Preparazione del lavoro
Per montare un acquario servono:
a) nastro adesivo da carrozziere (quello in carta giallina) largo un paio di centimetri.
b) Un taglierino ben affilato.
c) Una lametta da rasoio.
d) Un tubo di silicone (in genere, si usa il nero antimuffa, ma si può anche usare il trasparente)
e) Uno sgrassante (trielina o alcool etilico) ed eventualmente un antisiliconico.
f) Nastro isolante da elettricista (quello leggermente elastico alla trazione) da 2 cm di lato.
g) un paio di guanti in LATICE naturale (non siliconici).

Una volta in possesso dei pezzi, essi vanno provati assieme alle dime, per vedere se tutto collima e combacia.
Provare le fasi dell'incollaggio, in modo da procedere spediti una volta preparate le superfici.
Fatto questo, i pezzi vanno accuratamente puliti e sgrassati con trielina o alcool. Per i perfezionisti, consiglio un antisiliconico (in ferramenta, li vendono per preparare i fondi da verniciare) Ovviamente, una volta pulite le superfici da incollare, non vanno più toccate a mani nude.
Deponete i pezzi puliti su una superficie, frapponendo delle strisce di cartone spesso, avendo cura di porli scalati per poterli poi prendere più facilmente. Usate dei guanti non siliconici per lavorare.

Puliti i vetri, si procederà a fissare del nastro da carrozziere come nella figura 1  . Questo nastro, servirà da schermatura all'atto della rifinitura dell'acquario, per non sporcare le lastre.
E' importante che la distanza del nastro dal bordo della lastra sia costante, altrimenti avrete un cordolo di spessore variabile, che risulterà antiestetico. La base, può non essere schermata.
Lasciate una "linguetta" sotto ad ogni tratto di nastro: vi consentirà di staccarlo senza forzare sulla struttura.

Per avere incollaggi di spessore costante, usate del filo di nailon da pesca: si trova in qualsiasi spessore (figura 2). In pratica, si fanno un paio di pezzi di filo per ogni superficie da incollare, e si fissano sulla lastra con dello scoth, in  modo che avvolgano il bordo (fig Cool. Quando si appoggeranno le lastre l'una sull'altra, i fili manterranno un piccolo distacco fra una lastra e l'altra, in modo da avere uno strato di silicone costante.
La stessa cosa va fatta sulle superfici inferiori.

Una volta preparati tutti i pezzi con i distanziali in filo e le schermature, si procede con l'incollaggio.

Fasi del montaggio
ATTENZIONE: le figure citate sono visibili solo agli iscritti al forum!
1) La prima lastra da fissare, è la parete laterale sinistra (se siete destri), la destra se siete mancini. (figura 1 di fasi montaggio.jpg) Si cosparge il bordo della lastra con un cordone uniforme di silicone, poi la si afferra con due mani, e dall'alto verso il basso la si appoggia sulla lastra di base. Il silicone in eccesso fuoriuscirà. Per ora, non vi preoccupate di questo. Per mantenerla in quadro, aiutatevi con una squadra che potrete assicurare alla base ed alla lastra con del nastro adesivo. Per tener ferma la lastra, mettete qualche striscia di scotch sullo spigolo appena formato, in modo da collegare base e lastra laterale. Controllate che la lastra non possa cadere.

2) Poi, si fissa la lastra laterale destra (o la sinistra) (figura 2 di fasi montaggio.jpg). Tenete le basi delle lastre distanziate fra loro con le dima inferiori (dime C), in modo che le lastre siano premute sui dentelli della dima inferiore. (figura 2B di fasi montaggio.jpg) Piazzate le dime superiori in modo che le lastre rimangano a distanza fissa fra loro.

3)A questo punto, stendete un cordone di silicone sul bordo inferiore della lastra posteriore, e due cordoni sui bordi delle lastre laterali. Appoggiate (sempre dall'alto) il bordo della lastra posteriore sulla base, e raddrizzatelo in modo che vada a porsi in posizione verticale.(figura 3/4 di fasi montaggio.jpg)
A questo punto, con due pezzi di nastro isolante per parte, fissate la lastra posteriore alle lastre laterali.

4) Ripetete il punto 3 con la lastra frontale, piazzate i distanziatori di fondo (dime C) fra lastra posteriore e lastra frontale.

5) con il dito, passate su tutte le sbordature di silicone e schiacciatele se sporgono troppo.

6) controllate che sia tutto a posto, eventualmente piazzate qualche altro pezzo di scotch per tener fermo l'acquario, e lasciatelo immobile per 24 ore.
La parte complicata è finita.

Rifinitura.
Passate le 24 ore, rimuovete tutte le dime. Con delicatezza, staccate le strisce di scotch che trattengono i fili distanziatori dalla parte interna della vasca, e dall'esterno, tirate i fili finchè non vengono via del tutto.
Dove c'erano i fili, ora ci saranno dei forellini che vuoterebbero l'acquario se non fossero riempiti.
Poi, stendete un cordone di silicone nell'angolo interno della giuntura, e lisciatelo con il dito (Rifinitura.jpg, figura 1) finchè il silicone non crea una striscia uniforme con una superficie modellata con sezione a semicerchio (figura 2).
Finchè non avere una buona manualità ed un po' d'occhio, mettete cordoni piccoli, eventualmente aggiungendo silicone.
Il bordo della giuntura, dovrà cominciare alla fine delle strisce di scotch, non sopra di esse.
Se usate il dito con maestria, noterete che i forellini si riempiono. Non è comunque fondamentale, che siano completamente pieni.
Finita la rifinitura delle tre giunzioni della parte destra, tramite le linguette, alzate le strisce di scotch e rimuovetele, avendo cura di non rovinare l'estetica della giuntura.
Ripetete la stessa operazione con la lastra sinistra, e poi con le lastre frontali e posteriore.

Eliminate con la lametta da barba (OCCHIO A NON FARVI MALE) o con il taglierino (se siete poco pratici, è molto più sicuro) le eventuali escrescenze all'esterno della vasca.
Aspettate altre 24 ore.
La vostra vasca è pronta. Fate domande se qualcosa non vi è chiaro.

Nel prossimo post, descriverò le sezioni filtranti, le pompe e la chimica dell'acquario.