Per rispondere alle discussioni e partecipare al forum ACCEDI oppure ISCRIVITI !

La fabbrica dei Veri Uomini

La fabbrica dei Veri Uomini

« precedente | successivo »
Pagine: 1 2 [3] 4   Vai Giù
0 Utenti e 1 Visitatore stanno guardando questo topic.
Autore Topic:

Il mio percorso nel mondo della seduzione

(Letto 17167 volte)

Re: Il mio percorso nel mondo della seduzione

« Risposta #30 del: 05 Settembre 2011, 22:23:00 »

a che serve il sondaggio se ce l'ho già messo da giorni nel best offe?

Loggato

Naddolo

  • CSI-6
  • Oracolo della biro
  • *
  • Mi piace = 280
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 117
  • Posts: 2057

Re: Il mio percorso nel mondo della seduzione

« Risposta #31 del: 13 Settembre 2011, 03:01:24 »

Mi sembra una figata sto post... e non l'ho ancora letto : )

Loggato


"Sunbeam: il porco per antonomasia." -TermYnator
"Mai sottovalutare la stupidità femminile." -ex ragazza

SunBeam

  • SI-Creators
  • Vate del calamaio
  • *
  • Mi piace = 329
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Residenza: Monte di Venere
  • Posts: 4872
  • WWW

Re: Il mio percorso nel mondo della seduzione

« Risposta #32 del: 13 Settembre 2011, 14:03:55 »

Citato da: SunBeam il 13 Settembre 2011, 03:01:24

Mi sembra una figata sto post... e non l'ho ancora letto : )

... spero non cambierai idea dopo la lettura! Wink

Loggato

Edward Bloom

  • Consigliere
  • *
  • Mi piace = 160
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 34
  • Posts: 410

Re: Il mio percorso nel mondo della seduzione

« Risposta #33 del: 04 Maggio 2012, 14:29:25 »

Questo topic mi ha dato una carica incredibile,pertanto mi complimento vivamente con l'autore e il suo vissuto.

Loggato

GumpySenior

  • Osservatore
  • *
  • Mi piace = 0
  • Offline Offline
  • Posts: 7

Re: Il mio percorso nel mondo della seduzione

« Risposta #34 del: 04 Maggio 2012, 17:34:57 »

Ciao, in una parte del tuo bel cammino riferisci di aver utilizzato la respirazione consapevole ed il respiro circolare, dove ti sei documentato per imparare queste tecniche e che vantaggi hai ottenuto utilizzandole?
 

Loggato

geggio

  • SI-Reliable User
  • Scribacchino
  • *
  • Mi piace = 3
  • Offline Offline
  • Posts: 52

Re: Il mio percorso nel mondo della seduzione

« Risposta #35 del: 17 Maggio 2012, 13:04:32 »

Ciao, volevo solo farti i miei complimenti e dirti che, seppur fra noi ci siano quasi un decina di anni di differenza, il tuo percorso mi ha particolarmente colpito e devo dire che mi rispecchio in molto di quello che hai scritto.
Credo di essere anch'io nel pieno di un lungo cammino e in questo momento sono, forse, in uno dei momenti più bui, poiché ho passato un anno disastroso ed ho visto una serie di miei fallimenti sotto tutti gli aspetti: sociali, economici, familiari, sportivi, scolastici e, ahimè, sessuali.
A poggiare il dito sulla piaga è il fatto che avvenimenti passati erano riusciti a plasmarmi e a rendermi una persona che io consideravo realizzata... illusioni di un ventenne...
Così sono passato da un momento che consideravo di assoluta perfezione, al risvolto della medaglia, ovvero l'oblio più totale da cui tuttora non sono riuscito a riemergere.
Sono sempre stato un tipo ottimista, uno che credeva che in qualche modo avrebbe raggiunto qualunque obbiettivo prefissato, ma per la prima volta ho visto le mie speranze vacillare, davanti a ostacoli che mi hanno cambiato, o forse peggiorato, sotto un piano mentale e fisico.
In questo periodo sto rivalutando me stesso e mi faccio coraggio dicendomi che avvolte dobbiamo toccare il fondo per riuscire a darsi lo slancio per tornare in superficie e dopo aver letto la tua storia, mi sento più ottimista per il futuro e meno solo.
Detto ciò, oltre a farti i miei complimenti per il coraggio di esporre la tua persona, ti ringrazio per aver riacceso un ulteriore speranza in me.

Loggato


Niente è più singolare, più imbarazzante che il rapporto tra due persone che si conoscono solo attraverso gli occhi.
Che si vedono tutti i giorni a tutte le ore, si osservano e nello stesso tempo sono costretti dall’educazione o dalla bizzarria a fingere indifferenza e a passarsi accanto come estranei, senza saluto né parola. Fra di loro c’è inquietudine ed esasperata curiosità, l’isteria di un bisogno insoddisfatto, innaturale e represso di conoscersi e di comunicare e soprattutto una sorta di ansiosa attenzione. Infatti l’uomo ama e onora l’uomo fino a che non è in grado di giudicarlo, e il desiderio è il frutto di una conoscenza incompleta. - Thomas Mann, Morte a Venezia

profex

  • Cacasenno
  • *
  • Mi piace = 2
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 26
  • Residenza: Tuscany
  • Posts: 35

Re: Il mio percorso nel mondo della seduzione

« Risposta #36 del: 14 Luglio 2012, 17:23:27 »

Tu rappresenti ciò a cui molti di noi ambiscono e sei il coronamento del miglioramento personale fatto persona.
Ho letto tutti e 10 i post in rapida successione e non ho potuto fare a meno di riflettere, da un lato ho trovato conferme, dall' altro smentite ma il frutto di tutto è che bisogna essere se stessi per arrivare, non essere affamati, non andare in un posto con quell' idea fissa di trovare la ragazza dei nostri desideri ma bensi' di divertirsi, il tutto poi diventa automatico; le tecniche vanno bene per chi ha difficoltà all' inizio ma poi vanno interiorizzate cioè fatte diventare parte di noi per non sembrare meccanici.
Ti saluto mostrandoti tutto l'apprezzamento che nutro verso di te, verso la tua capacità di metterti in gioco e verso la tua storia  Smile

Loggato


"Sii sempre come il mare che, infrangendosi contro gli scogli, trova sempre la forza di riprovarci" (Jim Morrison)


"Non avere paura di cadere nel fosso, piuttosto cadi, rialzati e ricorda dove era situato, eviterai di cascarci nuovamente"


"Le esperienze ci fortificano"-"Il Tempismo è fondamentale in seduzione"-""La conoscenza genera conoscenza""


"Non si nasce seduttori, lo si diventa attraversando la pioggia, la sabbia e il sudore"


Knuppel NON provare a fare il falegname sul MIO avatar Knuppel

Mr Lux

  • Scriba
  • *
  • Mi piace = 12
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 25
  • Residenza: Nei migliori bar dei Caracas
  • Posts: 114
  • "Carpe diem"

Re: Il mio percorso nel mondo della seduzione

« Risposta #37 del: 18 Luglio 2012, 16:07:28 »

Complimenti anche da parte mia.

Per quanto riguarda le aperture a freddo, credo facciano crescere molto nella lettura delle dinamiche sociali, quindi non vanno fatte solo per allenarci a diventare cosiddetti PUA, bensì come strumento di miglioramento relazionale.

Il senso del mio discorso è questo: può capitare che non apriamo la ragazza che potrebbe diventare la madre dei nostri figli, solo perché non abbiamo mai avuto voglia di cominciare ad aprire a freddo e quindi ANCHE quell'occasione la perdiamo.

Edward Bloom, posso chiederti com'è andata con la Dea? Leggendo la storia mi sono appassionato... Smile

Loggato


Ho capito che il fine è crescere, migliorarsi, porsi sempre un'obiettivo, stare sulla cresta dell'onda, vivere emozionandosi, osando!

Quando stai bene con te stesso, puoi conquistare il mondo. Il mio obiettivo è quello di vivere a questa maniera...

Stay tuned!

Jetsetter

  • Osservatore
  • *
  • Mi piace = 0
  • Offline Offline
  • Posts: 9

Re: Il mio percorso nel mondo della seduzione

« Risposta #38 del: 18 Luglio 2012, 18:08:27 »

GumpySenior:
Grazie!

geggio:
Per quanto riguarda il respiro ho avuto fortuna, in quanto una persona a me cara ha seguito diversi corsi di respirazione, ed ho quindi avuto la possibilità di farmi insegnare dal vivo. I vantaggi sono qualificabili in termini di maggiori energie a disposizione, miglior sonno, meno influenze e mali di stagione, maggiore lucidità mentale e "presenza" nella realtà. Ovviamente non è la panacea di tutti i mali, ma aiuta, e molto.

profex:
Ti capisco bene, la vita è fatta di periodi facili, in cui vanno tutte dritte senza grandi sforzi, ed altri in cui ti impegni 100 volte tanto per non ottenere nulla. Anche per me è così, credo lo sia per tutti e sia inevitabile. L'atteggiamento migliore credo sia rimboccarsi le maniche, non identificarsi con i propri problemi ed avere un po' di sano menefreghismo, senza inseguire un irrealizzabile ideale di perfezione, ma accettare la ciclicità della vita e quindi anche dei propri successi. Sfogarsi, incazzarsi, bestemmiare se serve, ma non arrendersi mai. Poi tu sei giovanissimo, non ti abbattere, l'instabilità è ancora più evidente alla tua età.

Mr Lux:
Grazie, hai sintetizzato bene alcuni tra gli aspetti che secondo me sono più importanti. Le tecniche vanno imparate, capite e poi dimenticate, io mi rendo conto di aver ottenuto i risultati migliori della mia vita facendo l'opposto di quello che dicevano di fare la maggior parte dei manuali.
Io credo che le tecniche siano essenzialmente stampelle per ricostruire un'autostima minata da troppi insuccessi con le donne: se uno è sempre stato zerbino ci può stare un periodo di relativo "maschilismo" in cui vede le donne come HB da neggare, ma dev'essere appunto un periodo, perché la realtà non è quella: la realtà è che le donne sono persone che cercano amore e sono disposte a darne moltissimo in cambio.
Molto meglio delle tecniche sono i metodi di miglioramento a 360°, come quello di Termynator. Poi magari ne esistono altri, io mi sono limitato a quello perché secondo me non serve molto altro. Ho letto decine di manuali nel mio percorso ma onestamente, guardandomi indietro, gli unici che mi sono serviti sono stati in parte quello di Badboy ed appunto il Termypensiero, il resto per me è spazzatura (nella migliore delle ipotesi) o addirittura materiale nocivo e fuorviante.

Jetsetter:
Ringrazio anche te.
Sulle aperture a freddo resto della mia idea: per me sono fondamentali e aiutano moltissimo a crescere, ma non possono essere il primo passo di un percorso, bensì devono venire dopo molte altre cose. All'inizio per me era difficilissimo aprire, ora lo faccio senza pensarci, perchè? Semplicemente perché ho una sicurezza ed una consapevolezza diversa, e quindi so di poterlo fare se la situazione me lo suggerisce e se mi va.
Per come sono fatto io, non consiglierei ad un neofita di prendersi 1.000 pali "per fare esperienza": sono comunque mille fallimenti, mille figure di cacca, mille opportunità sprecate in cambio di ben poca esperienza, anzi, uno rischia di chiudersi sempre di più e di associare l'aperire a sensazioni quali stress ed ansia.
Poi, ripeto, è soggettivo, dipende dal carattere delle persone, dalla compagnia (aprire con qualcuno di più bravo, infatti, aiuta amoltissimo anche un neofita, perché capisce che "si può fare"), dagli obiettivi.
Non concordo sul discorso della madre dei figli, forse sono un po' fatalista in queste cose e credo anche un po' nel contributo del destino, però ciò che è certo è che se negli ultimi anni fossi uscito di casa con l'ansia che tra i cento volti che incontro ogni giorno potesse esserci "la madre dei miei figli", sarei stato inutilmente teso e poco naturale.
Trovo più saggio farsi i cazzi propri, non pensarci, crescere, migliorarsi, diventare sempre più abili con le donne e diventare uomini...  se c'è una cosa sicura nella vita è che una persona infantile attrarrà ragazze infantili, una persona adulta attrarrà ragazze adulte e proverà ben poca attrazione per la classica ragazza priva di spessore, quindi il mio consiglio è di concentrarsi sul diventare la persona giusta per la ragazza dei nostri sogni.
Hai ragione, non ho più aggiornato la mia storia! Il racconto è fermo a quasi un anno fa, e sono successe moltissime cose... appena ho un po' di tempo aggiungo un paio di capitoli  Wink

Loggato

Edward Bloom

  • Consigliere
  • *
  • Mi piace = 160
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 34
  • Posts: 410

Re: Il mio percorso nel mondo della seduzione

« Risposta #39 del: 18 Luglio 2012, 22:04:22 »

Citato da: Edward Bloom il 18 Luglio 2012, 18:08:27

Non concordo sul discorso della madre dei figli, forse sono un po' fatalista in queste cose e credo anche un po' nel contributo del destino, però ciò che è certo è che se negli ultimi anni fossi uscito di casa con l'ansia che tra i cento volti che incontro ogni giorno potesse esserci "la madre dei miei figli", sarei stato inutilmente teso e poco naturale.

Capisco quello che vuoi dire e condivido. Però volevo dire un'altra cosa: se non apri, vuol dire che non apri nemmeno quella che sarebbe potuta essere la ragazza giusta per te. Sarò semplicemente disilluso, ma non credo che sia il destino a portarci ciò che desideriamo / ci meritiamo, ma siamo noi che dobbiamo piuttosto tendere almeno una mano a questo destino (qualunque cosa esso sia).

Citato da: Edward Bloom il 18 Luglio 2012, 18:08:27

Trovo più saggio farsi i cazzi propri, non pensarci, crescere, migliorarsi, diventare sempre più abili con le donne e diventare uomini...  se c'è una cosa sicura nella vita è che una persona infantile attrarrà ragazze infantili, una persona adulta attrarrà ragazze adulte e proverà ben poca attrazione per la classica ragazza priva di spessore, quindi il mio consiglio è di concentrarsi sul diventare la persona giusta per la ragazza dei nostri sogni.

Dici che è meglio non pensarci e migliorarsi. Ma per migliorarsi qualcosa bisognerà pur fare... qualcosa tu hai fatto. E sono state proprio le aperture a freddo nella fase iniziale. Dici che non consigli questa fase del tuo percorso ai neofiti, ma è stata pur sempre una fase che ti ha reso quello che sei, cioè una persona sicura. A me è piaciuta la tua storia, la tua evoluzione... ma se sconsigli questo passagio, almeno fornisci un'alternativa pratica che non si limiti a "miglioratevi pittosto che aprire".

Loggato


Ho capito che il fine è crescere, migliorarsi, porsi sempre un'obiettivo, stare sulla cresta dell'onda, vivere emozionandosi, osando!

Quando stai bene con te stesso, puoi conquistare il mondo. Il mio obiettivo è quello di vivere a questa maniera...

Stay tuned!

Jetsetter

  • Osservatore
  • *
  • Mi piace = 0
  • Offline Offline
  • Posts: 9

Re: Il mio percorso nel mondo della seduzione

« Risposta #40 del: 19 Luglio 2012, 17:45:35 »

Citato da: Jetsetter il 18 Luglio 2012, 22:04:22

ma se sconsigli questo passagio, almeno fornisci un'alternativa pratica che non si limiti a "miglioratevi pittosto che aprire".

Ne ho già parlato, comunque non ho problemi a ripetermi.
Io ritengo che in diverse community si consigli, in buona sostanza, di aprire il più possibile, così da diventare più sicuri nel rapporto con le ragazze e con i ragazzi, migliorare successivamente nei rapporti con gli amici e trovare così la propria soddisfazione e la sicurezza in se stessi.
A mio parere è vincente il percorso inverso, ovvero partire da se stessi, per arrivare ad aprire, secondo i seguenti step:

a- Miglioramento e seduzione di se stesso come individuo: palestra per migliorare il fisico, letture ed esercizi per migliorare la capacità dialettica, teatro per migliorare l'espressività ed il coraggio, arti marziali per migliorare il controllo delle proprie emozioni e la forza, spiritualità per migliorare la propria energia interiore, studio e lavoro per migliorare posizione sociale e portafoglio, e chi più ne ha più ne metta. Capire le proprie carenze e migliorarsi. Imparare poi a volersi bene, difendersi, accettarsi per quello che si è, capire le proprie insicurezze, andare alla radice delle proprie paure. Bisogna provare amore per la propria persona, ovvero conoscersi ed accettarsi incondizionatamente, senza per questo esaltarsi o ritenersi più furbi di tutti.

b- Miglioramento dei rapporti e seduzione dei propri famigliari: moltissimi limiti e problemi delle persone derivano, in qualche misura, da problemi legati alla famiglia di origine, insicurezze, incomprensioni. Accettare i propri genitori - che non vuol dire condividere tutto, ma prendere atto della realtà ed eliminare per quanto possibile i sentimenti negativi e di astio - significa crescere, diventare "adulti" e non più "figli". So bene che non tutte le situazioni famigliari sono risolvibili, ma tutte possono essere vissute in una maniera più adulta e consapevole, e questo dona tantissima forza, ci vuole molto coraggio ad affrontare queste problematiche perché sono visceralmente insite in ognuno di noi.

c- Miglioramento dei rapporti e seduzione dei propri amici/conoscenti: spesso una persona insicura e senza successo con le donne si trascina una situazione, magari decennale, in cui si è fatto mettere i piedi in testa da amici o presunti tali. Una persona più matura, che ha affrontato seriamente i propri limiti, che ha combattuto veramente i propri mostri, ha la forza per modificare questa situazione.
Ci vorrà tempo magari, ma i nostri amici più cari sono quelli che davvero hanno visto le nostre debolezze, sono quelli con i quali non possiamo fingere, e se loro ci considerano degli sfigati è giusto e necessario alzare la testa, se possibile con amicizia e diplomazia, sennò con forza e decisione, ma comunque tale situazione va risolta ed affrontata.

d- Miglioramento dei rapporti e seduzione delle ragazze del proprio circolo sociale/presentate da amici: se sviluppiamo delle qualità attraenti, se abbiamo lavorato bene su noi stessi e siamo stati in grado di dare una lucidata alla nostra personalità e al nostro fisico, la vita ci porterà naturalmente ad avere occasioni con ragazze presentate da amici, conosciute sul lavoro, o simili.
Allenarsi a parlare con le ragazze, non necessariamente a scopo seduttivo, ma per capirle, imparare il loro linguaggio, affinare la propria sensibilità, riscoprire il nostro lato femminile senza ovviamente perdere quello maschile, innamorarsi dell'essere donna, conoscerlo, capirlo. Cercare di avere tante amiche, di starle vicino per avere la possibilità di capire come ragionano, cosa sognano, quali modi di scherzare apprezzano e quali no. Per farlo c'è una sola soluzione: passare moltissimo tempo con loro, parlare tanto, provare a raccontare le cose in mille modi diversi e vedere cosa piace e cosa no. Appassionarsi alle donne, alle persone, agli esseri umani.
Dopo un po', senza volere, arriveranno le occasioni, sempre di più. Bisogna anche imparare a cogliere, e così verranno altri nuovi aspetti su cui lavorare, come la capacità di "dare la zampata" al momento giusto, quella di leggere bene i segnali che ci vengono dall'altro sesso,... Inzieranno ad esserci sempre più flirt, storie, storielline, sempre più spesso le nuove conoscenze daranno segnali di consenso e si inizierà a poter scegliere tra più ragazze, si inizierà a poter dire "no".

e- Miglioramento dei rapporti e seduzione delle persone e delle ragazze sconosciute: A questo punto, aprire diventa una conseguenza fisiologica. Ma ad aprire è un Uomo, una persona sicura di sè e dei propri mezzi, e non perché si è "pompato il frame" o quant'altro, ma solo perché la naturale evoluzione di un essere umano di sesso maschile sicuro di sé lo porta a scherzare anche con persone sconosciute. Aprire, quindi, non è più un esercizio di coraggio, non è uno sport estremo, ma un qualcosa di naturale. È evidente che i risultati saranno diversi, perché aprire con tranquillità e sincero menfreghismo porta ben altri risultati rispetto a farlo con ansia da prestazione o agitazione. Il percorso di cui ai punti precedenti avrà fatto sì che la ragazza si trovi di fronte un Uomo, esemplare rarissimo di essere umano, una persona che conosce le donne, che sa chi è e quello che fa, ed aprire non è più un suicidio annunciato, non è più un palo quasi certo, non è più - soprattutto - elomosinare attenzioni da una povera ragazza che non è responsabile dei nostri limiti e delle nostre insicurezze, bensì è portare valore nella vita di una donna, è darle una possibilità. È una figata, in sostanza.

Questo è il mio consiglio, ma bisogna capirsi su un punto: di cosa stiamo parlando?
Io ho intrapreso questo percorso anni fa perché volevo diventare una persona con le palle quadrate ed ero disposto a tutto, o quasi, per riuscirci. Vivevo male, soffrivo la mia condizione, e desideravo ardentemente avere un miglior controllo della mia vita e delle ragazze di livello alto, che per me sono le ragazze molto belle, con una testa che funziona ed un cuore grande: rarissime. Il mio desiderio non era scopare di più, ma rivoluzionare completamente il mio approccio alla vita e alle altre persone per diventare, essenzialmente, sicuro, forte ma anche trasparente, senza "buchi" nella mia autostima, senza pieghe irrisolte nel mio passato. Il mio ideale di uomo è una sorta di cavaliere bianco, estremamente forte e al tempo stesso estremamente buono ed umano. Non dico di esserci ancora riuscito appieno, ovviamente, ma quella è la destinazione a cui tendo e l'ispirazione che guida il mio percorso.

Se un ragazzo un po' timido vuole solo scopare di più, tutto questo immane lavoro di anni è superfluo. Si rifà il guardaroba, magari un po' di palestra, la sera beve due negroni, esce con degli amici un po' più svegli, parla con qualche tipa in discoteca e con buona probabilità entro poco trova qualcosa da scopare.
Ma questa, a mio avviso, non è seduzione.

Loggato

Edward Bloom

  • Consigliere
  • *
  • Mi piace = 160
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 34
  • Posts: 410

Re: Il mio percorso nel mondo della seduzione

« Risposta #41 del: 24 Luglio 2012, 15:49:42 »

Mi hai dato una risposta completa e condivido sul molto di quello che hai scritto. Anche se continuo a pensare che il miglioramento debba sì partire da se stessi innanzitutto, ma contemporaneamente, se si sta lavorando bene, bisogna ricevere dei feedback positivi che servono a darti informazioni sulla qualità del tuo percorso e a darti frame, morale, sicurezza.

Quindi sono i feedback stessi, che sommati al tuo lavoro, ti fanno crescere (e non il semplice lavoro).

Loggato


Ho capito che il fine è crescere, migliorarsi, porsi sempre un'obiettivo, stare sulla cresta dell'onda, vivere emozionandosi, osando!

Quando stai bene con te stesso, puoi conquistare il mondo. Il mio obiettivo è quello di vivere a questa maniera...

Stay tuned!

Jetsetter

  • Osservatore
  • *
  • Mi piace = 0
  • Offline Offline
  • Posts: 9

Re: Il mio percorso nel mondo della seduzione

« Risposta #42 del: 06 Marzo 2013, 12:43:25 »

Volevo ringraziarti. Leggere il tuo resoconto è stato stimolante. Mi hai dato un'idea. Visti i numerosi spunti, comprerò un agenda per riportarli e averli sempre con me. Grazie.

Loggato


Ho dei gusti semplicissimi, mi accontento sempre del meglio.

madmaker

  • Partecipante
  • *
  • Mi piace = 1
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Posts: 16

Re: Il mio percorso nel mondo della seduzione

« Risposta #43 del: 06 Marzo 2013, 14:01:53 »

Grazie a te!

Loggato

Edward Bloom

  • Consigliere
  • *
  • Mi piace = 160
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 34
  • Posts: 410

Re: Il mio percorso nel mondo della seduzione

« Risposta #44 del: 06 Marzo 2013, 17:05:05 »

Citazione

A mio parere è vincente il percorso inverso, ovvero partire da se stessi, per arrivare ad aprire

Sarebbe come costruire una casa sulla sabbia..per quanto tu sia un abile costruttore non hai le basi che ti sorreggono..
Grazie al tuo post ho capito da dove cominciare concretamente Smile  Thumbs Up

Loggato


- Chi combatte può perdere, Chi non combatte ha già perso

Psyk90

  • Scriba
  • *
  • Mi piace = 2
  • Offline Offline
  • Sesso: Maschile
  • Età: 27
  • Posts: 97
Pagine: 1 2 [3] 4   Vai Su
« precedente | successivo »
Salta a: