Per rispondere alle discussioni e partecipare al forum ACCEDI oppure ISCRIVITI !

« precedente | successivo »
Pagine: [1]   Vai Giù
0 Utenti e 1 Visitatore stanno guardando questo topic.
Autore Topic:

L'esperimento della prigione.

(Letto 1379 volte)

L'esperimento della prigione.

« del: 27 Agosto 2009, 15:24:31 »

Esperimento dell'univeristà di Stanford, in cui un gruppo di studenti viene diviso in due parti: metà fanno le guardie e metà fanno i prigionieri (24 ore su 24). L'esperimento è andato talmente fuori controllo da essere interrotto dopo soli sei giorni (su due settimane programmate).

http://www.prisonexp.org/italiano/2

Loggato


Whenever you find yourself on the side of the majority, it is time to pause and reflect. - M. Twain
__________________

http://pieroit.org/blog
__________________

100% Maschio Alphonso

Acqua

  • SI-Bannati
  • Vate del calamaio
  • *
  • Mi piace = -353
  • Offline Offline
  • Posts: 2831
  • P-ano

Re: L'esperimento della prigione.

« Risposta #1 del: 27 Agosto 2009, 15:48:42 »

Di estremo interesse, soprattutto la parte in cui viene dimostrato (ed è evidente a pensarci bene) che un ottimo modo di mantenere il potere da parte di una elite è quella di aizzare i sottoposti uno contro l'altro, in modo che non possano sfruttare la loro superiorità numerica.

Pensateci bene la prossima volta che imprecherete contro extracomunitari, gente geograficamente differente, zingari, gay e cosi' via...

Loggato


-eFFe-: quando parli di figa, mi trovi sempre Smile
TermYnator:Gli unici soggetti irrecuperabili sono i morti. Sei vivo? Allora esci, rimorchia e tromba! E se non è oggi, sarà domani.

Think globally, fuck locally!

Età: 36 37 38 39 anni

^X^

  • Oracolo della biro
  • *
  • Mi piace = 252
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 1687

Re: L'esperimento della prigione.

« Risposta #2 del: 27 Agosto 2009, 15:50:43 »

Citato da: ^X^ il 27 Agosto 2009, 15:48:42

Di estremo interesse, soprattutto la parte in cui viene dimostrato (ed è evidente a pensarci bene) che un ottimo modo di mantenere il potere da parte di una elite è quella di aizzare i sottoposti uno contro l'altro, in modo che non possano sfruttare la loro superiorità numerica.

Pensateci bene la prossima volta che imprecherete contro extracomunitari, gente geograficamente differente, zingari, gay e cosi' via...

Sapevo che avresti apprezzato Wink

Loggato


Whenever you find yourself on the side of the majority, it is time to pause and reflect. - M. Twain
__________________

http://pieroit.org/blog
__________________

100% Maschio Alphonso

Acqua

  • SI-Bannati
  • Vate del calamaio
  • *
  • Mi piace = -353
  • Offline Offline
  • Posts: 2831
  • P-ano

Re: L'esperimento della prigione.

« Risposta #3 del: 27 Agosto 2009, 16:20:34 »

Citato da: ^X^ il 27 Agosto 2009, 15:48:42

Di estremo interesse, soprattutto la parte in cui viene dimostrato (ed è evidente a pensarci bene) che un ottimo modo di mantenere il potere da parte di una elite è quella di aizzare i sottoposti uno contro l'altro, in modo che non possano sfruttare la loro superiorità numerica.

E´la classica regola del "Divide et impera"

E' impressionante come siano bastate poche ore (36?) per disumanizzare completamente entrambi i gruppi: i prigionieri avevano iniziato a chiamarsi per numero mentre le guardie avevano sviluppato delle forme di sadismo sempre piú acute...
Mi ha colpito molto anche l' intervista finale al 416, in cui dice "non mi sento riabilitato, vorrei uccidere quelle guardie"

Nota per ^X^: proprio in questi giorni si parla di costruire nuove prigioni perché quelle attuali sono al collasso.
Bisognerebbe chiedersi se sbattere la gente in galera anche per reati minori sia la soluzione giusta oppure rischi di peggiorare lo stato delle persone...

Nota per Acqua: un esperimento del genere sarebbe da fare simulando un ralistico addestramento militare, ricordi la prima parte di Full metal jacket?

Loggato


life is too short to be afraid

JBGrenouille

  • CSI-6
  • Grafomane
  • *
  • Mi piace = 93
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 38
  • Residenza: La Perfida Albione
  • Posts: 1209

Re: L'esperimento della prigione.

« Risposta #4 del: 27 Agosto 2009, 16:35:59 »

Molto interessante, e ne avevo già sentito parlare! Mi pare facesse parte di uno studio sull'aggressività umana! E' davvero clamoroso come l'assumere un determinato ruolo (quello di guardia, ad esempio) distorca il comportamento delle persone; e fa iinterrogare su quanto sia presente all'interno dell'essere umano, pronto ad uscire a seconda delle situazioni in cui si trova a vivere!

Loggato

Naddolo

  • CSI-6
  • Oracolo della biro
  • *
  • Mi piace = 280
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 117
  • Posts: 2057

Re: L'esperimento della prigione.

« Risposta #5 del: 27 Agosto 2009, 16:55:31 »

sconcertante  Shocked

L'uomo e' una cacca.

Loggato


"ti avverto: stasera non ho intenzione di fare niente"
fclose ;-)
-
"Le conferme di effe sono come la panna sulle tette, sempre graditissima" - sfigatto

-eFFe-

  • SI-Reliable User
  • Oracolo della biro
  • *
  • Mi piace = 164
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 2232

Re: L'esperimento della prigione.

« Risposta #6 del: 27 Agosto 2009, 17:01:54 »

Citato da: JBGrenouille il 27 Agosto 2009, 16:20:34

Nota per ^X^: proprio in questi giorni si parla di costruire nuove prigioni perché quelle attuali sono al collasso.
Bisognerebbe chiedersi se sbattere la gente in galera anche per reati minori sia la soluzione giusta oppure rischi di peggiorare lo stato delle persone...

Credo che sia ampliamente dimostrato che non lo sia, ma è l'unica accettata dalle masse e anche l'unica che para il culo a chi deve decidere cosa fare.
Ti faccio un esempio, fai finta di avere tu la possibilità decisionale. Che fai?
1) decidi di seguire cio' che gli esperimenti sociali dimostrano essere la soluzione migliore. Al primo caso in cui un colpevole non in cella reitera il reato ti mettono in croce. Carriera politicia finita.
2) decidi di seguire l'umore delle masse e costruisci prigioni, introduci la pena di morte, e permetti l'accusa penale di pedofilia a chiunque disegni (!) minori nudi. Qualsiasi cosa succeda (anche se documentata) tu puoi stare tranquillo che nessuno te ne chiederà conto.
Ripeto la domanda: tu cosa faresti?

Loggato


-eFFe-: quando parli di figa, mi trovi sempre Smile
TermYnator:Gli unici soggetti irrecuperabili sono i morti. Sei vivo? Allora esci, rimorchia e tromba! E se non è oggi, sarà domani.

Think globally, fuck locally!

Età: 36 37 38 39 anni

^X^

  • Oracolo della biro
  • *
  • Mi piace = 252
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 1687

Re: L'esperimento della prigione.

« Risposta #7 del: 27 Agosto 2009, 20:52:22 »

Guardatevi il film citato da dps, è molto interessante. L'esperimento però viene condotto su dei volontari e non su degli studenti (se non sbaglio venivano anche pagati)

Loggato

Mr. Right

  • CSI-3-Iced
  • Consigliere
  • *
  • Mi piace = 42
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 30
  • Residenza: Auckland, New Zealand
  • Posts: 357

Re: L'esperimento della prigione.

« Risposta #8 del: 27 Agosto 2009, 22:30:41 »

Citato da: Dan il 27 Agosto 2009, 20:52:22

Guardatevi il film citato da dps, è molto interessante. L'esperimento però viene condotto su dei volontari e non su degli studenti (se non sbaglio venivano anche pagati)

Anche nell'esperimento originale si trattava di volontari pagati e che avevano risposto ad un annuncio su un giornale. La maggior parte di loro erano studenti.  Exclamation
Pensa che sfiga quelli che hanno finito per essere prigionieri

Loggato


Whenever you find yourself on the side of the majority, it is time to pause and reflect. - M. Twain
__________________

http://pieroit.org/blog
__________________

100% Maschio Alphonso

Acqua

  • SI-Bannati
  • Vate del calamaio
  • *
  • Mi piace = -353
  • Offline Offline
  • Posts: 2831
  • P-ano

Re: L'esperimento della prigione.

« Risposta #9 del: 28 Agosto 2009, 09:51:49 »

Qualche anno prima, fu fatto un esperimento analogo, ad opera dello psicologo Stanley Milgram.

Andatevi a leggere anche questo, e' sorprendente:
http://it.wikipedia.org/wiki/Esperimento_Milgram

Loggato


"ti avverto: stasera non ho intenzione di fare niente"
fclose ;-)
-
"Le conferme di effe sono come la panna sulle tette, sempre graditissima" - sfigatto

-eFFe-

  • SI-Reliable User
  • Oracolo della biro
  • *
  • Mi piace = 164
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 2232

Re: L'esperimento della prigione.

« Risposta #10 del: 28 Agosto 2009, 12:05:15 »

Citato da: ^X^ il 27 Agosto 2009, 17:01:54

Ti faccio un esempio, fai finta di avere tu la possibilità decisionale. Che fai?
1) decidi di seguire cio' che gli esperimenti sociali dimostrano essere la soluzione migliore. Al primo caso in cui un colpevole non in cella reitera il reato ti mettono in croce. Carriera politicia finita.
2) decidi di seguire l'umore delle masse e costruisci prigioni, introduci la pena di morte, e permetti l'accusa penale di pedofilia a chiunque disegni (!) minori nudi. Qualsiasi cosa succeda (anche se documentata) tu puoi stare tranquillo che nessuno te ne chiederà conto.
Ripeto la domanda: tu cosa faresti?

Ovvio che mi verrebbe di scegliere la prima.
Ma é incredibilmente piú facile governare agitando gli umori delle masse e poi proponendo soluzioni drastiche piuttosto che usando il raziocinio (ma qui andiamo pesantemente off topic)...

Citato da: -eFFe- il 28 Agosto 2009, 09:51:49

Qualche anno prima, fu fatto un esperimento analogo, ad opera dello psicologo Stanley Milgram.
Andatevi a leggere anche questo, e' sorprendente:
http://it.wikipedia.org/wiki/Esperimento_Milgram

Grazie del link -effe-, é davvero interessante.
Da quel che ho capito credo che la creazione dello "stato eteronomico" sia l'obiettivo che si cerca di raggiungere anche durante gli addestramenti militari.

Loggato


life is too short to be afraid

JBGrenouille

  • CSI-6
  • Grafomane
  • *
  • Mi piace = 93
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 38
  • Residenza: La Perfida Albione
  • Posts: 1209

Re: L'esperimento della prigione.

« Risposta #11 del: 28 Agosto 2009, 15:43:08 »

Citato da: JBGrenouille il 28 Agosto 2009, 12:05:15

Grazie del link -effe-, é davvero interessante.
Da quel che ho capito credo che la creazione dello "stato eteronomico" sia l'obiettivo che si cerca di raggiungere anche durante gli addestramenti militari.

esattamente, anche se non e' l'unico obiettivo.

Loggato


"ti avverto: stasera non ho intenzione di fare niente"
fclose ;-)
-
"Le conferme di effe sono come la panna sulle tette, sempre graditissima" - sfigatto

-eFFe-

  • SI-Reliable User
  • Oracolo della biro
  • *
  • Mi piace = 164
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 2232

Re: L'esperimento della prigione.

« Risposta #12 del: 29 Agosto 2009, 00:03:05 »

Citato da: JBGrenouille il 27 Agosto 2009, 16:20:34

Nota per ^X^: proprio in questi giorni si parla di costruire nuove prigioni perché quelle attuali sono al collasso.
Bisognerebbe chiedersi se sbattere la gente in galera anche per reati minori sia la soluzione giusta oppure rischi di peggiorare lo stato delle persone...

Citazione

Credo che sia ampliamente dimostrato che non lo sia, ma è l'unica accettata dalle masse e anche l'unica che para il culo a chi deve decidere cosa fare.
Ti faccio un esempio, fai finta di avere tu la possibilità decisionale. Che fai?
1) decidi di seguire cio' che gli esperimenti sociali dimostrano essere la soluzione migliore. Al primo caso in cui un colpevole non in cella reitera il reato ti mettono in croce. Carriera politicia finita.
2) decidi di seguire l'umore delle masse e costruisci prigioni, introduci la pena di morte, e permetti l'accusa penale di pedofilia a chiunque disegni (!) minori nudi. Qualsiasi cosa succeda (anche se documentata) tu puoi stare tranquillo che nessuno te ne chiederà conto.
Ripeto la domanda: tu cosa faresti?

Solo un' osservazione,  non inoltriamoci in ambiti che non sono di nostra competenza.
Primo perchè il problema della giustizia è molto più complesso e non certo analizzabile solamente sulla base di un esperimento con 20 persone e secondo perchè per dirne una la realtà del carcere dell'esperimento (e delle carceri americane in genere) è ben diversa dalla nostra.
Il problema del sovraffollamento delle carceri è un problema serio in italy non lo metto in dubbio ma non banalizziamolo.
Anche perchè l'unica cosa ampliamente dimostrata è che in italia delinquere è piuttosto vantaggioso tutto sommato, basta dare un' occhiata alle pene medie (es omicidio volontario una decina d'anni, stupro mi sembra 2 o tre anni).
Ricordo a ^X^ che per le pene detentive inferiori a tre anni non si va in galera, ci sono i servizi sociali.
Il problema è che  qui da noi non solo non si va in galera per le pene minori ma difficilmente si va (o quanto meno ci si sta a sufficienza) anche per quelle veramente gravi.
In italia noi rimettiamo in libertà dopo pochi anni gente che in america eliminerebbero con una punturina( vedi casi recenti mostri del circeo ad es.)
Non voglio dare giudizi su ciò che sia meglio (probabilmente nessuna delle due opzioni)  però è giusto riflettere anche su questo prima di pensare ad un' eventuale paragone tra la realtà USA e la nostra.

non sapevo dell'esperimento e mi ha fatto piacere leggerlo.
Capisco che faccia molto riflettere (effettivamente anche a me ha colpito molto la rapidità con cui sono cambiate le dinamiche sociali li dentro) però non traiamo conclusioni affrettate.
Anche perchè non credo fosse questo lo scopo di acqua.. Wink
Peace

Loggato


BANNATO

Dally85

  • SI-Bannati
  • Consigliere
  • *
  • Mi piace = 26
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 565
Pagine: [1]   Vai Su
« precedente | successivo »
Salta a: