Per rispondere alle discussioni e partecipare al forum ACCEDI oppure ISCRIVITI !

« precedente | successivo »
Pagine: [1] 2   Vai Giù
0 Utenti e 1 Visitatore stanno guardando questo topic.
Autore Topic:

Effetto placebo, lavoro vero e miglioramento personale.

(Letto 2990 volte)

Effetto placebo, lavoro vero e miglioramento personale.

« del: 30 Marzo 2010, 17:10:48 »

Cari ragazzi,
questa è una sezione commerciale, quindi va da se che esista per vendere qualcosa.
In questo settore, però, il prodotto dovrebbe essere un qualcosa di definitivo, di tangibile, ma soprattutto di spiegabile, e quindi di riscontrabile nella realtà di tutti i giorni. Non c'è nulla di strano nel sostenere che se parlerai in maniera coinvolgente, tendenzialmente diventerai un buon intrattenitore, e conseguentemente avrai più carte in ambito seduttivo. E' logico, ed è facilmente riscontrabile nella realtà.
E' quindi logico che io, proponendo un corso di miglioramento personale, abbia individuato determinati punti chiave e tenda a far lavorare i miei allievi per  migliorarare questi punti.
Punti riscontrabili in ogni persona seducente: body language, dialettica, look, ma anche tattica.
Questi punti, per essere migliorati, richiedono da parte dell'istruttore l'adempimento di un lavoro improbo e difficile, soprattutto dal punto di vista diplomatico.
Far si che l'allievo impari ad interpretare i feedbacks in modo corretto.
Se una persona non seduce, spesso è perchè ignora cio che il mondo gli manda come risposta a determinati comportamenti, o a tutta la sua persona.
L'allievo va quindi sensibilizzato progressivamente per non traumatizzarlo, rendendolo capace di capire i segnali che il mondo gli manda in risposta a ciò che lui propone.

UNa persona che va in giro vestita a caxxo, trascurata o con unghie e denti sporchi, probabilmente non si rende conto di queste cose, e non gli da la necessaria importanza. Idem se si comporta in modo ridicolo.
Ad un livello più alto, c'è il body language ed il comportamento in generale.
Andando ancora più su troviamo le espressioni facciali e la dialettica.
Rendere una persona che fa di questi grossolani errori seducente, non significa imporgli un comportamento, ma sensibilizzarlo sui suoi errori, rendendolo cosciente di come gli altri lo vedono.
Questa sensibilizzazione, lo porterà a considerare con attenzione i feedbacks, ed a valutarli nella giusta chiave.
Tutto ciò, è logico e razionale, ma richiede da parte del praticante abnegazione, molto molto lavoro e molta apertura mentale. Se non si possiedono questi requisiti, è inutile sperare di ottenere qualcosa con l'ADM.

Il percorso che porta al superamento dei propri limiti.
L'aspirante al successo è una persona che ha avuto una prima presa di coscienza nei confronti dei suoi limiti, che nasce dalla considerazione "non rimorchio".
Questa considerazione porta a due tipologie di persone:
A) la prima è quella disposta a rendersi conto che il non rimorchiare dipende da fattori oggettivi, che egli non riesce ad avere: aspetto estetico, cura della persona, dialettica BL.
b) LA seconda, è costituita da persone che credono che non siano questi i requisiti di base, ma ce ne siano altri: segrete alchimie che garantirebbero il successo, tecniche segrete ed altro, senza però doversi sforzare di cambiare alcunchè del proprio stato attuale.

La persona destinata al successo (tipologia A)
L'apprendista perfetto è colui che gradualmente prende coscienza dei propri difetti e lavora costantemente per migliorarli. Esso prende piano piano coscienza di ciò che funziona e di ciò che non funziona, e lo traduce su se stesso rendendosi conto delle proprie inabilità. Questo processo è definitivo, ed elimina qualsiasi scollamento dalla realtà. E' il processo che porta ad essere rimorchianti, ed a migliorare costantemente le proprie prestazioni.
Alla base di questo processo, c'è la capacità di interpretare correttamente i feedbacks che il mondo ci manda.

La persona destinata all'insuccesso (Tipologia B)
L'appartenente alla tipologia B, è affetto da credenze limitanti ed illusioni, che non gli consentiranno MAI di prendere effettivamente coscienza di se stesso. Penserà che ciò che non lo rende rimorchiante, siano strategie che egli deve apprendere ex novo, o "mancanze" che non appartengono alla sfera del visibile.
La realtà è che egli non vuole rendersi conto della sua diversità, e non la accetta come una connotazione negativa ai fini del rimorchio. Questa tipologia di persona, invece di analizzare attentamente i feedbacks che provengono dall'esterno, tenderà a non vedere le cose negative prendendo qualsiasi variazione nei feedbacks come elemento positivo. Compreso l'atteggiamento di scherno, che denota un atteggiamento ridicolo.
Invece di cercare di allineare la propria percezione di se stesso con valori reali, questa tipologia di persona cercherà nella letteratura teorie che confermino i suoi preconcetti e gli diano la speranza di migliorare senza lavorare duramente su cose che sono evidenti. Cercherà tecniche magiche invece di migliorare la persona che deve applicarle. Questa tipologia di persona, è comunemente definita "pollo", perchè dopo ogni delusione, invece di mettere i piedi per terra ed accettare la realtà, continua a cercare la formula magica per aggirare l'unica cosa che deve fare per migliorare: cambiare cio che di lui non funziona.
Questa tipologia di persona sarà quindi attratta da tutte le pratiche esoteriche possibili e dai guru che le propinano: inner game (inteso come "pomparsi il frame"), EFT, ipnosi, effetti miracolosi dellla PNL e altre amenità (IMHO, s'intende).

Detto questo, concludo con una semplice considerazione rivolta a questa seconda categoria di persone.
Vi siete mai chiesti come mai il naturalotto senza cultura, non particolarmente bello e nemmeno tanto intelligente scopa, mentre voi vi troncate di seghe?
Pensate che conosca il significato di "inner game" o che abbia mai perso 3 secondi del suo tempo in queste cazzate? Pensate che abbia la minima idea di cosa sia un metodo di seduzione, una fase o qualsiasi altra cosa attinente? La risposta è retorica: no.
Detto questo, fatevi una ragione del fatto che le cose non stano come sperate: non esistono pillole magiche, l'unica via è migliorare se stessi usando il mondo come uno specchio, ed aprendo gli occhi.
Se non trombate, è perchè non siete poi così fighi. E se non siete poi così fighi è perchè il naturalotto possiede qualcosa di essenziale che voi non avete. Se avete l'intelligenza per capirlo, e l'umiltà per ammetterlo accettando la realtà e liberandovi dalle vostre illusioni,  diventerete più bravi di lui. Se invece non volete riconoscere la vostra condizione di inferiorità, siete destinati a rincorrere un miraggio per sempre: non si costruisce un edificio nuovo sulle rovine di uno fatiscente.

Perdonate la crudezza, ma penso che la prima cosa da fare in una community di miglioramento personale, sia aprire gli occhi di chi non vuol vedere. A meno che, non ci si voglia prendere per i fondelli sapendo di farlo...

TermYnator

« Ultima modifica: 30 Marzo 2010, 17:17:24 da TermYnator »

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10009

Re: Effetto placebo, lavoro vero e miglioramento personale.

« Risposta #1 del: 30 Marzo 2010, 17:17:51 »

Citato da: TermYnator il 30 Marzo 2010, 17:10:48

Se invece non volete riconoscere la vostra condizione di inferiorità, siete destinati a rincorrere un miraggio per sempre: non si costruisce un edificio nuovo sulle rovine di uno fatiscente.

"Roma non è stata costruita in un giorno"

Condivido tutta l'analisi  Thumbs Up

Loggato

Expeausition

  • Visitatore

Re: Effetto placebo, lavoro vero e miglioramento personale.

« Risposta #2 del: 30 Marzo 2010, 17:25:23 »

Citato da: Expeausition il 30 Marzo 2010, 17:17:51

"Roma non è stata costruita in un giorno"
Condivido tutta l'analisi  Thumbs Up

Esatto.
Ed introduci la variabile fondamentale di tutto il processo: il tempo.
Chi ha fretta, non ottiene nulla. Non ci si laurea in un giorno, ma in anni di lavoro.
E' ovvio che nel rimorchio non siano necessari tempi così lunghi, ma dipende anche da dove si parte.
Se si parte da zero, ci vorrà più tempo. L'importante, è non perdere l'entusiasmo monetizzando ogni piccolo miglioramento e facendone tesoro.
Da principio, si apprezzerà il fatto di riuscire ad intrattenere. Poi ad incuriosire ed interessare.
Verranno i primi segnali di consenso ed i primi insuccessi: è normale.
Ma alla fine, verrà la prima donna e finalmente si sarà varcata la boa.
Il resto è routine...

T

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1687
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 10009

Re: Effetto placebo, lavoro vero e miglioramento personale.

« Risposta #3 del: 30 Marzo 2010, 17:49:06 »

Se vivessimo nel 1500 la chiesa ehm.. i polli e chi li alleva ti metterebbero al rogo. Un giorno capiranno tutto anche loro come è stato per la chiesa con Galileo. Ma quel giorno sarà troppo tardi per i polli che avranno investito i loro soldi e il loro tempo in mangime per polli da batteria. E il tempo non te lo ridà nessuno, quindi è bene capire in che direzione investirlo. E una volta scelta la strada da percorrere non abbandonarla e perseverare.

« Ultima modifica: 24 Agosto 2010, 11:49:58 da Juan »

Loggato

Kierkegaard

  • Visitatore

Re: Effetto placebo, lavoro vero e miglioramento personale.

« Risposta #4 del: 30 Marzo 2010, 18:46:37 »

Condivido ogni singola parola. Il mio pensiero è molto vicino al tuo soggetto A.  Thumbs Up

Loggato


"Il tuo è un gioco molto politico" - Athos
"Non hai letto il MM? Allora devi essere espulso dal gioco !" - Neo1987
"L' assaporatore ufficiale dell' AdM - TermYnator
"Non è il massimo?E che ti frega, se ti attizza vacci uguale! Piuttosto che niente, meglio piuttosto" - Athos
"Quando fai l' espressione giusta, sei quasi fico" - TermYnator
"Ty delaesh bisnes" - HB insegnante di russo
"Meglio una russa bona, che un' italiana cessa"  - TermYnator
"Sergente Hartman della patata" - Azimut, già Expeausition

Shark72

  • CSI-6
  • Vate del calamaio
  • *
  • Mi piace = 296
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 3880
  • Fino alla Fine

Re: Effetto placebo, lavoro vero e miglioramento personale.

« Risposta #5 del: 30 Marzo 2010, 18:46:58 »

E' un ottimo post. Il lavoro su cose concrete e l'azione quotidiana sono requisiti indispensabili per ottenere risultati.
Ma anche l'aspetto motivazionale va rispettato.

Pigrizia, paura, procrastinazione, ansia, blocchi psicologici possono essere ostacoli all'azione e quindi al miglioramento. Ben vengano le tecniche di suggestione o autosuggestione.  Io sono operatore EFT di primo livello e non ho preso il secondo solo perchè il corso coincideva con una lezione dell'Adm. Ho trascurato la pratica di questa scienza esoterica o pseudoscienza da allora.

Che ci crediate o no, in 5 minuti con un operatore qualificato (il massimo esperto italiano di EFT) , mi è passato il craving per un cibo di cui ero ghiottissimo (le patatine fritte). Da allora (settembre) ogni volta che mi portano davanti delle patatine fritte trovo una scusa per non mangiarle o per mangiarne pochissime.

Ho parlato con dei Phd in neuroscienze che mi hanno confermato che nella pressione degli agopunti c'è una base scientifica. E' probabile che siano tutte cazzate, ma provare e vedere se funziona non costa niente.
Lascio ad Acqua o a chiunque abbia fatto studi opportuni un giudizio da esperto in materia sulla validità  e l'efficacia di tecniche o pratiche come la PNL, l'EFT o la logosintesi.

E' ovvio che pomparsi il frame non ti fara' avere successo nella vita. Ma agire sull'autostima, sulla confidenza, sulle credenze e i pensieri limitanti è un passo avanti che coadiuva azioni piu' concrete.

Sportivi, manager, politici pagano tanto per avvalersi della consulenza di professionisti qualificati.
Chiunque abbia visto parlare Tony Robbins non puo' non rimanere a bocca aperta... Tutta spazzatura?

« Ultima modifica: 30 Marzo 2010, 19:11:44 da festadanzante »

Loggato

festadanzante

  • SI-Bannati
  • Consigliere
  • *
  • Mi piace = 61
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 604
  • The game

Re: Effetto placebo, lavoro vero e miglioramento personale.

« Risposta #6 del: 30 Marzo 2010, 21:34:36 »

Citato da: festadanzante il 30 Marzo 2010, 18:46:58

Ho parlato con dei Phd in neuroscienze che mi hanno confermato che nella pressione degli agopunti c'è una base scientifica.

questo è vero. Non conosco l'EFT, nè la sua percentuale di successo, ma l'agopuntura, ad esempio, è una pratica efficace.

Citato da: festadanzante il 30 Marzo 2010, 18:46:58

Ma agire sull'autostima, sulla confidenza, sulle credenze e i pensieri limitanti è un passo avanti che coadiuva azioni piu' concrete.

in che modo? dicendo allo specchio "sono un figo", "my game is a ten", "sono un 10"? creando neuroassociazioni che funzionano in minima parte solo in casi di stati d'animo neutri (e ti fanno passare quindi da 6 a 7) ma che non funzionano affatto quando abbiamo il morale a terra? facendo centinaia di visualizzazioni associate e dissociate?

Citato da: festadanzante il 30 Marzo 2010, 18:46:58

Sportivi, manager, politici pagano tanto per avvalersi della consulenza di professionisti qualificati.

Tali consulenze che percentuali di successo hanno? Altrimenti stiamo qui a parlare di fuffa.

Citato da: festadanzante il 30 Marzo 2010, 18:46:58

Chiunque abbia visto parlare Tony Robbins non puo' non rimanere a bocca aperta...

si rimane assolutamente a bocca aperta. Ma poi la nostra vita migliora?

Citato da: festadanzante il 30 Marzo 2010, 18:46:58

Tutta spazzatura?

quasi.

Loggato

james.mar

  • SI-Bannati
  • Vate del calamaio
  • *
  • Mi piace = 209
  • Offline Offline
  • Posts: 3550

Re: Effetto placebo, lavoro vero e miglioramento personale.

« Risposta #7 del: 30 Marzo 2010, 21:58:44 »

Effetto placebo da adesione fideistica.

Loggato

Kant

  • SI-Reliable User
  • Oracolo della biro
  • *
  • Mi piace = 170
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 1372

Re: Effetto placebo, lavoro vero e miglioramento personale.

« Risposta #8 del: 30 Marzo 2010, 22:36:00 »

Citato da: kant il 30 Marzo 2010, 21:58:44

Effetto placebo da adesione fideistica.

A quale fede?

Loggato

Expeausition

  • Visitatore

Re: Effetto placebo, lavoro vero e miglioramento personale.

« Risposta #9 del: 30 Marzo 2010, 23:14:56 »

Citato da: festadanzante il 30 Marzo 2010, 18:46:58

Ho parlato con dei Phd in neuroscienze che mi hanno confermato che nella pressione degli agopunti c'è una base scientifica. E' probabile che siano tutte cazzate, ma provare e vedere se funziona non costa niente.
Lascio ad Acqua o a chiunque abbia fatto studi opportuni un giudizio da esperto in materia sulla validità  e l'efficacia di tecniche o pratiche come la PNL, l'EFT o la logosintesi.

Tra le pratiche 'esotiche' di cui ho sentito parlare promuovo a pieni voti solo lo Yoga (in particolare le tecniche di respirazione). Per tutto il resto sono mooolto scettico, anche se mi riservo di cambiare idea appena vedo pubblicazioni di rilievo.

E comunque per riprendere un vecchio discorso di VertigoOne, se uno è convinto che funzioni tanto vale andare in fondo alla cosa. E' importante però essere onesti innanzitutto con sè stessi.
Ad esempio ammetto che il CD di autoipnosi di McKenna abbia avuto effetto sul mio umore, ma è stato un BRUTTO effetto. Se avesse funzionato a lungo termine così come funziona a breve termine non avrei avuto problemi a consigliarlo.

Acqua

Loggato


Whenever you find yourself on the side of the majority, it is time to pause and reflect. - M. Twain
__________________

http://pieroit.org/blog
__________________

100% Maschio Alphonso

Acqua

  • SI-Bannati
  • Vate del calamaio
  • *
  • Mi piace = -353
  • Offline Offline
  • Posts: 2831
  • P-ano

Re: Effetto placebo, lavoro vero e miglioramento personale.

« Risposta #10 del: 30 Marzo 2010, 23:16:26 »

Citato da: Acqua il 30 Marzo 2010, 23:14:56

Ad esempio ammetto che il CD di autoipnosi di McKenna abbia avuto effetto sul mio umore, ma è stato un BRUTTO effetto. Se avesse funzionato a lungo termine così come funziona a breve termine non avrei avuto problemi a consigliarlo.

Ottì, io lo sto utilizzando ora. Hai avuto un effetto di rimbalzo?

Loggato

Kierkegaard

  • Visitatore

Re: Effetto placebo, lavoro vero e miglioramento personale.

« Risposta #11 del: 30 Marzo 2010, 23:28:16 »

Citato da: Kierkegaard il 30 Marzo 2010, 23:16:26

Ottì, io lo sto utilizzando ora. Hai avuto un effetto di rimbalzo?

Si. ha smesso di bere e da allora fa fatica a ritrovare sè stesso.

Loggato

james.mar

  • SI-Bannati
  • Vate del calamaio
  • *
  • Mi piace = 209
  • Offline Offline
  • Posts: 3550

Re: Effetto placebo, lavoro vero e miglioramento personale.

« Risposta #12 del: 31 Marzo 2010, 01:34:42 »

Quello che dici Acqua ha molto senso.
Il cd ti ha fatto stare meglio perchè ti ha installato subito delle credenze positive.
Pero' a questo cambio di umore non è seguito un cambio di comportamento. I vecchi comportamenti e i vecchi risultati hanno ripristinato o forse addirittura rafforzato le vecche credenze e quindi nel lungo non ha funzionato.
Anche il cd per dimagrire di mcKenna o fare tapping sul craving del cibo. Sono cose che aiutano l'azione, rendendola meno stressante emotivamente, ma non la sostituiscono.
Se mi sdraio sul letto, ascolto "Dimagrisci in sette giorni" e poi di mia spontanea volonta' non alzo il culo dalla sedia per fare sport e mi magno un panino da 3 kili, con il cavolo che dimagrisco. Se invece ho voglia di fare sport e di mangiare di meno, ma le emozioni di fatica per lo sport e di desiderio per il cibo sono incontrollabili, li' l'effetto di autosuggestione agisce, permettendomi di intraprendere con minore fatica un comportamento che la mia volonta' razionale gia' voleva attuare.

Beninteso, io sono il primo scettico. Mi hanno regalato una volta un DVD che si chiamava The Secret ed è finito dritto nella pattumiera, dopo averlo visto una volta. Anche quando sono stato al seminario EFT, arrivato davanti alla porta del centro, ho visto volantini appesi al muro di gente che parlava con gli angeli e altre cose e me ne stavo andando (si pagava a meta' corso Cheesy). I primi spettatori che arrivarono erano degli hippies usciti fuori da Woodstock e anche li' non deponeva bene. Poi mi siedo e vedo che accanto a me ci sono una decina di persone piu' distinte e meno appariscenti. Chiedo un poco e scopro che sono tutti psicoterapeuti o assistenti sociali, che volevano aggiornarsi ed espandere il bagaglio delle loro tecniche.  Al che decisi di rimanere, anche dopo aver chiacchierato con lo speaker.

« Ultima modifica: 31 Marzo 2010, 01:57:20 da festadanzante »

Loggato

festadanzante

  • SI-Bannati
  • Consigliere
  • *
  • Mi piace = 61
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 604
  • The game

Re: Effetto placebo, lavoro vero e miglioramento personale.

« Risposta #13 del: 31 Marzo 2010, 07:42:10 »

Condivido la divisione in categorie A o B.

La mia impressione e' che le persone che si rivolgono ad un maestro si possano dividere in 2 categorie:
-seriamente interessate al miglioramento personale, e che quindi si rendono conto di aver un certo ritardo su alcuni aspetti chiave.
-alla ricerca di formule magiche o di qualche sorta di autoconvincimento di essero figo.

In realta' esiste anche la categoria C, quella che non tromba ne trombera' mai, ma invece di domandarsi perche' ed investire del tempo a migliorarsi.. passa la vita a perseguitare qualche sventurata/vicina di casa.

Ovviamente e' una categoria questa che non compra niente.. al massimo un cane o la moto, perche' qualcuno una volta gli ha detto che alle donne piacciono i cuccioli e i motociclisti.

Loggato


Donna de quarant'anni buttela a fiume co' tutti li panni. (proverbio romano)

maxcavezzi

  • Grafomane
  • *
  • Mi piace = 49
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 39
  • Residenza: genova
  • Posts: 1118

Re: Effetto placebo, lavoro vero e miglioramento personale.

« Risposta #14 del: 31 Marzo 2010, 09:00:34 »

Grande e ottimo post che andrebbe messo come disclaimer ad un sito di miglioramento personale  Thumbs Up
Per l'ennesima volta: non esistono scorciatoie e le pillole magiche casomai sono supposte  Laughing

Rispondendo a Festa: verissimo che l'aspetto motivazionale va sostenuto, però quelli di cui parla TermY sono persone che hanno un deficit di alcune caratteristiche: questi posono picchiettarsi quanto vuoi ma non acquisiranno magicamente qualcosa che manca.
Quando, dopo mesi o anni di esercizi, comincieranno a rendersi conto che qualcosa sta cambiando, che i rapportano al mondo in maniera diversa, "Pigrizia, paura, procrastinazione, ansia, blocchi psicologici" si ridurranno, perchè i soggetti avranno acquisito una solida base su cui fondare le loro certezze: "io vado a rimorchiare quella e non mi sfancula perchè sono capace di rimorchiarmela e fanculo all'ansia".
Per quanto riguarda me, è stato il farmi il culo senza sconti che sta funzionando; certo, ho dovuto distruggere il vecchio BlacHat e rifarne uno nuovo, ma il miglioramento personale è questo!

Loggato


III TermYraduno: io c'ero!

La seduzione è l'arte che ci porta a conoscere realmente chi siamo.-TermY

Un Vero Uomo ha come Maestro ed Idolo solo se stesso.-TermY

L'armonia con se stessi, è il premio per aver fatto di se un'opera d'arte.-TermY

Il fare di te stesso un'opera d'arte, il conoscerti rispecchiandoti in una donna, il trovare in lei una complice, il diventare il suo punto di riferimento e l'uomo nelle cui braccia lei si abbandonerà-Me medesimo

blackhat

  • SI-Reliable User
  • Suggeritore
  • *
  • Mi piace = 48
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 39
  • Residenza: provincia milanese
  • Posts: 259
Pagine: [1] 2   Vai Su
« precedente | successivo »
Salta a: