Per rispondere alle discussioni e partecipare al forum ACCEDI oppure ISCRIVITI !

« precedente | successivo »
Pagine: [1]   Vai Giù
0 Utenti e 1 Visitatore stanno guardando questo topic.
Autore Topic:

'La storia di Ottusino' Vita e imprese

(Letto 925 volte)

'La storia di Ottusino' Vita e imprese

« del: 14 Febbraio 2015, 06:10:13 »

Questo racconto non vuole essere in alcuna maniera offensivo, pregiudizievole o arrogante. Scritto in tono cinico, scherzoso e sarcastico (senza mancare di spietato disprezzo verso le autorità ecclesiastiche) vuole invece essere uno spunto che permetta ai più di riflettere. Fatti e persone sono purtroppo reali ma ogni riferimento a eventi e partecipanti del forum è puramente casuale e nel caso offenda qualcuno me ne scuso già ora. Veniamo a noi.

Ottusino è un bimbo che nasce in una famiglia ricca e cattolica. Una 'normalissima' vita familiare cattolica ricca di persone, madre, padre, sorella, zii, zie, cugini, nonni e chi più ne ha più ne metta. Le cronache non dispongono di sufficiente materiale per descriverne esaustivamente la primissima infanzia che viene comunque ipotizzata dai più illustri studiosi come 'nulla di chè'. Leggende narrano che tale individuo sia nato direttamente dall'ottusità umana che non potendo più essere contenuta in forma astratta, decise di sublimare in forma fisica: Ottusino. L'alone di mistero che permea la sua infanzia si dissipa alla tenera età di 16 anni (anno più, anno meno). E' ancora vergine (cosa normalissima a quell'età), molto timido. Ottusino intraprende fin dalla tenera età la nobile carriera di chirichetto per poi avanzare di grado fin da giovane come 'educatore' dei bambini mandati in chiesa da genitori irresponsabili.

Parentesi 1: l'abominevole, viscida e ipocrita istruzione perpetrata da individui ignoranti e ottusi è capace di rovinare irrimediabilmente la mente aperta di un bambino. Riflettiamo sulla parola educatore: la Chiesa educa. Educa come farebbe un dittatore, stessa schifosa prassi adottata dai più grandi dittatori della storia. Un pecoraio sardo sa educare meglio.

Ottusino, nonostante la sua gran timidezza, non è una persona chiusa. Anzi la sua carriera di educatore gli ha insegnato ad avere rapporti umani; ben presto diventa molto socievole con tutti. Parla con tutti e di tutto. Ha molti 'amici' con cui condivide fantastiche serate giocando a D&D e a computer in compagnia, esce, ha un a sorta di 'vita sociae'. Ottusino ovviamente non beve, non fuma, non si droga. Bada ad avere un 'certo tono' senza mai esporsi in qualche atto eclatante. Ben presto a scuola e all'università viene catalogato da tutti come 'l'intruso'. Questo per un motivo fondamentale: Ottusino non legge le persone, Ottusino non ascolta, di conseguenza Ottusino non parla 'in modo interessante' ma parla in continuazione con tutti e basta. Ottusino non ha personalità. Ottusino parla in continuazione incarnando in sè l'aggettivo 'logorroico'. Ottusino PARLA MA NON COMUNICA. Non vuol capire che certe volte è meglio un rutto più che dire buon giorno. Solo perchè un rutto non fa parte della sua morale. Non fa parte del 'bon ton' della vita. Perchè lui...è una persona per bene. Ottusino è l'ombra di un essere che non è mai stato.
Ottusino ad un certo punto capisce che ha un problema: è ancora vergine. SBAMMMMM!!! Gran problema!!! Ora spezzo una lancia a favore di...

Parentesi 2: il VERO problema non è essere vergini caxxo!!! Mettetevelo bene in testa. Ho visto persone bellissime autodistruggersi per questo stupido, insignificante e pubblicitario motivo. Ho visto invece persone alzarsi, accettare la situazione, lottare a 25 anni da vergini con delle palle che manco Leonida si sognerebbe di avere; le ho viste confidarsi, senza chiedere. Le ho viste sprostitutarsi. E le ho viste vincere.

Tornando al protagonista. Ottusino non capisce il vero problema. Lui vede solo il risultato. Non vede la strada. Non vede l'eccitazione, l'orgasmo che provoca l'intraprendere la strada. Vede il problema finale ma non vuole vedere il semplice percorso che permette ad ogni uomo di avere quel che desidera. Non vede la bellezza del lottare. Non è colpa sua. Lui ormai è diventato un essere che non è. Il passaggio è stato semplice, sedativo, incosciente: NATURALE. Per tutte le situazioni però c'è un MA. Ottusino capisce che c'è qualcosa che non va in lui. Vede le persone attorno a lui che vivono, che scopano, che ridono di gusto, che si comportano in maniera sboccata  e oscena. Li vede vincere. Ottusino per la prima volta in vita sua si sente spiazzato. Qualcosa nella sua mente gli dice di cambiare.

Parentesi 3: l'essere umano affronta i problemi sociali in vari modi. Tutti riconducibili ad una semplice cosa: essere coscienti della realtà. Chi è cosciente vince. Chi non lo è, perde...

...Ottusino purtroppo non lo è. Non avendo personalità, non avendo mai vissuto la vita, commette il più grave errore che la mente umana possa concepire: non potendo alimentare le sue capacità latenti e vere, inizia a imitare quelle persone che lui crede vincenti. Ottusino sta intraprendendo una strada che determinerà il suo essere fino alla morte. Ottusino purtroppo inizia a fingere, inizia a giustificare le proprie sconfitte, inizia a dare la colpa agli altri, inizia a dire: tutte le donne sono troie, tutte le donne vogliono i soldi, tutte le donne vogliono il caxxo, tutte le donne non hanno cervello, tutte le donne scopano con gli escrementi. Il poveretto inizia a crearsi un personaggio la cui unica realtà è basata sulle esperienze altrui, sui luoghi comuni che un uomo con le palle nemmeno si sognerebbe di prendere in considerazione. Diventa un guscio che ostenta una vita non vissuta. Incarna AGLI OCCHI DI TUTTI  la parola 'grottesco'. Ottusino è avanzato di livello: ora è rinato, più sicuro di prima, con tante lance a suo favore. Ora si chiama OTTUSONE...hehehe (perdonatemi ma mi sto scompisciando a scrivere sta cosa, scusate...)

Parentesi 4: sembrerò scontato ma reputo importante dirlo. Sei timido??? caxxo! Sii timido!!! Sei un buffone??? Sii un buffone!!! Sei escremento??? Sii escremento!!! Sii te stesso MA guardati da fuori e chiediti se puoi permettertelo. Se non puoi, meglio star zitti. NON FINGERE.

Dopo questa paterna parentesi continuo l'epopea del nostro eroe. Ottusone ormai è un uomo di mondo. Ha vissuto tante cose lui. Ormai ha preso confidenza sul mondo reale altrui. Addirittura riesce a ridere sentendo battute che non capisce, riesce a parlare di sesso senza aver mai visto un pelo di figa, riesce a mettere in imbarazzo amici e conoscenti imponendosi come protagonista, distruggendo il lavoro da loro mandato avanti con tanta parsimonia e fiduciosa fatica. Tutto questo riesce a farlo con la semplice presenza, una semplice frase fuori posto, una piccolissima macchia in un foglio bianco che costringe il pittore a cambiare tela. una semplice risata esagerata e bisognosa, falsa e ipocrita. Da vero religioso.

Parentesi 5: Scusate. Sul serio potrei scriverci un libro ma cercherò di riassumere il tutto in poche righe. Cercherò di non essere offensivo. Il sistema della confessione e delle indulgenze è semplicemente uno schifo. E' ipocrisia all'ennesima potenza. Tralasciando gli eventi storici passati (che basterebbero a condannare ogni uomo di chiesa, passato, presente e futuro, alla sedia elettrica), credo che questa realtà sia ancora moooooolto viva nel mondo d'oggi. In sostanza un religioso, praticante o no, cattolico, decide di sottostare a semplici regole, semplici dogmi. Decide di appartenere ad un gruppo illuminato. Decide di insegnare cosa è giusto e cosa è sbagliato. MA il religioso di turno dopo aver fatto un PATTO (caxxo si tratta di questo! Si tratta di un patto, si tratta di giurare e prestar FEDE!!! caxxo sto parlando di FEDE, non religione!) può permettersi di trasgredire alla parola data. Perchè? Perchè può confessarsi. Perchè sa che è umano. Sa che non ha le palle di avere un'integrità morale propria. E' debole. E pecora. Seppur non così palese come precedentemente descritto, questo modo di ragionare è comune ed ha intaccato la società da secoli passati fino ad oggi.

Torniamo nuovamente a Ottusone. A 28 anni Ottusone è ancora vergine. Con la sua logorroica dialettica riesce perfino a rosicchiare qualche appuntamento con esito disastroso. Come per tutti arriva però il giorno. Ottusone perde la verginità in un bordello di Amsterdam!!! Evento da scrivere negli annali!!! caxxo!!! Nonostante questa paradisiaca svolta...tornato in Italia non trova una figa nemmeno a morire (chissà perchè...). Il tempo passa e una sera il nostro eroe viene abbordato da una trentaquattrenne, brutta, ma veramente brutta. Dopo qualche giorno Ottusone confessa di aver trovato in lei il vero amore. Tuttora Ottusone è fidanzato. Tuttora dice di esser felice...tuttora lancia sguardi bavosi, bisognosi e imbarazzanti ad ogni figa che incrocia il suo passo. Ha trovato il vero amore? Chi lo sa. Il desiderio di donne è umano...meglio senza la bava alla bocca però  Wink

Loggato




  • 'Yeah Darling go make it happen, Take the world in a love embrace, Fire all of your guns at once, And explode into space, Like a true nature’s child, We were born, born to be wild, We can climb so high, I never wanna die'
  • 'I don't want to be buried in a Pet Sematary,
    I don't want to live my life again'

some

  • Suggeritore
  • *
  • Mi piace = 16
  • Offline Offline
  • Posts: 206

Re: 'La storia di Ottusino' Vita e imprese

« Risposta #1 del: 14 Febbraio 2015, 14:34:31 »

Clap Clap Clap:
il ritratto di milioni di ragazzi appartenenti a piccole realtà ( e non).
Purtroppo...

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10003
Pagine: [1]   Vai Su
« precedente | successivo »
Salta a: