Per rispondere alle discussioni e partecipare al forum ACCEDI oppure ISCRIVITI !

« precedente | successivo »
Pagine: [1] 2 3   Vai Giù
0 Utenti e 1 Visitatore stanno guardando questo topic.
Autore Topic:

[riflessioni] una serata diversa

(Letto 2158 volte)

[riflessioni] una serata diversa

« del: 18 Ottobre 2010, 10:25:03 »

cena con amici, come non ne facevo da un po' di tempo... avrebbe dovuto essere un day-x con alcuni target, ma tutte le fighe che avevo invitato (dico TUTTE, caxxo) hanno dato buca (ampio campionario: da quella che non risponde, a quella che dice di no, a quella che dice forse, a quella che dice si e poi cambia idea ll'ultimo, fino alla vincitrice: dice che viene, l'aspettiamo e poi non si presenta! Mad ).
Quindi in questo caso il consueto overbooking non ha funzionato affatto.

Serata tranquilla dicevo, locale rustico alla buona pieno di famigliole, coppie e compagnie di amici.
Guardandomi intorno ho visto anche discrete fighe Smile tutte pero' accoppiate  Confused
Finche' non ho visto Lei:
una mammina di aspetto angelico che seguiva sorridente la sua bimbetta a spasso tra i tavoli (a chi piacciono i bambini sarebbe apparsa meravigliosa, per me era soltanto buffa); una donna dal viso di bambina e il sorriso che scioglie i ghiacciai... accompagnata da un marito che... boh... faccia da impiegato bonaccione, viso pulito non bello ne' brutto e aspetto normale. Insomma questo angelo in terra stava con Medioman! Shocked Idiot

Tutto questo mi ha fatto pensare... e mi convinco sempre piu' che il mondo, il mondo reale funziona cosi' e lo trovo sempre piu' estraneo, diverso da me e il mio stile di vita; chissa' come devo sembrare alieno io a loro... Idiot
E nonostante tutto, non riesco a rientrarci, il questo mondo reale (medio), non riesco a condividerne i valori e le abitudini.
Un po' mi dispiace, perche' sarebbe molto piu' facile vivere una vita normale.

Loggato


"ti avverto: stasera non ho intenzione di fare niente"
fclose ;-)
-
"Le conferme di effe sono come la panna sulle tette, sempre graditissima" - sfigatto

-eFFe-

  • SI-Reliable User
  • Oracolo della biro
  • *
  • Mi piace = 164
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 2232

Re: [riflessioni] una serata diversa

« Risposta #1 del: 18 Ottobre 2010, 10:37:40 »

Bella riflessione effe.

Da parte mia, quando vedo certe paxere con certi medioman/brutti o altro, mi chiedo per quale motivo ci facciamo le centinaia di pippe mentali che ci facciamo continuamente......

Loggato

james.mar

  • SI-Bannati
  • Vate del calamaio
  • *
  • Mi piace = 209
  • Offline Offline
  • Posts: 3550

Re: [riflessioni] una serata diversa

« Risposta #2 del: 18 Ottobre 2010, 12:52:38 »

James, perchè queste situazioni non possono essere lasciate al solo caso. C'è sempre chi vince all'enalotto, ma i più la.ricchezza se la sudano...

Loggato


-eFFe-: quando parli di figa, mi trovi sempre Smile
TermYnator:Gli unici soggetti irrecuperabili sono i morti. Sei vivo? Allora esci, rimorchia e tromba! E se non è oggi, sarà domani.

Think globally, fuck locally!

Età: 36 37 38 39 anni

^X^

  • Oracolo della biro
  • *
  • Mi piace = 252
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 1687

Re: [riflessioni] una serata diversa

« Risposta #3 del: 18 Ottobre 2010, 15:25:14 »

Spunto breve ma molto efficace.
Sono d'accordissimo quando dici che la quotidianità poggia generalmente su dinamiche e modelli ben diversi da quelli proposti ed esaltati qui, nel mondo-forum. A volte penso: "peccato che le cose vadano diversamente", altre volte invece: "per fortuna che la vita di tutti i giorni è diversa".

« Ultima modifica: 18 Ottobre 2010, 15:28:11 da Expeausition »

Loggato

Expeausition

  • Visitatore

Re: [riflessioni] una serata diversa

« Risposta #4 del: 18 Ottobre 2010, 15:42:18 »

Citato da: -eFFe- il 18 Ottobre 2010, 10:25:03

Serata tranquilla dicevo, locale rustico alla buona pieno di famigliole, coppie e compagnie di amici.
Guardandomi intorno ho visto anche discrete fighe Smile tutte pero' accoppiate  Confused
Finche' non ho visto Lei:
una mammina di aspetto angelico che seguiva sorridente la sua bimbetta a spasso tra i tavoli (a chi piacciono i bambini sarebbe apparsa meravigliosa, per me era soltanto buffa); una donna dal viso di bambina e il sorriso che scioglie i ghiacciai... accompagnata da un marito che... boh... faccia da impiegato bonaccione, viso pulito non bello ne' brutto e aspetto normale. Insomma questo angelo in terra stava con Medioman! Shocked Idiot

Non mi e' del tutto chiaro se queste persone gia' le conoscevi oppure no, se era la prima volta che le incontravi. Da come hai scritto sembra infatti che siano degli perfetti sconosciuti, ma hai dato un giudizio talmente secco e preciso su di lui che pare essere una valutazione che va oltre l'estetica. E nei tuoi post ho sempre letto valutazioni che vanno ben oltre l'osservazione esteriore di base, per questo chiedo... Smile

Citato da: -eFFe- il 18 Ottobre 2010, 10:25:03

Tutto questo mi ha fatto pensare... e mi convinco sempre piu' che il mondo, il mondo reale funziona cosi' e lo trovo sempre piu' estraneo, diverso da me e il mio stile di vita; chissa' come devo sembrare alieno io a loro...

Probabilmente sembri alieno a loro quanto loro lo sembrano a te.
E vuoi che ti dica la mia? Stiamo parlando nel mondo reale, e l'unica cosa che ho capito a riguardo di esso e' che e' abitato da una immensa popolazione di ignoranti, di cui io sono un massimo esponente.
Da quando ho acquisito questa consapevolezza, sto cercando di evitare giudizi troppo precipitosi, perche' ho avuto la fortuna di essere stato smentito tante volte e so che e' molto facile incappare in errori: basta cogliere particolari che ci erano sfuggiti, o acquisire nozioni che ci mancavano, ed ecco che il giudizio particolare precedentemente utilizzato si scioglie come neve al sole.
Un po' come chi dice che saperci fare con le donne e' una dote naturale.

Citato da: -eFFe- il 18 Ottobre 2010, 10:25:03

E nonostante tutto, non riesco a rientrarci, il questo mondo reale (medio), non riesco a condividerne i valori e le abitudini.
Un po' mi dispiace, perche' sarebbe molto piu' facile vivere una vita normale.

Secondo me in realta' non ti dispiace, o almeno non dovrebbe: dici che vivere una vita normale sarebbe molto piu' facile, ma ti contraddici dicendo di non essere capace di fare una cosa piu' facile di quella che stai facendo.

Effe, secondo me i momenti di sconforto, o solo di dubbio, capitano a tutti, soprattutto alle persone piu' brillanti: ti fermi un attimo a ti sembra che i tuoi risultati non siano sufficienti a giustificare il culo che ci siamo fatti per raggiungerli, e ti chiedi "chi me lo fa fare?".
Secondo me tu vivi gia' una vita normale: normale per te. E se i tuoi standard sono superiori alle media, e' solo un vantaggio che regala ricchezza a te e a chi ti sta vicino. Senza i tuoi standard elevati non avresti gli stessi amici, gli stessi legami professionali, gli stessi modelli da seguire o che hai seguito.
Dubito che se tu fossi una persona media, senza tutto questo, saresti davvero piu' sereno.

--
Expat

Loggato

Expat

  • CSI-4-Iced
  • Scriba
  • *
  • Mi piace = 8
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 42
  • Residenza: the Netherlands
  • Posts: 91

Re: [riflessioni] una serata diversa

« Risposta #5 del: 18 Ottobre 2010, 15:45:02 »

Ne ho viste anch'io di fighe che stanno con esseri indescrivibili, finora ho catalogato le seguenti situazioni che ho potuto constatare di persona

- lei prima era un cesso e nessuno se la cagava, ha trovato uno nelle sue stesse condizioni e poi per qualche strano miracolo lei è migliorata incredibilmente, divenendo una figa ma rimanendo innamorata del cesso.

- lei è un'isterica ipercomplessata con paranoie e crisi esistenziali, insomma al di la dell'aspetto estetico non se la caga nessuno tranne lo sfigato di turno.

- lui ha una faccia da babbo di minchia ma ha una capacità di comunicazione superiore a Ghandi e Casanova messi assieme

- lui è un babbo di minchia pieno di soldi, lei sta con lui e si tromba gli altri

« Ultima modifica: 18 Ottobre 2010, 15:47:28 da AlterEgo »

Loggato




.\ /.
-----

AlterEgo

  • CSI-6
  • Oracolo della biro
  • *
  • Mi piace = 144
  • Offline Offline
  • Posts: 1374

Re: [riflessioni] una serata diversa

« Risposta #6 del: 18 Ottobre 2010, 16:49:18 »

Citato da: ^X^ il 18 Ottobre 2010, 12:52:38

James, perchè queste situazioni non possono essere lasciate al solo caso. C'è sempre chi vince all'enalotto, ma i più la.ricchezza se la sudano...

Thumbs Up

Citato da: Expat il 18 Ottobre 2010, 15:42:18

Non mi e' del tutto chiaro se queste persone gia' le conoscevi oppure no, se era la prima volta che le incontravi.

quelle che cenavano con me si' Smile
la mammina le coppie e il marito, no...

Citazione

Da come hai scritto sembra infatti che siano degli perfetti sconosciuti, ma hai dato un giudizio talmente secco e preciso su di lui che pare essere una valutazione che va oltre l'estetica. E nei tuoi post ho sempre letto valutazioni che vanno ben oltre l'osservazione esteriore di base, per questo chiedo... Smile

no no qui ho peccato di superficialita' Smile
puro giudizio estetico, ma dopo un po' di osservazione Wink

Citazione

Da quando ho acquisito questa consapevolezza, sto cercando di evitare giudizi troppo precipitosi, perche' ho avuto la fortuna di essere stato smentito tante volte e so che e' molto facile incappare in errori: basta cogliere particolari che ci erano sfuggiti, o acquisire nozioni che ci mancavano, ed ecco che il giudizio particolare precedentemente utilizzato si scioglie come neve al sole.

verissimo, ma riconoscere a vista certi cliche' che si ripetono aiuta Wink

Citazione

Secondo me in realta' non ti dispiace, o almeno non dovrebbe: dici che vivere una vita normale sarebbe molto piu' facile, ma ti contraddici dicendo di non essere capace di fare una cosa piu' facile di quella che stai facendo.

non lo so... e' un po' come la famosa scelta pillola rossa/pillola blu di Matrix: tornare indietro e' possibile e indolore solo con l'oblio, perche' dopo che hai saputo certe cose e vissuto in un certo modo, vedi la vita in maniera diversa e a tante cose non credi piu'.

Citazione

Secondo me tu vivi gia' una vita normale: normale per te. E se i tuoi standard sono superiori alle media, e' solo un vantaggio che regala ricchezza a te e a chi ti sta vicino. Senza i tuoi standard elevati non avresti gli stessi amici, gli stessi legami professionali, gli stessi modelli da seguire o che hai seguito.
Dubito che se tu fossi una persona media, senza tutto questo, saresti davvero piu' sereno.

puo' darsi, ci penso...
grazie per il tuo intervento Thumbs Up

Citato da: AlterEgo il 18 Ottobre 2010, 15:45:02

- lei è un'isterica ipercomplessata con paranoie e crisi esistenziali, insomma al di la dell'aspetto estetico non se la caga nessuno tranne lo sfigato di turno.

- lui ha una faccia da babbo di minchia ma ha una capacità di comunicazione superiore a Ghandi e Casanova messi assieme

cosi' a sensazione direi una delle due o entrambe.
Aggiungerei anche la piu' semplice: lui era il piu' affidabile per assecondare l'irresistibile voglia di famiglia di lei.

Loggato


"ti avverto: stasera non ho intenzione di fare niente"
fclose ;-)
-
"Le conferme di effe sono come la panna sulle tette, sempre graditissima" - sfigatto

-eFFe-

  • SI-Reliable User
  • Oracolo della biro
  • *
  • Mi piace = 164
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 2232

Re: [riflessioni] una serata diversa

« Risposta #7 del: 18 Ottobre 2010, 17:16:50 »

A tutt'oggi, 18 ottobre 2010, la maggior parte delle donne cova un insopprimibile istinto famigliare.
L'obiettivo di una donna, per molte da sempre e per altre da una certa età in poi, non è tanto il sesso fine a se stesso ma la procreazione e il mantenimento dei figli. Quante donne bellissime conoscete che, pur sapendo di poter avere ampia scelta di partner, le sere dei weekend escono a caccia di uomini? Logico, quindi, in quest'ottica che la donna cerchi l'esemplare migliore a questo scopo, una "macchina da reddito" che le consenta di allevare al meglio la prole. Il sesso viene dopo, è spesso un capriccio, e poi ci sono sempre gli amanti...
L'obiettivo della maggior parte degli uomini, che istintivamente dovrebbe essere quello di fecondare più donne possibili, è stato invece modificato in senso socio-antropologico, diventando quello avere una donna la più figa possibile da ostentare con gli amici e nelle occasioni mondane.

Chissà se l'angelo in terra e medioman scopano? Quanto spesso? Con quale piacere reciproco?

Loggato

Montparnasse

  • Scribacchino
  • *
  • Mi piace = 6
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 48

Re: [riflessioni] una serata diversa

« Risposta #8 del: 18 Ottobre 2010, 17:47:27 »

Citato da: Montparnasse il 18 Ottobre 2010, 17:16:50

L'obiettivo della maggior parte degli uomini, che istintivamente dovrebbe essere quello di fecondare più donne possibili, è stato invece modificato in senso socio-antropologico, diventando quello avere una donna la più figa possibile da ostentare con gli amici e nelle occasioni mondane.

sarebbe interessante capire quanto profonda e' stata questa imposizione socio-antropologica, in quale momento storico e' avvenuta e da parte di chi

Citazione

Chissà se l'angelo in terra e medioman scopano? Quanto spesso? Con quale piacere reciproco?

scoperanno poco e niente, come tutte le coppie che hanno bambini piccoli  Thumbs Down

Loggato


"ti avverto: stasera non ho intenzione di fare niente"
fclose ;-)
-
"Le conferme di effe sono come la panna sulle tette, sempre graditissima" - sfigatto

-eFFe-

  • SI-Reliable User
  • Oracolo della biro
  • *
  • Mi piace = 164
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 2232

Re: [riflessioni] una serata diversa

« Risposta #9 del: 18 Ottobre 2010, 20:42:55 »

Citato da: -eFFe- il 18 Ottobre 2010, 17:47:27

scoperanno poco e niente, come tutte le coppie che hanno bambini piccoli  Thumbs Down

Sì, può essere.
Ma il numero di scopate non può essere l'unico parametro di riferimento per giudicare l'esistenza propria e/o altrui.

Loggato

Expeausition

  • Visitatore

Re: [riflessioni] una serata diversa

« Risposta #10 del: 18 Ottobre 2010, 23:34:01 »

Citato da: Expeausition il 18 Ottobre 2010, 20:42:55

Sì, può essere.
Ma il numero di scopate non può essere l'unico parametro di riferimento per giudicare l'esistenza propria e/o altrui.

evabeh, ma qui parliamo di questo. a che serve stare ufficialmente con una bella figa, se poi se la scopa prevalentemente l'idraulico mentre tu perdi la tua vita nel traffico per portare i figli a scuola???

Loggato


-eFFe-: quando parli di figa, mi trovi sempre Smile
TermYnator:Gli unici soggetti irrecuperabili sono i morti. Sei vivo? Allora esci, rimorchia e tromba! E se non è oggi, sarà domani.

Think globally, fuck locally!

Età: 36 37 38 39 anni

^X^

  • Oracolo della biro
  • *
  • Mi piace = 252
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 1687

Re: [riflessioni] una serata diversa

« Risposta #11 del: 18 Ottobre 2010, 23:58:52 »

Citato da: ^X^ il 18 Ottobre 2010, 23:34:01

evabeh, ma qui parliamo di questo. a che serve stare ufficialmente con una bella figa, se poi se la scopa prevalentemente l'idraulico mentre tu perdi la tua vita nel traffico per portare i figli a scuola???

^X^, non fraintendere. La mia non è una critica fine a se stessa all'osservazione di Effe.
Quello che intendevo sottolineare è la necessità di non commettere lo stesso errore di chi, da esterno, critica il mondo-seduzione applicando dogmaticamente i propri schemi mentali. Etichettare con tono sconsolato e compassionevole (almeno così mi sembrava l'intervento di effe) una coppia di coniugi che "scopa poco" per la presenza di bambini, lo trovo troppo superficiale per essere convincente. Come già si è detto, ognuno vive nelle sue prospettive, nei suoi obiettivi e valori di riferimento: per alcuni può essere il "numero di scopate"  - e ci sta - per altri invece può essere tutt'altro, come ad esempio avere una compagna stabile, una famiglia, figli ecc ecc Sono posizioni diverse e proprio per questo non possono, nè da una parte nè dall'altra, essere oggetto di valutazione. Meglio cercare il "perchè", piuttosto che dare giudizi di merito.
Oltretutto, in merito allo specifico esempio della coppia con figli, non ci trovo nulla di strano.
Ti dirò di più: nonostante sia animato da uno spirito che ama molto poco le posizioni conformi e rigorose, penso che il concetto di "maturità" sia ultimamente molto sottovalutato. In poche parole: se a vent'anni sei ancora in una fase in cui la provvisorietà dell'esperienza fa parte del tuo percorso esistenziale, penso che un uomo e una donna di quarant'anni debbano, viceversa, aver già trovato una loro identità e una loro stabilità.
Non dico che debba essere per forza così, sia chiaro. Però, per esperienza di vita, se per esempio ripenso a mio padre poco più che quarantenne, non riuscirei mai a vederlo diversamente rispetto a ciò che era: un professionista con famiglia e figli. Se venissi a sapere che a quel tempo, invece che dedicare tempo a noi o a sua moglie, fosse stato un single iscritto ad un forum in prevalenza di universitari, discettando quotidianamente di opener e di hb10, ti dico onestamente che la cosa mi susciterebbe molte perplessità. Con questo, lo ribadisco, non giudico minimamente coloro che non si rifanno al modello da me proposto: felici loro, felici tutti. Però le domande penso sia lecito porsele.

Edit: anche la dicotomia eterno-scopatore-felice/uomo-sposato-infelice-cornuto mi sembra troppo fuorviante.

« Ultima modifica: 19 Ottobre 2010, 00:05:59 da Expeausition »

Loggato

Expeausition

  • Visitatore

Re: [riflessioni] una serata diversa

« Risposta #12 del: 19 Ottobre 2010, 09:14:16 »

Citato da: Expeausition il 18 Ottobre 2010, 20:42:55

Sì, può essere.
Ma il numero di scopate non può essere l'unico parametro di riferimento per giudicare l'esistenza propria e/o altrui.

certo che no, ci sono anche i pompini altri valori quali la crescita dei figli, la stabilita', la famiglia ecc.
Ma siamo su un forum di seduzione e giustamente il sesso per noi ha un ruolo principale; per fortuna gli argomenti qui dentro sono molto ricchi e riusciamo a spaziare oltre Smile

La domanda "quanto scopano e con quale intensita' " non l'avevo posta io se hai letto bene... inoltre e' un dato di fatto che chi ha bambini piccoli scopa ben poco. Punto.
Mi auguro che questa carenza sia bilanciata ampiamente da altre soddisfazioni legate alla crescita dei figli e di una famiglia, cosa che mi sforzo di comprendere da anni, senza riuscirci; perche' se hai letto bene, ho anche scritto che desidererei talvolta avere una vita normale e credere in questi valori "normali", ma evidentemente mi sfugge qualcosa (o forse sono le famigliole che non sanno cio' che sappiamo noi).

Forse e' "maturita' " come scrivi te, forse e' solo stanchezza e rassegnazione... davvero non lo so, ho dei dubbi esistenziali laceranti.

Loggato


"ti avverto: stasera non ho intenzione di fare niente"
fclose ;-)
-
"Le conferme di effe sono come la panna sulle tette, sempre graditissima" - sfigatto

-eFFe-

  • SI-Reliable User
  • Oracolo della biro
  • *
  • Mi piace = 164
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 2232

Re: [riflessioni] una serata diversa

« Risposta #13 del: 19 Ottobre 2010, 09:26:23 »

eFFe, probabilmente i tuoi dubbi esistenziali sono come i miei, ma non sono veramente "esistenziali".
Il fatto è che alla soglia dei 40 certe scelte che si fanno diventano praticamente irreversibili, e quindi è normale non prenderle alla leggera.
A 25 anni c'è la sensazione di avere tutto il tempo per sperimentare vie alternative, tanto si può sempre cambiare rotta e ricominciare. E anche a 35...
Ma più passa il tempo, meno questo è vero.

Loggato


-eFFe-: quando parli di figa, mi trovi sempre Smile
TermYnator:Gli unici soggetti irrecuperabili sono i morti. Sei vivo? Allora esci, rimorchia e tromba! E se non è oggi, sarà domani.

Think globally, fuck locally!

Età: 36 37 38 39 anni

^X^

  • Oracolo della biro
  • *
  • Mi piace = 252
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 1687

Re: [riflessioni] una serata diversa

« Risposta #14 del: 19 Ottobre 2010, 10:42:39 »

Citato da: ^X^ il 19 Ottobre 2010, 09:26:23

Il fatto è che alla soglia dei 40 certe scelte che si fanno diventano praticamente irreversibili, e quindi è normale non prenderle alla leggera.
A 25 anni c'è la sensazione di avere tutto il tempo per sperimentare vie alternative, tanto si può sempre cambiare rotta e ricominciare. E anche a 35...
Ma più passa il tempo, meno questo è vero.

a maggior ragione per chi ha sempre ponderato a lungo le scelte, come me:
e' il vantaggio e la maledizione di essere molto riflessivi.

Loggato


"ti avverto: stasera non ho intenzione di fare niente"
fclose ;-)
-
"Le conferme di effe sono come la panna sulle tette, sempre graditissima" - sfigatto

-eFFe-

  • SI-Reliable User
  • Oracolo della biro
  • *
  • Mi piace = 164
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 2232
Pagine: [1] 2 3   Vai Su
« precedente | successivo »
Salta a: