Per rispondere alle discussioni e partecipare al forum ACCEDI oppure ISCRIVITI !

Imparare a sedurre gratis

Imparare a sedurre gratis

« precedente | successivo »
Pagine: [1] 2   Vai Giù
0 Utenti e 1 Visitatore stanno guardando questo topic.
Autore Topic:

Estetica maschile: punti di vista e riflessioni

(Letto 531 volte)

Estetica maschile: punti di vista e riflessioni

« del: 09 Luglio 2017, 16:50:30 »

Premessa
Quello che segue è una serie di riflessioni personali, mirata ad avere un quadro il più possibile completo dell'estetica che un uomo deve avere per poter dare fin da subito segnali positivi alle donne. Il tutto è ovviamente aperto alle opinioni di tutti gli altri utenti del forum, soprattutto quelle femminili  Grin

Diversi punti di vista
Quante volte è capitato di vedere un ragazzo con un volto apparentemente anonimo o magari brutto che invece veniva considerato figo dalle donne? Succede spesso. Se ne può dedurre che ci sia una grossa differenza di punti di vista tra un uomo e una donna.
Se dovessi prendere in esame dei volti maschili e dare loro un voto, lo farei in maniera molto razionale, ovvero ragionerei sui lineamenti, sugli occhi, su barba e capelli e su tante altre piccole cose come se avessi uno schema mentale che mi dicesse "questa caratteristica = X voti".
Faccio un esempio: ora vanno di moda le barbe lunghe. Personalmente non mi ci vedo affatto con una barba lunga quanto un'autostrada, ne ci vedrei la maggior parte dei miei amici o colleghi. Il manifesto di una marca d'abbigliamento (non ricordo quale) riporta un ragazzo ben vestito con un barbone kilometrico. Quando lo guardo il primo pensiero che mi viene è "brutto", perchè razionalmente la mia mente corrisponde una barba lunga a questo aggettivo. Se mi soffermo però a guardarlo e smetto di ragionarci sopra ecco che nell'insieme questo soggetto mi da una sensazione di bello, di originale.
Qui la prima riflessione, che ripeto è del tutto personale: io ragiono sui dettagli mentre le donne vengono invece colte da ciò che l'individuo trasmette nell'insieme, e credo non abbiano nemmeno bisogno di capire il perchè di una determinata sensazione (bella o brutta che sia)
Da qui la prima conclusione: se voglio essere figo devo smettere di ragionare per "paletti fissi", mettendomi invece davanti allo specchio per essere aperto alle sensazioni che per primo do a me stesso vedendo il quadro completo della mia immagine riflessa. Se quel quadro mi da una sensazione di figo allora sono a posto, altrimenti a quel punto entra in gioco la razionalità per capire quali particolari stonano e come modificarli (una certa camicia, un certo pantalone, con o senza barba, ecc... )

Il viso
Il viso che abbiamo è quello che ci viene dato da madre natura. Mentre il fisico può essere modificabile con allenamenti e diete, il viso non modifica più di tanto la sua struttura.
Il viso è però costituito da una serie di dettagli che possiamo curare: barba, capelli, sopracciglia, pulizia e, soprattutto, l'espressione (do per scontata la cura dei denti).
Un viso ben curato da l'idea di una persona che sappia dedicarsi a se stesso, che abbia tempo e mezzi per farlo, la voglia di farlo e, secondo me, da l'idea anche di persona sensibile ai dettagli e premurosa verso la donna che sarà accanto a lui. Insomma un'equazione del tipo "se hai la sensibilità e l'impegno di curare te stesso vuol dire che hai la sensibilità e l'impegno di capire i bisogni dell'altra persona"
A mio parere un viso ben curato non è per forza un viso appena uscito dall'estetista che gli ha fatto le sopracciglia ad ala di gabbiano. A mio avviso anche la faccia di un neanderthal appena uscito dalla grotta con mezzo metro di barba può dare l'impressione di "viso curato". Quello che è importante è guardarsi allo specchio e prestare attenzione alla sensazione che suscitiamo a noi stessi. Una sensazione che nasce dalla coerenza tra l'aspetto fisico del nostro viso (compresi barba e capelli) e la nostra personalità, ma anche l'umore di cui siamo in quel momento, che influenza immancabilmente il nostro sguardo e la nostra espressione.
Ho visto ragazzi che come si alzano al mattino escono di casa senza neppure pettinarsi. Definiti "cessi" dagli altri maschi erano invece considerati fighi dalle femmine. Tutti questi ragazzi avevano un carattere molto sicuro di se e, nonostante i loro fisici magri, esprimevano a pieno questa loro sicurezza, e proprio il loro volto "grezzo" ne enfatizzava questa qualità.

Atteggiamento e portamento
Se è vero che quello che colpisce le donne non è il capello ben fatto o la camicia indossata da Costantino, ma è qualcosa che noi comunichiamo con la nostra estetica, allora occorre pensare a quali messaggi mandare alle fanciulle intorno a noi.
Un primo messaggio che ritengo importante è quello di "non arrapato", ovvero di non dare l'idea di quello che non vede l'ora di portarsi a letto la prima che capita. La donna non vuole essere "una delle tante" o "la prima che capita", vuole essere speciale e vuole sentirsi scelta perchè ritenuta diversa (molto diversa) dalle altre.
Di conseguenza l'atteggiamento di "non arrapamento" dovrà essere un atteggiamento rilassato di persona che vive il momento e non di quello che continua a guardarsi attorno puntando ogni essere non maschile presente nel raggio di 2 kilometri.
Detto questo, un'altra riflessione è importante. Cosa vuole la donna per primo? Stare bene. Che sia solo una chiacchierata o una serata di fuoco se la donna viene approcciata vuole avere la sensazione di poter essere a suo agio con l'uomo che la sta approcciando. Fondamentale quindi che il nostro atteggiamento sia molto rilassato, ma questo deriva dal nostro stato d'animo. Se nella nostra testa scorrono mille problemi è inutile andare a rimorchiare perchè daremo un messaggio negativo. Se prima di uscire di casa ci siamo visti allo specchio e non ci siamo piaciuti questo influenzerà negativamente il nostro approccio. Al contrario se abbiamo adorato la nostra immagine riflessa il nostro umore sarà molto alto ed adotteremo (forse inconsciamente) il giusto stato d'animo che si tramuterà in quell'estetica capace di dare i giusti segnali alla donna che ci piace.

Cosa esprimere
Del resto anche noi non ci sentiremmo molto a nostro agio nell'uscire con un nostro amico che continua a guardarsi attorno, o che è sempre agitato, negativo o  incazzato.
Noi per primi siamo attratti da persone con le quali sentiamo di poter stare bene, persone che esprimono positività, e questa è secondo me una caratteristica principale che va comunicata. Qui non serve essere belli, serve di essere noi per primi positivi, sentirci capaci di stare nel mondo senza il timore di essere schiacciati o di non farcela in qualcosa. Questo stato d'animo si tramuterà nella giusta espressione che darà i dovuti segnali alla nostra preda  Wink

Sorridere?
Ho visto ragazzi che hanno un sorriso splendido e molto espressivo, altri che quando sorridono sembrano degli ebeti. Credo quindi che il nostro sorriso vada moderato. Qui ci viene in aiuto il caro vecchio specchio. Guardiamoci allo specchio e sorridiamo. Ci piace un sorriso a 32 denti? Se si allora prepariamoci ad usarlo come biglietto da visita, altrimenti proviamo un sorriso meno accentuato, anche a labbra chiuse o un sorriso appena accennato può essere il giusto biglietto da visita. Il tutto abbinato al nostro look ed al nostro stato d'animo al momento. Torno a dire che quello a cui dobbiamo far riferimento è la sensazione che suscitiamo in noi nel vedere il nostro sorriso, che può cambiare di serata in serata in relazione al nostro stato d'animo.

Chi siamo?
Com è il nostro carattere, la nostra personalità, il nostro umore prima di uscire di casa? Se siamo dei bonaccioni e di umore allegro è inutile spacciarsi per duri perchè il messaggio che daremo sarà quello di persone insicure che vogliono apparire ciò che non sono.
Ritengo che l'estetica possa giocare su diversi fattori, sia coerenti che in contrasto tra di loro.
I ragazzi "grezzi" che citavo sopra hanno sempre avuto un'abbigliamento poco curato ma che molto probabilmente non faceva altro che enfatizzare il loro carattere molto forte. Quasi a dire "non ho bisogno della giacca, ti prendo e ti smonto".
Una persona con dei lineamenti duri può avere un atteggiamento galante ed un portamento nobile, questo crea contrasto con la durezza del suo volto.

Potrei dilungarmi ma chiudo qui questa serie di riflessioni ribadendo che la cosa fondamentale è guardarsi al nostro amato specchio e sentire cosa ci comunica la nostra immagine. Ci piacciamo? Abbiamo trovato l'estetica giusta per quella serata. Qualcosa non va? Perdiamoci un po' di tempo a cambiarla, ci abitueremo a trovare sempre il meglio di noi ed a presentarlo al mondo.

A voi la parola

« Ultima modifica: 09 Luglio 2017, 16:52:48 da AlterEgo »

Loggato



.\ /.
-----

AlterEgo

  • CSI-6
  • Grafomane
  • *
  • Mi piace = 100
  • Offline Offline
  • Posts: 1113

Re: Estetica maschile: punti di vista e riflessioni

« Risposta #1 del: 09 Luglio 2017, 17:04:29 »

Molto interessante  Smile

Intanto aggiungo a caldo un link che ho trovato su FB stamani che spiega in poche parole come sia cambiata l'estetica maschile negli ultimi 150 anni, partendo da "il grasso e' ricco & bello" passando per la rock star del 68 magrolina e per i culturisti.

http://www.iflscience.com...r-the-last-150-years/all/

Loggato


life is too short to be afraid

JBGrenouille

  • CSI-6
  • Grafomane
  • *
  • Mi piace = 80
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 38
  • Residenza: La Perfida Albione
  • Posts: 1157

Re: Estetica maschile: punti di vista e riflessioni

« Risposta #2 del: 09 Luglio 2017, 17:52:16 »

Quindi sarebbe più una questione di trasmettere che di lineamenti "oggettivamente e indiscutibilmente belli"

Loggato

Goldseeker

  • CSI-6
  • Scriba
  • *
  • Mi piace = 17
  • Offline Offline
  • Età: 29
  • Posts: 147

Re: Estetica maschile: punti di vista e riflessioni

« Risposta #3 del: 10 Luglio 2017, 14:20:52 »

Citato da: AlterEgo il 09 Luglio 2017, 16:50:30

Premessa
Quello che segue è una serie di riflessioni personali

E me cojoni Wink
Come si dice da queste parti, hai scoperchiato un pentolò!!!

Citazione

Diversi punti di vista
[...]se voglio essere figo devo smettere di ragionare per "paletti fissi", mettendomi invece davanti allo specchio per essere aperto alle sensazioni che per primo do a me stesso
[...]

Sono d'accordo. Ancora meglio, fare riprese da rivedere a posteriori. Così avremo un punto di vista più oggettivo, e "rispolverabile" tempo dopo per verificare i miglioramenti.

Citazione

Il viso
Il viso che abbiamo è quello che ci viene dato da madre natura.
[...]
Un viso ben curato da l'idea di una persona che sappia dedicarsi a se stesso
[...]
Ho visto ragazzi che come si alzano al mattino escono di casa senza neppure pettinarsi. Definiti "cessi" dagli altri maschi erano invece considerati fighi dalle femmine.
[...]

Anche qui, perfettamente d'accordo.
Però: tulle le donne con le quali ho intavolato questo tipo di discorsi, mi hanno detto che i lineamenti del viso hanno per loro un'importanza fondamentale, in sede di prima impressione. E qui, ci possiamo giocare solo quello che ci è stato gentilmente (si spera Wink ) fornito da madre natura.
Sono comunque d'accordo su tutto il resto, ovverosia curarsi: se abbiamo la faccia brutta/bruttina, aggiungerci la scarsa cura è veramente da suicidio.

Citazione

Atteggiamento e portamento
Se è vero che quello che colpisce le donne [...] è qualcosa che noi comunichiamo con la nostra estetica, allora occorre pensare a quali messaggi mandare alle fanciulle intorno a noi.
Un primo messaggio che ritengo importante è quello di "non arrapato" [...]. La donna [...] vuole essere speciale e vuole sentirsi scelta perchè ritenuta diversa (molto diversa) dalle altre. Di conseguenza l'atteggiamento di "non arrapamento" dovrà essere un atteggiamento rilassato [...]. Fondamentale quindi che il nostro atteggiamento sia molto rilassato, ma questo deriva dal nostro stato d'animo.
[...] Se prima di uscire di casa [...] abbiamo adorato la nostra immagine riflessa il nostro umore sarà molto alto ed adotteremo (forse inconsciamente) il giusto stato d'animo
[...]

D'accordo su tutta la linea: sentirsi fighi è un'altro caposaldo. Inoltre, siccome "repetita juvant", se questa cosa la facciamo spesso, poi diventa praticamente automatica, un atteggiamento naturale.

Citazione

Cosa esprimere
[...] Qui [...] serve di essere noi per primi positivi [...]. Questo stato d'animo si tramuterà nella giusta espressione che darà i dovuti segnali alla nostra preda  Wink

Come sopra.

Citazione

Sorridere?
Ho visto ragazzi che hanno un sorriso splendido e molto espressivo, altri che quando sorridono sembrano degli ebeti. Credo quindi che il nostro sorriso vada moderato. Qui ci viene in aiuto il caro vecchio specchio. [...]Torno a dire che quello a cui dobbiamo far riferimento è la sensazione che suscitiamo in noi nel vedere il nostro sorriso, che può cambiare di serata in serata in relazione al nostro stato d'animo.

Oltre alla sensazione personale, qui mi farei aiutare da una o più amiche/sorelle/cugine... Wink

Citazione

Chi siamo?
[...] Ritengo che l'estetica possa giocare su diversi fattori, sia coerenti che in contrasto tra di loro. [...] Una persona con dei lineamenti duri può avere un atteggiamento galante ed un portamento nobile, questo crea contrasto con la durezza del suo volto.

Affilato come uno stiletto Wink
I contrasti, come giustamente insegna il Termy  Cool

Loggato


La dolce lode or delle negre chiome, or degli sguardi innamorati e schivi

Voltarecchie

  • CSI-6
  • Scriba
  • *
  • Mi piace = 6
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Residenza: Medio Adriatico
  • Posts: 146

Re: Estetica maschile: punti di vista e riflessioni

« Risposta #4 del: 10 Luglio 2017, 15:10:03 »

Oggi non connetto, quindi non rispondo, ma google translator mi ha aiutato sull'articolo.
In pratica il tipo imperante adesso è muscoloso ma non grosso, na roba tipo Bradd Pitt, io però ho avuto indicazioni diverse.
Le donne pare che se hai un dito o due di pancetta lo preferiscano, pare che la tartaruga non sia "coccolevole", inoltre essere abbracciate ed avere un po "di morbidume" pare non sipiaccia.
Quindi tartaruga out, ci spostiamo verso i powerlifter? Cheesy

https://www.elitefts.com/...loads/2016/10/donnie2.jpg

https://encrypted-tbn0.gs...oAFUOMiWScVhigu2jQlHFhxrU

https://s-media-cache-ak0...1972d9ff1e88de5b72826.jpg

« Ultima modifica: 10 Luglio 2017, 15:15:18 da Micione »

Loggato


per la forza di volontà che ci metti nel superarti sempre©beeblebrox
Sono convinto che ce la farai©^X^
Bello come descrivi il sesso, dovrebbe essere sempre così©Acqua
Sei una splendida persona, dentro, fuori e ricoperto@Amica
Ottimo osservatore@Termynetor
Si vede che stai diventando forte. Continua così e tra poco ce l' avrai fatta@Shark
mi piaci, uno che dice le cose dirette come stanno, fanculo il politically correct @Kleos
Sfigatto è uno che ci prova incessamente a differenza di moltissimi altri @ SunBeam

Micione

  • SI-Reliable User
  • Oracolo della biro
  • *
  • Mi piace = 117
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 43
  • Residenza: Terra di mezzo
  • Posts: 2275
  • In hoc signo vinces (§)

Re: Estetica maschile: punti di vista e riflessioni

« Risposta #5 del: 10 Luglio 2017, 23:24:11 »

MI soffermo su un solo punto. Sentivo SoS parlare di un esperimento dove in un album di foto maschili con lineamenti vari, quelle preferite non erano ne quelle da finocchietto ne quelle da galeotto, ma quelle con lineamenti maschili ma  non troppo.
Il motivo di questa preferenza è ovviamente legato all'immaginario della donna: uno che ha la faccia da hipertestosteronico sarà pure un grande amante, ma probabilmente è altamente aggressivo ed avrà scarsa cura della prole e della sua compagna.
La prassi di correggere il viso dipende quindi moltissimo dalle espressioni che si mandano all'interlocutore. E come ho detto tantissime volte sin dai miei primordi su internet, allenarsi allo specchio è fondamentale...

 Heart

Loggato


- Vuoi informazioni sui miei corsi di seduzione? -
- Vuoi mandarmi un   messaggio? -
- Per richieste di moderazione clicca QUI -

TermYnator

  • Gran Maestro
  • Administrator
  • Guru della penna
  • *
  • Mi piace = 1616
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 55
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 9449

Re: Estetica maschile: punti di vista e riflessioni

« Risposta #6 del: 10 Luglio 2017, 23:45:10 »

Citato da: Goldseeker il 09 Luglio 2017, 17:52:16

Quindi sarebbe più una questione di trasmettere che di lineamenti "oggettivamente e indiscutibilmente belli"

Quelli ci possono essere ma a questo punto occorre capire se i nostri lineamenti rientrano in casistiche apprezzate dalle donne. Se non rientramo in quelle casistiche occorre lavorare diversamente: capendo prima che tipo di personaggio siamo noi, o vogliamo essere in quel determinato momento, e poi lavorare sulle espressioni, il portamento, il look, la gesticolazione. In modo di ottenere un personaggio solido e coerente per come si presenta.
Per fare un esempio, tempo fa avevo letto un sondaggio su un giornale dove, tra le star del cinema che maggiormente piacevano alle donne, rientrava anche lo storico Tenente Colombo. Nella specifica le donne che lo avevano votato non votavano l'attore, Peter Falck, che lo interpretava, ma proprio il personaggio protagonista della serie televisiva, l'attore di suo non comunicava nulla alle votanti, pur avendo ovviamente gli stessi lineamenti del grande Colombo.
Questo significa che se non abbiamo i lineamenti "oggettivamente e indiscutibilmente belli" possiamo ugualmente preparare un bel biglietto da visita con un look quantomeno non anonimo e diverso dal solito e che possa incuriosire le nostre future prede  Wink

Loggato



.\ /.
-----

AlterEgo

  • CSI-6
  • Grafomane
  • *
  • Mi piace = 100
  • Offline Offline
  • Posts: 1113

Re: Estetica maschile: punti di vista e riflessioni

« Risposta #7 del: 10 Luglio 2017, 23:48:30 »

Citato da: TermYnator il 10 Luglio 2017, 23:24:11

La prassi di correggere il viso dipende quindi moltissimo dalle espressioni che si mandano all'interlocutore. E come ho detto tantissime volte sin dai miei primordi su internet, allenarsi allo specchio è fondamentale...

Verissimo! è proprio questo uno dei punti del mio topic, il non soffermarsi ai propri lineamenti ma a testarli allo specchio con diversi tipi di espressioni per vedere cosa suscita in noi stessi per primi

Loggato



.\ /.
-----

AlterEgo

  • CSI-6
  • Grafomane
  • *
  • Mi piace = 100
  • Offline Offline
  • Posts: 1113

Re: Estetica maschile: punti di vista e riflessioni

« Risposta #8 del: 10 Luglio 2017, 23:55:34 »

Citato da: Voltarecchie il 10 Luglio 2017, 14:20:52

Anche qui, perfettamente d'accordo.
Però: tulle le donne con le quali ho intavolato questo tipo di discorsi, mi hanno detto che i lineamenti del viso hanno per loro un'importanza fondamentale, in sede di prima impressione. E qui, ci possiamo giocare solo quello che ci è stato gentilmente (si spera Wink ) fornito da madre natura.
Sono comunque d'accordo su tutto il resto, ovverosia curarsi: se abbiamo la faccia brutta/bruttina, aggiungerci la scarsa cura è veramente da suicidio.

Considera comunque che le espressioni che fai modificano (anche se solo per il tempo che le fai) di molto i lineamenti del viso. Se ti metti davanti allo specchio e pensi a qualcosa che ti ha fatto ridere, immancabilmente si formerà un sorriso che modificherà anche gli occhi, le guance, la fronte, ecc...
Quello che va fatto, secondo me, è provare tutte le varie espressioni per calibrarle sul volto che abbiamo. Lo stesso modo di sorridere può rendere figo uno e sfigato un altro in base a tanti fattori. Per questo il buon specchio è sempre importante

Loggato



.\ /.
-----

AlterEgo

  • CSI-6
  • Grafomane
  • *
  • Mi piace = 100
  • Offline Offline
  • Posts: 1113

Re: Estetica maschile: punti di vista e riflessioni

« Risposta #9 del: 11 Luglio 2017, 00:12:29 »

Citato da: AlterEgo il 10 Luglio 2017, 23:55:34

Considera comunque che le espressioni che fai modificano (anche se solo per il tempo che le fai) di molto i lineamenti del viso. [...] Per questo il buon specchio è sempre importante

Giusto. Te l'appoggio  Grin

...Bando alle ciance, hai ragione, e nel commento di prima non l'ho considerato. E l'implicazione pratica che ne scaturisce è quella che predichi battendo la grancassa: allenarsi alle espressioni Wink

Loggato


La dolce lode or delle negre chiome, or degli sguardi innamorati e schivi

Voltarecchie

  • CSI-6
  • Scriba
  • *
  • Mi piace = 6
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Residenza: Medio Adriatico
  • Posts: 146

Re: Estetica maschile: punti di vista e riflessioni

« Risposta #10 del: 11 Luglio 2017, 19:47:42 »

Citato da: AlterEgo il 09 Luglio 2017, 16:50:30

Il tutto è ovviamente aperto alle opinioni di tutti gli altri utenti del forum, soprattutto quelle femminili  Grin

Senza entrare in consigli specifici, mi piacerebbe soffermarmi su un solo punto, che poi è quello con cui apri le danze: “(…) un ragazzo con un volto apparentemente anonimo o magari brutto che invece veniva considerato figo dalle donne”. Ovvero: quanto conta un ‘brutto viso’ al primo impatto, e poi ‘brutto’ in che senso?

Citato da: AlterEgo il 09 Luglio 2017, 16:50:30

io ragiono sui dettagli mentre le donne vengono invece colte da ciò che l'individuo trasmette nell'insieme, e credo non abbiano nemmeno bisogno di capire il perchè di una determinata sensazione (bella o brutta che sia).

Questo è verissimo.
Il fatto è che al primo impatto, la reazione istintiva non produce una classificazione mentale del maschio in ‘bello’ o ‘brutto’, ma più prosaicamente in ‘scopabile’ e ‘neanche morta’, con un limbo intermedio di indifferenza, dal quale si può ascendere o sprofondare a seconda dei successivi momenti dell’interazione. (E attenzione che ‘scopabile’ non significa mica essere interessate né voler fare alcunché per concretizzare, è solo una classificazione istantanea di quanto visto).
L’insieme di questa impressione non si produce da un singolo dettaglio, né da dettagli solamente fisici, ma da tutto l’insieme costituito da aspetto, portamento, e mille altre cose di cui qui parlate con competenza sicuramente superiore alla mia (visto che, appunto, in quanto femina io mi limito ad apprezzare il risultato finale e non ho bisogno di categorizzare tutto). Se dovessi cercare di tradurre in parole cos’è che pesa di più, cos’è il quid che fa ricadere gli uomini in una categoria o in un’altra al primissimo impatto, direi che è il modo di guardare. Quello sguardo curioso verso il mondo, in un certo senso benevolo ma non bonaccione, quello di chi essendo sicuro di sé non ha bisogno di imporsi, e ha l’aria di chi è pronto e disponibile ad assaporare ciò che capita senza timori.
Quindi pensare che se si è brutti di viso si è senza speranze, o si è parzialmente senza speranze (del tipo: ci provo solo con donne di un certo livello di bellezza e non sopra), è assurdo, visto quanto poco conta il viso *da solo* in questo cumulo di fattori della più svariata natura.

Ad esempio, io trovo molto difficile classificare qualcuno come ‘brutto’ di faccia, così, senza appello. Quando ho letto questo topic e ho iniziato a riflettere sul mio punto di vista, ho cercato di fare mente locale e ricordare quali fossero gli uomini più brutti che avessi conosciuto. Oh, vi assicuro che è stato difficilissimo. Alla fine me ne sono venuti in mente solo due, e le ragioni della bruttezza erano rispettivamente le seguenti:

-          Ragazzo eccessivamente sovrappeso, dotato di atteggiamento arrogante e di un modo infantile di attirare l’attenzione femminile (smargiassate e simili). Ho cercato una sua foto recente e, con parecchi kili in meno e un bel sorriso, non sarà il mio tipo ma non si può dire che sia brutto… quindi la bruttezza di allora era fondamentalmente figlia dell’incuria personale e di un atteggiamento controproducente.

-          Uomo con viso spigoloso e asimmetrico, occhi azzurri, capelli ricci portati lunghi nonostante la stempiatura imponente. Arrogante, misogino. Anche qui, bruttezza nata da scelte estetiche discutibili (o meglio: assenti) e da un atteggiamento intollerabile nella vita quotidiana. Ciononostante il tipo si è infine accoppiato con una ragazza fighissima. Qui subentrano probabilmente altri fattori sociali/ambientali, tipo avere una posizione di potere, esercitare un qualche tipo di ascendente sulle altre persone, essere visti in modo continuativo (una persona non attraente alla prima conoscenza, lo può diventare gradualmente in una frequentazione assidua, per un effetto di ‘familiarità’ rassicurante che si viene a creare).

L’ho già citato in un altro topic, ma cade a fagiolo anche qui: nel libro di Marco Pacori ‘Il linguaggio del corpo in amore’, c’è una rassegna di cosa una donna ‘vede’ nei lineamenti di un uomo, anche con distinzioni a  seconda che cerchi un partner occasionale o il compagno di una vita. Ci sono degli spunti che potrebbero essere interessanti interessanti.

Loggato


When you think you've lost though you may have won, you're just a moment away from the one you are

Whiteout

  • Scriba
  • *
  • Mi piace = 23
  • Offline Offline
  • Sesso: Femminile
  • Età: 36
  • Residenza: Toscana
  • Posts: 138

Re: Estetica maschile: punti di vista e riflessioni

« Risposta #11 del: 11 Luglio 2017, 23:20:04 »

White, grazie mille per il tuo intervento, come avevo detto il punto di vista femminile è fondamentale.
Ritengo importanti questi due passi:

Citato da: Whiteout il 11 Luglio 2017, 19:47:42

in quanto femina io mi limito ad apprezzare il risultato finale e non ho bisogno di categorizzare tutto

Citato da: Whiteout il 11 Luglio 2017, 19:47:42

ho cercato di fare mente locale e ricordare quali fossero gli uomini più brutti che avessi conosciuto. Oh, vi assicuro che è stato difficilissimo.

Che tradotto significa: noi maschietti ci facciamo spesso troppe paranoie pensando di non piacere a priori ad una ragazza.

Loggato



.\ /.
-----

AlterEgo

  • CSI-6
  • Grafomane
  • *
  • Mi piace = 100
  • Offline Offline
  • Posts: 1113

Re: Estetica maschile: punti di vista e riflessioni

« Risposta #12 del: 13 Luglio 2017, 08:59:17 »

Questa discussione è molto interessante. Appena ho un attimo la voglio approfondire per bene!  Thumbs Up

Loggato


"The world is full of Kings and Queens
Who blind your eyes and steal your dreams
It's Heaven and Hell, oh well"

Snake

  • CSI-6
  • Suggeritore
  • *
  • Mi piace = 23
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Residenza: Veneto
  • Posts: 222

Re: Estetica maschile: punti di vista e riflessioni

« Risposta #13 del: 15 Luglio 2017, 13:30:32 »

Io sono d'accordo. In realtà il giudizio estetico è complessivo. Vale per gli uomini e soprattutto per le donne.
Credo che comunque ciò che faccia la differenza sia il fascino, inteso come modo di fare, modo di porsi, sicurezza.
Le donne amano i tipi, più che i bellocci. Forse perché li ritengono maggiormente interessanti, o forse perché non hanno paura di essere tradite.
In ogni caso, totalmente d'accordo.

Loggato

El mudo

  • Scriba
  • *
  • Mi piace = 5
  • Offline Offline
  • Posts: 125

Re: Estetica maschile: punti di vista e riflessioni

« Risposta #14 del: 16 Luglio 2017, 02:27:43 »

La maggior parte è il fisico. Più massiccio e definito è meglio è.
Il viso si può modificare sopratutto coi capelli. Ovviamente l'aspetto va curato, però per chi crede sia cosi determinante:
* Iscriviti per visualizzare le immagini
* Iscriviti per visualizzare le immagini

Loggato

Enri

  • Grafomane
  • *
  • Mi piace = 9
  • Offline Offline
  • Posts: 804
Pagine: [1] 2   Vai Su
« precedente | successivo »
Salta a: