Per rispondere alle discussioni e partecipare al forum ACCEDI oppure ISCRIVITI !

« precedente | successivo »
Pagine: [1] 2 3   Vai Giù
0 Utenti e 1 Visitatore stanno guardando questo topic.
Autore Topic:

The mentalist

(Letto 12236 volte)

The mentalist

« del: 04 Gennaio 2010, 10:39:22 »

telefilm basato su un ex-sensitivo che resce in base ad alcuni dettagli a capire cosa le persone vogliono o meno sentirsi dire cosa vogliono o meno fare e come sono fatte.

come tutti i telefilm purtroppo esagera poiche' alcune cose non hanno senso...

nel telefilm e' possibile vedere esempi di ancoraggio di PNL,di ipnosi,di cold reading, tecniche seduttive e braingstorming o mindfucking...

inoltre anche il personaggio e' abbastanza propenso all'emulazione nei modi di fare...

non serve praticamente ad un caxxo...ma fa' venire voglia di impegrarsi per capire cosa pensano le persone e di emularlo...

quindi per concludere:

molta motivazione ma i concetti non servono ad un caxxo

Loggato


l'unico modo per diventare un giocatore furbo e' giocare contro giocatori piu' furbi di te...

comportati come se avessi 1000 donne e avrai 1000 donne...

Jason N. Dohring

  • Dreamer
  • SI-Reliable User
  • Oracolo della biro
  • *
  • Mi piace = 136
  • Offline Offline
  • Residenza: Salerno
  • Posts: 1472
  • Nulla e' reale...tutto e' lecito...

Re: The mentalist

« Risposta #1 del: 04 Gennaio 2010, 12:12:45 »

Uno dei miei TF preferiti!

Inoltre segnalo che in una puntata della prima stagione (1x14 Crimson Casanova se non sbaglio) l'argomento principale è il Pick Up, con un PUA che però viene abbastanza preso per il c..o dagli altri

Loggato

PatrickJane

  • Scriba
  • *
  • Mi piace = 3
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 24
  • Posts: 141

Re: The mentalist

« Risposta #2 del: 04 Gennaio 2010, 12:52:50 »

Citato da: PatrickJane il 04 Gennaio 2010, 12:12:45

Uno dei miei TF preferiti!

Inoltre segnalo che in una puntata della prima stagione (1x14 Crimson Casanova se non sbaglio) l'argomento principale è il Pick Up, con un PUA che però viene abbastanza preso per il c..o dagli altri

e' inoltre bello vedere come in tutto il telefilm lui usi le nostre tecniche

dispiace quando inizi a vedere che esagera (mi staro' autolimitando?)

credete sia possibile arrivare a leggere la mente a quel livello?

JND

Loggato


l'unico modo per diventare un giocatore furbo e' giocare contro giocatori piu' furbi di te...

comportati come se avessi 1000 donne e avrai 1000 donne...

Jason N. Dohring

  • Dreamer
  • SI-Reliable User
  • Oracolo della biro
  • *
  • Mi piace = 136
  • Offline Offline
  • Residenza: Salerno
  • Posts: 1472
  • Nulla e' reale...tutto e' lecito...

Re: The mentalist

« Risposta #3 del: 12 Gennaio 2010, 20:54:38 »

Citato da: Jason N. Dohring il 04 Gennaio 2010, 12:52:50

e' inoltre bello vedere come in tutto il telefilm lui usi le nostre tecniche

dispiace quando inizi a vedere che esagera (mi staro' autolimitando?)

credete sia possibile arrivare a leggere la mente a quel livello?

JND

Lo guardo pure io! Il personaggio affascina molto anche me e lo uso spesso come modello.
Le cose che il protagonista fa nel telefilm non sono così impossibili, un mentalista vero (tipo Derren Brown) le sa fare ad occhi chiusi, e per leggere la mente si limita solo alla lettura del body language ed eventualmente alla muscle reading.
Molto belle le puntate dove si smontano sia il pickup all'americana, sia la PNL come business miracoloso.

Loggato


"Solo un uomo che ha provato l'infinita tristezza è capace di provare l'infinita beatitudine."

Montecristo

  • Scribacchino
  • *
  • Mi piace = 5
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 51
  • Certamente forse.

Re: The mentalist

« Risposta #4 del: 12 Gennaio 2010, 22:44:15 »

Citato da: PatrickJane il 04 Gennaio 2010, 12:12:45

Uno dei miei TF preferiti!

Inoltre segnalo che in una puntata della prima stagione (1x14 Crimson Casanova se non sbaglio) l'argomento principale è il Pick Up, con un PUA che però viene abbastanza preso per il c..o dagli altri

L'avevo intuito dal nick che ti piaceva Cheesy
 In effetti quella sul PU è una delle puntate migliori... di una serie più che divertente.

Acqua

Loggato


Whenever you find yourself on the side of the majority, it is time to pause and reflect. - M. Twain
__________________

http://pieroit.org/blog
__________________

100% Maschio Alphonso

Acqua

  • SI-Bannati
  • Vate del calamaio
  • *
  • Mi piace = -353
  • Offline Offline
  • Posts: 2831
  • P-ano

Re: The mentalist

« Risposta #5 del: 12 Gennaio 2010, 22:53:23 »

Citato da: Montecristo il 12 Gennaio 2010, 20:54:38

Molto belle le puntate dove si smontano sia il pickup all'americana, sia la PNL come business miracoloso.

Beh, comunque ci sono rimasto un po' male perchè hanno comunque denigrato il sarge e la PNL, che si tratti di america, spagna, italia... Anche se alla fine dei conti non è così male, chi vede le puntate in italia penserà che il pick-up è una pagliacciata e la PNL pure, e a me va bene così...

PS: Per gli appassionati dopodomani (giovedì sera) la serie riprende e ci sarà la 2x11 negli states... Quindi da noi puntata e sottotitoli disponibili da venerdì

Loggato

PatrickJane

  • Scriba
  • *
  • Mi piace = 3
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 24
  • Posts: 141

Re: The mentalist

« Risposta #6 del: 13 Gennaio 2010, 06:03:00 »

Citato da: PatrickJane il 12 Gennaio 2010, 22:53:23

Beh, comunque ci sono rimasto un po' male perchè hanno comunque denigrato il sarge e la PNL, che si tratti di america, spagna, italia... Anche se alla fine dei conti non è così male, chi vede le puntate in italia penserà che il pick-up è una pagliacciata e la PNL pure, e a me va bene così...

No, credo che abbiano ridicolizzato un pò il sarge americano (che poi neanche tanto, visto che la serie poi mostra che può essere utile per le cose da una notte sola) mostrando il tipico PUA gasato che crede di avere la magia in mano. Per la PNL pure, perchè sinceramente quella attuale una presa per il culo se la merita, è diventata una pagliacciata milionaria pure qui.

Loggato


"Solo un uomo che ha provato l'infinita tristezza è capace di provare l'infinita beatitudine."

Montecristo

  • Scribacchino
  • *
  • Mi piace = 5
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 51
  • Certamente forse.

Re: The mentalist

« Risposta #7 del: 13 Gennaio 2010, 09:24:04 »

Citato da: Montecristo il 13 Gennaio 2010, 06:03:00

No, credo che abbiano ridicolizzato un pò il sarge americano (che poi neanche tanto, visto che la serie poi mostra che può essere utile per le cose da una notte sola) mostrando il tipico PUA gasato che crede di avere la magia in mano.

Off Topic: sto guardando in queste settimane tutte le puntate di "the Big Bang Theory" e pure li' il sarge all' americana ed i suoi acronimi (game, wingman, neg, peacock etc.) vengono presi in giro frequentemente. 

Loggato


life is too short to be afraid

JBGrenouille

  • CSI-6
  • Grafomane
  • *
  • Mi piace = 95
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 38
  • Residenza: La Perfida Albione
  • Posts: 1209

Re: The mentalist

« Risposta #8 del: 13 Gennaio 2010, 16:07:46 »

Citato da: Montecristo il 13 Gennaio 2010, 06:03:00

No, credo che abbiano ridicolizzato un pò il sarge americano (che poi neanche tanto, visto che la serie poi mostra che può essere utile per le cose da una notte sola) mostrando il tipico PUA gasato che crede di avere la magia in mano. Per la PNL pure, perchè sinceramente quella attuale una presa per il culo se la merita, è diventata una pagliacciata milionaria pure qui.

e hanno fatto anche bene...

perche' ad una certa capisci che scoparsi 1000 donne e fare numero non serve quando parlare con 1000000 e capire

fare sesso con una ragazza e mandarla a fanculo la sera stessa (leggasi ONS) non ha lo stesso risultato di capire perche' te l'ha data ,come rifarlo,perche' ha fatto certe cose

detto cio' si chiede al personaggio perche' non si fa' quella che ''ama'' (quindi nn e' una presaper il culo)

quella della PNL me la sono persa ma nel telefilm molto spesso vengono usate ancore ,ipnosi ecc... dal protagonista.

off topic: quando riparte lie to me?

Loggato


l'unico modo per diventare un giocatore furbo e' giocare contro giocatori piu' furbi di te...

comportati come se avessi 1000 donne e avrai 1000 donne...

Jason N. Dohring

  • Dreamer
  • SI-Reliable User
  • Oracolo della biro
  • *
  • Mi piace = 136
  • Offline Offline
  • Residenza: Salerno
  • Posts: 1472
  • Nulla e' reale...tutto e' lecito...

Re: The mentalist

« Risposta #9 del: 13 Gennaio 2010, 16:13:42 »

Citato da: Montecristo il 12 Gennaio 2010, 20:54:38

Lo guardo pure io! Il personaggio affascina molto anche me e lo uso spesso come modello.
Le cose che il protagonista fa nel telefilm non sono così impossibili, un mentalista vero (tipo Derren Brown) le sa fare ad occhi chiusi, e per leggere la mente si limita solo alla lettura del body language ed eventualmente alla muscle reading.
Molto belle le puntate dove si smontano sia il pickup all'americana, sia la PNL come business miracoloso.

ultimamente propendo i miei studi su qualcosa del genere avendo parzialmente abbandonato la ricerca in campo seduttivo (ho raggiunto i miei obiettivi di conoscenza e non ci sono spiragli concreti di apprendimento)

ho notato che e' effettivamente possibile qualcosa di lontanamente simile tradotto e' possibile fare tranquillamente l'80% delle cose fatte nel telefilm es: ieri ho scoperto chi mi aveva rubato 10 euro in un bar perche' cercava di convincermi che non era stato lui con una mano in tasca Tongue

sapresti consigliarmi qualcosa al riguardo? poi provvediamo per una birra a breve Tongue

Loggato


l'unico modo per diventare un giocatore furbo e' giocare contro giocatori piu' furbi di te...

comportati come se avessi 1000 donne e avrai 1000 donne...

Jason N. Dohring

  • Dreamer
  • SI-Reliable User
  • Oracolo della biro
  • *
  • Mi piace = 136
  • Offline Offline
  • Residenza: Salerno
  • Posts: 1472
  • Nulla e' reale...tutto e' lecito...

Re: The mentalist

« Risposta #10 del: 14 Gennaio 2010, 05:14:24 »

Citato da: Jason N. Dohring il 13 Gennaio 2010, 16:13:42

sapresti consigliarmi qualcosa al riguardo? poi provvediamo per una birra a breve Tongue

"Tricks of the Mind" di Derren Brown (solo in english). Non so se hai mai visto qualche suo spettacolo (io ho visto quasi tutti i suoi video, tra youtube e altre fonti), ma è un vero genio e non ha mai millantato alcun potere paranormale (è ateo e scettico) nè di operare trucchetti di montaggio video (come quasi tutti i maghi americani). Nel libro tratta tre argomenti principali che poi sono gli stessi tre alla base delle tecniche usate in TheMentalist, cioè le Memotecniche, Ipnosi&PNL, Lettura del corpo.

Se poi ti interessa guardare un suo spettacolo e capisci molto bene l'inglese, ti consiglio "Evening of Wonders" (sta tutto su youtube), uno spettacolo che mi ha davvero incantato e divertito come pochi.

Loggato


"Solo un uomo che ha provato l'infinita tristezza è capace di provare l'infinita beatitudine."

Montecristo

  • Scribacchino
  • *
  • Mi piace = 5
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 51
  • Certamente forse.

Re: The mentalist

« Risposta #11 del: 14 Gennaio 2010, 16:28:26 »

Citato da: Montecristo il 14 Gennaio 2010, 05:14:24

"Tricks of the Mind" di Derren Brown (solo in english). Non so se hai mai visto qualche suo spettacolo (io ho visto quasi tutti i suoi video, tra youtube e altre fonti), ma è un vero genio e non ha mai millantato alcun potere paranormale (è ateo e scettico) nè di operare trucchetti di montaggio video (come quasi tutti i maghi americani). Nel libro tratta tre argomenti principali che poi sono gli stessi tre alla base delle tecniche usate in TheMentalist, cioè le Memotecniche, Ipnosi&PNL, Lettura del corpo.

Se poi ti interessa guardare un suo spettacolo e capisci molto bene l'inglese, ti consiglio "Evening of Wonders" (sta tutto su youtube), uno spettacolo che mi ha davvero incantato e divertito come pochi.

ok... lo spettacolo e' impressionante(anche da capire)

la serie la trovo molto molto utile...

sto' per intraprendere la lettura del libro...ma che c'entrano le Memotecniche? non nsono sistemi per migliorare la memoria?

Loggato


l'unico modo per diventare un giocatore furbo e' giocare contro giocatori piu' furbi di te...

comportati come se avessi 1000 donne e avrai 1000 donne...

Jason N. Dohring

  • Dreamer
  • SI-Reliable User
  • Oracolo della biro
  • *
  • Mi piace = 136
  • Offline Offline
  • Residenza: Salerno
  • Posts: 1472
  • Nulla e' reale...tutto e' lecito...

Re: The mentalist

« Risposta #12 del: 14 Gennaio 2010, 19:00:57 »

Citato da: Jason N. Dohring il 14 Gennaio 2010, 16:28:26

sto' per intraprendere la lettura del libro...ma che c'entrano le Memotecniche? non nsono sistemi per migliorare la memoria?

Sì, sono appunto tecniche per imparare molto più facilmente intere liste di cose. Per l'uomo comune possono essere molto utili ma per un mago che deve fare cose straordinarie sono necessarie. Personalmente, mi sono state di grande aiuto tant'è che ho rivoluzionato la maniera in cui studio un esame o faccio la spesa.

In una puntata del telefilm TheMentalist il protagonista cerca di spiegare come fa a vincere al BlackJack, dicendo appunto che utilizza i "Palazzi della memoria", una tecnica presente e spiegata nel libro. La cosa bella è che è davvero possibile vincere al BlackJack contanto le carte e morizzando quelle uscite, solo che se ti beccano nei casinò poi ti bannano Tongue

Loggato


"Solo un uomo che ha provato l'infinita tristezza è capace di provare l'infinita beatitudine."

Montecristo

  • Scribacchino
  • *
  • Mi piace = 5
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 51
  • Certamente forse.

Re: The mentalist

« Risposta #13 del: 15 Giugno 2010, 21:38:43 »

Visto che se ne parla vi incollo la mia recensione analisi del personaggio da un articolo molto lungo sugli archetipi junghiani, la PNL e la Mitologia personale per il cambiamento. Buona lettura.

Per prendere un esempio recentissimo, non so quanti di voi stanno seguendo la serie televisiva che preferisco in questo momento, ovvero The Mentalist perché mi permette di spiegare cosa faccio quando qualcuno mi chiede qual'è la mia professione. The Mentalist, ad un primo sguardo è una serie poliziesca come le tante che ci sono oggi, CSI ad esempio, eppure vi inserisce un elemento di disturbo e rottura molto forte, il protagonista Patrick Jane. Egli è un ex ciarlatano che si fingeva sensitivo, per guadagnare molti soldi, privo di qualsiasi morale, usa le sue capacità solo per i suoi scopi e fare carriera, incurante delle terribili conseguenze alle quali andrà incontro.
Mi sono domandato il perché della scelta del titolo. Chi mi parlò per la prima volta di questa serie me lo descrisse come un Ipnotista, ma è riduttiva come definizione, secondo me Bruno Heller, il creatore della serie, poteva scegliere un altro nome, eppure ha deciso per Mentalist, come mai? la risposta che mi sono dato è questa:
L'ideatore ha curato maniacalmente ogni tratto del personaggio che ha costruito, non lasciando niente a caso, in un certo sento questo è un parallelo col percorso di allenamento e crescita del suo Protagonista Patrick.
Patrick ha una capacità di osservazione fuori dal comune, ha sia un talento innato che un allenamento finissimo, che gli permette di prestare davvero attenzione a cose che agli occhi di altri non sono cosi' evidenti. E' un esperto di psicologia, e dei profili comportamentali, ma non ha studiato, li conosce istintivamente, a pelle, poiché ha la capacità di adattarsi e mutare a seconda del contesto, ed è curiosissimo, parla con tutti e ne assorbe un po' della coscienza, che diventa parte di lui.
Conosce la persuasione in tutte le sue forme, e, e sa che l'Ipnosi e l'arte della parola sono i mezzi per aprirsi tutte le porte e non si fa scrupolo di usarle quando servono per fare più in fretta. Ha allenato la sua mente a risolvere qualunque problema gli si ponga di fronte analizzandolo da più prospettive diverse, ed è certo che troverà una soluzione. Pensa sempre due passi avanti rispetto all'avversario che gli si pone di fronte. E' attento, preciso, sperimenta, gioca come i bambini,con i quali condivide l'innocenza. Il suo allenamento nelle skills di PNLista gli hanno conferito l'abilità di saper fare qualsiasi professione voglia in pochissimo tempo e diventando più esperto di chi da anni fa pratica una sola singola professione, perché l'allenamento che Patrick è stato multidisciplinare, ha imparato tante professioni tutte assieme, per risparmiare tempo. E' un moderno Zelig: con i poliziotti è un detective sopraffino, con le sue capacità di osservazione, ricerca, conoscenza dei profili comportamentali e dei driver dell'animo umano sa azzeccare i moventi con una precisione micidiale. Con gli artisti è un esperto d'arte che sa riconoscere i quadri falsi, e sa creare perché condivide con loro l'arte della creatività, ed è anche un buonissimo negoziatore perché è un maestro della persuasione e del raggiro, e sa cosa vuole l'altro nel profondo e sa come darglielo. Con i bambini è un compagno di avventure, perché si immerge totalmente nel loro mondo, quindi un padre stupendo. Quando si trova in un casinò diventa un abilissimo giocatore d'azzardo usando la sua acutezza mentale e sensoriale per vincere sempre.
E' cosi' percettivo da essere un bravissimo sensitivo anche senza poteri effettivi, anche se si percepisce che ha un non so ché superiore alle sue sole capacità quando ha le intuizioni.
Quello che sa fare lo rende un seduttore di prim'ordine, ha il fascino di certi vecchi attori di un tempo, eppure non è un fascino naturale, come tutto di lui costruito sull'allenamento.
Infiltrandosi in un gruppo di PNListi ne è l'indiscusso maestro.
Egli è lo spirito artistico incarnato ed amorale, la sinfonia di energia che danza e si intreccia, portatore di una luce bellissima che è la sua opera d'arte migliore: la sua vita.

Però col tempo per potersi relazione con le persone sofferenti e per aiutarle, Patrick inizia davvero a sviluppare una forte empatia e un desiderio di comprendere la sofferenza altrui, condizione sviluppata nell'essere sempre nelle scarpe e nell'animo altrui,e a volerle aiutare davvero, grazie anche alla forte presa di coscienza del massacro della sua famiglia. Ha capito che non si può giocare con le persone solo perché hai più talento o intelligenza di loro, perché qualcuno poi ne soffre.
Se avete seguito finora, avrete capito che il Mentalist come tutti i Trickster vive del e nel contrasto, ovvero nasce si nutre di quella forza irresistibile che è il paradosso, egli respira, pensa e sopravvive di paradosso, senza di tale non esisterebbe.
Mente spessissimo per portare alla verità, ma in realtà quando mente sta sempre dicendo la verità in qualche forma. E' cosi' evoluto e maturo e ha sofferto cosi' tanto da essere empatico e saggio con tutta l'umanità, eppure è, e rimane, un eterno bambino sperduto. Veste da adulto posato e serio, ma si comporta da bambino pigro, fa quello che gli pare e gli va, in un contesto rigido dove non è ammesso.
E' la persona più sensibile ed empatica che esista al mondo eppure può essere il più freddo e distaccato di tutti, nonché il più amorale. Può ottenere qualunque cosa voglia ma non ha bisogno di niente se non un divano per dormire. Tutti lo ammirano e lo amano, eppure è estremamente solo perché consapevole di essere unico nel suo genere e di fare un percorso che non ammette compagni. Potrebbe avere tutti come amici e sa cosa dire sempre per fare colpo eppure preferisce rompere le palle e si fa odiare se vuole.
Esiste solo per ribellarsi a qualcosa che già c'è, se non ci fosse qualcosa a cui opporsi non esisterebbe, vive d'opposizione. E' incapace di fare violenza eppure desidera punire ed uccidere. Egli ha praticato abilità cosi' complesse da sembrare semplici e facili agli occhi di tutti come se fossero naturali. E al tempo stesso nonostante tutte le competenze che ha, le cose gli riescono meglio quando ha delle naturali intuizioni come se quello che sa fare non gli serva a niente.
Vive per la vendetta eppure non riesco mai a metterla in pratica nei fatti, la usa solo come motore per la sua ricerca.
Per lui le persone sono un libro aperto, eppure vuole comunque conoscerle a fondo spinto dalla curiosità.
Si muove navigando nel campo delle emozioni e dei sentimenti, delle percezioni e dell'energia, delle pulsioni emozionali, quindi a tutto quello che è dominato dalle viscere e dell'irrazionale Dionisiaco, imbrigliandole con il controllo e la razionalità Apollinea, usa l'intuizione per far partire un'analisi logica, e analizza ragiona e verifica per assicurarsi al 100% della certezza della sua intuizione che è sempre giusta, anzi deve provarla agli altri che non sono ancora arrivati a comprendere quello che ha intuito, in questo ha molto in comune col Dr. House a cui è concettualmente vicinissimo.
Sa tutto su tutte le materie eppure non conosce niente e non ha studiato niente, è il più ignorante di tutti come Socrate, e quello che sa fare lo rende un moderno Ozymandias o Leonardo da Vinci con cui ha tanto in comune.
Ricordate il già citato elemento ricorrente del sorriso? Ecco fate caso a come sorride il protagonista, e poi guardate la Gioconda o un altro quadro di Leonardo. E' lo STESSO sorriso, anche Leonardo sapeva queste cose. E anche Buddha. E sospetto fortemente che anche Socrate, sorridesse allo stesso modo.

E' in grado di leggere nel pensiero dei suoi avversari, di prevederne le mosse e li conosce benissimo, eppure non riesce a prevedere o leggere quelle del suo avversario più grande, il suo doppio opposto e complementare John Il Rosso, in buona sostanza conosce e capisce tutti perché conosce se stesso ma gli è impossibile conoscere e leggere il suo nemico più grande cioè di nuovo se stesso, quindi non si conosce o non vuole conoscersi.

Egli incarna e rappresenta da solo tutto il ciclo evolutivo completo della scienza umana, e include tutti gli archetipi della natura dell'uomo: dal bambino sperduto, al Nichilista Perfetto di Rorschach, dal guaritore ferito di Jung, dal Bagatto, all'Eremita che fa il suo percorso, al Mago, egli è tutti gli Arcani dei Tarocchi, via via fino a giungere alla sua forma evolutiva finale dell'Orologiaio Perfetto, Dio se proprio volete chiamarlo cosi', o Sé Potente o Superiore, Pura Coscienza, che è consapevole di ogni momento del suo passato e futuro, di ogni sensazione e dei collegamenti tra tutti gli eventi del tempo, ha realizzato la Natura Divina della sua Coscienza, che è ed esisterà ed è esistita da sempre, ha ricordato tutte le sue vite precedenti e le sue identità nei tempi e nei luoghi, e deve sorvegliare l'umanità guidandola benevolmente perché egli ne è la somma delle memorie e delle esperienze collettive, ecco perché mentre stava facendo il suo percorso era in grado di sapere e fare cose come se avesse vissuto 100 vite. Insomma egli incarna il caro Inconscio Collettivo Junghiano, dal resto lo stesso Jung era una manifestazione fisica dell'Inconscio Collettivo.

In ultima analisi il Mentalist di questa serie televisiva a mio avviso è il modello di quello che dovrebbe essere il punto di arrivo per chiunque si imbarca nel percorso dello sviluppo personale.
Egli è la sintesi di tutte le competenze che si dovrebbero acquisire col tempo, una sinfonia perfetta di tutte le singole note che armonicamente risuonano assieme per la grande esecuzione. Agli occhi degli altri quello che fa ha del magico. Ecco perché il titolo e il ruolo di Mentalist. Poteva chiamarlo The Persuader o The Seducer, o The Hypnotist, o The Con Man, o The Trickster (!), e invece sceglie The Mentalist. perché ha intuito che il Mentalismo, una branca della Prestigiazione, è il frame-work più adatto per racchiudere ed esprimere la somma di quello che dovrebbe essere un PNLista, infatti i Mentalisti da secoli fanno quello che fanno i PNListi, senza che quest'ultimi ne siano coscienti, il primo a notarlo è stato quello Psicologo che ho nominato in precedenza nella ricostruzione della mia Mitologia. Giocano coi paradossi, coi confini, ristrutturano le percezioni, cambiano la realtà, sanno prevedere e leggere chi hanno di fronte grazie ai loro sensi amplificati, hanno dovuto sviluppare l'arte di distrarre e persuadere per creare l'effetto magico, e al tempo stesso hanno tanto in comune con gli investigatori, e gli psicologi. In un intervista Simon Baker l'attore principale ha spiegato di come si sia allenato anche vedendo molti video di Mentalisti e poi abbia praticato dal vivo, e che a furia di farlo sia diventato come il personaggio che interpreta Patrick Jane.
La genialità di Heller il creatore è stata proprio questa, nell'aver intuito, senza conoscere i saggi dello Psicologo italiano che ha fatto questo studio, i punti in comune tra queste discipline e nel creare un frame coerente per rappresentarle in televisione, poiché ci vuole anche dire che la mente non ha limiti per chi la sa usare.

E' interessante notare come la serie su questo nostro Mentalist/Trickster, sebbene non introduca nessun elemento originale rispetto alle serie simili, tanto che esiste già una serie dove un investigatore si finge sensitivo per risolvere i casi con la PNL, e non ha nulla di nuovo da raccontare, potete vedere il suo archetipo è antichissimo, nonostante questo o meglio a causa di questo Mentalist è una delle serie televisive più seguite al mondo in questo momento, ed ha vinto una marea di premi ed Oscar Televisivi cosa che conferma come sempre la nostra instancabile sete per i temi fondamentali della coscienza umana.

Loggato

Neo

  • Cacasenno
  • *
  • Mi piace = 0
  • Offline Offline
  • Posts: 30

Re: The mentalist

« Risposta #14 del: 18 Giugno 2010, 14:51:08 »

continuo a pensare che la PNL, se serve a qualcosa, serve (forse) per liberarsi dalle fobie.
tutti gli altri millantati meriti della PNL sono promesse alla Wanna Marchi.
Quel poco di convincente che c'è d'altronde è una scopiazzatura del lavoro altrui e non farina del sacco di Bandler e Grinder (d'altronde loro stessi non fanno mistero di aver attinto a piene mani da Milton Erickson, Virginia Satir e, mi sembra Fritz Perls nonchè altri ).
A chi ritiene che io sia troppo severo direi di provare a fare gli esercizi di A. Robbins e simili e vedere se ad es. riescono a smettere di fumare. Come faccio a sapere che i suoi esercizi non funzionano? Perchè li ho sperimentati io ed un sacco di gente che conosco e NESSUNO ripeto NESSUNO ne ha tratto benefici.
La PNL è solo un grande business come lo è la legge di attrazione, the Secret ecc.
Robbins è diventato ricco e famoso non in virtù della trasformazione in lui avvenuta per mezzo dei prodigiosi strumenti della PNL ma solo grazie ai gonzi che hanno comprato in massa i suoi libri che non mantengono quanto promettono (pur essendo gradevoli e aìcontenendo qualche spunto interessante).
Provate a sedurre utilizzando la PNL e boiate tipo l'elicitazione di valori ed il mirroring. Mi ricordo che una ragazza molto carina alla quale piacevo ma che non ricambiavo per il suo carattere acido, tentò di fare con me il mirroring (avendo letto qualcosa in merito probabilmente sui classici giornali femminili): mi accorsi subito dei suoi goffi tentativi e questo me la fece scadere ancor di più dandole il colpo di grazia definitivo!
Un tempo non esisteva tutto il materiale che abbiamo a dsiposizione oggi e chi voleva migliorarsi non sapeva che fare. Ora ce n'è troppo: Qualunque fesso alle prime pugnette può autodichiararsi "PUA" e per lettore è difficile orientarsi e capire chi è un ciarlatano e chi invece parla perchè effettivamente sa quello che dice e sa produrre risultati

Loggato

ivan72

  • SI-Bannati
  • Cacasenno
  • *
  • Mi piace = 3
  • Offline Offline
  • Posts: 34
Pagine: [1] 2 3   Vai Su
« precedente | successivo »
Salta a: