Per rispondere alle discussioni e partecipare al forum ACCEDI oppure ISCRIVITI !

« precedente | successivo »
Pagine: [1]   Vai Giù
0 Utenti e 1 Visitatore stanno guardando questo topic.
Autore Topic:

La soggettività delle cose.

(Letto 768 volte)

La soggettività delle cose.

« del: 27 Febbraio 2015, 20:11:13 »

Per ricordare a tutti che nel mondo tutto ciò che giudichiamo è  estremamente soggettivo, ecco un pezzo di un libro di Alejandro Jodorowsky, artista totale.

“Vieni, bambina mia, andiamo dal fiorista. Come si chiama questo fiore?”. “Rosa.” “Bene. Che cosa sai di questo fiore?” “E un fiore che può avere tanti colori, un profumo gradevole, tanti petali e così via.” “Lo sai come si coltiva, quanto dura la sua vita, quale clima preferisce?” “No.” “Per imparare a pensare, piccola mia, innanzitutto devi riconoscere che non puoi sapere tutto di questo fiore. Quello che dici su di lui dipende soltanto da quello che conosci, dalla tua esperienza. Per esempio, ci sono persone che con un microscopio riescono a conoscere la sua struttura fin negli atomi. Altri sanno come far nascere le rose, altri distinguono diverse sfumature del loro profumo... Nessuno può sapere tutto. Allora, per quel che ne sai, questo fiore è una rosa con tanti petali e un piacevole profumo, ma ci sono tante cose di lei che non conosci. Accetti questa idea?” “Sì, papà, la accetto. Per quel che ne so, questo fiore è molto bello.” “È bello se lo confronti con fiori più brutti. Ma la tua rosa, paragonata a fiori ancora più belli, potrebbe sembrare brutta. Diciamo allora che è bella fino a un certo punto. Non si possono imprigionare le cose in concetti assoluti, figliola. Le cose sono belle o brutte in confronto ad altre o a seconda del gusto di chi le giudica... Prendi tre secchi, in uno metti l’acqua fredda, in un altro l’acqua tiepida e nel terzo l’acqua calda. Se metti una mano nell’acqua fredda e l’altra nell’acqua tiepida, quest’ultima ti sembrerà calda. Se metti una mano nell’acqua calda e l’altra nell’acqua tiepida, questa ti sembrerà fredda. Tutti i concetti che usiamo si basano sul confronto: se diciamo piccolo, lo confrontiamo con qualcosa che ci sembra grande. Le dimensioni dipendono da chi osserva: un nano, per una formica, è un gigante. Lo stesso accade con altri paragoni: per un vecchio di novant’anni, un uomo di settanta è ancora giovane... Che cosa trovi più interessante in questa rosa: la sua forma, il colore, il profumo o che altro?” “Il profumo.” “Allora, per te, la parte invisibile di questo fiore è ciò che lo definisce. Invece per me, è più importante la sua forma... Quindi tu dai più importanza allo spirito delle cose e io alla parte materiale. Hai capito? Tutte le cose si definiscono con un ‘per me’. Tu puoi dire: ‘Mio padre è buono... per me’. Uno dei miei alunni potrebbe dire che sono un tiranno... per lui. Se compriamo questa rosa, per me, che ho dei soldi in tasca, sarà a buon mercato. Per una persona povera, sarà costosa... E ora osserva bene questo mazzo: quante rose lo compongono?” “Dodici.” “Sono tutte uguali?” “Sì.” “Osservale bene: quella lì ha le spine più lunghe, quell’altra è di un rosso impercettibilmente più chiaro delle altre... Annusa questa...” “Bleah, che schifo!”
“Un insetto è rimasto imprigionato fra i suoi petali e si è putrefatto lì... Sono fiori simili, capisci?, non identici. Nella vita ti aiuterà parecchio sapere che nessuna cosa e nessuna creatura sono completamente identiche alle altre. Pensare che ciò che si somiglia è identico e agisce allo stesso modo significa commettere un errore di generalizzazione. Una persona intelligente si sforza di cogliere le differenze essenziali che ci sono in ciascun individuo. Imparerai che non puoi essere saggia se parli di ‘uomini’, ‘donne’, ‘neri’, ‘cattivi’, ‘pittura’, ‘politica’, ‘medicina’... Nessuna generalizzazione funziona: un politico può essere onesto, eroico, sagace; un altro politico può essere ladro, crudele, bugiardo... Fa’ attenzione, piccola, perché chi parla appellandosi sempre a concetti generici cerca soltanto di affermare il proprio potere! Andiamo avanti. Credi che questa rosa sia uguale a se stessa?” “Non ti capisco... Questa rosa è questa rosa, non è nient’altro.” “Ti sbagli, ragazzina. Questa rosa adesso è così. Domani o dopodomani comincerà ad appassire, cambierà. Prima di adesso è stata un bocciolo. Tu ora sei una bambina, ben presto diventerai adulta, e poi vecchia. E infine la tua materia subirà una trasformazione, ti trasformerai in qualcos’altro. In che cosa? Non lo sappiamo. Se abbiamo fede, pensiamo che diventeremo immateriali, pieni di felicità. Siamo stati qualcosa prima di ‘nascere’, saremo qualcosa dopo ‘essere morti’. Di ogni cosa, di ogni creatura che vedi, pensa: ‘Oggi è così, domani cambierà, in negativo o in positivo...’. E se non cambia sarà condannata a marcire, come l’insetto prigioniero tra i petali.”

Loggato


"La figa è il sacco a pelo del caxxo" mi ha detto un vecchio, da allora in scimmia col campeggio: sono un lupetto!"


"Per amarmi devi sapere che cos'ho dentro, non ti può bastare la macchina in cui entro!"

"Con la tua tipa non va' perché siete due femmine"

"Una volta che sei nato non puoi più nasconderti"


"Già stato all'inferno, son tornato abbronzato. Così tanti film nella testa che mi sono abbonato!"

ScarTissue

  • Consigliere
  • *
  • Mi piace = 43
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Residenza: NA
  • Posts: 388
  • Domani? Troppo lontano!

Re: La soggettività delle cose.

« Risposta #1 del: 27 Febbraio 2015, 21:50:27 »

Bellissimo testo,condivido parecchie cose,grazie per avermelo fatto conoscere Smile

Loggato

mana cerace

  • Suggeritore
  • *
  • Mi piace = 5
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 306

Re: La soggettività delle cose.

« Risposta #2 del: 27 Febbraio 2015, 23:26:52 »

Wink questo autore è molto bravo, ti consiglio i suoi libri

Loggato


"La figa è il sacco a pelo del caxxo" mi ha detto un vecchio, da allora in scimmia col campeggio: sono un lupetto!"


"Per amarmi devi sapere che cos'ho dentro, non ti può bastare la macchina in cui entro!"

"Con la tua tipa non va' perché siete due femmine"

"Una volta che sei nato non puoi più nasconderti"


"Già stato all'inferno, son tornato abbronzato. Così tanti film nella testa che mi sono abbonato!"

ScarTissue

  • Consigliere
  • *
  • Mi piace = 43
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Residenza: NA
  • Posts: 388
  • Domani? Troppo lontano!
Pagine: [1]   Vai Su
« precedente | successivo »
Salta a: