Per rispondere alle discussioni e partecipare al forum ACCEDI oppure ISCRIVITI !

« precedente | successivo »
Pagine: [1] 2 3   Vai Giù
0 Utenti e 1 Visitatore stanno guardando questo topic.
Autore Topic:

Territori virtuali

(Letto 10826 volte)

Territori virtuali

« del: 25 Ottobre 2011, 09:49:46 »

Dopo 3-4 anni di pratica, finalmente ho capito che cos'è il territorio virtuale (sì, lo so, ci ho messo un po'  Grin).
Dopo aver letto il TM molto tempo fa avevo razionalmente compreso cosa fosse il TV, e mi sembrava anche di aver intuito che potesse funzionare. Così in questi anni ho provato moltissime volte a creare storie, immagini carine, e più o meno funzionava anche.
Ultimamente, invece, mi sono accorto dell'enorme potenza del TV. A un certo punto è scattata una piccola scintilla: una volta ho "sentito" per un istante cosa significasse davvero, e da lì c'è stato un drastico cambiamento nei risultati e nella mia personale concezione di territorio virtuale.
Provo a spiegare la differenza pratica rispetto a prima: in passato era come se cercassi di "spingere" la mia interlocutrice dentro una scenografia che avevo creato ad hoc, ma io ne rimanevo in un certo senso all'esterno. Oggi mi viene istintivo creare un mondo, immergermi, tendere la mano e "invitare" la persona ad entrarci: il risultato è radicalmente diverso.
La differenza può sembrare sottile, ma secondo me è cruciale.
Molti di voi sicuramente questo lo avevano già capito, il mio topic è rivolto agli altri: sul TV, come su altre cose, insistete, sforzatevi di capire cosa c'è alla base, perché una cosa funziona, andate alla fonte, provate, abbiate pazienza, seminate e poi senz'altro raccoglierete.

Loggato

Edward Bloom

  • Consigliere
  • *
  • Mi piace = 160
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 34
  • Posts: 410

Re: Territori virtuali

« Risposta #1 del: 25 Ottobre 2011, 11:37:43 »

Potresti fare un esempio ? Giusto per capire la differenza!

Alex

Loggato


DJ As Lifestyle

Alex0211

  • SI-Reliable User
  • Scriba
  • *
  • Mi piace = 2
  • Offline Offline
  • Posts: 141
  • Dj as lifestyle

Re: Territori virtuali

« Risposta #2 del: 26 Ottobre 2011, 10:10:44 »

Non c'è chissà cosa da spiegare, nel senso che come fare un territorio virtuale l'ha illustrato perfettamente chi lo ha inventato.
Il fatto è che tra leggere/capire una cosa e sentirla dentro c'è un'enorme distanza. Il mio vuol essere un invito ad entrare dentro i concetti che si leggono, a sperimentarli con pazienza, a farli propri, provare.
E mi sono concentrato sul TV perché mi sembra sottovalutato nella community, o almeno, dall'idea che mi sono fatto leggendo i vari post la mia impressione è che la sua applicazione concreta consista spesso nel raccontare storie cercando di darvi una connotazione emotiva, o nel fare giochini di ruolo.
Il che, ovviamente, non è male in sé, ma il territorio virtuale è molto di più, è davvero la creazione di un mondo artificiale, emotivo, che coinvolge non solo l'altra persona, ma anche tu che lo crei. E' una bolla che separa dal resto del mondo, un tuffo nel paese delle meraviglie, ma è una cosa naturale, pulita, non è una piennellata: se fatto bene è praticamente irresistibile, per chiunque.
Sembrerei scemo a spiegare cos'è un TV, perché è già tutto nel forum. Posso magari fare un elenco di piccole cose che ho notato nei miei TV riusciti, anche se non introduco nulla di nuovo... e scusate se non sono direttive molto concrete, ma non sono in grado di darle.
Anzitutto bisogna creare una piccola fiaba, bisogna entrarci dentro, muoversi nel contesto, prendere confidenza con i colori, le luci, i personaggi di questo nuovo mondo. Fare un giro in solitaria in questa nuova scenografia, abbellirla e conoscerla a fondo. Viverla. L'altra persona deve esserci invitata con calma, senza atteggiamenti di sfida, tendendo la mano, con dolcezza, guidata ma non spinta, come nel ballo: nella danza, appunto, l'uomo è il cavaliere che guida la dama, ma questo significa solo che ha il 50,000001 % del potere nella coppia. Ed è proprio quello 0,000001 che fa la differenza.
Uccidono il TV: sfida, arroganza, superiorità, machismo, maschilismo, competetitività, paura, velocità, doppi sensi sessuali (specie all'inizio), linguaggio volgare, linguaggio troppo descrittivo, falsità, doppi fini, sentirsi più furbi di lei.
Il TV è, come dicevo, davvero come un ballo, è una danza emotiva, una fusione che quindi necessita morbidezza, ritmo, musicalità. Necessita anche spazio e fiducia, perché dovete lasciare all'altra persona il 49,999999 della scena, dandole modo di esprimersi, guardandola, godendovela.
E quindi emerge come, ancora una volta, nella seduzione il lavoro stia a monte, in noi stessi, nella capacità di provare quelle emozioni che vogliamo trasmettere, nella capacità di vivere quei sogni in cui vogliamo coinvolgere una ragazza, nella capacità di costruire quella realtà - reale e virtuale - in cui introdurre gli altri.
Un TV fatto così (premesso che, almeno a me, non riesce certo ogni volta un capolavoro!) è semplicemente irresistibile.
Mi rendo conto che le mie righe di sopra appariranno deliranti a tutti quelli che non hanno mai sperimentato qualcosa del genere, ma provate, senza pregiudizi, che ne vale la pena!

P. S.
Questo post contiene un implicito, ed ora esplicito, ringraziamento a chi queste cose le ha inventate e si è preso la briga di trasmetterle in migliaia di post. Ho letto di tutto nella mia vita, ma qualcosa di simile semplicemente non esiste. Vorrei che i nuovi capissero che hanno tra le mani qualcosa di prezioso: provateci.

Loggato

Edward Bloom

  • Consigliere
  • *
  • Mi piace = 160
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 34
  • Posts: 410

Re: Territori virtuali

« Risposta #3 del: 26 Ottobre 2011, 11:50:32 »

Rilancio la domanda di alex, magari qualche esempio di un TV che ti è riuscito bene con qualche donna?

Loggato


Che tu creda di farcela o non farcela, avrai comunque ragione.

legolas_

  • Scriba
  • *
  • Mi piace = 3
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 137

Re: Territori virtuali

« Risposta #4 del: 26 Ottobre 2011, 13:15:25 »

Citato da: Edward Bloom il 26 Ottobre 2011, 10:10:44

P. S.
Questo post contiene un implicito, ed ora esplicito, ringraziamento a chi queste cose le ha inventate e si è preso la briga di trasmetterle in migliaia di post. Ho letto di tutto nella mia vita, ma qualcosa di simile semplicemente non esiste. Vorrei che i nuovi capissero che hanno tra le mani qualcosa di prezioso: provateci.

Prego. Smile
Mi fa piacere che si parli di TV nei termini che usi, perchè sono quelli corretti.
Troppi hanno equivocato il TV come uno storytelling o un gioco di ruolo. Di fatto, se così fosse stato, non l'avrei neanche proposto: esiste gia molta letteratura in merito.
E mi fa anche piacere che a parlarne in questi termini, non sia uno dei "miei", ovvero uno di quelli che hanno imparato a fare TV direttamente da me:  significa che il TermYpensiero piano piano viene recepito nel giusto verso. Certo, una stesura più estesa gioverà sicuramente.
Ma rimane un fatto: il TM, non è praticabile se prima non ci si è sbattuti su un forte lavoro sui propri fondamentali. E temo rimanga un sistema incomprensibile a chi lega il successo di una interazione a mere prassi da rifare, o al più da personalizzare un po'.
Smile

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10009

Re: Territori virtuali

« Risposta #5 del: 14 Novembre 2011, 13:23:51 »

Citazione

Uccidono il TV: sfida, arroganza, superiorità, machismo, maschilismo, competetitività, paura, velocità, doppi sensi sessuali (specie all'inizio), linguaggio volgare, linguaggio troppo descrittivo, falsità, doppi fini, sentirsi più furbi di lei.

bel post!
però, per essere più chiaro e rendere di più l'idea, non potesti fare come termy e entrare nei dettagli con dei report di approcci in cui hai utilizzato il TV?
anche io mi sto cimentando, ma sto facendo parecchia fatica... se voi più bravi postaste le vostre esperienze sull'argomento, sarebbe di grande aiuto; non tanto per copiare stupide routine, ma gli esempi pratici sono sempre di grande aiuto.  Wink

Loggato


- Mc -

- Mc -

  • SI-Reliable User
  • Consigliere
  • *
  • Mi piace = 9
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 330

Re: Territori virtuali

« Risposta #6 del: 17 Novembre 2011, 12:32:29 »

Non voglio fare particolare esempi non per fare il misterioso, ma perché possono fuorviare.

Quando avevo letto il TM, nella versione pubblicata su questo sito, avevo letto più volte l'esempio che riporta Termy, quello dei salmoni e delle puppe della pastaia. L'avevo trovata una bella storia, ma non riuscivo proprio a capire come facesse un discorso del genere a non ottenere una reazione negativa della ragazza, del tipo: "che fai, me stai a intortà, abbello?".
Avevo chiesto delucidazioni e le avevo avute, ma comunque del tutto non mi tornava questo esempio.
Poi ho capito che la credibilità del TV dipende da chi lo dice e da come costui vive le cose che dice. Se io facessi un discorso del genere, probabilmente sarei innaturale. Per questo è sbagliato fare esempi, sono fuorvianti. Bisogna capire i meccanismi.
Prova a fare un giochino, aiuta a spiegare cosa intendo io con territorio virtuale, non so Termy condividerebbe (ma mi piacerebbe saperlo).

Chiudi gli occhi. Rilassati. Immaginati uno scenario. Uno sfondo, dei colori, dei personaggi. Lavora di fantasia. Può essere quello che vuoi, chiaramente un castello è più affascinante di una betoniera, ma insomma, sta a te. Fai succedere delle cose. Crea un mondo. Può essere più o meno fantasioso, dipende da te. Poi entraci, interagiscici. Facci un giro, tocca le cose, vivile. Sei un personaggio. Vesti in un certo modo, hai reazioni di fronte alle cose che vedi, al clima, alla temperatura che c'è, a come ti trattano le altre creature sulla scena. A questo punto hai creato una situazione, una realtà virtuale, una vita. Non ti resta che invitare la ragazza a farci un giro, falle vedere le cose che tu vedi, falle vivere la realtà con i tuoi occhi, mostra un punto di vista diverso della realtà, meno noioso, più colorato, più stimolante, senza limiti come è la fantasia. Stai creando, stai togliendo i limiti che le persone comuni hanno nel parlare, stai viaggiando. Chi può resistere a questo? Abbi, mi raccomando, la sensibilità di essere progressivo, di allontanarti dalla realtà con calma e lentezza, un passetto per volta, per non sembrare fuori di testa e ottenere l'effetto contrario.

Il TV prevede secondo me questo lavoro, anche se certamente a volte lo puoi fare istintivamente in pochi secondi. Molte volte puoi indurlo in maniera molto più semplice ma non per questo meno efficace, se lo fai nel momento giusto e indovinando la corda adatta da pizzicare. Può essere anche un'immagine flash. Se, ad esempio, a una ragazza scrivo un sms chiamandola "milady" e uso un vocabolario ad hoc (chessò, uso termini come "carrozza", "corte", "cavallo"), comunque la porto in un'atmosfera particolare e diversa dall'ordinario, lei diventa in un certo senso il personaggio di una piccolissima fiaba. La riprova la ottieni (in questo esempio realmente accaduto) quando lei magari inizia a chiamarti "milord", dimostrando di essere all'interno del gioco. Chiaro, ci vuole sensibilità alla base, capire quanto e come puoi spingerti con la singola persona, capire come non varcare la soglia che la porta a pensare: "questo è idiota". Ma la sensibilità è una dote imprescindibile per sedurre. Non per scopare, ma per sedurre sì.

Ho fatto volutamente un esempio molto piccolo, per dimostrare che già così puoi scavare un solco tra te e i tuoi competitors.  Quando uscirete lei starà già vivendo una piccola favola e, se saprai condurre bene il gioco e non farla uscire dalla piccola "bolla" che hai creato, il lieto fine è praticamente assicurato.

Loggato

Edward Bloom

  • Consigliere
  • *
  • Mi piace = 160
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 34
  • Posts: 410

Re: Territori virtuali

« Risposta #7 del: 17 Novembre 2011, 13:46:47 »

Citazione

Non voglio fare particolare esempi non per fare il misterioso, ma perché possono fuorviare.

Citazione

Quando avevo letto il TM, nella versione pubblicata su questo sito, avevo letto più volte l'esempio che riporta Termy, quello dei salmoni e delle puppe della pastaia.

anche io ho letto e riletto e riletto e riletto.... il termy pensiero e tutti i report di termy più di 100 volte, ma non mi entra in testa; sì, è vero, chi ha studiato poco potebbe "copiare" i tuoi report e usarli come routine: ma questo significherebbe non aver capito una mazza.
io ho chiesto degli esempi (da parte tua e dali altri discepoli di termy) perchè a volte per capire un meccanismo sono necessari; non è per copiare spudoratamente, ma per capire "il meccanismo"); non sono tanto le parole dei tuoi discorsi che mi interessano, ma la situazione, cosa tu hai notato al volo in quei microsecondi, come hai fatto a notarlo, cosa osservi per prima cosa per poter notare quel particolare che ti fa partire la "storia fantastica"; io mi sto accorgendo che le ragazze sono per lo più vestite nello stesso modo, sono poco "personalizzate"; le poche che hanno stile e hanno quel'orecchino, quell'anello etc.. particolare sono veramente poche (per non parlare del modo di vestire).
Come personalizzare ogni volta un approccio o un racconto?

Citazione

Chiudi gli occhi. Rilassati... testa e ottenere l'effetto contrario.
Il TV prevede ... Non per scopare, ma per sedurre sì.

questo è molto interessante. è un po' questo metodo che ognuno di noi si personalizza e utilizza che mi interessa; ci mediterò sopra. +1
domanda ulteriore: che letture pensi ti siano state di maggiorne aiuto per creare TV?
Grazie Edwy!

Loggato


- Mc -

- Mc -

  • SI-Reliable User
  • Consigliere
  • *
  • Mi piace = 9
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 330

Re: Territori virtuali

« Risposta #8 del: 17 Novembre 2011, 16:44:51 »

Citato da: Edward Bloom il 17 Novembre 2011, 12:32:29

Non voglio fare particolare esempi non per fare il misterioso, ma perché possono fuorviare.
...
Per questo è sbagliato fare esempi, sono fuorvianti. Bisogna capire i meccanismi.
Prova a fare un giochino, aiuta a spiegare cosa intendo io con territorio virtuale, non so Termy condividerebbe (ma mi piacerebbe saperlo).

Ottimo, e di nuovo + Thumbs Up
Gli esempi sono applicazioni di un concetto. E ci vogliono centinaia di esempi per capire il concetto, con il rischio di interpretare le cose in modo errato (vedi filosiofia alpha degli yankees).
Molto meglio far capire il concetto, e lasciare a chi lo deve capire l'onere di applicarlo creando l'esempio.
Così si interiorizza e si apprende in un solo passo. Chi non ha capito questo del TM, e continua a cercare prassi in stile "si fa così", non riuscirà mai ad usarlo. Gli unici esempio che ho riportato, sono infatti una ventina di reports, rappresentativi dell'applicazione del TM in altrettante situazioni.

Citazione

Il TV prevede secondo me questo lavoro, anche se certamente a volte lo puoi fare istintivamente in pochi secondi. Molte volte puoi indurlo in maniera molto più semplice ma non per questo meno efficace, se lo fai nel momento giusto e indovinando la corda adatta da pizzicare. Può essere anche un'immagine flash. Se, ad esempio, a una ragazza scrivo un sms chiamandola "milady" e uso un vocabolario ad hoc (chessò, uso termini come "carrozza", "corte", "cavallo"), comunque la porto in un'atmosfera particolare e diversa dall'ordinario, lei diventa in un certo senso il personaggio di una piccolissima fiaba. La riprova la ottieni (in questo esempio realmente accaduto) quando lei magari inizia a chiamarti "milord", dimostrando di essere all'interno del gioco. Chiaro, ci vuole sensibilità alla base, capire quanto e come puoi spingerti con la singola persona, capire come non varcare la soglia che la porta a pensare: "questo è idiota". Ma la sensibilità è una dote imprescindibile per sedurre. Non per scopare, ma per sedurre sì.

Estremamente corretto. Ci sei dentro.

Nota a margine:
Qualche settimana fa, ho avuto la sventura di leggere una critica astiosa a questo post, nella quale si paventavano pressioni mie per averti fatto postare questa cosa.
Beh, che si sappia che non solo non ho corrispondenza con Bloom da tempo, ma che Bloom non è mai stato mio allievo, che non lo conosco di persona, che non è mai venuto ad un TR ne è mai uscito con me. Ha letto quello che sta sul forum alla portata di tutti, ma il passo di personalizzarlo e di viverlo l'ha fatto da solo. E come l'ha fatto lui, possono farlo tutti. Basta non cercare quello che non c'è...

Grazie Bloom Wink

« Ultima modifica: 17 Novembre 2011, 17:18:25 da TermYnator »

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10009

Re: Territori virtuali

« Risposta #9 del: 17 Novembre 2011, 17:04:46 »

Anche se con Termynator qualche volta mi ci sono pacificamente ma fermamente scontrato su alcuni temi e discorsi, non capisco questo desiderio di delegittimare le sue capacita' in ambito seduttivo, che sono palesi.
Non lo conosco di persona e non sono un suo allievo.

Loggato


La poesia prudente
e gli uomini
prudenti
durano
solo lo stretto
necessario
per morire
tranquilli


Charles Bukowski

sofficemaremoto

  • CSI-2-Iced
  • Consigliere
  • *
  • Mi piace = 24
  • Offline Offline
  • Posts: 439

Re: Territori virtuali

« Risposta #10 del: 18 Novembre 2011, 06:46:26 »

Citazione

Qualche settimana fa, ho avuto la sventura di leggere una critica astiosa a questo post, nella quale si paventavano pressioni mie per averti fatto postare questa cosa.
Beh, che si sappia che non solo non ho corrispondenza con Bloom da tempo, ma che Bloom non è mai stato mio allievo, che non lo conosco di persona, che non è mai venuto ad un TR ne è mai uscito con me. Ha letto quello che sta sul forum alla portata di tutti, ma il passo di personalizzarlo e di viverlo l'ha fatto da solo. E come l'ha fatto lui, possono farlo tutti. Basta non cercare quello che non c'è...

e meno male che lui lo sta facendo!!!   Wink

Loggato


- Mc -

- Mc -

  • SI-Reliable User
  • Consigliere
  • *
  • Mi piace = 9
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 330

Re: Territori virtuali

« Risposta #11 del: 18 Novembre 2011, 10:23:03 »

Mc mi accorgo di essermi spiegato male. Non è che non voglio fare esempi perché potrebbero essere copiati e usati come routine, ma perché non è proprio possibile farlo. Provo a chiarire con un esempio: è come chiedere a uno che ha appena scritto un libro di raccontargli la trama. Benissimo, te la può raccontare. "I promessi sposi", in fondo, non sono altro che la storia di due ragazzi, di un matrimonio minacciato dagli scagnozzi di un signorotto locale, una fuga,le difficoltà della guerra, della malattia, il lieto fine.
Ma non è la trama che rende interessanti "I promessi sposi", anzi, in fondo è banale. A fare la differenza sono lo stile, lo spessore e una miriade di altri dettagli che combinati tra loro dipingono il quadro completo.

Allo stesso modo, in un TV non è importante la storia che c'è dietro, la trama. Ti ho fatto l'esempio di milady e milord, un'altra volta lei era un cucciolo di leonessa, un'altra ancora eravamo due naufraghi alla deriva su una zattera di fortuna.
Sono importanti i dettagli, e i dettagli devi vederli per poterli mostrare: il colore della vela dell'imbarcazione, il tessuto, la luce che rimbalza sul mare, il profumo del sale. C'è un po' di letteratura, un po' di psicologia, un po' di PNL, un po' di cazzeggio, un po' di teatro in tutto questo.

La personalizzazione è una questione di intuito (posto che molte cose piacciono a quasi tutte le ragazze): negli esempi che ho fatto, ho usato milady/milord con una ragazza che mi dava l'idea di essere un po' "all'antica", di apprezzare le cose eleganti e pulite. Il Tv della leonessa l'ho fatto con una ragazza molto passionale, combattiva e vanitosa, che immaginavo cercasse un uomo "forte": chi meglio di un leone? La zattera in mezzo al mare l'ho fatta con una ragazza un po' incasinata dalla routine per motivi suoi e che, pertanto, sentiva evidentemente l'esigenza di evadere dalla realtà, di viaggiare anche solo con il pensiero.
Come vedi, non è che ci sia chissà quale profonda analisi psicologica dietro.

Sulle letture utili al TV: Dostoevskij, Kundera, Stanislavskij, Baricco, Gogol, Tolstoj, Cechov, Bulgakov. Ma possono essere altri, l'importante è che sia letteratura vera. A me piace la letteratura russa perché trovo abbia l'equilibrio perfetto tra fantasia e realtà, ma sono gusti. Lascia stare i manualetti di guru e pseudotali. Siamo nell'epoca del "come fare X in 5 minuti", una sorta di take-away culturale, invece la letteratura vera, classica ti lascia dentro qualcosa e ti dà anche ottimi argomenti di conversazione. Una base di PNL a mio avviso male non fa, ma un libro in tutta la tua biblioteca su questo basta e avanza. Un romanzo scritto come si deve non è altro che un lungo, piacevolissimo territorio virtuale. L'esperienza più utile per capire il TV, invece, per me è stata recitare: quando crei un TV sei, di fatto, sceneggiatore e attore di una piccola favola.

Caro Termy, mi dispiace che il mio post abbia suscitato critiche astiose, anche se sono normali i fraintendimenti, specie quando non ci si conosce di persona. Ovviamente non ci sono state pressioni da nessuno, anche perché Termy non solo non l'ho mai conosciuto "live", ma neppure abbiamo mai chattato su skype o simili, né siamo amici su facebook. Così come non ho mai partecipato a raduni o altro. Negli ultimi anni ho conosciuto qualche forumista in giro per l'Italia, perché è capitato e mi ha fatto molto piacere, e basta. Ho sempre espresso molta stima di Termy nei miei scritti non per piaggeria, ma perché ho letto e provato tantissimo sulla comunicazione e i suoi scritti sono risultati, semplicemente, qualitativamente migliori alla prova dei fatti.

Questo per sottolineare ancora lo scopo del mio topic, che ho espresso nel mio primo post: provate le cose, capitele, analizzatele, ritagliatele su di voi. Se una cosa non funziona, potrebbe essere semplicemente che non l'hai ancora capita a fondo, non sempre è colpa di qualcuno.
Mi farebbe piacere che l'autore della critica astiosa la riportasse in questo topic, in fondo sono solo un nick su un forum, non dovrei fare così paura Smile
Parliamone, potrebbe essere utile per me, per lui e anche per gli altri.

Loggato

Edward Bloom

  • Consigliere
  • *
  • Mi piace = 160
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 34
  • Posts: 410

Re: Territori virtuali

« Risposta #12 del: 18 Novembre 2011, 11:31:00 »

Citato da: Edward Bloom il 18 Novembre 2011, 10:23:03

Mc mi accorgo di essermi spiegato male. Non è che non voglio fare esempi perché potrebbero essere copiati e usati come routine, ma perché non è proprio possibile farlo. Provo a chiarire con un esempio: è come chiedere a uno che ha appena scritto un libro di raccontargli la trama. Benissimo, te la può raccontare. "I promessi sposi", in fondo, non sono altro che la storia di due ragazzi, di un matrimonio minacciato dagli scagnozzi di un signorotto locale, una fuga,le difficoltà della guerra, della malattia, il lieto fine.
Ma non è la trama che rende interessanti "I promessi sposi", anzi, in fondo è banale. A fare la differenza sono lo stile, lo spessore e una miriade di altri dettagli che combinati tra loro dipingono il quadro completo.

Allo stesso modo, in un TV non è importante la storia che c'è dietro, la trama. Ti ho fatto l'esempio di milady e milord, un'altra volta lei era un cucciolo di leonessa, un'altra ancora eravamo due naufraghi alla deriva su una zattera di fortuna.
Sono importanti i dettagli, e i dettagli devi vederli per poterli mostrare: il colore della vela dell'imbarcazione, il tessuto, la luce che rimbalza sul mare, il profumo del sale. C'è un po' di letteratura, un po' di psicologia, un po' di PNL, un po' di cazzeggio, un po' di teatro in tutto questo.

La personalizzazione è una questione di intuito (posto che molte cose piacciono a quasi tutte le ragazze): negli esempi che ho fatto, ho usato milady/milord con una ragazza che mi dava l'idea di essere un po' "all'antica", di apprezzare le cose eleganti e pulite. Il Tv della leonessa l'ho fatto con una ragazza molto passionale, combattiva e vanitosa, che immaginavo cercasse un uomo "forte": chi meglio di un leone? La zattera in mezzo al mare l'ho fatta con una ragazza un po' incasinata dalla routine per motivi suoi e che, pertanto, sentiva evidentemente l'esigenza di evadere dalla realtà, di viaggiare anche solo con il pensiero.
Come vedi, non è che ci sia chissà quale profonda analisi psicologica dietro.

Sulle letture utili al TV: Dostoevskij, Kundera, Stanislavskij, Baricco, Gogol, Tolstoj, Cechov, Bulgakov. Ma possono essere altri, l'importante è che sia letteratura vera. A me piace la letteratura russa perché trovo abbia l'equilibrio perfetto tra fantasia e realtà, ma sono gusti. Lascia stare i manualetti di guru e pseudotali. Siamo nell'epoca del "come fare X in 5 minuti", una sorta di take-away culturale, invece la letteratura vera, classica ti lascia dentro qualcosa e ti dà anche ottimi argomenti di conversazione. Una base di PNL a mio avviso male non fa, ma un libro in tutta la tua biblioteca su questo basta e avanza. Un romanzo scritto come si deve non è altro che un lungo, piacevolissimo territorio virtuale. L'esperienza più utile per capire il TV, invece, per me è stata recitare: quando crei un TV sei, di fatto, sceneggiatore e attore di una piccola favola.

Caro Termy, mi dispiace che il mio post abbia suscitato critiche astiose, anche se sono normali i fraintendimenti, specie quando non ci si conosce di persona. Ovviamente non ci sono state pressioni da nessuno, anche perché Termy non solo non l'ho mai conosciuto "live", ma neppure abbiamo mai chattato su skype o simili, né siamo amici su facebook. Così come non ho mai partecipato a raduni o altro. Negli ultimi anni ho conosciuto qualche forumista in giro per l'Italia, perché è capitato e mi ha fatto molto piacere, e basta. Ho sempre espresso molta stima di Termy nei miei scritti non per piaggeria, ma perché ho letto e provato tantissimo sulla comunicazione e i suoi scritti sono risultati, semplicemente, qualitativamente migliori alla prova dei fatti.

Questo per sottolineare ancora lo scopo del mio topic, che ho espresso nel mio primo post: provate le cose, capitele, analizzatele, ritagliatele su di voi. Se una cosa non funziona, potrebbe essere semplicemente che non l'hai ancora capita a fondo, non sempre è colpa di qualcuno.
Mi farebbe piacere che l'autore della critica astiosa la riportasse in questo topic, in fondo sono solo un nick su un forum, non dovrei fare così paura Smile
Parliamone, potrebbe essere utile per me, per lui e anche per gli altri.

Ottimo post, solo una cosa non ho capito ne' del post ne' del TV.
Cioe' il fatto di "recitare".
Se il seduttore ha una pienezza d'animo e di esperienze che lo elevano al di sopra della massa, perche' deve recitare? O meglio, che cosa significa per voi "recitare"?

Loggato


La poesia prudente
e gli uomini
prudenti
durano
solo lo stretto
necessario
per morire
tranquilli


Charles Bukowski

sofficemaremoto

  • CSI-2-Iced
  • Consigliere
  • *
  • Mi piace = 24
  • Offline Offline
  • Posts: 439

Re: Territori virtuali

« Risposta #13 del: 18 Novembre 2011, 19:55:42 »

il tuo post è molto utile, Edwy; quello che hai scritto è sicuramente di aiuto ma non capisco una cosa:

Citazione

Caro Termy, mi dispiace che il mio post abbia suscitato critiche astiose, anche se sono normali i fraintendimenti, specie
quando non ci si conosce di persona.

che critiche?

Citazione

Se il seduttore ha una pienezza d'animo e di esperienze che lo elevano al di sopra della massa, perche' deve recitare?

non devi per forza di cose recitare (anche se, per arrivare a certe gnocche, a volte un po' di esperienza in questo campo non sarebbe male Wink): per creare TV devi "sognare" insieme alla ragazza, un po' come quando sei a letto con un cefalo e pensi di trombarti pamela andersson..  Grin Grin devi volare con la mente in luoghi magnifici, la chiave della figa è fare emozionare la preda. le donne vivono di emozioni ergo le emozioni sono la benzina della trombata.  Smile
è come se volessi evadere dalla realtà  e vivere in un sogno accompagnato dalla dolce metà; non è facile essere coinvolgenti a tal punto e quello che a volte è d'ostacolo è l'ambiente: forse il mio errore più grande è quello di provare a creare TV in luoghi troppo affollati e rumorosi (tipo discopub); penso di dover lavorare di più sull'isolamento della preda;
un altro errore che commetto è quello di andare troppo avanti con discorsi scherzosi che, però, non lasciano "traccia" di me stesso.
come fate voi a passare da un tono scherzoso e giocoso, a un tono più grave per creare TV e andare avanti? come si passa dalla fase apertura - discorsi scherzosi di palo in frasca alla fase centrale del TV?

« Ultima modifica: 18 Novembre 2011, 19:58:14 da - Mc - »

Loggato


- Mc -

- Mc -

  • SI-Reliable User
  • Consigliere
  • *
  • Mi piace = 9
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 330

Re: Territori virtuali

« Risposta #14 del: 18 Novembre 2011, 20:04:46 »

...scusate ma avrei un'altra domanda:
come evitare di sembrare il "prostitutiere" che ci prova con tutte?
nella mia zona. ci sono pochi locali e sempre le solite persone; è molto facile essere classificati come "quello che ci prova con tutte"; pensate che questa cosa giochi a favore o a sfavore?
come gestire le ragazze che ci si tromba in questi contesti?

Loggato


- Mc -

- Mc -

  • SI-Reliable User
  • Consigliere
  • *
  • Mi piace = 9
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 330
Pagine: [1] 2 3   Vai Su
« precedente | successivo »
Salta a: