Per rispondere alle discussioni e partecipare al forum ACCEDI oppure ISCRIVITI !

« precedente | successivo »
Pagine: [1]   Vai Giù
0 Utenti e 1 Visitatore stanno guardando questo topic.
Autore Topic:

Il potere dell'autocritica

(Letto 1154 volte)

Il potere dell'autocritica

« del: 25 Luglio 2008, 21:44:00 »

Scrivo questo post autocritico perché ho notato che ammettere i miei errori mi aiuta molto sia nel miglioramento personale che nella ricerca di una metodologia personalizzata da adattare al mio carattere.

Dopo aver affrontato i miei primi SET  con la nuova mentalità ho riassunto alcune problematiche da affrontare al più presto per creare solide fondamenta alla costruzione del mio stile.

Spero possa essere di aiuto a chi come me parte con grandi potenzialità ma scarsa conoscenza di se stesso e spesso anche un immotivata scarsa autostima... per arrivare è necessario partire... allora partiamo...  Wink

I MIEI ERRORI

1)   Regola dei 3 secondi:
Spesso  la infrango in maniera cosciente, vedo un SET  e pur sapendo di essere preparato perdo tempo nel “ripassare” battute che tanto non utilizzerò mai perché da AFC quale sono ora non ho le capacità di gestire a priori la situazione ma posso porre rimedio improvvisando in maniera naturale, anche sbagliando ma non sono mai errori cosi grandi da distruggermi il SET.
Inoltre ho imparato una cosa essenziale… se aspetti troppo il SET muta, può diventare più complicato o addirittura evaporare lasciandoti solo l’amaro in bocca per non averci provato.

2)   Relax:
Superato il primo ostacolo dell’apertura e la tanto temuta AA, mi faccio cogliere da una altra sindrome, l'AdP  (Ansia da prestazione), voglio dare il meglio di me tutto e subito, voglio essere interessante e divertente, voglio che l’attenzione si catalizzata su di me e questo può essere controproducente.
Devo solo focalizzare il concetto che non sono in gara per vincere qualcosa (almeno non adesso che ho appena iniziato), non ci sono palette con voti che si alzano ad ogni mia battuta… probabilmente sono il miglior diversivo che in quella serata noiosa poteva capitarle quindi devo essere me stesso e parlare come farei ad un amica qualunque.

3)    TTL (Time to Live):
Non ci sono scadenze temporali in cui devo ottenere qualcosa, quindi dovrei cercare di prendermela con calma, la persona che ho davanti non può metabolizzare 48 discorsi e 8000 parole in 3 minuti, non è la quantità dei discorsi che conta, è un mix di qualità verbale e di BL che crea il confort e l’empatia tra due o più persone.

4)   Sono meglio di te:
Ok.. da quando sono bambino ho sta caxxo di espressione stampata sul viso che sembra voler dire “Io sono Dio e tu chi caxxo sei ?”, bene a volte può essere utile ma porco cane sforzati di mutarlo in “Ehi sono felice di conoscerti, sembri una bella persona”… caxxo sono 1,95 X 93 Kg è normale che se uso uno sguardo TROPPO sicuro di me posso intimorire la persona che ho davanti… quindi devo entrare nel concetto che davanti a me ho una persona come me, che ha le mie stesse esigenze ed i miei stessi timori.

5)   Ascolta:
Ascolta… ascolta…. ed ascolta… ok potrebbe anche fare un monologo sulla peste bubbonica in Africa i primi del ‘600 ma ascoltala…. magari è tutta la sua vita, magari è la sua passione, cioè devo essere sincero con me stesso se trovassi una donna che ponesse attenzione a tutte le minkiate di cui sono appassionato io forse sarebbe la donna della mia vita… tutto quello che ti dice è interessante perché nelle varie sfumature può farti capire chi è, cosa desidera e come puoi darglielo.

6)   Sincerità:
Va bene… ok essere se stessi ma se l’argomento si sposta sulle tue donne sii più equilibrato, non menzionare con quante esci e che caxxo ci fai e non commettere nemmeno l’errore contrario ovvero “chi io ? no no… io poche storie ma tutte serie”, insomma… deviare l’argomento con qualche battuta che non ti faccia sembrare il galletto del pollaio e nemmeno un principe solitario in cerca di moglie.

7)   PUA:
Se hai letto qua e la qualche tecnica non è detto che tu debba usarla se non sai perfettamente cosa implica e come affrontarne le conseguenze, quindi prima leggo, poi razionalizzo, imparo, sperimento con SET semplici  e… POI adopero su SET di valore.

Cool   WING:
Non usare un amico AFC come Wing se lui nemmeno sa che significa Wing, rischi (come l’altra sera -.- ) di dover non solo costruire faticosamente il confort con le HB nel set… ma anche col tuo amico -.-

9)   Close:
La chiusura almeno per ora non è essenziale ma magari la prossima volta me la preparo prima per sicurezza… non avevo calcolato a fine serata che alla domanda “Ehi sono stato bene stasera… potremmo rivederci” la risposta sarebbe stata “Anche noi un casino… siamo spesso qui… se il destino vorrà ci si rivede”… vabbeh e sti cazzi ?
Scusa se mi dai il numero non è meglio che aspettare sta fava di fato ?
mah… quindi studiare qualche simpatica contromossa per questo genere di imprevisti..

10)   Autoanalisi:
Ottima la fase di autocritica, l’ho affrontata con profonda comprensione per me stesso e la situazione, porsi le domande giuste prima di andare a letto è molto importante ed aiuta a capire gli errori che faccio… io sono l’allievo, il mio alter ego che mi giudica e mi critica è il mio Maestro ed il mio maestro trae insegnamento dalla community, questo è l’equilibrio che mi sono creato e pare funzionare.

Ragazzi sono tra voi veramente da poco ma vi ringrazio perchè senza le decine di post interessanti che avete scritto e mi sono bevuto d'un fiato, forse la mia motivazione sarebbe calata in fretta...  Smile

Buona serata a tutti

Alpha

Loggato


...ovviamente IMHO


=> Se ti sei sentito infastidito da questa mia risposta,
se pensi che io sia presuntuoso,
saccente o più semplicemente un rompicoglioni...
invece di guaire sterili offese da BETA,
mandami un PM e dai un senso alla tua protesta !!!
 Ci conto !!! Smile <=

Maschio Alpha

  • Grafomane
  • *
  • Mi piace = 114
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 36
  • Posts: 917

Re: Il potere dell'autocritica

« Risposta #1 del: 25 Luglio 2008, 22:07:13 »

Partendo dal presupposto che sono un AFC ti dico come ci sto lavorando io perchè sono cose che mi riguardano da vicino.

1)   Regola dei 3 secondi: Io concordo con Swinggcat, la prima cosa è impostare un metaframe. Un metaframe è formato da "credenze", se le credenze vengono installate nell'inconscio agirai subito altrimenti tergiverserai cercando prove conscie ai tuoi dubbi. Imposta un metaframe potente che vada bene per te, interiorizza quelle credenze, esci, testa, scopri quali credenze non hai interiorizzato davvero. ES: se non apri subito probabilmente non credi che "esistono solo feedback non fallimenti". Anche se pensi di crederlo in realtà hai un dubbio che sia così. Oppure pensi che il tuo aspetto fisico sia determinante e ti controlli nel cesso per essere sicuro di essere ok prima di approciare, ovvero la credenza "L'aspetto fisico è indifferente" non è stata metabolizzata. COn questo sistema sai subito su COSA devi lavorare.

2)   Relax: aggiungi al tuo metaframe la credenza "non devo per forza essere al centro dell'attenzione. il mio carisma può anche essere nascosto" e metabolizzala.

3)    TTL (Time to Live): Quando sarai più rilassato per le cose sopra andrà meglio!

4)   Sono meglio di te: leggi il post "ego vs autostima"

5)   Ascolta: verissimo, ma se mi fa una testa tanta sulla peste bubbonica, per me è un dlv. Ricorda, sei tu il premio!

6)   Sincerità: Metabolizza che  "tu sei il treno della sua vita, se ti perde è un problema suo". Non devi stupirla, devi essere come quei tipi carismatici nei film, dove lei deve sposarsi il principe ma si innamora di uno "qualunque". Non cercare di essere il principe, è come dire che lei è il premio.

7)   PUA: Dimentica  le tecniche e prova a sargiare accaxxo. Il metodo mystery non esiste e devi impostare tutta la seduzione dall'inizio. Prova con questa libertà, a me le cose sono migliorate.

Le altre... beh ti sei risposto!!!

Un consiglio che su di me è valso oro: Passa più tempo nel "now" ed azzera il dialogo interno quando sargi.

Loggato

vertigoOne

  • Scriba
  • *
  • Mi piace = 24
  • Offline Offline
  • Posts: 110

Re: Il potere dell'autocritica

« Risposta #2 del: 26 Luglio 2008, 01:39:40 »

Bel post... +1!
 Cheesy Cheesy Cheesy

Loggato


Whenever you find yourself on the side of the majority, it is time to pause and reflect. - M. Twain
__________________

http://pieroit.org/blog
__________________

100% Maschio Alphonso

Acqua

  • SI-Bannati
  • Vate del calamaio
  • *
  • Mi piace = -353
  • Offline Offline
  • Posts: 2831
  • P-ano

Re: Il potere dell'autocritica

« Risposta #3 del: 26 Luglio 2008, 16:21:34 »

Grazie acqua ... magari però la prox volta lo scambierei volentieri con un FR con F-Close  Grin

Loggato


...ovviamente IMHO


=> Se ti sei sentito infastidito da questa mia risposta,
se pensi che io sia presuntuoso,
saccente o più semplicemente un rompicoglioni...
invece di guaire sterili offese da BETA,
mandami un PM e dai un senso alla tua protesta !!!
 Ci conto !!! Smile <=

Maschio Alpha

  • Grafomane
  • *
  • Mi piace = 114
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 36
  • Posts: 917

Re: Il potere dell'autocritica

« Risposta #4 del: 02 Agosto 2008, 14:32:12 »

A mio parere bisognerebbe e GIUSTAMENTE essere sempre

-qui e ora (the power of now)
-avere le convinzioni "giuste", intese come stimolo naturale e convinzioni potenzianti

se questo non c'è, la nostra mente è occupata da qualche parte (spesso inesistente)
e FASULLA.

Il problema è cambiare lo stato di fondo......
poi si può essere mystery, tyler durden, david x, berlusconi, hitch extreme o topo gigio.......
una volta che SI E' QUI ED ORA, il resto non si pone.

Loggato


L'attrazione non è una scelta.

Il gioco non è uno schema ma nasce e si evolve.

The Legend

  • SI-Reliable User
  • Grafomane
  • *
  • Mi piace = 19
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 34
  • Posts: 758
  • Forza ragazzi!
Pagine: [1]   Vai Su
« precedente | successivo »
Salta a: