Per rispondere alle discussioni e partecipare al forum ACCEDI oppure ISCRIVITI !

« precedente | successivo »
Pagine: [1]   Vai Giù
0 Utenti e 1 Visitatore stanno guardando questo topic.
Autore Topic:

"A la recherche de l'homme perdu " 09): Il compagno di sventura

(Letto 1138 volte)

"A la recherche de l'homme perdu " 09): Il compagno di sventura

« del: 08 Giugno 2008, 22:49:43 »

Il giorno dopo, decisi di chiamarla.
Avevo escogitato altre trentadue varianti di sodomizzazione punitiva, la
chiamai e le dissi che ero venuto a trovarla, che avrei avuto piacere di
andare a cena insiema. Consultò la sua agenda e mi disse che sarebbe stata
libera due sere dopo.... Nei trenta secondi di silenzio che feci seguire,
pensai che l'unico modo soddisfacente di sodomizzarla sarebbe stata
con l'introduzione rettale di un candelotto di tritolo....
Comunque acconsentii: non stavo a 3000 km da casa per motivi turistici.
Tornai a casa, e dopo aver a fatica salite le scale, mi accorsi che
filtrava della luce da sotto la porta....
Pensai ad un ladro, il coinquilino doveva arrivare due giorni dopo, ma i
ladri non canticchiano mentre rubano...
Aprii la porta lentamente, e scorsi sopra il caminetto una foto di
Nureiev il noto ballerino... Sul letto accanto al mio erano presenti tre
valigie in paglia intrecciata di dimensioni degradanti, la prima normale, l'ultima grande poco
più di un'agenda. L'individuo era occultato dalla porta semiaperta, e non
riuscivo a vederlo.
Pensai: "forse invece di un uomo è arrivata una femmina"....
Così, pregustando già  l'ebbrezza di un rimorchio fatto di ninne nanne con
una dolce sconosciuta , mi feci coraggio ed aprii la porta inebriato dalla
potenza del suo profumo: era di spalle davanti all'armadio, e stava
sistemando i panni dalle valigie ai ripiani.
Un completo molto largo di raso nero, evidenziava ancor di più la lunga coda
che i  biondi capelli disegnavano in mezzo alle sue spalle. Arrapato come un
macaco della tanzania, gli lanciai un "ciao" con voce baritonale... Si girò
e...
Inorridii...
Era uno schifosissimo finocchio, tutto vestito di nero, che con
delle piccole e  repellenti manine prelevava i suoi disgustosi orpelli e li
infilava sopra i miei maschi indumenti, con movenze feline. Ad un più
attento esame non ebbi dubbi: marpiocio sbraitans (Checca ndr), e
dall'angolo fra i femori aggiungerei "strainculatus".
Barcollai leggermente.
Mi chiese che avevo: attraversai la stanza evitando qualsiasi contatto,
dando la colpa della mia andatura al ginocchio.
Mi infilai sotto al sacco a pelo e cominciai a fissarlo maledicendo il
giorno della mia partenza, mai la sfiga si era abbattuta su di me con tanta
veemenza prima d'allora.
Mi raccontò la sua storia, era in fuga d'amore pure lui,  dal suo "uomo"
però...
Mi disse che era a Londra per fare un corso di danza, e che faceva il
ballerino.
Si chiamava Giacomo, ed a parte l'atavica diffidenza che m'ispirava , non
era poi così antipatico.
Nel frattempo considerai che i miei piani erano andati in fumo: non ero più
solo... Dovevo rinviare i miei progetti sodomitici ad un'altra sede, e
dovevo guardarmi le ... spalle per non essere colpito a tradimento
nottetempo dall'essere col quale dovevo dividere la stanza.
Difatto si mostrò gentile, ed dopo un apprezzamento sul mio fisico
immediatamente stroncato con solenne monito sottolineato da bestemmia,
dimostrò timore per la mia imponente massa muscolare.
Così , mi interrogò sul gonfiore del mio ginocchio, unica parte di me che
fuoriusciva dal sacco a pelo, e gli raccontai l'episodio.
Il suo sonoro e stridulo riso fù interrotto da un mio raglio greve.
Si rese conto che era meglio non infierire.
Fu così, che che si offrì di prendersi cura del mio ginocchio, disse che
come ballerino era molto esperto in massaggi e traumi. Lo avvisai che al
minimo tentativo di allungare le mani, lo avrei mandato a campeggiare sul
tetto antistante la finestra, ma disse di aver capito l'antifona, che si
sarebbe comportato lealmente.
Difatto così fece, e dalla microvaligia estrasse una miriade di unguenti e
balsami.
Fù provvidenziale,ed  in due giorni tornai saldo come un leone.

(Continua)

--
TermYnator

sUINo 25204003----------------------------------
Terrore della Topa
GranMaestro di ISM
Vate del Ballo Coatto
Re del Piedino Subtabulam
Redentore ufficiale dei MdP
TermYnatore ufficiale dei DJ jamaicani
Angelo dello sterminio di Sodoma Gomorra e Rimini

To reply remove GREATDICK from header but not from Wallers

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10003

Re: "A la recherche de l'homme perdu " 09): Il compagno di sventura

« Risposta #1 del: 08 Giugno 2008, 23:42:51 »

Citazione

gli lanciai un "ciao" con voce baritonale... Si girò
e...
Inorridii...

ma LOL!  Laughing

Loggato


Per aspera ad astra!

Alfaleffo

  • Photo Expert
  • CSI-6
  • Consigliere
  • *
  • Mi piace = 30
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Residenza: Roma
  • Posts: 570
  • Naso Magister Erat
Pagine: [1]   Vai Su
« precedente | successivo »
Salta a: