Per rispondere alle discussioni e partecipare al forum ACCEDI oppure ISCRIVITI !

« precedente | successivo »
Pagine: [1] 2 3 4   Vai Giù
0 Utenti e 1 Visitatore stanno guardando questo topic.
Autore Topic:

Come comportarsi con una ex

(Letto 10506 volte)

Come comportarsi con una ex

« del: 07 Gennaio 2012, 01:41:12 »

Ciao ragazzi, è un pò che non scrivo.
Sono stato insieme per 11 mesi a una ragazza 10 anni più giovane di me, molto carina, ci stavo davvero bene, improvvisamente è sparita per 2 giorni e dopo un pò di giorni in cui si faceva cercare ha detto che non se la sente di andare avanti con me, perchè ha molti problemi, per lo più alimentari.
Sostiene che negli ultimi 2 mesi è cambiato tutto e l'ho fatta stare molto male, (in effetti io l'ho sempre trattata male) e che deve riscoprire se stessa, promette che tornerà appena starà meglio.
Ho ammesso di avere sbagliato e le ho spiegato i problemi personali che ho avuto e per i quali il mio atteggiamento verso di lei è peggiorato ulteriormente, ma nessun discorso l'ha smossa dalla sua decisione.
Ci tiene che non la cancelli da facebook e a non perdermi come persona, cosa che onestamente mi fà ancora di più incazzare, in quanto non vorrei mai finire per essere il coglione d'amico.
Io non la ho più cercata nè chiamata, non ho voglia di passare per lo stupido che la perseguita, anche perchè per quanto io pssa essermi comportato male verso di lei, alla fine è stata lei a non rispondermi al telefono per giorni e a fare las tronza.
Stasera dopo 4 giorni mi ha cercato su facebook, voleva sentirmi dice, perchè non è abituata a stare tutto questo tempo senza parlare con me, neanche ha detto che le manco o cose più carine, ma proprio così.
Mi ha chiesto cosa ho fatto in questi giorni, e ha detto che lei è stata a casa o è andata a casa della sua migliore amica, io ho risposto la verità ovvero che sono uscito con i miei amici.
Io non sò se ho fatto bene, ma a questo punto le ho detto che se due persone si lasciano non devono sentire il bisogno di parlarsi dopo soli 4 giorni, e che questo rende solo più lento e doloroso il distacco.
Le ho detto che se vuole parlare non può più farlo con me, perchè non siamo due conoscenti qualunque, ma abbiamo una storia alle spalle e che trovo anche un pò irrispettoso e offensivo che lei dopo così poco mi parli con questa naturalezza.
Ho concluso dicendo che se vuole sentirmi e le manco o ha fatto un errore a volere chiudere la storia o vede la cosa in una maniera superficiale che non apprezzo.
Più o meno ho usato queste parole.
Lei mi ha detto che è ancora convinta di avere fatto bene a lasciarmi e che se voglio non mi disturba più.
Ho concluso dicendo che uscivo, e l'ho salutata con un semplice ciao.
Sono triste, io la rivorrei, sò bene che ora tutti mi direte di uscire e rimorchiare un sacco di altre ragazza, ma questo non toglie che vorrei provare a riprendermi lei, non ho fatto più nulla, non l'ho cercata, non le ho mandato sms, oggi appena mi ha scritto lei io le ho anche fatto qualche battutina scherzosa, e lei diceva "di offendimi, fai bene" perchè sostiene di sentirsi in torto.
Non sò cosa pensare e come comportarmi per ottimizzare le possibilità di poter tornare con lei, prima di metterci insieme parlavamo a ore su facebook, è andata così.
Mi date qualche consiglio? che non sia semplicemente "scordatela" o cose simili però Cheesy

Loggato

Cool

  • Scribacchino
  • *
  • Mi piace = 0
  • Offline Offline
  • Posts: 65

Re: Come comportarsi con una ex

« Risposta #1 del: 07 Gennaio 2012, 03:59:36 »

Anche io ho il tuo stesso problema: ad un certo punto del rapporto loro esasperano un comportamento sgradito, io dichiaro inqualificabile tale comportamento, poi mi chiudo o nel silenzio o a volte nell'ira.. e quando qualche giorno dopo mi passa.. PUFF.. le ho perse. E' tutta la sera che ci penso molto, e ci penso da mesi da quando ho perso la mia ultima ragazza.
Non siamo tutti uguali, certi uomini prendono le cose alla leggera e fanno bene, altri come me faticano a comprendere e perdonare subito. Oppure buttarsi tutto alle spalle ma... sai com'è... abbiamo un cuore e una memoria che poi ci condiziona.
Anche dopo che loro - le donne a cui fino a quel giorno eravamo legati, ci combinano qualcosa di brutto, rifiutarle per punirle è' una strategia applicata male, come rischiare al gioco qualcosa che non possiamo permetterci di perdere.
Mi spiego con altre parole: ami una donna che ti ama e questa fa un errore:
scelta 1 - la perdoni e la comprendi - ti ritrovi con la donna che ami, se va bene ti ama ancora e sà che l'hai perdonata quindi si fida di te
scelta 2 - ti arrabbi con lei non le parli più e tempo dopo la ricerchi - lei si è sentita lasciata, tu l'hai abbandonata, potrebbe non amarti più, potrebbe essere stata con altri uomini e essere perfettamente nel giusto. oltretutto lei a quel punto puo' pensare:'a questo gli sto antipatica ma mi cerca ovvero vuol solo scoparmi, io lo mando a quel paese'.
Conta anche quanto ti prendi sul serio in quello che fai:
più credi in te stesso, in quello che hai fatto, nella scelta di stare insieme, che lei sia la donna migliore che potessi avere, più dai peso a come vorresti lei sempre perfetta e senza errori , e più tendi ad arrabbiarti con lei e con te se lei fa qualche errore (cosa assolutam naturale dato che non siamo perfetti), se poi manifesti la rabbia non parlandole più, ti chiudi fuori dalla storia con le tue stesse mani perchè sai bene quanto il tuo silenzio le spaventi. Ecco quindi che l’atteggiamento premiante è quello del maschio imperfetto, che vive tutto a cuor leggero, che non la critica mai.

« Ultima modifica: 07 Gennaio 2012, 04:17:04 da bridgestrunx »

Loggato

bridgestrunx

  • Osservatore
  • *
  • Mi piace = 0
  • Offline Offline
  • Posts: 3

Re: Come comportarsi con una ex

« Risposta #2 del: 07 Gennaio 2012, 11:58:50 »

Citato da: Disperato il 07 Gennaio 2012, 01:41:12

Io non sò se ho fatto bene, ma a questo punto le ho detto che se due persone si lasciano non devono sentire il bisogno di parlarsi dopo soli 4 giorni, e che questo rende solo più lento e doloroso il distacco.
Le ho detto che se vuole parlare non può più farlo con me, perchè non siamo due conoscenti qualunque, ma abbiamo una storia alle spalle e che trovo anche un pò irrispettoso e offensivo che lei dopo così poco mi parli con questa naturalezza.
Ho concluso dicendo che se vuole sentirmi e le manco o ha fatto un errore a volere chiudere la storia o vede la cosa in una maniera superficiale che non apprezzo.
Più o meno ho usato queste parole.

Dunque, una ragazza di 10 anni meno di te ha un attimo di ripensamento, forse dovuto all'esigenza di recuperare se stessa a causa del tuo comportamento denigrante.
Tu che sei più grandicello, dovresti aver realizzato questo suo istinto di fuga.
Lei ti punisce, ma poi si pente e ti cerca di nuovo, e tu che fai?
Ti comporti in linea con il comportamento denigratorio, pretendendo ce lei non ti cerchi più o che ammetta di aver sbagliato. Ma l'unica cosa che non fai, è farle capire che l'eventuale errore che lei avrebbe fatto, è dovuro al perdere una persona che tiene a lei.
In sintesi, comportandoti come hai fatto, le hai dato ragione. Lei penserà che tu non tieni a lei, e per questo la tratti male. Penserà che avendoti risentito, ha avuto conferma del fatto che tutto sommato, non ti interessa più di tanto tornar con lei, quanto sottometterla.
Hai sbagliato fratello.
Dovevi prendere la palla al volo, senza cercare troppe ammissioni razionali (per poi poterla ricattare dopo), e riabbracciarla per ripartire. Devi darle un po' più di libertà forse, un po' più di indipendenza. Forse cerca solo questo. Ma la prossima volta che la senti (o se sei veramente uomo, che la cerchi), non farti prendere da stupidi orgogli: fai l'uomo per davvero, dimostragli che tieni a lei, e che hai capito cosa hai sbagliato senza andare a cercare giustificazioni nei suoi comportamenti. Un uomo, si fa carico delle proprie responsabilità in toto... Vedrai che le cose cambieranno.
Bonne chance...

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10003

Re: Come comportarsi con una ex

« Risposta #3 del: 07 Gennaio 2012, 14:27:44 »

Vedete, quando è sparita per qualche giorno, sono andato a cercarla a casa al lavoro ovunque.
In quell'occasione io mi sono comportato in maniera molto comprensiva, le ho detto che potevamo fare finta di niente e ho anche ammesso dei miei errori.
Ieri mi sono comportato così solo perchè non vorrei che mi prendesse come un torzolo chele sbava dietro e che lei non perdrà mai, qualunque sia il suo comportamento, è questa la mia paura.
In realtà avrei voluto parlarci un sacco, ma lei mi ha subito detto che è convinta di esserci lasciati, quindi che senso ha parlare ancora se non rischiare di diventare amici?
La possibilità di diventare un amico mi distrugge.
Lei mi ha detto che si sente in colpa a avermi lasciato, che sente di non avere ragione e che mi merito di meglio e bla bla bla.
Io non ho idea di come comportarmi.
La rivorrei con me subito.
Dite che invece dovevo parlarci a lungo e di tutto come prima che ci mettessimo insieme?
Dovrei comportarmi cortesemente, come se non fosse successo nulla e fosse una nuova ragazza mai conosciuta prima?
PS: la libertà l'ha sempre avuta quanta ne volesse, lei si arrabbiava perchè diceva che non mi importava nulla di quello che faceva, dice che ha sempre pensato di non piacermi.
PPS: io penso che ieri mi abbia solo voluto salutare perchè le faceva piacere parlare con me in quanto "affetto" se avessi pensato che fosse una possibilità mi sarei comportato diversamente.
 Insomma cosa mi conviene fare secondo voi? Termy tu cosa ne dici?

« Ultima modifica: 07 Gennaio 2012, 14:31:37 da Disperato »

Loggato

Cool

  • Scribacchino
  • *
  • Mi piace = 0
  • Offline Offline
  • Posts: 65

Re: Come comportarsi con una ex

« Risposta #4 del: 07 Gennaio 2012, 15:28:42 »

Citato da: Disperato il 07 Gennaio 2012, 14:27:44

PS: la libertà l'ha sempre avuta quanta ne volesse, lei si arrabbiava perchè diceva che non mi importava nulla di quello che faceva, dice che ha sempre pensato di non piacermi.
... (cut) ...
Insomma cosa mi conviene fare secondo voi? Termy tu cosa ne dici?

Rifletti un attimo: non pensi che una affermazione del genere, implichi il fatto che lei non vede interesse da parte tua? Lei (forse) pensa che tu sia stato con lei per convenienza, per comodo, ma senza un reale coinvolgimento. Nel momento in cui stacca la spina e poi si fa risentire, forse cerca di vedere se stando lontani tu cambi, ovvero entri in crisi perchè lei non c'è più. E' un tipico stratagemma feminile.
Io ci parlerei un secondo, con calma, e senza pressare troppo (se lo fai, potrebbe pensare che sei in "astinenza" e vuoi recuperare per comodo), ovviamente dal vivo.
Le spiegherei che per motivi caratteriali, sei un po' reticente a sbracarti eccessivamente (anche se, dopo 11 mesi, dovrebbe conoscerti bene), ma che a lei tieni moltissimo. Che in questi giorni separato, sei stato male, ma che non puoi certo forzarla a tornare se lei non ne ha voglia: il tuo credo infatti, ti porta a pensare che sia sbagliato forzare le decisioni altrui in questo campo. Parlale di come avresti visto il vostro futuro (sempre tu ne abbia visto uno), e riconquistala. 10 ad uno che tornate insieme, se ti comporti da Vero Uomo Wink

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10003

Re: Come comportarsi con una ex

« Risposta #5 del: 07 Gennaio 2012, 16:24:02 »

Purtroppo Termy queste le cose che hai suggerito erano state la mia prima reazione, ma l'ultima volta che l'ho vista non ha voluto saperne, dice che non se la sente più.
Pochi minuti fà sono andato a fare la spesa e ironia della sorte l'ho incontrata, mi ci sono fermato a parlare, in maniera non pesante.
Si è tinta i capelli...
Dice che non è tranquilla ma che stà bene e secondo lei è un bene che ci siamo lasciati e non ha ripensamenti, mi ha anche detto di vedere altre ragazze...
Penso che ci sia poco da fare...
Ha detto che domani sera mi passa a trovare per parlare, non ne ho nemmeno voglia visto il suo atteggiamento distaccato e come se scherzasse, sorrideva, si vedeva che se ne fregava e che voleva solo trovare il modo di chiudere in amicizia.
Io mi domando come possa in così poco tempo cambiare così tanto il suo atteggiamento, probabilmente avrà un altro e non lo vuole dire...
Come mi conviene comportarmi a questo punto? Se viene cosa faccio? Continuo a comportarmi come dici tu, ovvero come avevo fatto inizialmente o accetto che semplicemente restiamo amici? Oppure le dico che per il mio bene a questo punto è meglio se non ci sentiamo più?
Onestamente mi ha molto ferito vedere che si comporta come con una persona che non calcola minimamente, come posso fare?

Loggato

Cool

  • Scribacchino
  • *
  • Mi piace = 0
  • Offline Offline
  • Posts: 65

Re: Come comportarsi con una ex

« Risposta #6 del: 07 Gennaio 2012, 19:11:54 »

Citato da: Disperato il 07 Gennaio 2012, 16:24:02

Pochi minuti fà sono andato a fare la spesa e ironia della sorte l'ho incontrata, mi ci sono fermato a parlare, in maniera non pesante.
Si è tinta i capelli...

Il cercare di cambiare il proprio aspetto, è tipico di una forte volontà di cambiamento. Mi verrebbe da pensare ad una persona tenuta "sotto schiaffo" (leggi abituata ad essere sottomessa), che ha trovato l'energia per ribellarsi in qualche modo. Potrebbe esserci una persona nel suo entourage che la spinge, o le da coraggio. CMQ, bisognerebbe conoscerla per capire un po' di cose, ovvero nell'ipotesi considerata:
a) ha una storia familiare di sottomissione.
b) diventa dipendente perchè è molto sola, e quindi tende ad aggrapparsi a persone con una personalità più forte della sua.

Citazione

Ha detto che domani sera mi passa a trovare per parlare, non ne ho nemmeno voglia visto il suo atteggiamento distaccato e come se scherzasse, sorrideva, si vedeva che se ne fregava e che voleva solo trovare il modo di chiudere in amicizia.

IMHO, sei troppo pessimista. Il problema è che non sei abituato a vederla così, e ti senti impotente.
Ciò è pericoloso, perchè in questi casi scatta la molla del possesso: ovvero un interesse morboso (e basato sul nulla) che dipende solo dal suo essere sfuggente. Dovresti porti un paio di domande, per capire a quale punto di cottura sei:
a) prima di questo episodio di fuga, tenevi a lei come ci tieni ora?
b) prima di questo episodio, guardavi le altre con bramosia, mentre ora ti sembrano indifferenti?
c) Prima di ora, avevi istinti di fuga dopo il sesso?

Citazione

Io mi domando come possa in così poco tempo cambiare così tanto il suo atteggiamento, probabilmente avrà un altro e non lo vuole dire...

Questa domanda razionale, è l'unica domanda che non devi porti: non c'è una risposta che tu possa capire in questo momento. Se entri nel loop dei "perchè", finisci pazzo.

Citazione

Come mi conviene comportarmi a questo punto? Se viene cosa faccio? Continuo a comportarmi come dici tu, ovvero come avevo fatto inizialmente o accetto che semplicemente restiamo amici? Oppure le dico che per il mio bene a questo punto è meglio se non ci sentiamo più?

No. Non le dici che restate amici, e neanche che per il tuo bene non vi sentite più: questo significa ai suoi occhi "non gliene frega nulla". Lei ti sta imponendo un prezzo da pagare con la sua assenza.
Le dici quindi che ti dispiace vederla così, perchè sebbene ti rendi conto di aver avuto dei comportamenti sbagliati, li hai avuti perchè tenevi a lei. Le dici che (sempre che lei non l'abbia fatto, mentre tu facevi in modo di non ascoltare) questo distacco ti ha fatto capire un sacco di cose su di VOI, e che non capisci il perchè lei non ti abbia parlato del suo non star più bene con te. Le dici che sei felice che lei stia bene, ma che il non stare insieme ti fa soffrire. Detto cio, le dici pure che aspetterai  prima di considerarla un'amica, perchè puoi capire un suo momento di smarrimento, ma non accetteresti di convivere con questo malessere. Quindi prendi tempo.
In sintesi: non fare il maschione tutto d'un pezzo: in questi casi non paga.
IMHO, lei vuole delle dimostrazioni d'amore. Sta a te fargli capire se ci tieni o no. Ma devi pure capire se tieni a lei, o se è solo un momento di morboso attaccamento.
Tornare assieme ad una donna dopo aver fatto i salti mortali, per rendersi conto alla terza trombata che vorresti non essere mai tornato in quella situazione, è umiliante.

« Ultima modifica: 07 Gennaio 2012, 19:16:34 da TermYnator »

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10003

Re: Come comportarsi con una ex

« Risposta #7 del: 07 Gennaio 2012, 23:34:36 »

Post illuminante e spaventoso Termy!
Lei ha un passato da "bambina grassa" che l'ha portata ad avere dei disturbi alimentari, di tipo bulimico, che ho scoperto al momento in cui mi ha lasciato.
Purtroppo questi disturbi sono iniziati da quando ha avuto un brutto lutto in famiglia, la madre si è ammalata e purtroppo non ce l'ha fatta, io le sono stato molto vicino durante quel periodo.
E' la figlia più piccola di tre sorelle, con le quali non ha buoni rapporti e le sdegna anche un pò, il padre è un uomo privo di spessore e che non riesce a dialogare correntemente con lei, lei lo considera un uomo/nullità.
Non le danno la dignità che dovrebbe avere una ragazza di 21 anni in casa sua, trattandola come una bambina.
Era molto attaccata alla mamma.
Sicuramente i punti A e B che hai espresso nelle ipotesi sono entrambi validi, ma è anche una ragazza che in realtà ha delle proprie idee e principi ai quali non rinuncia o per i quali non conosce compromessi.
Io con lei sono stato una personalità forte alla quale lei si è aggrappata senza dubbio, e la sua situazione familiare da quando la madre se ne è andata è stata opprimente per lei.
Cosa mi consigli quindi sapendo per certo queste due cose?
Hai descritto perfettamente anche come mi stò sentendo io al momento, abituato ad avere accanto una ragazza che faceva tutto pur di compiacermi, improvvisamente la vedo distaccata e felice senza di me...
le risposte al tuo miniquestionario sono " si ci tenevo, ma stupidamente mi sono comportato da duro e crudo, vedendo che lei teneva a me mi gongolavo egoisticamente nel vedere i suoi tentativi di farsi piacere, ho sbagliato, glielo dovevo dire. Prima di questo episodio guardavo le altre, come non ho mai smesso in vita mia, ma non le consideravo, volevo coscentemente stare con la mia ragazza. Non ho mai avuto istinti di fuga dopo il sesso, ci stavo proprio bene insieme a lei, anche dopo, però ho fatto sempre pochissime coccolepos sesso, sono così di natura...".
Hai ragione non mi devo porre la domanda sul se abbia o meno un altro. Oltre a non avere senso pratico mi manda in loop e basta.
Il tuo consiglio dopo queste affermazioni resta lo stesso o mi aggiungi anche qualcos'altro dopo le ulteriori informazioni che ti ho dato?
Comunque grazie, nelle tue parole trovo molto conforto a prescindere dal risultato materiale che ne conseguirà che tu ci creda o no, mi sono sentito capito, e ho sentito che hai capito un pò anche come è lei senza neanche conoscerla.

Loggato

Cool

  • Scribacchino
  • *
  • Mi piace = 0
  • Offline Offline
  • Posts: 65

Re: Come comportarsi con una ex

« Risposta #8 del: 08 Gennaio 2012, 10:46:10 »

Citato da: Disperato il 07 Gennaio 2012, 23:34:36

Era molto attaccata alla mamma.
Sicuramente i punti A e B che hai espresso nelle ipotesi sono entrambi validi, ma è anche una ragazza che in realtà ha delle proprie idee e principi ai quali non rinuncia o per i quali non conosce compromessi.
Io con lei sono stato una personalità forte alla quale lei si è aggrappata senza dubbio, e la sua situazione familiare da quando la madre se ne è andata è stata opprimente per lei.
Cosa mi consigli quindi sapendo per certo queste due cose?

Da come la metti, sembrerebbe che tu hai in qualche modo colmato un vuoto. Rimane da capire con chi ha colmato il vuoto, o con quali interessi lo ha riempito. Poco seriamente verrebbe da chiederti se è del sagittario: ho dei dejà vus...

Citazione

Il tuo consiglio dopo queste affermazioni resta lo stesso o mi aggiungi anche qualcos'altro dopo le ulteriori informazioni che ti ho dato?

Mi raccomando di prendere quello che dico con le molle, e con il beneficio del dubbio: io non conosco questa persona, ed esprimo valutazioni solo in base a quello che mi scrivi. Ovvero in base ad un filtro, che rappresenta la tua idea di lei.
Sostanzialmente, il consiglio rimane lo stesso. Ma con una difficoltà in più. SE (SE) il quadro è giusto, è una persona che potrebbe crescere per salti immedesimativi. Mi spiego meglio.
Ci sono persone che crescono "copiando" persone dalle quali sono attratte. Quando ne incontrano una, cercano di compiacerla, di assomigliarle, e di prenderne ciò che le attrae, e che considerano figo.
Questo immedesimarsi, riguarda un po' tutto: dal body language, al look, al modo di parlare fino alle idee.
Dopo un periodo x, questi estroversi tendono a non avere più input, ed a cercare un nuovo modello.
Il modo di comportarsi della tua tipa, mi fa pensare ad una amicizia feminile, che in qualche modo la condizioni. Dubito che ci sia un uomo: non avrebbe cambiato colore dei capelli se avesse una storia appena nata. Molto più probabile, è invece il fatto che stia cambiando modello, per poi mettersi alla prova.
Questa tipologia di persone è afflitta da un tremendo problema in amore: dopo un po', diventa totalmente dipendente. Il maschio attua un comportamento praticamente stereotipato: comincia a considerare la tipa "scontata", e perde rapidamente interesse. a quel punto, la tipa entra in crisi (vede che il punto di riferimento gli sfugge), e se ha gia un precedente di storia finita male, si rende conto che il disinteresse deriva dal suo essere dipendente. Inizia quindi la fase di ricerca di nuovi modelli per tornare indipendente.
Il vero problema, è che generalmente, il modello scelto propone concetti che sono l'antitesi della femina fedele e devota. Lei stessa, tenderà a rifiutare questo modello, perchè lo riotiene malsano e votato alla sconfitta. Si instaura quindi un braccio di ferro fra uomo o ex uomo che tenta di riconquistare, e la tipa.
In questo conflitto impari (lotti contro di lei e contro chi la supporta), piano piano prendono terreno, finchè non si considerano completamente indipendenti da te. A quel punto, tendono ad avere delle fasi di rivoluzione ("Innamoramento ed amore" Alberoni), nelle quali si innamorano perdutamente di sfigati qualsiasi. Va da se, che star vicino ad una persona così sia un massacro continuo. Alla fine, diventi talmente palloso ed opprimente, da non rendertene più conto. Loro, malgrado la conquistata indipendenza, rimangono in qualche modo attaccate al modello precedente (che in questo caso era l'ex), e tendono a ricontattarlo ritualmente. Non so esattamente il perchè, ma tant'è.
Nel forum, c'è un mio lungo racconto a puntate che riguarda proprio una storia del genere: si chiama "A la recherche de l'homme perdu", e comincia con un field report che si chiama "Alpha".
Io, all'epoca (avevo 27 anni) non riuscii a gestire la cosa. Poi, ho capito.
Il punto è che devi continuare ad appartire molto fermo, nonostante le sue "marachelle". Non devi lasciarti andare a rimproveri, non devi essere geloso, insomma, non devi farle capire che può piegarti con i suoi colpi.
Per piegarti, intendo il fatto che tu diventi come lei. Ovvero che in un momento di difficoltà, tu vada nel panico. Devi invece farle capire, che anche se lei ti provocasse sofferenza, tu continueresti a fare la tua vita, a costo di trovarti un'altra. Devi in qualche modo essere un po' "genitore", ovvero far si che lei mantenga questo suo spazio, che tu tolleri, perchè pensi che se lei sente questa esigenza è giusto che lei faccia i suoi passi per crescere. Insomma, devi darle l'idea di uno innamorato, ma stabile: cosa che lei non è.
Questo, potrebbe portarla a riconsiderarti di nuovo un modello valido, e piano piano a tornare come era prima. In sintesi, deve essere attratta dalla tua forza e dalla tua stabilità. Se la vedi, proponile comunque cose divertenti, e non rinunciare ad atteggiamenti seducenti: ne più ne meno quello che facevi prima.
Devi essere abbastanza sottile da non farti fermare: questo la farebbe sentire in potere su di te. Devi quindi istigare, ma lasciare che sia lei a fare il primo passo. Se riprendete a far sesso, dopo un po' puoi anche ricominciare a prendere l'iniziativa ed a condurre il gioco. Ma i primi tempi, gioca d'astuzia.

Citazione

Comunque grazie, nelle tue parole trovo molto conforto a prescindere dal risultato materiale che ne conseguirà che tu ci creda o no, mi sono sentito capito, e ho sentito che hai capito un pò anche come è lei senza neanche conoscerla.

Siamo qui per questo: oggi ricevi, domani darai. E' un giro che fa bene a tutti... Wink

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10003

Re: Come comportarsi con una ex

« Risposta #9 del: 08 Gennaio 2012, 15:39:55 »

Termy mi fai quasi paura!!! Mi sà che ci hai preso.
Comunque è scorpione, non sagittario!  Wink
In effetti lei ha iniziato a lavorare da pochi mesi in una profumeria, dove lavorano un sacco di donne, e se faccio 2 più 2, la sua crisi inizia prevalentemente da quando lavora lì...
Stasera dovrebbe venire qui, mi comporterò come hai detto, ovvero da uomo con la U maiuscola un pò paterno e comprensivo, che non la mette davanti a ultimatum ma che comprende e apprezza ciò che è lei, e non esiterebbe a vivere lo stesso tranquillamente e senza troppi melodrammi la sua vita anche in sua assenza, naturalmente senza ostentarlo troppo.
Un pò un uomo-padre vero?
Grazie mille, stasera posterò quello che è successo!!! Smile e comunque vada questa tua lezione, mi ha aperto un mondo nei rapporti interpersonali, quindi comunque vada nascerà certamente qualcosa di positivo da questa esperienza! GRAZIE
PS aggiungo un dettaglio, io per lei sono stato il primo è importante?

« Ultima modifica: 08 Gennaio 2012, 15:42:39 da Disperato »

Loggato

Cool

  • Scribacchino
  • *
  • Mi piace = 0
  • Offline Offline
  • Posts: 65

Re: Come comportarsi con una ex

« Risposta #10 del: 08 Gennaio 2012, 17:35:07 »

Citato da: Disperato il 08 Gennaio 2012, 15:39:55

Un pò un uomo-padre vero?

Prova. E vedi che effetto da.

Citazione

PS aggiungo un dettaglio, io per lei sono stato il primo è importante?

Molto importante. CMQ, la causa della rivolta è venuta fuori. Evidentemente, lavorando in profumeria si sente più indipendente, e tende ad emulare le sue colleghe.
Abbi pazienza, e cerca di calarti nei suoi panni.
aspettiamo news...

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10003

Re: Come comportarsi con una ex

« Risposta #11 del: 08 Gennaio 2012, 23:09:37 »

Non è venuta, ho provato a chiamarla e non ha risposto.
E'la seconda volta che fà così, quando lo fece la prima volta mi spiegò che voleva chiudere e non aveva il coraggio di rapportarsi con me.
Direi che purtroppo ora c'è molto poco che io possa fare, e forse non è neanche giusto che io voglia fare qualcosa, soprattutto per me.
Voglio davvero accanto qualcuno che non abbia la minima esitazione a porre la parola fine a un rapporto comunque importante con tanta determinazione e leggerezza senza neanche provare a salvarlo davvero?
Il mio problema fondamentale forse, è la mancanza di autostima, ho sempre considerato un miracolo inconcepibile quando una ragazza sceglieva di stare con me, e ho sempre teso ad attaccarmici tanto.
Devo imparare a credere di più in me stesso, ma non è facile, ho bisogno di aiuto, dietro questo schermo forse riesco a confessarmi in pace.
Da bambino ero sempre stato uno dei "brutti", inoltre sono cresciuto in una situazione familiare "particolare" che non ha minimamente aiutato il mio ego, ho cambiato molte scuole e le decisioni dei miei genitori che gravavano su di me non mi hanno permesso di avere una continuità nei rapporti con gli amici o comunque di poterli godere appieno.
Questo ha prodotto in me una specie di vizio comportamentale, per il quale tendo a non darmi mai per lungo tempo alle stesse persone anche per amicizia.
Mi annoiano tutti dopo poco tempo, e i miei argomenti sono spesso stati definiti "contorti" o "pesanti" dalla maggior parte delle persone, per invece suscitare una sorta di ammirazione immeritata da parte di altre.
La mia psiche che negli anni della formazione è stata educata in una maniera distorta, da persone che hanno del patologico, purtroppo risente ancora delle conseguenze di convinzioni radicate a forza, seppur razionalmente vedo che il mondo gira diversamente.
Non riesco a adeguarmi davvero.
All'opposto a volte ho la tendenza a comportarmi in maniera quasi troppo allegra e scema, rasentando il livello del coglione, e in questi casi vedo che nonostante una grande simpatia le persone tendono a darmi scarsa considerazione.
Pochissime volte e solo quando ho avuto intorno persone che stimavo sono riuscito a trovare un equilibrio quasi perfetto tra questi lati del mio carattere, e a essere davvero rilassato e me stesso, senza avere paura di mostrare quello che sento o penso.
Perchè uno dei miei più grossi problemi è questo, io non sono quasi mai me stesso, sono dietro una maschera, sempre.
Anche le doti che ho sono portato a considerarle sempre poco valide, invece quando le mostro tutti le apprezzano a alti livelli (sono un "artista"), e vedo in giro persone che si fregiano di qualità che secondo me non hanno e vengono comunque loro riconosciute.
Penso che l'80 % di quello che si ha sia dato dalla società che ce lo permette, non è molto distante dal concetto di circolo sociale di cui parliamo spesso sul forum.
Mi scuso per essere stato prolisso, per chi ha letto spero possa essere stato interessante 1/10 di confessione di una persona che comunque non stà bene.
Per Termy, mi piacerebbe davvero tanto se fosse possibile potere approfondire il tuo metodo, che nella fase del territorio virtuale mi affascina davvero tanto, soprattutto mi piacerebbe riuscire a sviluppare una sensibilità adatta a capire in poco tempo chi si ha davanti che almeno sfiori la tua, e mi piacerebbe poterlo fare anche su di me, in quanto dopo tutti questi anni forse uno dei più grandi miei problemi è anche sapere in fondo chi sono diventato io.
Grazie ancora!

« Ultima modifica: 08 Gennaio 2012, 23:12:23 da Disperato »

Loggato

Cool

  • Scribacchino
  • *
  • Mi piace = 0
  • Offline Offline
  • Posts: 65

Re: Come comportarsi con una ex

« Risposta #12 del: 19 Febbraio 2012, 13:17:44 »

E'tornata, l'ho riscopata 2 volte e la ho persa di nuovo e per colpa mia...
Incredibile, devo imparare a controllarmi e a non andare in una paranoia isterica come una ragazzina.
Il 4 febbraio dopo quasi un mese senza contatti le avevo mandato un sms, chiedendole come stava, proprio secco così, lei mi ha risposto dopo 2 giorni dicendomi "così così" e chiedendomi se io stavo bene.
Dopo mi ha madato un nuovo messaggio con scritto che dopo come si era comportata io non le varei nemmeno più dovuto parlare dato che mi aveva fatto male.
Il messaggio mi ha un pò stizzito, perchè voleva fare la superimportante ai miei occhi, la conosco e è molto scenica e falsa quando vuole.
Quindi ho risposto che male è un parolone e che purtroppo i miei veri problemi sono altri.
Lei mi ha chiesto cosa facevo la sera e io le ho detto niente e ho chiesto perchè, a quel punto mi ha detto "così, vado a lavoro" e non ha risposto più quando le ho chiesto di vederci se voleva.
In seguito mi ha spiegato che si era stizzita perchè io mi voglio sentire sempre dire tutto.
Giorni dopo sue facebook le ho mandato un messaggio con scritto che mi avrebbe fatto piacere vederla per fare 2 chiacchiere e niente più, nessuna risposta.
A quel punto mi sono scocciato e le ho scritto che non l'avrei più cercata perchè mi dava l'impressione di darle fastidio e che se voleva mi cercava lei, dato che non volevo essere un peso.
Il giorno dopo mi ha chiamato!
Sembrava felicissima di risentirmi, rideva a ogni minima cosa che dicevo, e voleva fare però la sostenuta e la diva, dicendo che lei ora aveva fiducia in se stessa, e comportandosi da fenomena, e tante altre cazzatae per fare la figa, ha anche detto che se la cercavo era ovvio che la volevo riconquistare, e io invece le ho detto che volevo solo sapere come stava, a quel punto lei mi ha detto che per sapere come stava due non si sentono, e io le ho risposto che dicendo così allora si era tradita e aveva ammesso che voleva lei che io tornassi.
Insomma voleva venire la sera di san Valentino che era il giorno dopo, invece l'ho convinta a venire la sera stessa.
Appena è arrivata, mi ha guardato con degli occhi pieni di luce, dopo 5 minuti che ci parlavo era innamorata, lo vedevo la conosco bene, sembrava che avesse ritrovato il suo uomo che desiderava più di ogni altra cosa.
E qui inizia il dramma.
Mi sono comportato male lo premetto ma cercate di capirmi.
Le ho chiesto se aveva avuto altri ragazzi e lei ha risposto di si, dicendomi che anche mentre ci parlavo e cercavo di sistemare le cose tra noi lei non aveva dato a me un altra possibilità perchè si era invaghita di un tipo che la corteggiava sul posto di lavoro e voleva conoscee lui...
A quel punto e ho fatto male le ho dato uno schiaffo, le ho detto di andarsene perchè altrimenti gliene avrei dati altri, lei ha detto che se li meritava e non se ne andava perchè voleva me, insomma gliene ho dato un altro, e un frontino quando mi ha detto che ci si è baciata.
Lei sosteneva che poi non gli piaceva e lo ha lasciato perdere ma non è tornata da me perchè si sentiva in colpa e non mi meritava.
Dice che mi ha pensato sempre e tante altre cose.
Ci ho fatto l'amore, e è stato bellissimo, per me e per lei, e stato dolce e brutale, lei mi ha detto delle cose stupende che si vedeva che venivano dal cuore, mi diceva che con ogni bacio mi riprendevo un pezzo di lei, e di riprenderla tutta e per sempre, e io anche le dicevo delle cose romantiche e belle.
E' stato bello.
Però non sono riuscito mai a smettere di chiederle di questo tipo perchè il racconto non mi tornava, lei sostiene di non sapere neanche il suo cognome e tante altre cose che non mi tornano, soprattutto secondo me lei quando mi ha lasciato lo conosceva già.
Fatto stà che passano 3 giorni belli e disturbati solo dalle mie continue richieste paranoiche su questo tipo, in ogni momento e a rovinare tutto come se fossi una ragazzina isterica.
Il 3 giorno dopo che è andata via, di notte trovo in chat un nostro amico che non sentivo da un pò, senza dirgli nulla gli chiedo se sapesse nulla di lei, e mi ha raccontato che lei da prima di natale usciva con un ragazzo che è un cretino ma pieno di soldi, e che c'è uscita fino a pochi giorni prima...
Le mie paranoie avevano trovato conferma.l
Sono impazzito di dolore
non ho dormito
non mangio da 3 giorni e sono debolissimo,
Mi venne in mente una discussione che io ebbi con lei una settimana esatta prima di lasciarci per il fatto che aveva scritto su facebook, "era da tanto che non provavo queste emozioni" una sera che uscì con le sue amiche
Insomma sono andato dove lavorava, e qui la cazzata, e le ho chiesto spiegazioni in merito.
Lei giustamente si vergognava e mi ha chiesto di andarsene, e a quel punto sono smattato, dicendole che per farsi rimorchiare come una prostituta il tempo per parlare con qualcuno ce l'aveva in negozio mentre io me ne dovevo andare, e che la sarei andata a prendere alle 19.
Ecco la stracazzata che ho fatto, "lei per sdrammatizzare mi ha chiesto cosa si mangiava e io le ho detto " mangi se ti restano i denti" poi sono uscito e rientrato e le ho detto a voce brutale e sostenuta di non farmi incazzare perchè gli facevo ingoiare la collega che era venuta lì a sentire cosa stavo dicendo e tutto il negozio...
Un idiota insomma, che poi io non le avrei mai fatto nulla, ma stavo malissimo, mi continuava a girare in testa il pensiero che lei era stata con uno che aveva preferito a me, che magari c'aveva anche scopato perchè c'era stata 2 masi alla fine, e che magari quando questo l'ha lascita lei è tornata da me come se fossi il suo cagnolino.
La sera quando sono andato a prenderla, lei ha chiamato la sicurezza, e ha iniziato a urlare che io le facevo paura e che non mi vuole vedere mai più, che mi ama ma non mi vuole mai più rivedere, c'ho parlato lo stesso anche se li c'era la guardia anche piuttosto imbarazzata, che non ha fatto nulla.
Lei dice che giustamente non dovevo andare lì e che ha paura perchè non la dovevo picchiare il primo giorno che ci siamo rivisti ( io in un anno non le ho mai alzato le mani e comunque ho sbagliato, però se ha tutta questa paura perchè ha dormito con me altre due notti dicendomi che mi ama e che si sente bene e protetta solo con me e che è mia e basta?), dice che non mi vuole mai più parlare e non ha niente da dirmi, e non mi vuole vedere mai più anche se mi ama.
QUesta è stata una scenata assurda.
la guardia ha detto che avevo ragione io da uomo a uomo e che comunque se non le interessava nulla se ne poteva andare subito invece che parlare facendo la scenata con me per 20 minuti almeno.
Ti amo ma non ti voglio parlare ne vedere mai più, queste le sue parole, che secondo me non hanno senso.
Ero molto incazzato, anche per la figura da stalker che mi ha fatto fare, senza tenere conto di quella che forse le ho fatto fare io, ma non ne potuvo più e l'ho tolta da facebbok.
Poi le ho mandato 10 messaggi lunghi come libri, in cui le spiegavo cosa mi hanno detto si lei, che mi aveva mentito invece che dirmi la verità quando è tornata da me, e che la mia reazione è stata tale solo perchè ci tengo davvero a lei, in ogni messaggio sono sempre stato più autocritico, e ora non sò più cosa fare, le ho mandato un ultimo sms e messaggio dove le dico che cancello anche il suo numero e non la contatterò più gurandolo perchè non voglio che se davvero ha così tanta paura di me si senta minacciata, e scusandomi per i miei modi e ricordandole che non mi sono mai comportato così, e se l'ho fatto è solo perchè la amo.
Le ho fatto i miei migliori auguri e le ho scritto che spero si faccia sentire almeno rispondendomi, poi le ho detto addio.
Voi non avete idea in che condizione sono, la ragazza che ogni giorno pregavo perchè tornasse lo fà, e io mi sono comportato così, in preda alla rabbia, il dubbio e la necessità di sapere cosa aveva fatto erano più grandi della voglia di lei in alcuni momenti mentre in altri volevo solo rigodermi il nostro rapporto rinato.
Ma come si potrebbe stare cn una persona del genere se i ragazzi che la conoscono mi hanno detto la verità? e se invece l'avesse detta lei che uomo di cacca sarei io? resta il fatto che la conosco molto bene, e è bugiarda e molto calcolatrice, ha cambiato più volte versione delle risposte che mi ha dato, e soprattutto passava tempo prima delle sue risposte che secondo me è segno di calcolo in una discussione, Se si parla sinceramente si dice la verità e basta.
Fatto stà che non mi risponde, e che non mi sembra il caso continuare a cercarla in alcun modo.
Non vorrei finire nei casini legali o trovare qualcuno che mi voglia menare, visto che come ha sempre raccontato bugie sui suoi familiari e a tutti quelli che aveva intorno senza problemi per assare bene lo potrebbe fare anche con me.
Però mi manca e la rivorrei, cosa posso fare? Termy secondo te com'è la situazione, cosa dovrei pensare? Ragazzi stò davvero male, anche voi datemi il vostro parere, cosa posso fare?

Loggato

Cool

  • Scribacchino
  • *
  • Mi piace = 0
  • Offline Offline
  • Posts: 65

Re: Come comportarsi con una ex

« Risposta #13 del: 19 Febbraio 2012, 16:53:12 »

La vorrei sentire confessare, questo è il vero punto. Poi prenderei la mia decisione, il mio orgoglio è in frantumi e passo da stati di disperazione a altri di odio. Non sò se credere alle sue dolci bugie o ai pettegolezzi che confermano quello che pensavo da subito. Ci sono cose che avvalgono entrambe le versioni. Non sò se ho avuto vicino un mostro o se ho rovinato tutto in preda alla paranoia. Vorrei scoprirlo e riaverla per me. Penso che se fosse colpevole abbia usato la scusa della mia scenata per tagliare i ponti dato che "sapevo" e uscire di scena almeno ai miei occhi per un altro motivo, quando invece lei lo ha fatto per evitare la sua dovuta conferma dei fatti che avrebbe portato inevitabilmente a una rottura o a una situazione di odio nei suoi confronti.
Così penso che abbia usato il pretesto per allontanarmi per sempre e preferisca non vedermi davvero più piuttosto che affrontare la cosa.
C'è qualche stratagemma per portarla a parlare chiaro? E se invece fosse stat sincera come potrei fare per riprendermela? Datemi una mano ragazzi, lo sò che la cosa migliore sarebbe non cagarla più, ma non mi và...

Loggato

Cool

  • Scribacchino
  • *
  • Mi piace = 0
  • Offline Offline
  • Posts: 65

Re: Come comportarsi con una ex

« Risposta #14 del: 19 Febbraio 2012, 17:19:41 »

Citato da: Disperato il 19 Febbraio 2012, 13:17:44

[..]
Mi sono comportato male lo premetto ma cercate di capirmi.
Le ho chiesto se aveva avuto altri ragazzi e lei ha risposto di si, dicendomi che anche mentre ci parlavo e cercavo di sistemare le cose tra noi lei non aveva dato a me un altra possibilità perchè si era invaghita di un tipo che la corteggiava sul posto di lavoro e voleva conoscee lui...
[..]

male cercato non è mai abbastanza.

Loggato

Poncho

  • SI-Reliable User
  • Grafomane
  • *
  • Mi piace = 80
  • Offline Offline
  • Posts: 856
Pagine: [1] 2 3 4   Vai Su
« precedente | successivo »
Salta a: