Per rispondere alle discussioni e partecipare al forum ACCEDI oppure ISCRIVITI !

« precedente | successivo »
Pagine: [1]   Vai Giù
0 Utenti e 1 Visitatore stanno guardando questo topic.
Autore Topic:

Kurghan's Story: 5) Kurghan e la paura.

(Letto 1402 volte)

Kurghan's Story: 5) Kurghan e la paura.

« del: 16 Ottobre 2010, 13:41:53 »

Il gioco dei cerchi
Kurghan aveva ripreso a pascolare Dolly, ed ogni giorno compiva le sue missioni. Un giorno, senti suonare il corno del maestro in un orario insolito: il Maestro suonava il corno all'ora di pranzo, ed all'ora di cena. Ma erano le 3 del pomeriggio. Kurghan si avviò di corsa verso la caverna.
Giunto a pochi passi dall'altro, Kurghan notò che il Maestro aveva disegnato sul suolo due cerchi mettendo in fila dei sassolini bianchi. Ogni cerchio era largo circa un metro, e fra loro distavano due metri.
K:"Maestro, che stai facendo, perchè mi hai chiamato?"
M:"Da oggi in poi, la tua missione è cambiata: ti metterai nel primo cerchio, e cercherai con un salto di atterrare nel secondo.
K:"Beh, anche se sono alto 72 centimetri, non mi sembra difficile! Provo."
M: Non avere fretta: hai tutto il tempo. Quando sarai sicuro di riuscire, chiamami. Questo è cibo per un mese, starai qui e dormirai all'addiaccio  finchè non sarai riuscito."
Kurghan non riuscì nell'impresa, e si intestardì. Continuò per giorni, finchè un giorno non riuscì a saltare i due metri che separavano i due cerchi. Ripetè l'esperienza più volte, per dimostrare a se stesso di poter riuscire nel salto. Poi, volendo far bella figura, cominciò a fare piroette mentre saltava. Dopo un mese di allenamento, durante il salto riusciva a fare due salti mortali allacciandosi contemporaneamente le scarpe.
Raggiante, corse alla caverna ad avvisare il vecchio di essere riuscito a completare la missione.
M:"Bene Kurghan, ora seguimi."
Kurghan si aspettava un plauso, o quantomeno che gli fosse richiesto di mostrare la sua nuova abilità. Rimase impietrito. Ma il maestro con un raglio lo richiamò all'ordine. si inerpicarono su per l'Imajala, fini al raggiungimento di una vetta estremamente particolare: i denti del diavolo.

I denti del diavolo
I denti del diavolo, erano in origine un altissimo pennone sul quale era andato a sbattere un F16 di taglio. L'urto era stato talmente violento, che la montagna si era completamente spaccata in due. E da un solo pennone, erano diventate due punte volte al cielo, che viste da lontano ricordavano due giganteschi canini. Le due vette, distavano esattamente due metri. E su ogni vetta c'era uno spiazzo largo un metro.
IOn mezzo, un baratro profondo 800 metri. Il maestro, aveva disegnato sulla sommità delle due vette due cerchi identici a quelli sui quali Kurghan si era addestrato a saltare.
M:"Kurghan, salta!"
K:"Ma, maestro... E' pericoloso, c'è un baratro di 800 metri qui sotto!"
M:"Hai forse paura di rifare una cosa che hai fatto migliaia di volte in un mese?"
K:"Ma qui è diverso... C'è il baratro, se sbaglio mi uccido."
M:"Eppure sin'ora non hai mai sbagliato. anzi, eri così sicuro di farcela, che hai addirittura strafatto facendo numeri da circo. Cosa c'è di diverso ora?"
K:"Ho paura..."
M:"Bene Kurghan, per oggi non salterai. Ma tieni bene a mente quello che è successo. Oggi, tu non sei riuscito a fare una cosa che hai sempre fatto, solo perchè i tuoi occhi hanno visto un pericolo che seppur reale, tu non avresti neanche dovuto considerare vista la tua abilità.
Se ti avessi chiesto di imparare a saltare direttamente dai denti del diavolo, non avresti mai cominciato. Se hai imparato, è solo perchè sapevi che mentre tentavi, non correvi alcun rischio. Da oggi in poi, però, tu sarai travagliato: non hai fatto una cosa che sai di poter fare.
Questo travaglio ti assillerà per giorni, ed in te crescerà la motivazione e la voglia di vincere, come fu quando aspettavi il ritorno del caprone per difendere Dolly. Allora la tua sicurezza era un bastone, oggi è la tua abilità nel salto. Ora sai, e prima o poi tu stesso vincerai te stesso.
In  te ho creato un tarlo che lavorerà per me. Questo è il mio modo di insegnare: io ti do l'esperienza, e creo i presupposti che ti spingeranno ad agire. Ma il resto, lo farai tu. Quando finalmente il tarlo diventerà più forte della paura, agirai. E questo ti darà la sicurezza di essere Uomo."

Segue...

« Ultima modifica: 17 Ottobre 2010, 15:39:09 da TermYnator »

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10011

Re: Kurghan's Story: 5) Kurghan e la paura.

« Risposta #1 del: 18 Ottobre 2010, 09:02:03 »

Citato da: TermYnator il 16 Ottobre 2010, 13:41:53

Oggi, tu non sei riuscito a fare una cosa che hai sempre fatto, solo perchè i tuoi occhi hanno visto un pericolo che seppur reale, tu non avresti neanche dovuto considerare vista la tua abilità.

Se hai imparato, è solo perchè sapevi che mentre tentavi, non correvi alcun rischio.

questa è la differenza

Loggato




.\ /.
-----

AlterEgo

  • CSI-6
  • Oracolo della biro
  • *
  • Mi piace = 144
  • Offline Offline
  • Posts: 1375

Re: Kurghan's Story: 5) Kurghan e la paura.

« Risposta #2 del: 18 Ottobre 2010, 12:20:21 »

sempre chiaro e molto interessante.  +1 Thumbs Up

Loggato


per la forza di volontà che ci metti nel superarti sempre©beeblebrox
Sono convinto che ce la farai©^X^
Bello come descrivi il sesso, dovrebbe essere sempre così©Acqua
Sei una splendida persona, dentro, fuori e ricoperto@Amica
Ottimo osservatore@Termynetor
Si vede che stai diventando forte. Continua così e tra poco ce l' avrai fatta@Shark
mi piaci, uno che dice le cose dirette come stanno, fanculo il politically correct @Kleos
Sfigatto è uno che ci prova incessamente a differenza di moltissimi altri @ SunBeam

Micione

  • SI-Reliable User
  • Oracolo della biro
  • *
  • Mi piace = 121
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 44
  • Residenza: Terra di mezzo
  • Posts: 2334
  • In hoc signo vinces (§)

Re: Kurghan's Story: 5) Kurghan e la paura.

« Risposta #3 del: 18 Ottobre 2010, 12:50:38 »

Interessante. In una versione del racconto 2.0 sarebbe forse utile approfondire un po' la parte degli inevitabili conflitti interiori che portano all'abbandono del maestro. Qui hai sorvolato un poco.

Loggato


-eFFe-: quando parli di figa, mi trovi sempre Smile
TermYnator:Gli unici soggetti irrecuperabili sono i morti. Sei vivo? Allora esci, rimorchia e tromba! E se non è oggi, sarà domani.

Think globally, fuck locally!

Età: 36 37 38 39 anni

^X^

  • Oracolo della biro
  • *
  • Mi piace = 252
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 1687
Pagine: [1]   Vai Su
« precedente | successivo »
Salta a: