Per rispondere alle discussioni e partecipare al forum ACCEDI oppure ISCRIVITI !

La fabbrica dei Veri Uomini

La fabbrica dei Veri Uomini

« precedente | successivo »
Pagine: [1]   Vai Giù
0 Utenti e 1 Visitatore stanno guardando questo topic.
Autore Topic:

Riflessioni e consigli stupidi sulla bellezza

(Letto 219 volte)

Riflessioni e consigli stupidi sulla bellezza

« del: 30 Marzo 2017, 14:28:42 »

Ispirato dal post sulle Curvy, ho deciso di cazzeggiare un po', buttando giù qualche riflessione sull'aspetto estetico e aggiungendo qualche consiglio utile (spero) per evitarvi alcuni degli errori che ho fatto in passato.

Siate affamati... siate bellissimi!! Smile

ESTETICA
Allora, ci sono degli elementi che sono dati dall'evoluzione, che poi sono un po' quelli affrontati durante il corso di Seduzione CSI.
L'esempio banale, è che non troviamo "sano" un corpo, bello, ma al contrario troviamo "bello", un corpo sano.
Per cui, a prescindere dal epoca storia, la posizione geografica, il livello di cultura o ignoranza, la ricchezza ecc non esiste nessuna cultura che apprezzi un uomo con le spalle strette e ricurve, perché indicano poca forza e pochi vantaggi evolutivi (uomo primitivo che non è in grado di uccidere un mammoth). Allo stesso modo, si preferisce forse un seno cadente ad uno forte e sodo?

Ci sono tante ragioni per questo, ma la prima conclusione che possiamo trarne è che, sì, esistono delle caratteristiche più o meno fisse che possiamo definire come tendenti al bello.

Attenzione ai complimenti!
Una volta lessi un post di Naddolo su una grande verità: non ricordate ad una donna che l'avete vista nuda.
Per esempio vi siete appena alzati e siete a colazione con lei, le dite: <<Certo che nuda sei bellissima>>
è chiaro che l'abbiate vista nuda solo poche ore fa (e anche lei ha visto voi) ed è chiaro che è un complimento; però, se non giocate spesso, le farete sorgere una reazione di stizza. E' un pesante retaggio culturale italiano, la ragazza ha bisogno di sentirsi pura, come se la sua nudità fosse una concessione sporca, un qualcosa che si poteva evitare.

P.S. se mi rispondete "eh, ma a mio cugino una volta..." oppure "sono innamorato di una donna che non ha più il seno sodo ma non la amo di meno ecc", vi banno dalla vita.

CULTURA DELLA PERCEZIONE
Come ci sono elementi che travalicano le differenze del gruppo di appartenenza, ve ne sono altre che ne sono una diretta conseguenza.
L'esempio che si porta su ogni libro di arte è che la rappresentazione di un ruolo non è cambiata poi moltissimo nei millenni. Il potere di personaggi realmente esistiti, si esprime fondamentalmente (esistono sfumature) in 2 modi:
Dominanza:  simboli di potenza (State equestri, ieri; foto Bush con la giacca nera della marina, oggi); visuale dal basso verso l'alto (Cesare che impone le mani come comando, ieri; Thatcher che alza il mento ecc) .
Familiarità: Santi che fanno gesti umili, ieri; politici in camicia che abbracciano la folla, oggi.

La persona, al contrario del ruolo, è cambiata moltissimo.
Altro caso tipico: persone pallide erano apprezzatissime quando i poveri erano in campagna o sulla barca da pesca, mentre i ricchi erano pallidi perché restavano nel castello. Oggi i poveri restano in ufficio ed i ricchi vanno al mare.
Stesso discorso, donne pingui= abbondanza VS carestia ;  donne in forma: energie, tempo e risorse per la palestra VS mangiare merendine sul divano.
In questo caso, se cambia la rappresentazione della persona, qual è l'elemento "estetico" che è rimasto fisso?

ATTENZIONE:
Non sto dicendo che solo le ragazze che stanno sempre attente a come mangiano e a quanto si allenano sono curate. Come per l'uomo, è un insieme di variabili che vanno tenute presente. Una percentuale di grasso nei punti giusti è assolutamente attraente in una donna (sempre il discorso dei tratti femminili).
Allo stesso modo, una ragazzina con le gambe ossute, i capelli tinti gialli (non biondi) e piastrati a mo di spaghi secchi, mi suscita la stessa attrazione erotica di uno scaldabagno.
Ma una così esprime trascuratezza ed insicurezza quanto la collega che mangia merendine sul divano.

Quello che ci tornerebbe utile è cercare una costante: cosa esprimo col mio aspetto esteriore? In che tipo di persona voglio suscitare una reazione positiva?
Se qualcuno ha una risposta un minimo schematica (io no) potrebbe scriverci un post.

IL VESTIARIO
Talmente ovvio da essere fondamentale: adattarsi è tanto importante quanto complesso.
Io sono un tipo da pantale e maglietta.
Una volta, ero stato appena assunto in un luogo con un certo prestigio, andai con Termy a fare compere di vestiti. Lui doveva prendere dei regali di Natale per la sua signora, io qualcosa di "serioso" da indossare.

Pochi giorni dopo andai ad una cena elegante, con dignitari, distinti ed ufficiali di marina col mio nuovo completo... full blue.
Ora, lo so che per molti sarebbe stato un errore lapalissiano, ma per me, a quanto pare...
(quando termy l'ha scoperto, per poco non ha cercato di annegarmi nel wasabi).
Pochi giorni fa sono andato ad una festa organizzata dalle stesse persone e il mio look è stato impeccabile (e ho chiuso pure).
La favola ci insegna che:
1) La distinzione classica "per andare ad un matrimonio non mi vesto come per andare da amici" è troppo riduttiva.
2) Le differenze sono moltissime e ciò che è adeguato per te, può benissimo non esserlo per gli altri e, in certe occasioni, è più semplice limitarsi ad inserirsi al meglio che distinguersi (e nel dubbio...)
2) Si fa sempre in tempo ad imparare.

E le donne?
Quando gli uomini appoggiano il pacco su una ragazza in discoteca, oltre che cafoni, sono idioti perché quello è il modo con cui si rimorchia un maschio (tant'è che se una ragazza gli sbattesse lì il sedere...).
Allo stesso modo, spesso le donne si vestono per essere notate da una donna molto più da un uomo.  
Alzi la mano chi fa caso se il colore della borsetta è abbinato al cazzafà sulle scarpe!!
(attenzione, loro notano eccome le vostre scarpe).

Questo però è comunque un bene per noi. Preferireste provarci ed avere una relazione con una ragazza sicura e che si sente a proprio agio anche se non cogliete nulla delle perline sulla sua gonna o una che cerca in ogni modo di sparire e passare inosservata?

Questo aspetto ha dei limiti, ovviamente. Io non riuscirei mai a stare con una ragazza volgare con i leggins leopardati e la gomma in bocca, anche se lei è bellissima e si sente a suo agio così.
Da questo punto di vista trovo molto più attraente una in palestra in tuta sudata.
E non facciamo nemmeno il discorso del "io e la mia ragazza adoriamo stare in felpone a bere cioccolata calda, stiamo sempre parlando di occasioni in cui entrambi stanno uscendo e sono pronte a conoscere persone.

Kiki, diceva della costrizione umiliante di molti vestiti. E' un discorso giustissimo.
(Se qualcuno ha letto il classico: "Avere o Essere" di Erich Fromm ha già riflettuto su aspetti simili)
Ci sono dei modelli e delle taglie che sono quasi insensati e pare quasi che una ragazza possa scegliere solo 2 ipotesi: o jeans e maglietta oppure se vuole mettersi un abito deve anche essere una modella.
Ovviamente non è sempre così e ci sono tanti aspetti su cui si può lavorare, ma è evidente che alcune pretese estetiche sono più vicine al cinema che alla realtà... ed è per questo che funzionano.
Quale donna non vorrebbe essere una principessa dei film, almeno una sera?
E quindi il dolore di scarpe scomode, vestiti freddi, orecchini che si perdono...

Questa "corsa agli armamenti" dell'estetica femminile ha il corrispettivo maschile nel fascino.
Nessuno chiede ad un uomo di usare scarpe scomode o di sentire freddo in abiti striminziti, ma chi non avrebbe voluto essere un Don Draper che esce da un volo aereo di ore, fresco, gagliardo, con la camicia stirata aderente al petto ampio e la risposta intelligente pronta? Nessuno vuole immaginarsi come un pavido impiegato con la pancetta che arranca tra le corsi di aeroporto trascinando a fatica dei trolley color pastello.

Cosa portarci a casa?
La prima cosa è che dobbiamo perdonarci.
A me questo risulta difficilissimo. Cerchiamo di capire che anche il nostro vicino che sembra tanto figo è nella stessa situazione e che se siamo a pezzi oggi, nulla ci vieta di esprimerci al meglio domani. Basta poco.
Qualche mese più attenti alla pasta. Un abito nuovo dopo ore che giri per accontentare il portafoglio ma anche l'occhio. Un taglio di capelli completamente nuovo e che poco fa avresti considerato una pazzia.
Una consiglio utile mi è stato dato da una ragazza, mi diceva che quando era a disagio nel suo vestito o aspetto, si faceva un piccolo regalo per sentirsi meglio.

MODA
La moda è un concetto tremendamente vago.
Lo stesso stile, a due persone della stessa età, in ambiente simile... può fare una differenza enorme.
Io ho cominciato a ricevere complimenti da Termy (che prima era molto severo col mio stile) e dalle donne dopo 2 passaggi:
1) costringermi a fare cose che non volevo e cercare stili che non mi appartengono.
Ed è la parte più breve ma più costosa perché vai fondamentalmente per tentativi.
La questione del Abito che fa il Monaco ha una profonda base scientifica che posso riassumere così: se mi metto una camicia che mi apre le spalle, metto in mostra il torace. Se mi metto delle scarpe con un po' di rialzo, cammini più dritto e mi alzo di più.

2) Sentirmi bello. Mettermi delle cose che mi facevano stare bene.
Questo non è il classico: "se sto bene io, si vede" (vedi il caso del vestito blu), però è verissimo che se sto comodo, caldo e mi sento a mio agio, sono anche più allegro e scorrevole nel chiacchierare.

CURA DEL CORPO
Una delle battaglie più comuni dei movimenti femministi è contro il rasoio: la donna è bella sempre e non se ha le gambe lisce come una bambina.
C'è una presupposto molto serio dietro a questa affermazione perché troppo spesso le donne sono discriminate in base al loro aspetto.
Ci fu il caso famoso della Cristoforetti, che è un'astronauta che vanta numerosi primati europei. Ora, un astronauta ha un addestramento militare, scientifico avanzatissimo, parla 5 lingue, ha superato numerosi test di intelligenza e carattere e... è la cosa più vicina a Batman, cristo santo!
Dei subumani con studiano giurisprudenza su Facebook e medicina su Google, la prendevano in giro per l'aspetto estetico.
Processo opposto è avvenuto con le politiche, prima di destre e poi di sinistra, per cui se una era bella, era anche stupida o prostituta (sempre e per forza) e se una era brutta... beh era solo quello.

Da qui il discorso del "me ne frego e lascio il mio corpo senza faticare.
Discorso che viene a cadere nel momento in cui si nega la femminilità di questo.
Perché gli uomini si allenano allo scopo di apparire di più belli? Per esaltare caratteri propri del suo sesso come la larghezza delle spalle. Non di meno, le ragazze hanno la pelle più liscia dei maschi, e quando si fanno belle, esasperano questo aspetto.

E se non vai bene?
Ad esempio io, per lungo tempo, non mettevo calzoncini corti. La ragione? Gli altri di CSI lo sanno, ma lo dico anche a voi. Sul corpo sono quasi interamente glabro. Ho la pelle a culo di bambino.
Non avrò mai una bella barba piena e folta, ma posso perfezionare (ovvero esaltare caratteri maschili) il resto. Per questo alle donne non piacciono le sopracciglia da deficiente, curati sì, ma non gabbiani gay.

Termy, c'è molta attenzione verso scarpe, che ho curato, e sulle mani. Le mie sono molto rovinate, per cui ho studiato delle routine che utilizzo durante gli arrapini (vedi corso CSI) per migliorare.
Alcuni piccoli accorgimenti sono utili. Un orologio un po' più appariscente (evitate prodotti pacchiani e volgari), una collanina strana, un anello con un simbolo particolare.

Cosa usate voi?

« Ultima modifica: 05 Aprile 2017, 21:33:22 da Barrett.51 »

Loggato


"Si è vissuto abbastanza quando si ha avuto il tempo di conquistare l'amore delle donne e la stima degli uomini. "
Pierre-Ambroise de Laclos, ^Le relazioni pericolose^

TeoMat

  • CSI-Trainer
  • Suggeritore
  • *
  • Mi piace = 61
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 26
  • Residenza: Roma
  • Posts: 177

Re: RIFLESSIONI E CONSIGLI STUPIDI SULLA BELLEZZA

« Risposta #1 del: 03 Aprile 2017, 16:58:37 »

Volevo leggere e basta, ma come sempre, sai essere gustoso e stimolante.
Sia chiaro, non stai dicendo nulla di nuovo, nessuna illuminazione o presa di coscenza nuova.
Ma il COME lo stai dicendo, ti rende interessante (segaioli, leggete il TM c'è tutto quel che dice teo) e mi porta a volerti rispondere, in tono propositivo.

Citato da: TeoMat il 30 Marzo 2017, 14:28:42

CUT
P.S. se mi rispondete "eh, ma a mio cugino una volta..." oppure , vi banno dalla vita.

 

... ha colpito uno così forte, che gli ha rotto il collo. Laughing Laughing Laughing

Scusa non ho resistito Exclamation

Citazione

"sono innamorato di una donna che non ha più il seno sodo ma non la amo di meno ecc"
 

Mi dispiace bucarti il palloncino, ma la verità è vita.
La donna che ami, non avrà sempre 20 anni, arriverà a 45 e si, avrà le tette cadenti, non importa se fa palestra, se si tiene in forma e mangia sano, dopo i 35 comincia la parabola discendente, che può essere più o meno accentuata, ma sarà comunque inesorabile.
Vuoi lasciarla perchè ha le tette avvizzite? Allora vuol dire che TU NON L'HAI MAI AMATA!
Tu amavi il suo canone estetico, la sua pelle liscia, le sue gran tette, il culetto sodo, i bellissimi capelli, ma non lei.

Citazione

CULTURA DELLA PERCEZIONE
CUT
La persona, al contrario del ruolo, è cambiata moltissimo.
Altro caso tipico: persone pallide erano apprezzatissime quando i poveri erano in campagna o sulla barca da pesca, mentre i ricchi erano pallidi perché restavano nel castello. Oggi i poveri restano in ufficio ed i ricchi vanno al mare.
Stesso discorso, donne pingui= abbondanza VS carestia ;  donne in forma: energie, tempo e risorse per la palestra VS mangiare merendine sul divano.
In questo caso, se cambia la rappresentazione della persona, qual è l'elemento "estetico" che è rimasto fisso?

ATTENZIONE:
Non sto dicendo che solo le ragazze che stanno sempre attente a come mangiano e a quanto si allenano sono curate. Come per l'uomo, è un insieme di variabili che vanno tenute presente. Una percentuale di grasso nei punti giusti è assolutamente attraente in una donna (sempre il discorso dei tratti femminili).
Allo stesso modo, una ragazzina con le gambe ossute, i capelli tinti gialli (non biondi) e piastrati a mo di spaghi secchi, mi suscita la stessa attrazione erotica di uno scaldabagno.

voglio una lurida (J.Ax)

Citazione

Quello che ci tornerebbe utile è cercare una costante: cosa esprimo col mio aspetto esteriore? In che tipo di persona voglio suscitare una reazione positiva?
Se qualcuno ha una risposta un minimo schematica (io no) potrebbe scriverci un post.

 

Quel post potrei farlo io e chiunque altro, ma non servirebbe a nulla.
Ogni singolo, non farebbe altro che classificare il tipo di persona che più lo attrae, o alla quale vuole piacere.

Citazione

IL VESTIARIO
Talmente ovvio da essere fondamentale: adattarsi è tanto importante quanto complesso.
Io sono un tipo da pantale e maglietta.

 

Io ho scoperto di essere molte cose, un pochino camaleontico se vogliamo.
Sto bene con la giacca e la cravatta (ne ho alcune e due completi, più sei cravatte) come con la camicia\polo\maglietta (il resto dell'armadio), diciamo che, in certi ambienti, se non mi vesto in un certo modo, "mi sento scomodo"

Citazione

E le donne?

Allo stesso modo, spesso le donne si vestono per essere notate da una donna molto più da un uomo.  
Alzi la mano chi fa caso se il colore della borsetta è abbinato al cazzafà sulle scarpe!!
(attenzione, loro notano eccome le vostre scarpe).

 

Leggi il mio report dei primi dell'anno, quando ho portato a ballare la 30enne stratopa che rimbalzava tutti, notando l'abbinamento di colore tra le scarpe e lo smalto delle unghie delle mani.

Citazione

Questo però è comunque un bene per noi. Preferireste provarci ed avere una relazione con una ragazza sicura e che si sente a proprio agio anche se non cogliete nulla delle perline sulla sua gonna o una che cerca in ogni modo di sparire e passare inosservata?
Questo aspetto ha dei limiti, ovviamente. Io non riuscirei mai a stare con una ragazza volgare con i leggins leopardati e la gomma in bocca, anche se lei è bellissima e si sente a suo agio così.
Da questo punto di vista trovo molto più attraente una in palestra in tuta sudata.
E non facciamo nemmeno il discorso del "io e la mia ragazza adoriamo stare in felpone a bere cioccolata calda, stiamo sempre parlando di occasioni in cui entrambi stanno uscendo e sono pronte a conoscere persone.
 

non ho capito  Tongue

Citazione

Kiki, diceva della costrizione umiliante di molti vestiti. E' un discorso giustissimo.
CUT
Quale donna non vorrebbe essere una principessa dei film, almeno una sera?
E quindi il dolore di scarpe scomode, vestiti freddi, orecchini che si perdono...

Fino a che ti preoccupi dell'apparenza, anziché della sostanza, il dolore che sopporti è sempre poco. Exclamation

Citazione

Questa "corsa agli armamenti" dell'estetica femminile ha il corrispettivo maschile nel fascino.
Nessuno chiede ad un uomo di usare scarpe scomode o di sentire freddo in abiti striminziti, ma chi non avrebbe voluto essere un Don Draper che esce da un volo aereo di ore, fresco, gagliardo, con la camicia stirata aderente al petto ampio e la risposta intelligente pronta? Nessuno vuole immaginarsi come un pavido impiegato con la pancetta che arranca tra le corsi di aeroporto trascinando a fatica dei trolley color pastello.

Cosa portarci a casa?
La prima cosa è che dobbiamo perdonarci.
A me questo risulta difficilissimo. Cerchiamo di capire che anche il nostro vicino che sembra tanto figo è nella stessa situazione e che se siamo a pezzi oggi, nulla ci vieta di esprimerci al meglio domani. Basta poco.
Qualche mese più attenti alla pasta. Un abito nuovo dopo ore che giri per accontentare il portafoglio ma anche l'occhio. Un taglio di capelli completamente nuovo e che poco fa avresti considerato una pazzia.
Una consiglio utile mi è stato dato da una ragazza, mi diceva che quando era a disagio nel suo vestito o aspetto, si faceva un piccolo regalo per sentirsi meglio.

 

Queste frasi mi giungono oscure, le parole in neretto mi paiono assurdità come stile di vita. Idiot

Citazione

MODA
La moda è un concetto tremendamente vago.
Lo stesso stile, a due persone della stessa età, in ambiente simile... può fare una differenza enorme.
Io ho cominciato a ricevere complimenti da Termy (che prima era molto severo col mio stile) e dalle donne dopo 2 passaggi:
1) costringermi a fare cose che non volevo e cercare stili che non mi appartengono.
Ed è la parte più breve ma più costosa perché vai fondamentalmente per tentativi.
La questione del Abito che fa il Monaco ha una profonda base scientifica che posso riassumere così: se mi metto una camicia che mi apre le spalle, metto in mostra il torace. Se mi metto delle scarpe con un po' di rialzo, cammini più dritto e mi alzo di più.

2) Sentirmi bello. Mettermi delle cose che mi facevano stare bene.
Questo non è il classico: "se sto bene io, si vede" (vedi il caso del vestito blu), però è verissimo che se sto comodo, caldo e mi sento a mio agio, sono anche più allegro e scorrevole nel chiacchierare.
 

come fai a sentirti a tuo agio con ciò che non sei? Io penso che la modalità 2 sia imprescindibile.

Citazione

CURA DEL CORPO
Una delle battaglie più comuni dei movimenti femministi è contro il rasoio: la donna è bella sempre e non se ha le gambe lisce come una bambina.
C'è una presupposto molto serio dietro a questa affermazione perché troppo spesso le donne sono discriminate in base al loro aspetto.
Ci fu il caso famoso della Cristoforetti, che è un'astronauta che vanta numerosi primati europei. Ora, un astronauta ha un addestramento militare, scientifico avanzatissimo, parla 5 lingue, ha superato numerosi test di intelligenza e carattere e... è la cosa più vicina a Batman, Cristo Santo!
Dei subumani con studiano giurisprudenza su Facebook e medicina su Google, la prendevano in giro per l'aspetto estetico.
Processo opposto è avvenuto con le politiche, prima di destre e poi di sinistra, per cui se una era bella, era anche stupida o prostituta (sempre e per forza) e se una era brutta... beh era solo quello.
 

L'esperienza m'insegna che brutto = stupido, anche se sei un genio, nel qual caso sei brutto stupido & sfigato.
Quelle belle sono oche, saltano sui letti per entrare in lista, non capiscono un caxxo e comunque la laurea l'hanno comprata.

Citazione

E se non vai bene?
Ad esempio io, per lungo tempo, non mettevo calzoncini corti. La ragione? Gli altri di CSI lo sanno, ma lo dico anche a voi. Sul corpo sono quasi interamente glabro. Ho la pelle a culo di bambino.
 

OK siamo sulla stessa barca, non metto mai le braghe corte.

Citazione

Alcuni piccoli accorgimenti sono utili. Un orologio un po' più appariscente (evitate prodotti pacchiani e volgari), una collanina strana, un anello con un simbolo particolare.

Cosa usate voi?

Non porto l'orologio, ne anelli o bracciali, ho la catenina del battesimo.
Ma sto valutando degli oggettini molto poco costosi, per variegare la cosa.

« Ultima modifica: 03 Aprile 2017, 17:00:18 da Micione »

Loggato


per la forza di volontà che ci metti nel superarti sempre©beeblebrox
Sono convinto che ce la farai©^X^
Bello come descrivi il sesso, dovrebbe essere sempre così©Acqua
Sei una splendida persona, dentro, fuori e ricoperto@Amica
Ottimo osservatore@Termynetor
Si vede che stai diventando forte. Continua così e tra poco ce l' avrai fatta@Shark
mi piaci, uno che dice le cose dirette come stanno, fanculo il politically correct @Kleos
Sfigatto è uno che ci prova incessamente a differenza di moltissimi altri @ SunBeam

Micione

  • SI-Reliable User
  • Oracolo della biro
  • *
  • Mi piace = 118
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 43
  • Residenza: Terra di mezzo
  • Posts: 2318
  • In hoc signo vinces (§)
Pagine: [1]   Vai Su
« precedente | successivo »
Salta a: