Per rispondere alle discussioni e partecipare al forum ACCEDI oppure ISCRIVITI !

« precedente | successivo »
Pagine: [1]   Vai Giù
0 Utenti e 1 Visitatore stanno guardando questo topic.
Autore Topic:

I nostri tempi

(Letto 1041 volte)

I nostri tempi

« del: 15 Dicembre 2011, 00:41:10 »

Ciao ragazzi, con questo mio primo topic volevo rendervi partecipi della situazione che mi si sto trovando ad affrontare...

Cercherò di essere sintetico e di raccontare il tutto nella maniera più piacevole e concisa possibile.

Ho avuto una relazione di sei anni con una ragazza... Iniziata verso l'età di 18 che si è protratta fino a 23... Ci siamo lasciati, o meglio mi ha lasciato, ad aprile quado sul lavoro ha incontrato una persona a cui non ha potuto "dire di no".  Sorvolando sul mio successivo periodo nero dove sono stato parecchio male (paralizzato nella vita e nel lavoro) ho ricominciato a creare una cerchia di amici e di persone con cui uscire.

Nulla di particolarmente complesso ma mi ci sono voluti sei mesi per poter "ricominciare" la vita da persona non sposata... Ad ogni modo in questi sei mesi ho conosciuto molte ragazze, e francamente devo dire che nessuna di queste mi è piaciuta veramente... Magari mi colpivamo fisicamente ma poi non riuscivo a stabilire un contatto emotivo o viceversa.

Veniamo al dunque... ho conosciuto una ragazza molto più piccola di me (sei anni) che invece mi ha conquistato in tutti i sensi fin dal primo momento... Naturalmente ho cominciato a battere il chiodo scoprendo poi che è fidanzata... Dopo vari tira e molla (vediamoci, non vediamo, si vediamo, no è meglio che non ci vediamo) ha deciso che per conservare il suo rapporto preferiva non sentirmi sebbene fosse attratta comunque da me. Ho preferito anch'io evitare di rovinarle la relazione fermandomi anche se mi sono permesso più volte di insistere.

Ad ogni modo ricominciando a guardarmi intorno ho trovato una serie di donne con fidanzati (anche da molti anni) tutte scontente della loro attuale situazione ma senza il coraggio di cambiarla o senza la voglia di intraprendere nuove strade e nuove conoscenze. Non scoraggiandomi ho continuato a cercare ma quello che incontro sono sempre ragazze che o non mi piacciono o sono fidanzate.

Per carità riconosco di avere dei canoni di scelta non proprio facilissimi (bella buona e brava) ma mi sembra davvero di ritrovarmi nel gioco delle sedie dove qualsiasi uomo cerca con affanno una donna per paura di rimanere senza e non per la voglia di starci assieme. Il gioco dunque si fa più difficile visto che se anche magari vorrei provare con qualcuna di loro mi trovo comunque una relazione già stabilita con un'altra persona che non mi va, per correttezza, di rovinare.

Forse non mi capisco nemmeno io ma mi trovo con una discreta voglia di cominciare nuovamente una relazione ma senza la concreta possibilità di farlo.

Loggato

scut

  • Partecipante
  • *
  • Mi piace = 1
  • Offline Offline
  • Posts: 18

Re: I nostri tempi

« Risposta #1 del: 15 Dicembre 2011, 02:57:40 »

Citato da: scut il 15 Dicembre 2011, 00:41:10

Per carità riconosco di avere dei canoni di scelta non proprio facilissimi (bella buona e brava) ma mi sembra davvero di ritrovarmi nel gioco delle sedie dove qualsiasi uomo cerca con affanno una donna per paura di rimanere senza e non per la voglia di starci assieme.

Oh, finalmente uno che sa quello che vuole Smile
Bella la metafora del gioco delle sedie: la trovo azzeccatissima. D'altronde, bella buona e brava, è merce veramente rara. Il mondo è infestato di strappone, ed è normale che le poche che rispondono alla tua descrizione siano sempre con la fila.

Nulla di strano sul fatto che tu abbia voglia di lanciarti di nuovo in una relazione. Se sei abituato a rapportarti con le donne in un certo modo, è difficile relazionarsi superficialmente per oltre due notti...

Persisti, sono sicuro che la troverai Wink

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10009

Re: I nostri tempi

« Risposta #2 del: 15 Dicembre 2011, 11:32:58 »

Impara a stare da solo, nel tuo percorso di crescita, dopo 6 anni è necessario, ti sei fidanzato molto giovane, ora devi imparare tutto da zero.
Questo se ti interessa crescere.. altrimenti pazienta un po'.. troverai una brava HB e li lancerai in una altra lunga LTR.

Il problema è che se non cresci ti troverai varie volte nella tua vita spaesato e lasciato col culo per terra da qualche tipa.

Loggato


Donna de quarant'anni buttela a fiume co' tutti li panni. (proverbio romano)

maxcavezzi

  • Grafomane
  • *
  • Mi piace = 49
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 39
  • Residenza: genova
  • Posts: 1118

Re: I nostri tempi

« Risposta #3 del: 15 Dicembre 2011, 23:04:14 »

Citato da: vianez il 15 Dicembre 2011, 20:05:20

il concetto dell'imparare a stare da solo è davvero fondamentale e mi sto accorgendo che probabilmente è la parte più difficile di quello che sto facendo, effettivamente la solitudine è una brutta bestia e mi pare molto dura affrontarla.

Sicuramente, la situazione è davvero molto simile, la solitudine inizialmente riempiva le mie serate tanto che cercavo di non rimanere mai solo, organizzavo qualsiasi cosa mi saltasse in mente in maniera tale da non poter mai avere un minimo momento libero. Adesso sto migliorando, passo la mia serata a casa senza alcun problema, mi guardo un film seguo le cose che mi piacciono.

Loggato

scut

  • Partecipante
  • *
  • Mi piace = 1
  • Offline Offline
  • Posts: 18

Re: I nostri tempi

« Risposta #4 del: 15 Dicembre 2011, 23:44:35 »

sono quasi sicuro che allo stare soli si riferiscano nel senso di uscire da soli Tongue

Loggato

rexroot

  • Cacasenno
  • *
  • Mi piace = 1
  • Offline Offline
  • Posts: 30

Re: I nostri tempi

« Risposta #5 del: 16 Dicembre 2011, 14:20:42 »

La solitudine è secondo me un passaggio fondamentale nella vita di un uomo.
E' un periodo nel quale impari a conoscerti e ad amarti. Solo chi sa stare da solo può stare con un'altra persona che sarà solo un valore aggiunto alla propria e non "la ragione di vita".
Mi pare che il PUA descritto dal Termy sia proprio un uomo solitario....che non vuol dire asociale!

Vedrai che quando imparerai a stare da solo e ne apprezzerai i vantaggi, non potrai più fare a meno di una cosa:
la libertà!

Loggato


Xask..brings a mask, rifles the cask, in the sun he basks and need no to ask..

xask

  • Scriba
  • *
  • Mi piace = 3
  • Offline Offline
  • Posts: 83
Pagine: [1]   Vai Su
« precedente | successivo »
Salta a: