.
Ma non pensare di riuscire ad ottenere cose eclatanti in uno o due mesi: ti ci vorrà molto tempo, molta applicazione, e tanta tanta costanza.

Ci sono sicuramente mezzi alternativi e più divertenti rispetto alla lettura del TermYnazzo da Montone:
ad esempio cominciando con l'iscriverti ad un corso di recitazione /improvvisazione (ovviamente, fallo con uno veramente bravo, altrimenti perdi tempo), per poi calcare la scena.
Puoi iscriverti ad un corso di danza (non caraibici), per curare il BL.
Puoi leggere romanzi particolarmente avvincenti, cercando di capire cosa li rende tali, ed applicare questo metro al tuo raccontare.
Puoi studiare la tua vita, imparando a raccontarne i punti salienti alla luce di quello che hai imparato delle tecniche narrative.
Insomma, di cose da fare ce ne sono tante: c'è solo l'imbarazzo della scelta.

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Online Online
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10004

Re: Il grande mistero che risiede negli oscuri meandri dell'attrazione

« Risposta #7 del: 17 Novembre 2010, 20:32:19 »

Citato da: TermYnator il 17 Novembre 2010, 20:02:49

Sono quasi due anni che tento di dare una veste potabile a tutte le cose che ci sono da fare, per inserirle in un unico libro. Figurati se riesco a rispondere con un misero post.
Puoi però rileggere il TermYpensiero, leggi anche i miei restanti post ( ci sono molte risposte alla tua domanda, e parecchi approfondimenti nella mia sezione), e comincia ad applicare.
Ma non pensare di riuscire ad ottenere cose eclatanti in uno o due mesi: ti ci vorrà molto tempo, molta applicazione, e tanta tanta costanza.

Ci sono sicuramente mezzi alternativi e più divertenti rispetto alla lettura del TermYnazzo da Montone:
ad esempio cominciando con l'iscriverti ad un corso di recitazione /improvvisazione (ovviamente, fallo con uno veramente bravo, altrimenti perdi tempo), per poi calcare la scena.
Puoi iscriverti ad un corso di danza (non caraibici), per curare il BL.
Puoi leggere romanzi particolarmente avvincenti, cercando di capire cosa li rende tali, ed applicare questo metro al tuo raccontare.
Puoi studiare la tua vita, imparando a raccontarne i punti salienti alla luce di quello che hai imparato delle tecniche narrative.
Insomma, di cose da fare ce ne sono tante: c'è solo l'imbarazzo della scelta.

Ahahah la cosa divertente è che il TP l'ho già letto un paio di volte, frequento un corso di teatro ed improvvisazione in cui facciamo anche danza, e leggo in modo discreto svariati libri.
Forse sono stato troppo tempo abituato a restare passivo e subire i discorsi e le scelte degli altri, e dopo aver superato lo scoglio dell'espressione dovrò fare labor limae per affinare l'efficacia nella comunicazione. E resta comunque un'oggettiva mancanza di palle di fondo che mi blocca ogni volta che devo approcciare a freddo.
Andrò a leggermi un po' di post, vediamo se ricevo qualche illuminazione.

Loggato

Xaemar

  • Scribacchino
  • *
  • Mi piace = 1
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 61

Re: Il grande mistero che risiede negli oscuri meandri dell'attrazione

« Risposta #8 del: 17 Novembre 2010, 21:29:01 »

Citato da: Xaemar il 17 Novembre 2010, 20:32:19

E resta comunque un'oggettiva mancanza di palle di fondo che mi blocca ogni volta che devo approcciare a freddo.
Andrò a leggermi un po' di post, vediamo se ricevo qualche illuminazione.

Uno fra tutti ( o meglio una serie di uno):
Il TermYdelirio

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Online Online
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10004

Re: Il grande mistero che risiede negli oscuri meandri dell'attrazione

« Risposta #9 del: 17 Novembre 2010, 21:50:08 »

Citato da: Xaemar il 17 Novembre 2010, 20:32:19

[...]

Non può essere anche, da quello che leggo, che fisicamente non ci provi e continui a portare avanti un rapporto o frequentazione sperando chissà cosa succeda per iniziativa di lei che inevitabilmente non avverrà?
Un conto è sentirsi dire "rimaniamo amici" cosa che solitamente non porta ad un'amicizia, un altro è avere più amiche femmine che maschi!

Loggato


"Sunbeam: il porco per antonomasia." -TermYnator
"Mai sottovalutare la stupidità femminile." -ex ragazza

SunBeam

  • SI-Creators
  • Vate del calamaio
  • *
  • Mi piace = 329
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Residenza: Monte di Venere
  • Posts: 4866
  • WWW

Re: Il grande mistero che risiede negli oscuri meandri dell'attrazione

« Risposta #10 del: 17 Novembre 2010, 22:09:20 »

Citato da: SunBeam il 17 Novembre 2010, 21:50:08

Non può essere anche, da quello che leggo, che fisicamente non ci provi e continui a portare avanti un rapporto o frequentazione sperando chissà cosa succeda per iniziativa di lei che inevitabilmente non avverrà?
Un conto è sentirsi dire "rimaniamo amici" cosa che solitamente non porta ad un'amicizia, un altro è avere più amiche femmine che maschi!

A dire il vero le amiche che possiedo in questo momento le considero proprio amiche, in quanto non ci proverei con loro.
Magari in un primo momento ho avuto un paio di dubbi sulla collocazione che volevo dare loro nella mia vita, e con un paio non posso non dire di averci quantomeno provato, ma al momento non cerco nulla da loro se non amicizia.
La constatazione delle amiche era solo per dire che non ho problemi a relazionarmi con l'altro sesso e a fare rapport, visto che appunto riesco ad intrattenerle e a farle sentire a loro agio tranquillamente.

Loggato

Xaemar

  • Scribacchino
  • *
  • Mi piace = 1
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 61

Re: Il grande mistero che risiede negli oscuri meandri dell'attrazione

« Risposta #11 del: 18 Novembre 2010, 18:49:34 »

Citato da: SunBeam il 17 Novembre 2010, 21:50:08

Non può essere anche, da quello che leggo, che fisicamente non ci provi e continui a portare avanti un rapporto o frequentazione sperando chissà cosa succeda per iniziativa di lei che inevitabilmente non avverrà?

Anch'io ho pensato la stessa cosa...
Avere amiche è facilissimo, il difficile è portare il tutto sul un piano fisico. In realtà non è nemmeno difficile ma ad alcuni può sembrare rischioso: si corre il rischio che la ragazza non assecondi le nostre avances, eventualità che per alcuni equivale a un'onta insopportabile.

La frase "A dire il vero le amiche che possiedo in questo momento le considero proprio amiche, in quanto non ci proverei con loro.
Magari in un primo momento ho avuto un paio di dubbi sulla collocazione che volevo dare loro nella mia vita" mi fa pensare che inizialmente tu fossi attratto da queste ragazze ma poi, poichè non ti sei fatto avanti, la tensione sessuale è svanita e hai cominciato a considerarle solo amiche.

Questa tua frase sembra confermare che, come già ipotizzato da SunBeam, forse ti manca un pò di aggressività e per questo rimani confinato nell'odiosa "friend zone".Non conoscendoti ovviamente posso solo fare delle ipotesi...

Loggato

ivan72

  • SI-Bannati
  • Cacasenno
  • *
  • Mi piace = 3
  • Offline Offline
  • Posts: 34

Re: Il grande mistero che risiede negli oscuri meandri dell'attrazione

« Risposta #12 del: 18 Novembre 2010, 19:34:41 »

Esatto, anche se in realtà non ha risposto chiaramente alla mia domanda... Smile

Loggato


"Sunbeam: il porco per antonomasia." -TermYnator
"Mai sottovalutare la stupidità femminile." -ex ragazza

SunBeam

  • SI-Creators
  • Vate del calamaio
  • *
  • Mi piace = 329
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Residenza: Monte di Venere
  • Posts: 4866
  • WWW

Re: Il grande mistero che risiede negli oscuri meandri dell'attrazione

« Risposta #13 del: 18 Novembre 2010, 22:10:51 »

Ho riletto adesso la domanda di Sun e solo ora ne ho colto il senso, anche se non mi è perfettamente chiaro cosa intendi con il 'provarci fisicamente'.
Proverò a rispondere comunque: guardandomi con occhio esterno critico indubbiamente non sono una persona aggressiva, e questo si riversa anche nelle mie interazioni.
Apro poco, e con il poco che apro provo a chiudere ma finora si è sempre rilevato un fallimento  Smile
Da qui l'idea che la causa fosse la mia incapacità di creare attrazione, ma dopo aver letto il post di Termy forse mi devo ricredere e iniziare a ricercare la causa nella mia persona.
Supponiamo che quindi la possibile causa sia una mia mancanza di incisività, come fare a svilupparla?

Fantastico come si parta con l'idea di schiarirsi le idee e si giunga ad un punto in cui ci si ritrova ancora più confusi  Laughing

Loggato

Xaemar

  • Scribacchino
  • *
  • Mi piace = 1
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 61

Re: Il grande mistero che risiede negli oscuri meandri dell'attrazione

« Risposta #14 del: 19 Novembre 2010, 11:04:56 »

Se è una confusione che ti permette di evitare di perdere tempo (anche anni) in attività inutili, ben venga.

Loggato


-eFFe-: quando parli di figa, mi trovi sempre Smile
TermYnator:Gli unici soggetti irrecuperabili sono i morti. Sei vivo? Allora esci, rimorchia e tromba! E se non è oggi, sarà domani.

Think globally, fuck locally!

Età: 36 37 38 39 anni

^X^

  • Oracolo della biro
  • *
  • Mi piace = 252
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 1687
Pagine: [1] 2   Vai Su
« precedente | successivo »
Salta a: