Per rispondere alle discussioni e partecipare al forum ACCEDI oppure ISCRIVITI !

La fabbrica dei Veri Uomini

La fabbrica dei Veri Uomini

« precedente | successivo »
Pagine: [1] 2 3 4   Vai Giù
0 Utenti e 1 Visitatore stanno guardando questo topic.
Autore Topic:

Solitudine maschile

(Letto 1314 volte)

Solitudine maschile

« del: 02 Febbraio 2017, 14:58:57 »

Sul forum sono stato colpito da questo scambio fra due nostri utenti:

Citato da: Whiteout il 01 Febbraio 2017, 10:30:17

Guarda, penso di capire bene (e non sono di certo l'unica) il senso di disperante solitudine che a un certo punto ti prende quando non hai combinato mai nulla e sembra che tutti vivano amori ricambiati tranne te.

Citato da: Ralph Fiennes 90 il 02 Febbraio 2017, 11:50:16

Questo discorso può farlo una donna. Non facciamo anche qui confusione di genere.

Mi piacerebbe che l'argomento sia approfondito, ho quindi creato un topic dove tutti possano dire la loro.
 A voi la palla.

 Heart

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1664
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 9857

Re: Solitudine maschile

« Risposta #1 del: 02 Febbraio 2017, 15:42:41 »

Citato da: TermYnator il 02 Febbraio 2017, 14:58:57

Sul forum sono stato colpito da questo scambio fra due nostri utenti:Mi piacerebbe che l'argomento sia approfondito, ho quindi creato un topic dove tutti possano dire la loro.
 A voi la palla.

 Heart

Io credo che il senso di solitudine possa pervadere benissimo anche i maschi, anzi, forse gli uomini più che i maschi.
E' vero che noi, più delle donne, siamo sempre in cerca di stimoli fisici e sessuali, ma è anche vero che anche il nostro lato affettivo e sentimentale deve essere coltivato.
E non è una questione di sessi, ma di persone. Esiste il senso di solitudine sia per noi che per le donne, e tanto posso dire non solo per l'esperienza dei miei amici, ma anche per la mia esperienza: fino a due anni fa ho letteralmente sprecato, trascurandole, fidanzate e ragazze che mi volevano bene.
Ad oggi, dopo due anni, mi sono ritrovato con:
- qualche storia di una sera
- una storia di 8 mesi con una ragazza impegnata, dettata dal folle invaghimento che avevo per lei, con conseguente rottura finale, abbandono da parte mia, che non potevo più sopportare di essere "l'altro"
- frequentazione di due mesi con una psycho (già descritta nel topic "e se non fosse per una notte"), finita qualche giorno fa che mi ha lasciato un senso di vuoto, dato che mi ero affezionato.

La solitudine esiste perché più si va avanti più è difficile trovare una ragazza che abbia un po' tutte le qualità (sebbene non eccelse in ogni aspetto) e sia single. La solitudine esiste perché evidentemente anche noi (o almeno io) abbiamo un vuoto dentro che solo una persona può colmare.
Magari c'è chi riesce a scoparne una al mese, ma c'è anche chi come me a quell'una al mese preferirebbe averne una fissa, magari in grado di conquistarlo appieno.
Non nego che non mi piaccia andare a donne, però è anche vero che rimpiango i tempi in cui avevo delle ragazze meravigliose accanto. Lasciate perché convinto di meritare di meglio, mentre in realtà in giro c'è molto, troppo, di peggio.

P.s. TermYnator, ho scritto la conclusione della storia "e se non fosse per una notte" nell'altro topic in "Lay Reports" , mi sa che avevi ragione tu, mi dai un parere su come è finita?
Grazie e complimenti per questo nuovo topic.
Un abbraccio a tutti
El mudo

Loggato

El mudo

  • Scriba
  • *
  • Mi piace = 6
  • Offline Offline
  • Posts: 140

Re: Solitudine maschile

« Risposta #2 del: 02 Febbraio 2017, 18:17:42 »

Oggi ho risposto così perché mi sembrava che Whiteout facesse il classico discorso della ragazza che vede le sue amiche fidanzarsi e lei non trova il fidanzato.
Un uomo ha il compito di capire cosa non lo fa rimorchiare, e ciò può voler dire prendere decisioni drastiche.
Più sta lì a piangere più perde tempo.
Non metto in dubbio che ognuno ha una percezione diversa della solitudine.
Di certo non sopporto chi viene qua a piangere.

Loggato

Ralph Fiennes 90

  • Consigliere
  • *
  • Mi piace = 12
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 27
  • Residenza: Piemonte
  • Posts: 344

Re: Solitudine maschile

« Risposta #3 del: 02 Febbraio 2017, 18:43:38 »

In genere la donna si dispera per la qualità di relazioni, l'uomo per la quantità...
Poi c'è anche chi da solo sta abbastanza bene come il sottoscritto, e la compagna manca solo in determinati contesti

Citazione

Di certo non sopporto chi viene qua a piangere.

Quel tipo di persone proprio non le capisco

Loggato

Enri

  • CSI-2
  • Grafomane
  • *
  • Mi piace = 9
  • Offline Offline
  • Posts: 865

Re: Solitudine maschile

« Risposta #4 del: 03 Febbraio 2017, 18:08:32 »

So per esperienza che la solitudine può colpire tanto i maschi che le femmine...non è un caso che chi soffre per es. di depressione si senta anche solo, e non sono solo gli uomini a sentirsi soli. Le femmine però hanno una freccia in più al proprio arco: tendono maggiormente a fare squadra tra di loro ( anche se non sempre) e alla fine c'è sempre qualche maschio che ci prova con loro o che le invita da qualche parte. Noi maschietti invece quando siamo soli vediamo gli altri scopare come ricci e il tempo che ci passa inesorabile davanti agli occhi.

Loggato

Pintahouse

  • SI-Mr. Seduzione Italiana
  • Grafomane
  • *
  • Mi piace = 56
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Residenza: Pornassio
  • Posts: 759

Re: Solitudine maschile

« Risposta #5 del: 03 Febbraio 2017, 18:33:51 »

Citato da: TermYnator il 02 Febbraio 2017, 14:58:57

Sul forum sono stato colpito da questo scambio

Sì, lì per lì ha colpito anche me, perché non avrei pensato che ci fosse una specificità di genere in certe sensazioni che invece credo siano abbastanza universali.
Ma mi sembra di capire che nella discussione originale ci sia stato più che altro un qui pro quo, dove 'femminile' era il mio modo letterario di esprimere la cosa, più che il concetto in sé. Ma qui rischio l'OT.

Citato da: Ralph Fiennes 90 il 02 Febbraio 2017, 18:17:42

Oggi ho risposto così perché mi sembrava che Whiteout facesse il classico discorso della ragazza che vede le sue amiche fidanzarsi e lei non trova il fidanzato. Un uomo ha il compito di capire cosa non lo fa rimorchiare, e ciò può voler dire prendere decisioni drastiche.

A me sembra per l'appunto che le due situazioni siano intercambiabili: come ci sono maschi che si disperano per un motivo analogo, così ci sono femmine che fanno autocritica e di conseguenza prendono decisioni e avviano dei cambiamenti. Da un problema alla sua soluzione, senza analisi è ovvio che non si va da nessuna parte: concetto unisex.
Poi la percezione della solitudine cambierà di sicuro da individuo a individuo, e molto più ancora fra diverse età e a seconda delle esperienze. Un conto è un/una diciottenne vergine, un altro conto un/una trentenne momentaneamente solo/a dopo un tot di avventure e relazioni.

PS = non posso rispondere ai MP. Spero che *le sue opinioni* non fosse nel senso di darmi del lei!  Laughing

Loggato


When you think you've lost though you may have won, you're just a moment away from the one you are

Whiteout

  • Suggeritore
  • *
  • Mi piace = 38
  • Offline Offline
  • Sesso: Femminile
  • Età: 36
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 190

Re: Solitudine maschile

« Risposta #6 del: 03 Febbraio 2017, 23:18:17 »

Citato da: Pintahouse il 03 Febbraio 2017, 18:08:32

non sono solo gli uomini a sentirsi soli. Le femmine però hanno una freccia in più al proprio arco: tendono maggiormente a fare squadra tra di loro ( anche se non sempre)

Ti offendi se ti dico che non sono completamente d'accordo? Al massimo, le ragazze tendono alla classica solidarietà "fra amiche"...

Citato da: Pintahouse il 03 Febbraio 2017, 18:08:32

e alla fine c'è sempre qualche maschio che ci prova con loro o che le invita da qualche parte.

E qui invece c'hai preso alla grande (come sempre, del resto). E loro da questo comportamento traggono una bella dose di autostima, chiunque sia il maschietto di turno da cui vengono adocchiate (fosse anche una persona che non gli piace per niente).
 
In definitiva le rappresentanti del gentil sesso, quando si sentono in solitudine hanno a disposizione migliori e più facili strategie di estrazione: due spennellate di mascara, un bel vestitino e via.
Invece a noi maschietti compete, come scritto nella roccia, un lavoro più impegnativo: rimboccarsi le maniche, affrontare proattivamente i nostri "demoni", ingranare la prima e darsi da fare...

Loggato


Trahit sua quemque voluptas (Virgilio)

Voltarecchie

  • CSI-6
  • Suggeritore
  • *
  • Mi piace = 10
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Residenza: Medio Adriatico
  • Posts: 170

Re: Solitudine maschile

« Risposta #7 del: 03 Febbraio 2017, 23:20:04 »

Il vantaggio è che, se non altro, i problemi risolti li ti aiutano col resto

Loggato

Enri

  • CSI-2
  • Grafomane
  • *
  • Mi piace = 9
  • Offline Offline
  • Posts: 865

Re: Solitudine maschile

« Risposta #8 del: 04 Febbraio 2017, 12:36:48 »

Citato da: Voltarecchie il 03 Febbraio 2017, 23:18:17

E loro da questo comportamento traggono una bella dose di autostima, chiunque sia il maschietto di turno da cui vengono adocchiate (fosse anche una persona che non gli piace per niente).
In definitiva le rappresentanti del gentil sesso, quando si sentono in solitudine hanno a disposizione migliori e più facili strategie (...).

No, un attimo.
Non è che raccattare attenzioni da un qualunque maschio, peggio che mai che ‘non ti piace per niente’, possa essere un rimedio alla solitudine profonda di cui si parlava all’inizio. Una solitudine che è desiderio di trovare un compagno/a di almeno pari livello, con cui si instauri una comprensione reciproca (nel significato più ampio del termine).
Se un incontro fugace possa lenire questa sensazione, e magari con più efficacia per un uomo che per una donna?, è un altro aspetto della questione.

Loggato


When you think you've lost though you may have won, you're just a moment away from the one you are

Whiteout

  • Suggeritore
  • *
  • Mi piace = 38
  • Offline Offline
  • Sesso: Femminile
  • Età: 36
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 190

Re: Solitudine maschile

« Risposta #9 del: 04 Febbraio 2017, 12:54:34 »

Citato da: Whiteout il 04 Febbraio 2017, 12:36:48

Non è che raccattare attenzioni da un qualunque maschio, peggio che mai che ‘non ti piace per niente’, possa essere un rimedio alla solitudine profonda di cui si parlava all’inizio.

Magari non è una panacea, però... aiuta  Wink
Tu dici di no?

Loggato


Trahit sua quemque voluptas (Virgilio)

Voltarecchie

  • CSI-6
  • Suggeritore
  • *
  • Mi piace = 10
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Residenza: Medio Adriatico
  • Posts: 170

Re: Solitudine maschile

« Risposta #10 del: 04 Febbraio 2017, 13:13:30 »

Citato da: Pintahouse il 03 Febbraio 2017, 18:08:32

So per esperienza che la solitudine può colpire tanto i maschi che le femmine...non è un caso che chi soffre per es. di depressione si senta anche solo, e non sono solo gli uomini a sentirsi soli. Le femmine però hanno una freccia in più al proprio arco: tendono maggiormente a fare squadra tra di loro ( anche se non sempre) e alla fine c'è sempre qualche maschio che ci prova con loro o che le invita da qualche parte. Noi maschietti invece quando siamo soli vediamo gli altri scopare come ricci e il tempo che ci passa inesorabile davanti agli occhi.

Esatto, la differenza è questa: per loro basta mettersi seduti in un locale, una sera, e lanciare qualche segnale di consenso.
Noi dobbiamo faticare anche con quelle con cui c'è già attrazione pregressa.
Ma non mi lamento tanto, dato che delle femmine troppo "facili" non ho la minima fiducia.

Loggato

El mudo

  • Scriba
  • *
  • Mi piace = 6
  • Offline Offline
  • Posts: 140

Re: Solitudine maschile

« Risposta #11 del: 04 Febbraio 2017, 13:49:02 »

Citato da: Voltarecchie il 04 Febbraio 2017, 12:54:34

Magari non è una panacea, però... aiuta  Wink
Tu dici di no?

Per me no. Ma non ho certo la pretesa di essere rappresentativa, e anzi su questo aspetto non lo sono di sicuro! Tongue

Loggato


When you think you've lost though you may have won, you're just a moment away from the one you are

Whiteout

  • Suggeritore
  • *
  • Mi piace = 38
  • Offline Offline
  • Sesso: Femminile
  • Età: 36
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 190

Re: Solitudine maschile

« Risposta #12 del: 04 Febbraio 2017, 14:19:30 »

Citato da: Whiteout il 04 Febbraio 2017, 13:49:02

Per me no. Ma non ho certo la pretesa di essere rappresentativa

Lascia tranquillamente perdere la rappresentatività: qui ognuno ha il sacrosanto diritto di dire la sua opinione.
Ed in questo caso (ma non solo) la tua è da prendere nella giusta considerazione.

Loggato


Trahit sua quemque voluptas (Virgilio)

Voltarecchie

  • CSI-6
  • Suggeritore
  • *
  • Mi piace = 10
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Residenza: Medio Adriatico
  • Posts: 170

Re: Solitudine maschile

« Risposta #13 del: 04 Febbraio 2017, 18:31:35 »

La mia esperienza di vita seppur breve mi ha insegnato che nella realta' l'unica cosa vera su cui affidarsi sei tu, le regole piu importanti non sono scritte da nessuna parte e ci sono cosi tante opportunita in una giornata che starsene depressi in solitudine (e' successo per 7 mesi interi, giornate buie senza uscire di casa) e' un lento suicidio, ma se almeno una volta non lo fai non sai cos'e' vivere a pieno, mi spiego meglio, nella solitudine ti fai mille domande e anche se non ti dai risposte hai tempo per arrivare alle domande giuste di ritrovare te stesso e la forza di cui sei capace, anche rischiando a volte di scollarti dalla realta' ed essere fuori tempo quando ritorni a contatto con le persone. La differenza tra i sessi ci sta anche in questo caso, penso che un uomo dopo un periodo di solitudine marcato e pesante una volta ripresa la vita in mano non ricada nel baratro come se non si fosse mosso, una donna credo che ha momenti di solitudine meno pesanti da sopportare in quanto amicizie e famiglia sono piu a disposizione, ma la ricaduta puo essere piu frequente. Quanti i casi di rmp che dopo una scopata sbagliata sentono il mondo ricaderle addosso, per un uomo la scopata in se non e mai sbagliata, a parte tragiche conseguenze  dove puo compromettere gli altri aspetti della sua vita(tua moglia ti sgama, ti trombi la figlia di un boss, sfasci la prole a qualcuno).
I periodi di solitudine sono i piu importanti e naturali per un maschio


e si ha il tempo per riparare le proprie armi e di forgiarne di nuove se necessario, studiare cosa non va, costruire


e ripartire con la scorza piu dura, penso siano i periodi di maggiore crescita dal punto di vista intellettuale, un Vero Uomo sa bene cosa sia la solitudine e non la teme.

Loggato

AlanLeveR

  • SI-Reliable User
  • Scriba
  • *
  • Mi piace = 12
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 23
  • Residenza: Campania
  • Posts: 95
  • If i NEED LOVE I GO TO SEE THE STREETS

Re: Solitudine maschile

« Risposta #14 del: 04 Febbraio 2017, 19:43:20 »

Citato da: AlanLeveR il 04 Febbraio 2017, 18:31:35

La mia esperienza di vita seppur breve mi ha insegnato che nella realta' l'unica cosa vera su cui affidarsi sei tu, le regole piu importanti non sono scritte da nessuna parte e ci sono cosi tante opportunita in una giornata che starsene depressi in solitudine (e' successo per 7 mesi interi, giornate buie senza uscire di casa) e' un lento suicidio, ma se almeno una volta non lo fai non sai cos'e' vivere a pieno, mi spiego meglio, nella solitudine ti fai mille domande e anche se non ti dai risposte hai tempo per arrivare alle domande giuste di ritrovare te stesso e la forza di cui sei capace, anche rischiando a volte di scollarti dalla realta' ed essere fuori tempo quando ritorni a contatto con le persone. La differenza tra i sessi ci sta anche in questo caso, penso che un uomo dopo un periodo di solitudine marcato e pesante una volta ripresa la vita in mano non ricada nel baratro come se non si fosse mosso, una donna credo che ha momenti di solitudine meno pesanti da sopportare in quanto amicizie e famiglia sono piu a disposizione, ma la ricaduta puo essere piu frequente. Quanti i casi di rmp che dopo una scopata sbagliata sentono il mondo ricaderle addosso, per un uomo la scopata in se non e mai sbagliata, a parte tragiche conseguenze  dove puo compromettere gli altri aspetti della sua vita(tua moglia ti sgama, ti trombi la figlia di un boss, sfasci la prole a qualcuno).
I periodi di solitudine sono i piu importanti e naturali per un maschio


e si ha il tempo per riparare le proprie armi e di forgiarne di nuove se necessario, studiare cosa non va, costruire


e ripartire con la scorza piu dura, penso siano i periodi di maggiore crescita dal punto di vista intellettuale, un Vero Uomo sa bene cosa sia la solitudine e non la teme.

E' proprio come la penso io!
+1  Thumbs Up

Loggato

Ralph Fiennes 90

  • Consigliere
  • *
  • Mi piace = 12
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 27
  • Residenza: Piemonte
  • Posts: 344
Pagine: [1] 2 3 4   Vai Su
« precedente | successivo »
Salta a: