Per rispondere alle discussioni e partecipare al forum ACCEDI oppure ISCRIVITI !

La fabbrica del Fascino

La fabbrica del Fascino

« precedente | successivo »
Pagine: [1]   Vai Giù
0 Utenti e 1 Visitatore stanno guardando questo topic.
Autore Topic:

Indipendenza in una relazione

(Letto 118 volte)

Indipendenza in una relazione

« del: 03 Giugno 2017, 16:01:22 »

Ciao ragazzi!
Da un paio di mesi "sto insieme" ad una mia compagna di corso, dall'inizio però lei ha voluto mettere le mani avanti dicendomi che si le piaccio (soprattutto fisicamente aggiungo) e passare il tempo con me, ma non si vuole legare ad un'altra persona; vuole essere prima LEI e poi stare con me, anche per questo motivo non vuole che a scuola (faccio in accademia di recitazione, siamo in 20 e ci vediamo tutti i giorni) lo sappiano anche se è diventata una cosa che sanno tutti, ma nessuno dice niente.
Io, d'altro canto, col passare del tempo mi sto inevitabilmente affezionando/innamorando di lei e lei pure nei momenti intimi o a volte a lezione si lascia andare anche dicendo cose del tipo "sei mio", "amore mio", ECC.. poi però sembra che si imponga di rimanere distaccata.
Parlandone un po' è venuto fuori che lei in relazione passate si "è persa nellaltro" e non vuole sentirsi più dipendente da qualcun altro o pianificare il proprio tempo in base all'altra persona.
Quindi, cosa faccio?
1)Anche a me non dispiacerebbe essere indipendente da lei, ma come? (Ho paura che a distaccarmi alla prima occasione mi faccio un'altra)
2) Cerco di farle cambiare idea subdolamente?

P.s.
Devo ammettere che a volte con questi suoi discorsi mi sento un po' preso per il culo

Loggato


"O me o vita, domande come queste mi perseguitano. Infiniti cortei di infedeli. Città gremite di stolti. Che v'è di nuovo in tutto questo, o me o vita? Risposta. Che tu sei qui, che la vita esiste, e l'identità, che il potente spettacolo continua e che tu puoi contribuire con un verso. Che il potente spettacolo continua e che tu puoi contribuire con un verso."

Alpacino90

  • Consigliere
  • *
  • Mi piace = 6
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Residenza: Vanilla Sky
  • Posts: 333

Re: Indipendenza in una relazione

« Risposta #1 del: 03 Giugno 2017, 17:31:01 »

Citato da: Alpacino90 il 03 Giugno 2017, 16:01:22

Ciao ragazzi!
Da un paio di mesi "sto insieme" ad una mia compagna di corso, dall'inizio però lei ha voluto mettere le mani avanti dicendomi che si le piaccio (soprattutto fisicamente aggiungo) e passare il tempo con me, ma non si vuole legare ad un'altra persona; vuole essere prima LEI e poi stare con me, anche per questo motivo non vuole che a scuola (faccio in accademia di recitazione, siamo in 20 e ci vediamo tutti i giorni) lo sappiano anche se è diventata una cosa che sanno tutti, ma nessuno dice niente.
Io, d'altro canto, col passare del tempo mi sto inevitabilmente affezionando/innamorando di lei e lei pure nei momenti intimi o a volte a lezione si lascia andare anche dicendo cose del tipo "sei mio", "amore mio", ECC.. poi però sembra che si imponga di rimanere distaccata.
Parlandone un po' è venuto fuori che lei in relazione passate si "è persa nellaltro" e non vuole sentirsi più dipendente da qualcun altro o pianificare il proprio tempo in base all'altra persona.
Quindi, cosa faccio?
1)Anche a me non dispiacerebbe essere indipendente da lei, ma come? (Ho paura che a distaccarmi alla prima occasione mi faccio un'altra)
2) Cerco di farle cambiare idea subdolamente?

P.s.
Devo ammettere che a volte con questi suoi discorsi mi sento un po' preso per il culo

Ciò che veramente potrebbe farle cambiare idea è l'attrazione che nutre per te...che dovrebbe crescere a dismisura. Ho visto donne che si imponevano di essere distaccate capitolare alla grande davanti a uomini che sanno il fatto loro. Quello che devi evitare come la peste in questa fase è un comportamento troppo attaccato, poco incline ad ascoltare il suo stato d'animo e i segnali che ti manda. Un comportamento opprimente dove chiedi continue conferme o dove peggio ancora verbalizzi sempre i progetti futuri ponendoglieli come una sorta di scadenza impellente. Devi mantenere anche tu un atteggiamento un pelino distaccato, e continuare a sedurla come hai sempre fatto....non devi farla incazzare palesemente con tecniche del tipo " esco con un altra ecc"...queste sono minkiate che servirebbero solo a farle fare ancora più marcia indietro. A ogni suo comportamento devi rispondere in maniera appropriata, devi essere interessato a lei ma a tratti un po' distaccato finché lei non darà prova di volersi legare( e questo lo farà se sarà molto attratta da te e può darsi che con il tempo cambi idea). lei potrà cambiare effettivamente idea se ti vede come unico, difficilmente rintracciabile in altri soggetti.

Loggato

Pintahouse

  • SI-Mr. Seduzione Italiana
  • Grafomane
  • *
  • Mi piace = 44
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Residenza: Pornassio
  • Posts: 676

Re: Indipendenza in una relazione

« Risposta #2 del: 03 Giugno 2017, 17:54:20 »

Ecco, lei a volte mi dice che "le faccio cose strane, un effetto strano" del tipo le classiche "farfalle nello stomaco" o che a volte che fa la distaccata si sente in colpa.. ultimamente abbiamo litigato, non in modo acceso e con lei che comunque vuole sempre rimediare alla discussione, proprio su questo: a volte magari vorrebbe stare sola, ma non mi dice niente perché sennò pensa che me la prendo a male, o io che le dico che la sento fredda...
Sbaglio, ma il punto è che se me lo tengo (ho provato a tenermi dentro sta cose) lei si accorge che c'è qualcosa che non va e ne vuole parlare o dice che non gliene frega niente è davvero diventa fredda..
p.s. arma a doppio taglio di studiare recitazione, se non ci penso sono abbastanza espressivo, merito o no della scuola e mi si legge tutto in faccia.. e lei nota più delle persone in media ogni reazione che ho.

Quindi mi distacco e basta e faccio per conquistarla come all'inizio? Ma così non rischio che si torni indietro?

Loggato


"O me o vita, domande come queste mi perseguitano. Infiniti cortei di infedeli. Città gremite di stolti. Che v'è di nuovo in tutto questo, o me o vita? Risposta. Che tu sei qui, che la vita esiste, e l'identità, che il potente spettacolo continua e che tu puoi contribuire con un verso. Che il potente spettacolo continua e che tu puoi contribuire con un verso."

Alpacino90

  • Consigliere
  • *
  • Mi piace = 6
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Residenza: Vanilla Sky
  • Posts: 333

Re: Indipendenza in una relazione

« Risposta #3 del: 03 Giugno 2017, 18:07:16 »

Citato da: Alpacino90 il 03 Giugno 2017, 17:54:20

Ecco, lei a volte mi dice che "le faccio cose strane, un effetto strano" del tipo le classiche "farfalle nello stomaco" o che a volte che fa la distaccata si sente in colpa.. ultimamente abbiamo litigato, non in modo acceso e con lei che comunque vuole sempre rimediare alla discussione, proprio su questo: a volte magari vorrebbe stare sola, ma non mi dice niente perché sennò pensa che me la prendo a male, o io che le dico che la sento fredda...
Sbaglio, ma il punto è che se me lo tengo (ho provato a tenermi dentro sta cose) lei si accorge che c'è qualcosa che non va e ne vuole parlare o dice che non gliene frega niente è davvero diventa fredda..
p.s. arma a doppio taglio di studiare recitazione, se non ci penso sono abbastanza espressivo, merito o no della scuola e mi si legge tutto in faccia.. e lei nota più delle persone in media ogni reazione che ho.

Quindi mi distacco e basta e faccio per conquistarla come all'inizio? Ma così non rischio che si torni indietro?

Il distacco che ti ho consigliato è soltanto apparente, ti spiego: se tu fai l'errore che fanno molti maschi insicuri, cioè di opprimerla e starle attaccato per paura di perderla, lei potrebbe pensare " mamma mia che rompicoglioni" e così facendo decidere senza ombra di dubbio di scappare. Lei attualmente è predisposta a scappare perché non vuole legarsi a una persona. Ma tutti sappiamo che le donne non sono sempre ciò che dicono di essere, sono esseri umani come noi e possono a volte cambiare idea. Potrebbe effettivamente ripensarci e decidere di essersi sbagliata perché la prendi come nessun altro è riuscito mai. per farle cambiare idea puoi solo puntare su una carta vincente: farla stare bene. Che significa: non opprimerla, ascoltare i suoi bisogni, non metterle il muso, non prendertela se ti dice che vuole rimanere distaccata, ascoltala e leggi i segnali che ti manda e far si che i momenti che passate insieme siano spensierati  e irresistibili per lei....ma al tempo stesso si consapevole che si tratta di una situazione delicata e ripeti a te stesso che il miglior modo per giocare lucidamente è proprio non esserci attaccato. sai quando un adulto( un padre per esempio) ha la responsabilità di una bambina? Ecco tu sei un adulto che deve essere sicuro di sé, paziente e fermo...quella insicura e lei. Non la aiuterai se ti mostrerai più insicuro di lei. Perché quando ti prendi la fissa per una donna non riesci più ad ascoltarla e quindi a comportarti come sarebbe opportuno. Il distacco lo devi fare più dai tuoi bisogni che da lei. Se lei troverà in te un maschio che la ascolta, che le fa passare dei bei momenti, che non le mette ansia, che non si fa seghe mentali per paura di essere lasciato e che non se la prende , che non le pianta il muso senza dirle perché...hai qualche possibilità che lei ci ripensi Wink

« Ultima modifica: 03 Giugno 2017, 18:09:59 da Pintahouse »

Loggato

Pintahouse

  • SI-Mr. Seduzione Italiana
  • Grafomane
  • *
  • Mi piace = 44
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Residenza: Pornassio
  • Posts: 676
Pagine: [1]   Vai Su
« precedente | successivo »
Salta a: